UniCa UniCa News Notizie Horizon 2020: linee guida per la ricerca e l’innovazione

Horizon 2020: linee guida per la ricerca e l’innovazione

Grazie all'attività del settore "Assistenza tecnica ai progetti di ricerca europei e del Nord America", UniCa rafforza il supporto ai gruppi dell’Ateneo nella gestione e predisposizione di proposte progettuali. RESOCONTO e FOTO
21 novembre 2017
Parte della platea del convegno

di Rossana Orrù

Cagliari, 21 novembre 2017 - Si è tenuta oggi, all'ex Teatro Anatomico di via Ospedale, la seconda giornata formativa e informativa su Horizon 2020, il nuovo programma quadro europeo su ricerca e innovazione.

“Il nostro Ateneo ha organizzato in collaborazione con Apre, Agenzia per la promozione della ricerca europea, due giornate formative sui finanziamenti europei Horizon2020 – spiega Simona Scalas, assistente tecnica ai programmi di ricerca europei e del nord America della Direzione per la Ricerca e il Territorio - Il dottor Bruno Mourenza, punto di contatto nazionale per la Sfida sociale 1 - Health, demographic change and wellbeing ha presentato il programma H2020, le modalità di accesso e le varie opportunità di finanziamento sulla tematica "Salute".  La partecipazione attiva, attenta e curiosa delle nostre ricercatrici e ricercatori ha permesso di approfondire in termini operativi alcuni casi pratici inquadrandoli correttamente nel contesto H2020 grazie anche all'attività del nostro settore 'Assistenza tecnica ai progetti di ricerca europei e del Nord America' costituito nel 2016 per fornire supporto ai gruppi di ricerca del nostro Ateneo nella gestione e predisposizione di proposte progettuali”.

Dopo gli assunti teorici del primo incontro, la giornata odierna ha posto l’accento sull’aspetto pratico fornendo indicazioni, suggerimenti ed esempi pratici; un vero e proprio supporto tecnico, un aiuto concreto finalizzato ad avanzare proposte vincenti e di successo.

"Prima di presentare un progetto di ricerca occorre prendere in considerazione una serie di aspetti primari: il tempo è uno di questi - ha esordito il dottor Bruno Mourenza durante il suo intervento sui concetti principali e l’organizzazione del tempo utili per concepire una proposta di successo - Dall'idea al progetto finale ci vogliono dai 3 ai 6 mesi, ed entro 5 mesi la Commissione Europea decide sulla sua validità”.

“Un altro elemento fondamentale per accrescere la probabilità di successo della proposta progettuale è la costituzione di un partenariato di respiro internazionale. Per poter partecipare a Horizon, salvo rare eccezioni, è necessaria la costituzione di un partenariato composto da almeno 3 enti provenienti da 3 diversi Stati Membri dell'Unione Europea o Paesi Associati. Il consorzio del progetto deve essere equilibrato, ragionevole, complementare e giustificato rispetto al piano di lavoro e deve garantire le competenze scientifiche e tecniche necessarie al raggiungimento degli obiettivi del progetto – ha proseguito il dottor Mourenza – Il modo migliore per trovare partner affidabili è quello di attingere alla propria rete di contatti sviluppata nel tempo. Molto validi e consigliati sono gli info days e i brokerage events. Anche la Commissione Europea, infine, mette a disposizione il servizio ufficiale Cordis finalizzato anch’esso alla ricerca di un partner o comunque utile per chi volesse proporsi come partner”.

L’incontro è poi continuato con la definizione dei criteri da seguire nella strutturazione di una proposta valida e di successo, la metodologia da utilizzare, gli obiettivi da porsi, i risultati e le attività.

Il dottor Mourenza ha sottolineato: "Il proposal template del progetto è suddiviso in Parte A, puramente amministrativa, e Parte B, relativa alla proposta progettuale, analizzata in base a dei criteri di valutazione: eccellenza, ossia il potenziale innovativo del progetto, impatto sui cittadini coinvolti direttamente o indirettamente, sviluppo ossia il corpus del progetto, qualità ed efficacia dell’attuazione".

L’incontro è proseguito nel pomeriggio con le esercitazione sugli Evaluation Summary Reports (ESR) e i consigli da valutatori e coordinatori sulla scrittura dei progetti.

______________________________________________

Il dottor Bruno Mourenza
Il dottor Bruno Mourenza

di Rossana Orrù

Cagliari, 17 novembre 2017 - Il 20 e il 21 novembre il Teatro anatomico di via Ospedale 121 ospiterà due giornate informative e formative su “Horizon 2020, il nuovo programma quadro in ricerca e innovazione, opportunità per il tema salute e guida alla progettazione” organizzate dalla Direzione per la Ricerca e il Territorio in collaborazione con Apre, Agenzia per la promozione della ricerca europea.

Le due sessioni saranno l'occasione per presentare il Work Programme 2018-2020 della Sfida sociale 1 - Health, demographic change and wellbeing, introdurre le regole principali che governano i progetti H2020 e fornire indicazioni, suggerimenti ed esempi pratici utili a predisporre proposte di successo.
Interverrà il dottor Bruno Mourenza, punto di contatto nazionale per la Sfida sociale 1 - Health, demographic change and wellbeing.

Le giornate sono aperte ai ricercatori dell'Università di Cagliari, senza pre-iscrizione, con registrazione sul posto, fino all'esaurimento dei posti a sedere.

Guarda la locandina dell'evento
Guarda la locandina dell'evento

Allegati

Ultime notizie

17 gennaio 2022

Psicologia della Salute, al via il nuovo bando

Pubblicato l'avviso per l'iscrizione alla scuola di specializzazione diretta da Marco Guicciardi. Le candidate e i candidati interessati potranno presentare le domande di partecipazione al concorso a partire dal 18 gennaio e sino al 7 febbraio, secondo le indicazioni contenute nella guida per l'iscrizione al concorso. LINK AL BANDO

15 gennaio 2022

Le cere anatomiche di Clemente Susini in vetrina su Italia1

Oggi, in prima serata tv nazionale, la trasmissione Freedom-Oltre il confine è dedicata a uno dei principali e pregiati tesori dell'Università di Cagliari. Un viaggio tra le straordinarie opere scientifiche e artistiche custodite in Cittadella nel museo fondato da Alessandro Riva e curato dal suo allievo, Francesco Loy

14 gennaio 2022

La solidarietà dell'Ateneo alla studentessa aggredita

L’Università di Cagliari supporta con forza la necessità di denunciare ogni episodio violento di cui si sia vittime o testimoni alle autorità competenti, con le quali conferma un rapporto di massima e fattiva collaborazione, e di promuovere e tenere vivo il dibattito pubblico su questi temi fondamentali per la tutela e l’esercizio dei diritti di cittadinanza sostanziale di tutte e tutti

Questionario e social

Condividi su: