UniCa UniCa News Notizie Colonizzazioni interne e migrazioni, dal medioevo al contemporaneo

Colonizzazioni interne e migrazioni, dal medioevo al contemporaneo

Studi umanistici, da martedì 16 gennaio un ciclo di seminari coordinato da Giampaolo Salice sui processi di mobilità umana e trasformazione delle reti insediative nel quadro euro-mediterraneo e nel tempo lungo. Primo incontro alle 16 in Aula Motzo
11 gennaio 2018
Colonizzazioni interne e migrazioni, dal medioevo al contemporaneo

Sergio Nuvoli

Cagliari, 9 gennaio 2017 - Partirà martedì 16 gennaio “Colonizzazioni interne e migrazioni, dal medioevo al contemporaneo”, il ciclo di seminari che offrirà qualificati momenti di riflessione trans-disciplinare sui processi di mobilità umana e trasformazione delle reti insediative nel quadro euro-mediterraneo e nel tempo lungo. Temi oggi al centro dell'attenzione e del dibattito pubblico.

Gli incontri saranno animati da storici dell’età moderna e contemporanea, archivisti, archeologi, geografi, urbanisti, storici dell’architettura e antropologi, provenienti dalle Università di Cagliari, Sassari, Barcellona, Valencia, Leeds, Estremadura, Genova, Padova, dall’Istituto per la Storia del Mediterraneo del CNR e del Centro studi sulle residenze reali sabaudee, si terranno in alcuni luoghi simbolo della Cagliari culturale: dal Museo Archeologico Nazionale, alla Sala Settecentesca della Biblioteca Universitaria, dalla Pinacoteca Nazionale, alla Facoltà di Architettura, passando per la sala eventi della Mediateca del Mediterraneo e le diverse sedi del Dipartimento di Storia, Beni Culturali e Territorio dell’Università di Cagliari, promotore dell’iniziativa.

Il ciclo di incontri è coordinato da Giampaolo Salice, docente di Storia della Sardegna moderna e Storia moderna e nelle facoltà di Studi Umanistici e di Architettura, responsabile scientifico del programma di ricerca biennale “Migrazioni straniere e colonizzazione interna nel Mediterraneo d'età moderna”, finanziato col bando "Capitale Umano ad Alta Qualificazione" L.R. 7 agosto 2007.

In occasione degli incontri, diretti a studenti, dottoranti e post-doc, ma liberi e aperti al pubblico si discuterà, tra le altre cose, di villaggi abbandonati, ripopolamenti e le forme di possesso della terra, di città e borghi di nuova fondazione, dell’intreccio tra colonizzazioni interne, diaspore e migrazioni mediterranee. L’ottica transdisciplinare consente di mettere in luce i diversi approcci metodologici alla storia dei luoghi e della mobilità umana, temi che sono oggi al centro del dibattito pubblico.

Ultime notizie

20 aprile 2018

Ateneika 2018 scalda i motori

Dal 2 all’8 maggio prosegue tra facoltà e campus il tour promozionale e di coinvolgimento degli studenti per i giochi dell’Università di Cagliari. Le iscrizioni alla dieci giorni di sport, musica e inclusione che si tiene a Sa Duchessa, scadono il 9 maggio

20 aprile 2018

Pensare l'impossibile. L'immaginazione tra letteratura e scienza

Aula Motzo al completo per il convegno che unisce discipline umanistiche e scientifiche. Luciano Boi, visiting professor: “Un’iniziativa che ci aiuta a comprendere in che modo i diversi campi disciplinari si occupano dell’impossibile”. Rossana Martorelli, presidente della Facoltà di Studi Umanistici: “Contiamo di portare avanti, anche in futuro, questo progetto di ampio respiro”. Presente all'iniziativa il Prorettore alla Ricerca scientifica, Micaela Morelli. RESOCONTO con VIDEO e FOTO

20 aprile 2018

A Daniela Spiga il premio Ducktech

Il riconoscimento assegnato dalla Fondazione Cariplo per il lavoro scientifico di particolare rilevanza pubblicato su rivista internazionale è andato all’assegnista del DICAAR - componente del gruppo di ricerca di Ingegneria ambientale - per uno studio sul recupero di energia pulita dai rifiuti pubblicato su “Waste Management”. La dott.ssa Spiga è anche referente per l'Italia di un importante progetto internazionale sul tema. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: