Progetti di ricerca di interesse nazionale (Prin) - Bando 2010-2011

Con decreto ministeriale 27/12/2011 n.1152/ric, il Miur ha pubblicato il bando per il cofinanziamento di Progetti di ricerca di interesse nazionale (Prin) liberamente presentati nelle quattordici aree scientifico-disciplinari dalle università per gli anni 2010-2011.

Decreto ministeriale 2/2012 - modifiche e integrazioni al bando.

Scadenza: 9 marzo 2012 per la chiusura dei modelli B (responsabili unità locali); 16 marzo 2012 per la chiusura dei modelli A (coordinatori nazionali).

 

Responsabile settore - dr. Nicola Ruju
collaboratori - dr.ssa Simona Labieni


**********

Esiti delle valutazioni

Con decreto direttoriale 23/10/2012 prot. n. 719, il Miur ha pubblicato gli esiti delle valutazioni del Prin 2010-2011.

responsabili delle unità locali dell’ateneo finanziate

Scadenze
entro il 5 novembre 2012 - ripartizione del finanziamento tra le unità locali di ricerca da parte del coordinatore del progetto;

L’inizio ufficiale dei progetti è fissato al 1° febbraio 2013.
Saranno però riconoscibili le spese sostenute a decorrere dal 23 ottobre 2012, data di approvazione dei progetti Prin 2010-2011.
I progetti hanno durata triennale.
Si comunica che il codice Cup da utilizzare sulle spese inerenti al programma in argomento è F21J12000110001.

Preselezioni

La prima fase di presentazione dei progetti Prin 2010-2011 e Firb 2012 si è conclusa con la chiusura dei relativi form nella piattaforma Cineca di undici progetti Prin e tredici progetti Firb aventi il coordinamento nazionale in sede.
L’ateneo, sulla base dei vincoli dettati dai rispettivi bandi, dovrà presentare alla successiva selezione ministeriale otto progetti Prin e sei progetti Firb entro il termine perentorio del 12 giugno p.v.
Prima di tale data dovrà, pertanto, essere conclusa la fase di preselezione dei progetti che ciascun ateneo dovrà curare.
A tal fine, il rettore ha nominato una Commissione di garanti, presieduta dal prorettore alla Ricerca e ai rapporti istituzionali e composta dai rappresentanti delle aggregazioni d’area in Senato accademico, con il compito di:
- individuare i revisori all’interno di un panel di esperti selezionati, avvalendosi di consulenti che forniranno alla commissione indici bibliometrici utili per la valutazione della qualità scientifica e affidabilità dei revisori medesimi ai quali sottoporre i progetti;
- analizzare e validare i risultati della valutazione da questi ultimi operata nel rispetto dei criteri basilari previsti dai rispettivi bandi.

Documento finale della Commissione di garanzia (pubblicato il 18 giugno 2012)

Proroga della preselezione per un ulteriore progetto relativo al settore dell’innovazione sociale
Con i “decreti di proroga della preselezione" per Prin 2010-2011 e Firb 2012, emanati dal Miur (decreto ministeriale 352/2012 - decreto dirigenziale 353/2012), vi è stata la possibilità di selezionare, in aggiunta a quelli già prescelti, "un ulteriore progetto relativo al settore dell’innovazione sociale, con particolare riferimento al tema della tutela del patrimonio e dell’identità culturale europei (Aree 10-11-14) purché già disponibile e correttamente presentato entro i termini previsti" dai bandi.
La procedura del Cineca ha segnalato in automatico un solo progetto avente le suddette caratteristiche.
Si tratta del progetto Prin di Blasco Ferrer (area 10) che ha per titolo La Sardegna nel Mediterraneo antico. Lingue di sostrato e latino (che aveva comunque conseguito una valutazione di idoneità con una media di 88/100) che, quindi, la Commissione di garanzia ha ritenuto di proporre alla fase di valutazione ministeriale.

Costo annuo lordo personale 2012

Tabelle costo docenti-ricercatori
(fonte direzione del Personale - Settore Stipendi personale docente)

Istruzioni per l’uso della tabella
la classe (prima colonna a sinistra) e gli scatti di riferimento (seconda colonna a sinistra) sono individuabili dallo statino personale; il valore da tenere in considerazione è quello indicato nella penultima colonna a destra (costo complessivo al lordo).

N.B.
- i costi del personale da inserire, a titolo di cofinanziamento, nel progetto sono meramente orientativi e possono essere poi rivisti quando si rendiconterà il progetto (modificando il tempo formalmente impegnato e/o precisando i costi);
- i costi da indicare necessariamente con precisione, perchè influiscono sul budget, sono quelli che devono essere finanziati dal Miur (es., un assegno o una borsa di dottorato da istituire).

Costo annuo lordo altre categorie
- Ricercatore a tempo determinato
(il valore da prendere in considerazione è il costo totale amministrazione nell’ultima colonna a destra).
- Assegnista: 23.080,00 euro.
- Borsista di ricerca: importo massimo 19.367,00 euro
(n.b.: le borse in oggetto non possono essere attivate su bandi ministeriali).
- Dottorando: 16.251,00 euro (16.928,00 euro per le borse all’estero).
Si precisa che, secondo la vigente normativa, a decorrere dal secondo anno, a ciascun dottorando è assicurato, in aggiunta alla borsa e nell’ambito delle risorse finanziarie esistenti nel bilancio dei soggetti accreditati a legislazione vigente, un budget per l’attività di ricerca, in Italia e all’estero, adeguato rispetto alla tipologia di corso e comunque di importo non inferiore al 10 per cento dell’importo della borsa medesima (art. 9, comma III, decreto ministeriale 8 febbraio 2013 n. 45.

Per il costo dei tecnici da impiegare in attività di ricerca (non possono però cofinanziare nel bando legge regionale 7/07 annualità 2013 e nel bando Sir 2014), occorre rivolgersi alla direzione del Personale - Settore Stipendi personale tecnico amministrativo e missioni.

Collaborazioni internazionali e nazionali

Istruzioni ministeriali

A titolo esemplificativo, si propongono i seguenti modelli di lettere d’intenti:
enti italiani
enti stranieri

Questionario e social

Condividi su: