Giovedì 13 giugno 2019

ufficio stampa e redazione web: rassegna quotidiani locali
13 giugno 2019

L'Unione Sarda

Rassegna quotidiani locali
a cura dell’Ufficio stampa e redazione web



L’UNIONE SARDA
 

1 - L’UNIONE SARDA di giovedì 13 giugno 2019 / Prima Cagliari (Pagina 21 - Edizione CA)
PROTOCOLLO D’INTESA
Oggi la rettrice Del Zompo e il Sovrintendente del Lirico Orazi firmeranno un protocollo di collaborazione scientifica.

 

2 - L’UNIONE SARDA di giovedì 13 giugno 2019 / Agenda (Pagina 25 - Edizione CA)
UN SEMINARIO SUI RIFIUTI
Domani, dalle 9.30, la sala conferenze del Lazzaretto ospita il Seminario “GrrinPort in tour - Per la gestione sostenibile dei rifiuti e dei reflui nei porti”. I lavori saranno aperti dal pro rettore per l’Internazionalizzazione, Alessandra Carucci.

 

La Nuova Sardegna

 

LA NUOVA SARDEGNA

 

3 - LA NUOVA SARDEGNA di giovedì 13 giugno 2019 / Economia - Pagina 14
IL SEMINARIO
La ricetta “green” per i rifiuti nei porti

A un anno dall’avvio del progetto, GRRinPORT (Gestione sostenibile dei rifiuti e dei reflui nei porti), finanziato dal Programma Interregionale marittimo Italia – Francia, cofinanziato dal FESR nell’ambito della Cooperazione Territoriale Europea , è partito in tour per tracciare un bilancio dell'attività svolta e descrivere le attività future. Dopo la tappa del 24 maggio a Bastia domani sarà la volta di Cagliari. L'obiettivo del progetto, avviato nell'aprile 2018, è migliorare la qualità delle acque marine nei porti, limitando l'impatto dell'attività portuale e del traffico marittimo sull'ambiente. Il seminario di Cagliari è il secondo di tre appuntamenti e pone l’accento sulle attività svolte e sui risultati attesi. Dopo una prima fase di campionamenti, i due partner del progetto hanno iniziato a lavorare alla separazione granulometrica e al trattamento dei sedimenti con tecnica di soil-washing. Lo scopo di questa attività è di concentrare gli inquinanti in volumi ristretti in modo tale da portare in discarica un decimo del volume di partenza del rifiuto, riducendo i costi di smaltimento. Altro fronte di indagine è lo studio delle preferenze individuali sulla gestione dei rifiuti solidi (e in particolare del loro stoccaggio) a bordo delle navi e al conseguente conferimento in porto.

 

4 - LA NUOVA SARDEGNA di giovedì 13 giugno 2019 / Sassari - Pagina 17
SPORT UNIVERSITARIO
Festa del Cus a San Giovanni

SASSARI  Questa sera, a partire dalle 20 sul campo centrale da tennis dell’impianto sportivo di San Giovanni, una delle più moderne ed attrezzate aree adibite alla pratica sportiva del nord Sardegna e sede del Cus Sassari, alla presenza del rettore dell’università di Sassari Massimo Carpinelli e del presidente del Centro sportivo universitario sassarese, Nicola Giordanelli, è in programma una serata evento nel corso della quale, oltre a rendere il giusto e meritato riconoscimento a chi sul campo, in pista, in pedana o sul parquet ha dato il massimo per onorare i colori dell’Ateneo di Sassari, saranno presentate e raccontate alla platea le attività e iniziative made in Cus. Il tutto nel solito straordinario clima di pura convivialità che vivrà di racconti sportivi – previsto un premio speciale alla carriera -, belle storie e grande divertimento per tutti i partecipanti. Prima della cerimonia, sui campi da calcio di San Giovanni, è in programma la finalissima della Coppa Uniss che quindi, in diretta, decreterà l’attesissimo vincitore del torneo.
 

5 - LA NUOVA SARDEGNA di giovedì 13 giugno 2019 / Agenda - Pagina 20
UNIVERSITÀ
L’economista Morelli racconta la trappola del nazionalismo

SASSARI  Prosegue la rassegna UnissCult ideata dall'Università di Sassari per aprirsi alla società e stimolare la riflessione su temi di attualità. Il prossimo appuntamento culturale sarà domani alle 17.30, sempre nell'aula magna di ateneo, con Massimo Morelli (nella foto), professore di Scienza politica ed Economia all'Università Bocconi. "Problemi globali e la trappola del nazionalismo" è il titolo dell'intervento dell'economista, che sarà preceduto dai saluti del rettore Massimo Carpinelli. Modera la serata Marco Vannini, docente del dipartimento di Scienze economiche e aziendali dell'ateneo.Gli interessi di ricerca di Massimo Morelli vertono principalmente su teoria dei giochi, economia politica, relazioni internazionali, economie pubbliche. Morelli si è laureato nel 1991 in Economia e scienze sociali alla Bocconi; nel 1995 ha completato il dottorato in Economia Politica all'Università di Padova. Nel 1996 ha conseguito il titolo di Ph. D. in Economia alla Harvard University.Fa parte di numerose associazioni votate al progresso degli studi in campo economico e in passato è stato professore in diverse università statunitensi: Columbia University, Ohio, School of Social Science a Princeton, University of Minnesota, Iowa State University.La rassegna UnissCult è cominciata il 3 maggio con la conferenza "Leonardo innovatore, inventore e ingegnere" e proseguirà il 5 luglio con il filologo Luciano Canfora. L'ingresso è libero.
 

6 - LA NUOVA SARDEGNA di giovedì 13 giugno 2019 / Agenda - Pagina 21
IL LIBRO
L’università e il carcere

SASSARI  Il libro del "buttare fuori". Buttare fuori le emozioni: il dolore, le frustrazioni, la forza, la paura, ma anche il sollievo, l'orgoglio, lo stupore, l'amore, la noia. Così Giovanni Gelsomino, saggista e giornalista, descrive "La luna del pomeriggio", libro che ha curato e che raccoglie le storie dei detenuti del carcere "Pittalis" di Nuchis. Il volume, edito da "Il carcere con le ali" sarà presentato sabato 15 alle 18 al Mut, Museo della Tonnara di Stintino. Presente il curatore, Giovanni Gelsomino.. Durante la serata, organizzata in collaborazione con le Acli provinciali di Sassari, interverranno monsignor Gian Franco Saba, Salvatore Sanna, presidente provinciale delle Acli, Mario Dossoni, garante dei detenuti del Comune di Sassari e Don Andrea Piras.


7 - LA NUOVA SARDEGNA di giovedì 13 giugno 2019 / Porto Torres - Pagina 27
VALORE AMBIENTALE
L’isola dell’Asinara candidata a patrimonio dell’Unesco

PORTO TORRES  Il dipartimento di Storia dell'università di Sassari ha illustrato ieri pomeriggio al consiglio direttivo dell'Ente Parco la procedura di candidatura dell'isola dell'Asinara quale bene del patrimonio mondiale dell'Unesco. La candidatura nasce con l'intento di tramandare ai posteri l'alto valore ambientale e culturale di questo territorio, dove la storia e l'archeologia divengono un mezzo di fruizione strategico dell'isola in grado di soddisfare la domanda. Il progetto di ricerca è coordinato dal professor Marco Milanese, responsabile scientifico, con la collaborazione della ricercatrice Ilaria Patta. «Abbiamo realizzato un dossier finalizzato all'inserimento dell'isola dell'Asinara nella World Hermitage List attraverso un'analisi storico-giuridica dell'ossario di Campu Perdu - ha detto la ricercatrice - e lo studio del caso ha implicato una visione più ampia della semplice catalogazione di reperti coinvolti: le attività di intervento permettono infatti di far risultare, gestire e valorizzare i beni culturali relativi alla Prima guerra mondiale». (g.m.)

 

Questionario e social

Condividi su: