UniCa UniCa News Notizie “25 novembre tutto l’anno” in Facoltà di Studi Umanistici

“25 novembre tutto l’anno” in Facoltà di Studi Umanistici

Nell’Aula Magna Motzo di Sa Duchessa, l’incontro-dibattito dal titolo “Sono viva” con la proiezione dell’omonimo cortometraggio di Christian Castangia. RESOCONTO e FOTO
28 marzo 2018
"Sono viva", il cortometraggio di Christian Castangia

di Valeria Aresu - fotografie di Francesco Cogotti

Cagliari, 28 marzo 2018Questa mattina l’Aula Magna Motzo della Facoltà di Studi Umanistici ha ospitato il dibattito “Sono viva”, dedicato al contrasto della violenza di genere. L’evento rientra nell’ambito dell’iniziativa “25 novembre tutto l’anno”, nata su impulso del Comitato Unico di Garanzia e fortemente voluta dal Rettore Maria del Zompo, che prevede l’organizzazione di seminari, laboratori, lezioni aperte, convegni, mostre, concorsi tenuti durante l’intero arco dell’Anno Accademico, per promuovere la cultura delle pari opportunità tra donne e uomini, del rispetto, della condivisione di ruoli e compiti, del supporto reciproco.

L’incontro di questa mattina - moderato da Roberta Fadda, docente di Psicologia dello sviluppo e Psicologia dell’educazione - è stato introdotto dalle parole di Cristina Cabras, docente di Psicologia sociale e coordinatrice dell’evento: “L'obiettivo di questa iniziativa è promuovere azioni che siano realmente efficaci nel contrasto alla violenza di genere. Al contrario di quanto si possa pensare, l'Italia è ben lontana dal raggiungere una vera parità. Tra i paesi europei siamo solo terzultimi”.

Cristina Cabras, docente di Psicologia sociale e coordinatrice dell’evento.
Cristina Cabras, docente di Psicologia sociale e coordinatrice dell’evento.

Poco prima della proiezione del corto, la parola è passata al regista, pedagogista e insegnante Christian Castangia: “Una storia non esiste se non viene raccontata. Oggi siamo qui per parlare di violenze, così che questo messaggio possa arrivare a quante più persone possibile”.

Attraverso il suo lavoro, il regista ha raccontato la storia di Anna, una minorenne vittima di femminicidio a seguito di adescamento in rete. “Non è una storia fuori dal comune. Le relazioni che intessiamo sulla rete sono reali, anche se non abbiamo mai avuto modo di incontrare personalmente la persona con cui interagiamo. Una buona parte dei femminicidi si sviluppa in scenari simili”: lo ha sottolineato Cristina Cabras, dopo la visione del cortometraggio.

Christian Castangia, il regista
Christian Castangia, il regista

A portare la sua testimonianza è stata chiamata anche Nicole Lai, attrice protagonista: “Ho accettato di partecipare a questo progetto senza conoscerlo nel dettaglio. Più andavamo avanti, più mi rendevo conto di quanto fosse importante, non solo per me ma per tutti. Alcune situazioni che abbiamo raccontato possono sembrare inverosimili, ma non lo sono: anche a me è capitato, presa dalla paura, di salire sull'auto di uno sconosciuto. Le istituzioni dovrebbero cercare di mettersi nei panni delle vittime, per poterle supportare nel migliore dei modi”.

Nicole Lai, attrice protagonista condivide la sua esperienza con le studentesse e gli studenti presenti in aula.
Nicole Lai, attrice protagonista condivide la sua esperienza con le studentesse e gli studenti presenti in aula.

Link

Ultime notizie

17 gennaio 2022

Psicologia della Salute, al via il nuovo bando

Pubblicato l'avviso per l'iscrizione alla scuola di specializzazione diretta da Marco Guicciardi. Le candidate e i candidati interessati potranno presentare le domande di partecipazione al concorso a partire dal 18 gennaio e sino al 7 febbraio, secondo le indicazioni contenute nella guida per l'iscrizione al concorso. LINK AL BANDO

15 gennaio 2022

Le cere anatomiche di Clemente Susini in vetrina su Italia1

In prima serata tv nazionale, la trasmissione Freedom-Oltre il confine dedicata a uno dei principali e pregiati tesori dell'Università di Cagliari. Un viaggio tra le straordinarie opere scientifiche e artistiche custodite in Cittadella nel museo fondato da Alessandro Riva e curato dal suo allievo, Francesco Loy

14 gennaio 2022

La solidarietà dell'Ateneo alla studentessa aggredita

L’Università di Cagliari supporta con forza la necessità di denunciare ogni episodio violento di cui si sia vittime o testimoni alle autorità competenti, con le quali conferma un rapporto di massima e fattiva collaborazione, e di promuovere e tenere vivo il dibattito pubblico su questi temi fondamentali per la tutela e l’esercizio dei diritti di cittadinanza sostanziale di tutte e tutti

Questionario e social

Condividi su: