UniCa UniCa News Notizie Gramsci nel mondo arabo

Gramsci nel mondo arabo

Martedì 20 febbraio l’incontro conclusivo del progetto “A lezione da Gramsci” dedicato alla presentazione del volume “Gramsci nel mondo arabo” curato da Patrizia Manduchi, Alessandra Marchi e Giuseppe Vacca
18 febbraio 2018
Gramsci nel mondo arabo

di Valeria Aresu

Cagliari, 19 febbraio 2018 – Domani pomeriggio alle 17 - nell’Aula Maria Lai della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche (Via Nicolodi 104) – le curatrici Patrizia Manduchi, docente di Mondo arabo contemporaneo e Lingua araba, e Alessandra Marchi, membro del GramsciLab, presenteranno il volume “Gramsci nel mondo arabo”.  L’evento si aprirà con i saluti di Stefano Usai, Presidente della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche, Cecilia Novelli, Direttore del Dissi, e Sabrina Perra, Direttrice dell’Istituto Gramsci della Sardegna. Parteciperanno ai lavori anche Lea Durante, docente dell’Università di Bari, Mauro Pala e Marco Ammar, docenti dell’Università di Cagliari.

 

La locandina dell'evento
La locandina dell'evento

Il volume raccoglie una selezione di saggi di autori arabi dedicati alla figura e al pensiero di Antonio Gramsci. Aperto da una presentazione di Giuseppe Vacca e da due saggi introduttivi dedicati rispettivamente alla penultima e ultima generazione di studiosi gramsciani arabi, il volume è strutturato in due sezioni: la prima comprende contributi presentati nel più importante convegno su Gramsci nel mondo arabo, tenutosi al Cairo nel 1990; la seconda riporta saggi apparsi dal Duemila in avanti, periodo caratterizzato da una radicalizzazione di matrice religiosa e politica e dalla straordinaria stagione delle rivolte arabe.

Gli scritti di sociologi, filosofi, politologi, economisti, antropologi, critici letterari, provenienti da Algeria, Tunisia, Egitto, Palestina, Siria, Iraq sono quasi tutti tradotti dall’arabo. Essi documentano l’incontro con il pensiero di Gramsci e con le sue riflessioni su società civile, intellettuali, egemonia, blocco storico, rivoluzione passiva, rilette alla luce dei variegati e complessi contesti politici e sociali arabi. Ne emerge un dibattito poco noto in Italia e certamente utile per la conoscenza del pensiero politico arabo contemporaneo.

La copertina del volume "Gramsci nel mondo arabo"
La copertina del volume "Gramsci nel mondo arabo"

L’incontro rientra nell’ambito del progetto “A lezione da Gramsci”, promosso dal GramsciLab e finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna (RAS). L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra il nostro ateneo e l’Università di Jendouba (Tunisia) con l’obiettivo di promuovere la riflessione sulle categorie analitiche gramsciane e la loro applicazione nell’area mediterranea. L’iniziativa ha affrontato tematiche estremamente attuali come il malessere sociale, economico e politico espresso nelle recenti ribellioni e nel desiderio di migrare dei giovani tunisini, con l’obiettivo di sviluppare possibili strategie d’azione volte a potenziare il senso di appartenenza alla cittadinanza globale.

“A lezione da Gramsci” ha permesso agli studenti del nostro ateneo e dell’Università di Jendouba di essere coinvolti in un progetto di scambio: una delegazione composta, oltre che dai ragazzi, da Patrizia Manduchi, Gennario Gervasio e da Alessandra Marchi, ha partecipato a una settimana di formazione a Tunisi col professor Baccar Gherib, durante il mese di novembre. Quasi tre mesi dopo, gli studenti dell’Università di Jendouba sono stati  ospiti del nostro ateneo (dal 12 al 16 febbraio), coinvolti in un ciclo di appuntamenti e attività riguardanti il pensiero gramsciano.

I ragazzi di UniCa a Tunisi e gli studenti dell'Universuità di Jendouba in Rettorato a Cagliari
I ragazzi di UniCa a Tunisi e gli studenti dell'Universuità di Jendouba in Rettorato a Cagliari

Link

Ultime notizie

02 ottobre 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemila presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una cinquantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 settembre 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

28 settembre 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 settembre 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie