UniCa UniCa News Notizie Lussu e Chanoux: federalismo e democrazie regionali

Lussu e Chanoux: federalismo e democrazie regionali

Sabato 27 gennaio alle 17 nello Spazio Polifunzionale di Armungia Gianmario Demuro e Roberto Louvin presentano il loro recente volume nel corso di una giornata di studio sull’impegno intellettuale e politico del “Cavaliere dei Rossomori”
27 gennaio 2018
Giornata di studio dedicata all’impegno intellettuale e politico di Emilio Lussu

di Rossana Orrù

Cagliari, 16 gennaio 2018 - Il 27 gennaio alle 17, ad Armungia, nello Spazio Polifunzionale, Gianmario Demuro, ordinario di Diritto Costituzionale dell’Università di Cagliari, e Roberto Louvin, docente associato di Diritto pubblico comparato dell'Università della Calabria, presenteranno il volume ‘Emilio Lussu, Emile Chanoux, la fondazione di un ordinamento federale per le democrazie regionali’, nel corso di una giornata di studio dedicata all’impegno intellettuale e politico di Emilio Lussu.

L’incontro si inserisce nell’ambito delle celebrazioni per i 70 anni dello Statuto sardo su iniziativa della Regione Sardegna, del Comune di Armungia e con il patrocinio dell’Università di Cagliari. Si tratta di un’occasione per fare il punto della situazione a 70 anni dalla promulgazione dello Statuto, proiettare le idee di Lussu negli scenari della Sardegna di oggi ed esaminare le possibili strade per rafforzare la nostra autonomia. Nel corso del dibattito verranno proposti alcuni spezzoni di un’intervista di Paolo Gobetti, figlio di Piero, a Emilio Lussu. L’intervista è custodita nel museo storico ‘Emilio e Joyce Lussu’ ad Armungia.

Roberto Louvin e Gianmario Demuro
Roberto Louvin e Gianmario Demuro

Il volume dei professori Demuro e Louvin mette a confronto l’approccio ideologico di Emilio Lussu,  relatore in Assemblea costituente dello Statuto speciale della Valle d’Aosta, con le prospettive tracciate da Emile Chanoux, ideologo e martire della Resistenza autonomista valdostana. Vengono in particolare evidenziati gli aspetti della fondazione, voluta e promossa da entrambi, di un ordinamento federale quale cornice per le democrazie e le autonomie delle loro terre di origine e di tutta Italia. Nel raffronto fra questi due straordinari personaggi, il libro si pone con uno sguardo rivolto al futuro, come strumento di analisi per superare stereotipi avventure populiste, derive neonazionaliste.

Oltre agli autori del libro saranno presenti Luciano Marrocu, docente di Storia Contemporanea dell’Università di Cagliari, lo storico Giuseppe Caboni, Filippo Spanu, assessore regionale degli Affari Generali, Cristiano Erriu, assessore regionale degli Enti Locali, la sindaca di Armungia Donatella Dessì e l’assessore alla cultura Antonio Quartu.

La copertina del libro di Demuro e Louvin ‘Emilio Lussu, Emile Chanoux, la fondazione di un ordinamento federale per le democrazie regionali’
La copertina del libro di Demuro e Louvin ‘Emilio Lussu, Emile Chanoux, la fondazione di un ordinamento federale per le democrazie regionali’

Allegati

Ultime notizie

20 gennaio 2022

Ricerca, tra sostenibilità, pratiche e materiali innovativi in edilizia

Domani pomeriggio, la quarta conferenza curata dai ricercatori del Dicaar inquadra le dinamiche inerenti il settore delle costruzioni. Dalla riduzione dei consumi ad approcci sistemici e multidisciplinari passando per modelli circolari ed emissioni climateranti. All’evento prendono parte specialisti ed esperti di atenei d’oltre Tirreno. I lavori si possono seguire in diretta streaming

20 gennaio 2022

Un accordo con l’Istituto Giua

Siglata dal Rettore Francesco Mola e dalla Dirigente Romina Lai una convenzione che punta a creare un rapporto di stabile collaborazione per costituire un polo strategico in grado di potenziare l’attività didattica, di formazione, orientamento e ricerca. Si rafforza il rapporto con il mondo dell’istruzione

20 gennaio 2022

Giustizia smart, in campo l’Università di Cagliari

Coinvolge i docenti di tre dipartimenti dell’Ateneo del capoluogo sardo uno dei sei macro-progetti ammessi al finanziamento dalla Direzione generale per il Coordinamento delle politiche di coesione del Ministero della Giustizia nell’ambito del bando per “la diffusione dell’Ufficio per il Processo e l’implementazione di modelli operativi innovativi negli uffici giudiziari per lo smaltimento dell’arretrato”. In campo Giurisprudenza, Scienze economiche e aziendali e Ingegneria elettrica ed elettronica. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: