UniCa UniCa News Notizie “S. Elia di Monte Santo. Primo cenobio benedettino della Sardegna”: Andrea Pala interviene alla presentazione

“S. Elia di Monte Santo. Primo cenobio benedettino della Sardegna”: Andrea Pala interviene alla presentazione

Il docente di Storia dell’Arte Medievale partecipa alla presentazione del volume dedicato al santuario di Siligo, oggi alle 17:30 alla Fondazione di Sardegna di Sassari
14 febbraio 2018
Chiesa della Ns. Signora di Mesumundu.

di Valeria Aresu

Cagliari, 14 febbraio 2018 - Andrea Pala, storico dell’arte del nostro ateneo, interverrà alla presentazione dell’opera curata da Giovanni Strinna e Giuseppe Zichi che si svolgerà questo pomeriggio, in via Carlo Alberto 7, a Sassari.

Parteciperà ai lavori- coordinati da Donatella Carboni, docente di geografia all’Università di Sassari- anche Raimondo Zucca, docente di storia romana dell’ateneo sassarese.

Le chiese del territorio del Monte Santo, in particolare Santa Maria di Bubalis e Sant’Eliseo, sono state oggetto di ricerca per molti storici, poiché costituiscono la prima dotazione del primo monastero benedettino della Sardegna. Gli autori di questa donazione furono i giudici di Torres, che con quel gesto compivano un atto di fedeltà al papa. Il diploma di donazione, ancora oggi conservato a Montecassino, costituisce il più antico documento scritto del Medioevo sardo, ma la vicenda ci è testimoniata anche nelle suggestive pagine della Chronica Casinensis di Leone Marsicano. I nomi delle chiese di S. Elia e S. Maria, situate nell’attuale Siligo, vennero incisi assieme a quelle degli altri beni posseduti dai Cassinesi sul portone bronzeo del monastero laziale, come ad affermarne l’eterna stabilità.


 

Andrea Pala, docente di Storia dell'Arte Medievale
Andrea Pala, docente di Storia dell'Arte Medievale

Il volume, edito da “All’Insegna del Giglio”, raccoglie i saggi di specialisti di diverse discipline che riguardano il territorio del Monte Santo e le chiese dalla fase di età bizantina fino a quella tardo-medievale, con un’incursione nella storia otto-novecentesca relativa alle dispute per la gestione della festa campestre di Sant’Elies ed è arricchito da un vasto apparato fotografico.

Copertina del volume "S. Elia di Monte Santo. Primo cenobio benedettino della Sardegna"
Copertina del volume "S. Elia di Monte Santo. Primo cenobio benedettino della Sardegna"

Ultime notizie

30 giugno 2022

STOREM. Giornate di studio internazionale sul tema della sostenibilità legata alle attività turistiche

Giovedì 30 giugno e venerdì 1 luglio il nostro ateneo ospita docenti e ricercatori delle università UNA e UCI del Costa Rica, Eafit della Colombia e, in collegamento, esperti dell'università UWI (Barbados) e Paul Valery (Francia) per due giornate di confronto sul progetto Erasmus+ Cbhe “Storem”. L’incontro del primo luglio è aperto al pubblico, dalle 9,30, nell’Aula 11 del polo universitario di via San Giorgio 12 (Campus Aresu) per gli interventi del professor Mario Socatelli, dell’Universidad para la Coperaticion Internacional (Costa Rica) e, a seguire, del professor Corrado Zoppi, dell’Università di Cagliari, e di Francesca Uleri (Associazione Culturale Terras)

30 giugno 2022

Malattie genetiche, l'Università di Cagliari nel nuovo Centro nazionale di ricerca

L'ateneo è tra i fondatori della struttura sorta per lo “Sviluppo di terapia genica e farmaci con tecnologia a Rna” finanziata dal Pnrr con 320 milioni di euro. Le specialiste Raffaella Origa, referente scientifica, e Patrizia Zavattari, sono le coordinatrici del progetto. Il rettore Francesco Mola: "Abbiamo conferma delle valide e riconosciute competenze del settore acquisite negli anni"  

28 giugno 2022

Raccontare la ricerca: adesioni entro il 4 luglio per la SHARPER Night 2022

Data e sede sono già confermate: si terrà venerdì 30 settembre 2022 nell’Orto botanico di Cagliari la nuova edizione di SHARPER Night, iniziativa inserita nel contesto europeo delle European Researchers’ night. Fino al prossimo lunedì 4 luglio ricercatrici e ricercatori dell'Ateneo potranno inviare le proprie proposte per organizzare eventi, conversazioni, podcast e laboratori collegati all’iniziativa.

Questionario e social

Condividi su: