UniCa UniCa News Notizie Moon Mapping, UniCa protagonista a Pechino

Moon Mapping, UniCa protagonista a Pechino

Settimana della Scienza, Tecnologia e Innovazione italo-cinese, tre studenti del nostro Ateneo con Maria Teresa Melis (Scienze chimiche e geologiche) consegnano le prime mappe della superficie lunare al Ministro Valeria Fedeli e al Ministro cinese della Scienza e della Tecnologia, alla presenza del presidente ASI Battiston. RASSEGNA STAMPA
16 novembre 2017
Il momento della consegna delle prime mappe della superficie lunare al Ministro Fedeli

di Sergio Nuvoli

Cagliari, 15 novembre 2017 – Tre studenti dell’Università di Cagliari, accompagnati dalla ricercatrice Maria Teresa Melis, sono stati invitati e stanno partecipando in questi giorni alla CHINA-ITALY SCIENCE, TECHNOLOGY & INNOVATION WEEK 2017 che si svolge fino a venerdì in tre città cinesi.

Claudia Collu, Valentino Demurtas, Sabrina Podda – questi i nomi dei tre studenti – con la dott.ssa Maria Teresa Melis fanno parte della delegazione italiana presente all’importante evento come partecipanti al progetto italo-cinese Moon Mapping, il cui obiettivo è arrivare alla realizzazione di un vero e proprio ‘atlante’ tridimensionale della Luna, con caratteristiche di omogeneità e precisione assolutamente inedite. Il risultato finale sarà una mappa inedita e ad alta definizione della luna, strumento prezioso per qualsiasi futura missione.

Il progetto coordinato dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e dal Center of Space Exploration (COSE) del Ministero dell’Educazione cinese, nelle persone rispettivamente di Paolo Giommi  e Zhizhong Kang, è giunto alle sue fasi conclusive e  ha coinvolto oltre all’Università di Cagliari, il Politecnico di Milano,  gli Atenei di Padova, Pavia e Pescara, l’IRPI CNR e  le University of Geosciences e la Tsinghua University di Pechino e la Nanjing University di Nanchino.

La consegna della Carta geologica della superficie lunare al Ministro italiano dell’Istruzione, Università e della Ricerca, Valeria Fedeli e al Ministro cinese della Scienza e Tecnologia, Wan Gang da parte degli studenti italiani e cinesi
La consegna della Carta geologica della superficie lunare al Ministro italiano dell’Istruzione, Università e della Ricerca, Valeria Fedeli e al Ministro cinese della Scienza e Tecnologia, Wan Gang da parte degli studenti italiani e cinesi

Il progetto ha avuto ieri a Pechino un riconoscimento speciale da parte del Ministro italiano dell’Istruzione, Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, e del Ministro cinese della Scienza e Tecnologia, Wan Gang, ai quali gli studenti italiani e cinesi hanno consegnato le prime mappe della superficie lunare che sono state realizzate nell’ambito del progetto.

La mappa consegnata dagli studenti dell’Università di Cagliari alla presenza del presidente dell’ASI Roberto Battiston raffigura la geologia del Sinus Iridum e la distribuzione degli elementi maggiori sulla superficie lunare. L’evento ha concluso la cerimonia di apertura ufficiale della Settimana scientifica e tecnologica.

Il gruppo di ricerca Moon Mapping proseguirà ora a Guiyang dove è stata organizzata la visita al radiotelescopio FAST (Five hundred meter Aperture Spherical Telescope) e dove si svolgerà un workshop dedicato al progetto con la presentazione dei risultati raggiunti e la discussione sui possibili sviluppi futuri della collaborazione italo-cinese.

Il gruppo di ricerca del Progetto Moon Mapping: al centro il Presidente dell’ASI Roberto Battiston
Il gruppo di ricerca del Progetto Moon Mapping: al centro il Presidente dell’ASI Roberto Battiston

RASSEGNA STAMPA

LA NUOVA SARDEGNA di martedì 12 dicembre 2017
Cultura e Spettacoli (pag.37 - Edizione Nu)
Dai Tacchi di Ulassai ai mari di pietra lunari
Valentino Demurtas, 24 anni, sta lavorando con una équipe italocinese al primo atlante tridimensionale del satellite

ULASSAI - Dai tacchi di Ulassai ai crateri della luna. Il viaggio di Valentino Demurtas, giovane geologo ogliastrino non è letterario come quello di Astolfo alla ricerca del senno di Orlando e neanche reale come quello dell'equipaggio americano dell'Apollo 11. Il suo è un viaggio in 3D che passa per le conoscenze tecniche e scientifiche acquisite in cinque anni di studio all'Università di Cagliari. Il giovane, che questa sera porterà a casa la laurea magistrale in Geologia con una tesi sulla geomorfologia applicata allo studio del territorio ulassese e ai dissesti idrogeologici, fa parte di una equipe multidisciplinare che sta realizzando il primo atlante tridimensionale della Luna. Un progetto avvincente, che ha impegnato lo studente negli ultimi due anni e che vede l'Università di Cagliari lavorare in stretta collaborazione con la Cina. Valentino, 24 anni, è appena rientrato dal paese dell'estremo Oriente dove con le sue colleghe Sabrina Podda e Claudia Collu, (dello staff fa parte anche Francesco Perseu) e la professoressa Maria Teresa Melis, ha consegnato i primi elaborati delle mappe lunari al ministro della Scienza cinese nell'ambito della campagna di ricerca messa a punto grazie alla collaborazione tra agenzie spaziali, università. Una passione la sua nata all'ombra delle suggestive formazioni calcaree che circondano il suo piccolo paese. «Sono vissuto ad Ulassai dove i Tacchi sovrastano le case. Non potevano non segnare la mia esistenza». E questa passione, coltivata sin da piccolo, lo ha portato a varcare la soglia della facoltà di Geologia sino alla laurea triennale (con lode) e alla ormai vicinissima specializzazione. Il viaggio in Cina con una delegazione italiana non è il primo e probabilmente non sarà neanche l'ultimo. «Sono orgoglioso di aver partecipato a questo progetto che sancisce la cooperazione tra studenti e ricercatori dei due paesi» racconta Valentino. Le mappe lunari in 3D, presentate a Pechino nel corso di una conferenza, non sono un semplice esercizio di tecnologia applicata ma molto di più e prevedono un utilizzo pratico. Il risultato sarà una mappa ad alta definizione, ovvero uno strumento prezioso per qualsiasi missione o, chissà, anche per un prossimo allunaggio. «Il progetto - spiega il geologo -, è suddiviso in due parti: la prima riguarda le frane dei crateri lunari, la seconda le catalogazioni delle unità geologiche. Hanno concorso, ognuno con le proprie competenze geologi, ingegneri aerospaziali e civili».Un team multidisciplinare che è stato arricchito dal contributo geologico sull'interpretazione delle morfologie lunari. «Era necessario avere una conoscenza dei fenomeni che avvengono sulla superficie lunare in prospettiva futura». Valentino Demurtas non esclude di continuare questo percorso, il suo sogno rimane però quello di contribuire a mettere in sicurezza l'abitato di Ulassai. «La bellezza delle pareti a strapiombo si scontrano con la presenza di fenomeni franosi di notevole entità, fenomeni che rappresentano un problema per la loro pericolosità» spiega lo studente. «Il rischio è poi particolarmente elevato se inseriti in un contesto urbano e turistico come quello di Ulassai. Tutto ciò mi ha portato a rivolgere il mio interesse ed a sviluppare una tesi il cui oggetto fosse lo studio di questi dissesti» conclude Valentino. Ancora una volta con gli occhi rivolti al cielo ma con i piedi ben piantati per terra.
di Giusy Ferreli

LA NUOVA SARDEGNA del 12 dicembre 2017
LA NUOVA SARDEGNA del 12 dicembre 2017

ANSA.IT
Mappa della luna, progetto italo-cinese
Partecipa anche l'Università di Cagliari con una delegazione
Giovedì 16 novembre 2017 – 10:57

Tre studenti dell'Università di Cagliari, accompagnati dalla ricercatrice Maria Teresa Melis, stanno partecipando alla China-Italy Science, technology and innovation week 2017. Claudia Collu, Valentino Demurtas, Sabrina Podda e la docente fanno parte della delegazione italiana presente all'importante evento come partecipanti al progetto italo-cinese Moon Mapping. L'obiettivo è arrivare alla realizzazione di un vero e proprio 'atlante' tridimensionale della Luna, con caratteristiche di omogeneità e precisione assolutamente inedite. Il risultato sarà una mappa ad alta definizione, strumento prezioso per qualsiasi futura missione.
Il progetto ha avuto ieri a Pechino un riconoscimento speciale da parte del Ministro dell'Istruzione, Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, e del Ministro cinese della Scienza e Tecnologia, Wan Gang,ai quali gli studenti hanno consegnato,alla presenza del presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana Roberto Battiston,le prime mappe realizzate nell'ambito del progetto. La mappa consegnata dagli studenti dell'Università di Cagliari raffigura la geologia del "Sinus Iridum" e la distribuzione degli elementi maggiori sulla superficie lunare.
L'evento ha concluso la cerimonia di apertura ufficiale della Settimana scientifica e tecnologica. Il progetto "Moon Mapping" è coordinato dall'Agenzia Spaziale Italiana (ASI) da Paolo Giommi e dal Center of Space Exploration (COSE) del Ministero dell'Educazione cinese da Zhizhong Kang: è giunto alle sue fasi conclusive ed ha coinvolto oltre all'Università di Cagliari,il Politecnico di Milano, gli Atenei di Padova, Pavia e Pescara, l'IRPI CNR e le University of Geosciences e la Tsinghua University di Pechino e la Nanjing University di Nanchino.

ANSA.IT
ANSA.IT

LANUOVASARDEGNA.IT
Atlante della luna, il contributo dei ricercatori sardi
Gli studenti Claudia Collu, Valentino Demurtas, Sabrina Podda con la ricercatrice Maria Teresa Melis in Cina, sono parte della delegazione italiana coinvolta nel progetto italo cinese Moon Mapping

CAGLIARI. Tre studenti dell’Università di Cagliari, accompagnati dalla ricercatrice Maria Teresa Melis, sono stati invitati e stanno partecipando in questi giorni alla China-Italy Science, Techonology & Innovation Week 2017 che si svolge fino a venerdì in tre città cinesi.
Claudia Collu, Valentino Demurtas, Sabrina Podda – questi i nomi dei tre studenti – e la dottoressa Melis fanno parte della delegazione italiana presente all’importante evento come partecipanti al progetto italo-cinese Moon Mapping, il cui obiettivo è arrivare alla realizzazione di un vero e proprio ‘atlante’ tridimensionale della Luna, con caratteristiche di omogeneità e precisione assolutamente inedite. Il risultato finale sarà una mappa inedita e ad alta definizione della luna, strumento prezioso per qualsiasi futura missione.
Il progetto ha avuto a Pechino un riconoscimento speciale da parte del Ministro italiano dell’Istruzione, Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, e del Ministro cinese della Scienza e Tecnologia, Wan Gang, ai quali gli studenti italiani e cinesi hanno consegnato - alla presenza del presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana Roberto Battiston - le prime mappe della superficie lunare che sono state realizzate nell’ambito del progetto. La mappa consegnata dagli studenti dell’Università di Cagliari raffigura la geologia del “Sinus Iridum” e la distribuzione degli elementi maggiori sulla superficie lunare. L’evento ha concluso la cerimonia di apertura ufficiale della Settimana scientifica e tecnologica.
Il progetto "Moon Mapping" è coordinato dall’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e dal Center of Space Exploration (Cose) del Ministero dell’Educazione cinese, nelle persone rispettivamente di Paolo Giommi e Zhizhong Kang, è giunto alle sue fasi conclusive e ha coinvolto oltre all’Università di Cagliari, il Politecnico di Milano, gli Atenei di Padova, Pavia e Pescara, l’Irpi Cnr e le University of Geosciences e la Tsinghua University di Pechino e la Nanjing University di Nanchino.
Gli studenti dell’Università di Cagliari si trovano in queste ore a Guiyang dove è stata organizzata la visita al radiotelescopio Fast (Five hundred meter Aperture Spherical Telescope) e dove si svolgerà un workshop dedicato al progetto con la presentazione dei risultati raggiunti e la discussione sui possibili sviluppi futuri della collaborazione italo-cinese.

LANUOVASARDEGNA.IT
LANUOVASARDEGNA.IT

UNIONESARDA.IT
L'Università di Cagliari vola a Pechino, presentata una mappa lunare
Cultura » Pechino
Mercoledì 15 novembre 2017 – 14:54

Una mappa della superficie lunare, un vero e proprio "atlante" tridimensionale della Luna, con caratteristiche di omogeneità e precisione assolutamente inedite, è quello cui stanno lavorando, come parte del progetto italo-cinese "Moon Mapping", alcuni studenti dell'Università di Cagliari. Un lavoro il cui risultato finale sarà una mappa inedita e ad alta definizione del satellite terreste, strumento prezioso per qualsiasi futura missione.
Una delegazione cagliaritana in particolare, composta dai tre giovani alunni Claudia Collu, Valentino Demurtas e Sabrina Podda, accompagnati dalla ricercatrice Maria Teresa Melis, sta partecipando in questi giorni alla "China-Italy Science, Technology & Innovation Week 2017", in programma sino a venerdì in tre città della Cina. Gli studenti dell'Università di Cagliari si trovano in queste ore a Guiyang, dove è stata organizzata la visita al radiotelescopio FAST (Five hundred meter Aperture Spherical Telescope) e dove si svolgerà un workshop dedicato al progetto con la presentazione dei risultati raggiunti e la discussione sui possibili sviluppi futuri della collaborazione italo-cinese.
Per il progetto "Moon Mapping" è arrivato ieri a Pechino un riconoscimento speciale da parte del Ministro italiano dell'Istruzione, Valeria Fedeli, e del Ministro cinese della Scienza e Tecnologia, Wan Gang, ai quali gli studenti italiani e cinesi hanno consegnato - alla presenza del presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana Roberto Battiston - le prime mappe della superficie lunare ad oggi realizzate. La mappa consegnata dagli studenti dell'Università di Cagliari raffigura la geologia del "Sinus Iridum" e la distribuzione degli elementi maggiori sulla superficie lunare. L'evento ha concluso la cerimonia di apertura ufficiale della Settimana scientifica e tecnologica.

UNIONESARDA.IT
UNIONESARDA.IT

VISTANET.IT
Pechino, Università di Cagliari protagonista: presentata la prima mappa tridimensionale e ad alta precisione della luna
Mercoledì 15 novembre 2017 – 13:31

Tre studenti dell’Università di Cagliari, accompagnati dalla ricercatrice Maria Teresa Melis, sono stati invitati e stanno partecipando in questi giorni alla CHINA-ITALY SCIENCE, TECHNOLOGY & INNOVATION WEEK 2017 che si svolge fino a venerdì in tre città cinesi.
Claudia Collu, Valentino Demurtas, Sabrina Podda – questi i nomi dei tre studenti – e la dott.ssa Melis fanno parte della delegazione italiana presente all’importante evento come partecipanti al progetto italo-cinese Moon Mapping, il cui obiettivo è arrivare alla realizzazione di un vero e proprio ‘atlante’ tridimensionale della Luna, con caratteristiche di omogeneità e precisione assolutamente inedite. Il risultato finale sarà una mappa inedita e ad alta definizione della luna, strumento prezioso per qualsiasi futura missione.
Il progetto ha avuto ieri a Pechino un riconoscimento speciale da parte del Ministro italiano dell’Istruzione, Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, e del Ministro cinese della Scienza e Tecnologia, Wan Gang, ai quali gli studenti italiani e cinesi hanno consegnato – alla presenza del presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana Roberto Battiston – le prime mappe della superficie lunare che sono state realizzate nell’ambito del progetto. La mappa consegnata dagli studenti dell’Università di Cagliari raffigura la geologia del “Sinus Iridum” e la distribuzione degli elementi maggiori sulla superficie lunare. L’evento ha concluso la cerimonia di apertura ufficiale della Settimana scientifica e tecnologica.
Il progetto “Moon Mapping” è coordinato dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e dal Center of Space Exploration (COSE) del Ministero dell’Educazione cinese, nelle persone rispettivamente di Paolo Giommi  e Zhizhong Kang, è giunto alle sue fasi conclusive e  ha coinvolto oltre all’Università di Cagliari, il Politecnico di Milano,  gli Atenei di Padova, Pavia e Pescara, l’IRPI CNR e  le University of Geosciences e la Tsinghua University di Pechino e la Nanjing University di Nanchino.
Gli studenti dell’Università di Cagliari si trovano in queste ore a Guiyang dove è stata organizzata la visita al radiotelescopio FAST (Five hundred meter Aperture Spherical Telescope) e dove si svolgerà un workshop dedicato al progetto con la presentazione dei risultati raggiunti e la discussione sui possibili sviluppi futuri della collaborazione italo-cinese.

VISTANET.IT
VISTANET.IT

TTECNOLOGICO.COM
Ricerca e aerospazio, tre studenti dell’Università di Cagliari consegnano a Pechino le prime mappe tridimensionali della luna al ministro fedeli e al ministro cinese Wan Gang
Mercoledì 15 novembre 2017

Tre studenti dell’Università di Cagliari, accompagnati dalla ricercatrice Maria Teresa Melis, sono stati invitati e stanno partecipando in questi giorni alla CHINA-ITALY SCIENCE, TECHNOLOGY & INNOVATION WEEK 2017 che si svolge fino a venerdì in tre città cinesi.
Claudia Collu, Valentino Demurtas, Sabrina Podda – questi i nomi dei tre studenti – e la dott.ssa Melis fanno parte della delegazione italiana presente all’importante evento come partecipanti al progetto italo-cinese Moon Mapping, il cui obiettivo è arrivare alla realizzazione di un vero e proprio ‘atlante’ tridimensionale della Luna, con caratteristiche di omogeneità e precisione assolutamente inedite. Il risultato finale sarà una mappa inedita e ad alta definizione della luna, strumento prezioso per qualsiasi futura missione.
Il progetto ha avuto ieri a Pechino un riconoscimento speciale da parte del Ministro italiano dell’Istruzione, Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, e del Ministro cinese della Scienza e Tecnologia, Wan Gang, ai quali gli studenti italiani e cinesi hanno consegnato – alla presenza del presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana Roberto Battiston – le prime mappe della superficie lunare che sono state realizzate nell’ambito del progetto. La mappa consegnata dagli studenti dell’Università di Cagliari raffigura la geologia del “Sinus Iridum” e la distribuzione degli elementi maggiori sulla superficie lunare. L’evento ha concluso la cerimonia di apertura ufficiale della Settimana scientifica e tecnologica.
Il progetto “Moon Mapping” è coordinato dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e dal Center of Space Exploration (COSE) del Ministero dell’Educazione cinese, nelle persone rispettivamente di Paolo Giommi  e Zhizhong Kang, è giunto alle sue fasi conclusive e  ha coinvolto oltre all’Università di Cagliari, il Politecnico di Milano,  gli Atenei di Padova, Pavia e Pescara, l’IRPI CNR e  le University of Geosciences e la Tsinghua University di Pechino e la Nanjing University di Nanchino.
Gli studenti dell’Università di Cagliari si trovano in queste ore a Guiyang dove è stata organizzata la visita al radiotelescopio FAST (Five hundred meter Aperture Spherical Telescope) e dove si svolgerà un workshop dedicato al progetto con la presentazione dei risultati raggiunti e la discussione sui possibili sviluppi futuri della collaborazione italo-cinese.

TTECNOLOGICO.COM
TTECNOLOGICO.COM

SARDINIAPOST.IT
La luna avrà una mappa 3D, tre studenti sardi partecipano a progetto italo-cinese
Giovedì 16 novembre 2017

Tre studenti dell’Università di Cagliari, accompagnati dalla ricercatrice Maria Teresa Melis, stanno partecipando alla China-Italy Science, technology and innovation week 2017. Claudia Collu, Valentino Demurtas, Sabrina Podda e la docente fanno parte della delegazione italiana presente all’importante evento come partecipanti al progetto italo-cinese Moon Mapping. L’obiettivo è arrivare alla realizzazione di un vero e proprio ‘atlante’ tridimensionale della Luna, con caratteristiche di omogeneità e precisione assolutamente inedite. Il risultato sarà una mappa ad alta definizione, strumento prezioso per qualsiasi futura missione.
Il progetto ha avuto ieri a Pechino un riconoscimento speciale da parte del ministro dell’Istruzione, Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, e del ministro cinese della Scienza e Tecnologia, Wan Gang,ai quali gli studenti hanno consegnato,alla presenza del presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana Roberto Battiston,le prime mappe realizzate nell’ambito del progetto. La mappa consegnata dagli studenti dell’Università di Cagliari raffigura la geologia del “Sinus Iridum” e la distribuzione degli elementi maggiori sulla superficie lunare. L’evento ha concluso la cerimonia di apertura ufficiale della Settimana scientifica e tecnologica. Il progetto “Moon Mapping” è coordinato dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) da Paolo Giommi e dal Center of Space Exploration (COSE) del Ministero dell’Educazione cinese da Zhizhong Kang: è giunto alle sue fasi conclusive ed ha coinvolto oltre all’Università di Cagliari,il Politecnico di Milano, gli Atenei di Padova, Pavia e Pescara, l’IRPI CNR e le University of Geosciences e la Tsinghua University di Pechino e la Nanjing University di Nanchino.

SARDINIAPOST.IT
SARDINIAPOST.IT

CAGLIARIPAD.IT
Mappa della luna, progetto italo-cinese: tra i protagonisti anche l’università di Cagliari
Partecipa anche l'Università di Cagliari con una delegazione
Giovedì 16 novembre 2017

Tre studenti dell’Università di Cagliari, accompagnati dalla ricercatrice Maria Teresa Melis, stanno partecipando alla China-Italy Science, technology and innovation week 2017. Claudia Collu, Valentino Demurtas, Sabrina Podda e la docente fanno parte della delegazione italiana presente all’importante evento come partecipanti al progetto italo-cinese Moon Mapping. L’obiettivo è arrivare alla realizzazione di un vero e proprio ‘atlante’ tridimensionale della Luna, con caratteristiche di omogeneità e precisione assolutamente inedite. Il risultato sarà una mappa ad alta definizione, strumento prezioso per qualsiasi futura missione.
Il progetto ha avuto ieri a Pechino un riconoscimento speciale da parte del Ministro dell’Istruzione, Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, e del Ministro cinese della Scienza e Tecnologia, Wan Gang,ai quali gli studenti hanno consegnato,alla presenza del presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana Roberto Battiston,le prime mappe realizzate nell’ambito del progetto. La mappa consegnata dagli studenti dell’Università di Cagliari raffigura la geologia del “Sinus Iridum” e la distribuzione degli elementi maggiori sulla superficie lunare.
L’evento ha concluso la cerimonia di apertura ufficiale della Settimana scientifica e tecnologica. Il progetto “Moon Mapping” è coordinato dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) da Paolo Giommi e dal Center of Space Exploration (COSE) del Ministero dell’Educazione cinese da Zhizhong Kang: è giunto alle sue fasi conclusive ed ha coinvolto oltre all’Università di Cagliari,il Politecnico di Milano, gli Atenei di Padova, Pavia e Pescara, l’IRPI CNR e le University of Geosciences e la Tsinghua University di Pechino e la Nanjing University di Nanchino.

CAGLIARIPAD.IT
CAGLIARIPAD.IT

VISTANET.IT
Quattro cagliaritani per “Moon Mapping”, progetto spaziale italo-cinese per realizzare un atlante lunare in 3D
Venerdì 17 novembre 2017 – 15.46

La Cina è vicina, ma lo sarà anche la luna. Per ammirare il romantico satellite, ci sarà un’alternativa a quella di puntare il naso all’insù. Il progetto Moon Mapping nasce con il proposito di tracciare una sorta di atlante lunare in 3D, e questa sfida parla anche un po’ il sardo. Nel team sono coinvolti infatti anche quattro cagliaritani.
Si tratta di tre studenti dell’Università di Cagliari e di una ricercatrice dell’ateneo del capoluogo sardo. Claudia Collu, Valentino Demurtas e Sabrina Podda, accompagnati della ricercatrice Maria Teresa Melis faranno quindi la loro parte per la realizzazione del progetto italo-cinese, perseguendo l’obiettivo di tracciare una mappa inedita e ad alta definizione della luna, strumento prezioso per qualsiasi futura missione.

VISTANET.IT
VISTANET.IT

Link

Ultime notizie

28 maggio 2022

Così sopravvive il super batterio anti-radiazioni

Dallo studio guidato dai ricercatori dell’Università di Cagliari Dario Piano e Domenica Farci e realizzato da un network internazionale di studiosi arriva nuova luce su un organismo capace di resistere ad una dose di radiazioni gamma 15mila volte superiori a quelle sufficienti ad uccidere un uomo. Possibili applicazioni in biomedicina per lo sviluppo di antibiotici di nuova generazione e nelle nanotecnologie per lo sviluppo di nuovi biomateriali. RASSEGNA STAMPA

28 maggio 2022

Economia, ecco cosa ci ha insegnato la crisi

Dalla presentazione del Rapporto CRENoS gli spunti per la ripresa. Emergono alcuni insegnamenti: la dimensione piccola delle imprese espone a maggiori rischi, ma anche una elevata specializzazione produttiva aumenta il rischio. Va poi tenuta in considerazione l’importanza dei servizi pubblici, non solo sanitari. C’è, infine, un disallineamento delle competenze. “Tutto ciò è risaputo, ma non sempre chi disegna le politiche economiche sembra esserne consapevole”, ha avvertito Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica dell’Università di Sassari e coordinatore del Rapporto 2022. RASSEGNA STAMPA

28 maggio 2022

Storia, ricerca, anatomia: lo straordinario pregio delle cere di Clemente Susini

Fiore all'occhiello dell'ateneo, ospitate in CIttadella dei musei e patrimonio dell'Università di Cagliari, sono state visitate da una delle massime autorità mondiali del settore, Amy Ladd. "Opere assolutamente spettacolari e inarrivabili" ha detto stamani la docente a Stanford e chirurgo ortopedico a Palo Alto. La scienziata è stata accompagnata da Alessandro Riva, Luciano Colombo e Francesco Loy

27 maggio 2022

Venerdì 27 maggio la presentazione del Rapporto CRENoS

A partire dalle 10 nell’Aula A della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche (in viale Sant'Ignazio n.76, Cagliari) la presentazione del 29mo Rapporto sull’economia della Sardegna che il CRENoS redige ogni anno per analizzare le tendenze economiche recenti e fornire alcune analisi della congiuntura. Dopo i saluti dei rettori dei due atenei sardi, a illustrare i dati sarà Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica all'Università di Sassari. Per accedere nell'aula sarà necessario indossare una mascherina FFP2. L'evento sarà trasmesso in streaming sul canale Youtube dell'Università di Cagliari e sulla pagina Facebook del CRENoS. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: