UniCa UniCa News Notizie Gramsci nel mondo arabo

Gramsci nel mondo arabo

Il pensiero di Gramsci come strumento di una corretta comprensione del mondo arabo. Patrizia Manduchi, docente di UniCa e curatrice di “Gramsci nel mondo arabo”, alla presentazione del volume: “Gramsci entra a far parte del dibattito politico del mondo arabo per il suo essere dogmatico e atipico, capace però di dare nuovi strumenti epistemologici per la risoluzione della crisi politica e culturale”. Resoconto e immagini
21 febbraio 2018
La presentazione del volume "Gramsci nel mondo arabo"

di Valeria Aresu

Cagliari, 21 febbraio 2018 – "Dietro questo volume  c’è un lavoro lungo anni. É stato complesso il processo di selezione degli autori da includere, ma anche il lavoro di traduzione e revisione poiché non è semplice tradurre il lessico delle categorie gramsciane”: lo ha affermato Patrizia Manduchi, docente di Mondo Arabo Contemporaneo e Lingua Araba, ieri pomeriggio, nell’aula Maria Lai della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche ( Via Nicolodi 104), alla presentazione del volume “Gramsci nel mondo arabo”.

L'opera, curata dalla docente, da Alessandra Marchi e da Giuseppe Vacca, ha il pregio di “colmare un vuoto editoriale e culturale, poiché del mondo arabo si conosce davvero poco - come ha dichiarato Marco Ammar, docente di Lingua Araba – e ha il merito di ridurre le distanze tra noi e la sponda opposta del Mediterraneo”.

Il libro non è solo un approfondimento sul pensiero gramsciano, quindi, ma permette di abbattere gli stereotipi attraverso i quali viene spesso rappresentata la realtà araba: “Gli studi gramsciani rivelano aspetti differenti, e frequentemente sconosciuti, di contesti sociali e culturali diversi dal nostro”, ha spiegato Alessandra Marchi, membro del GramsciLab.

All’evento, coordinato da Sabrina Perra, direttrice dell’Istituto Gramsci della Sardegna, e introdotto da Cecilia Novelli, Direttrice del DISSI, hanno partecipato anche Mauro Pala, docente di Letterature Post Coloniali e membro del GramsciLab, e Lea Durante, docente di Letteratura Italiana all’Università di Bari, che hanno sottolineato l’importanza dell’applicazione delle categorie gramsciane nel dibattito politico del mondo arabo.

La copertina del libro
La copertina del libro

Link

Ultime notizie

02 ottobre 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemila presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una cinquantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 settembre 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

28 settembre 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 settembre 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie