UniCa UniCa News Notizie Un patto per gli studenti di UniCa

Un patto per gli studenti di UniCa

Cagliari città universitaria, dibattito in Consiglio comunale fino a tarda sera. Il Rettore: “Il nostro Ateneo non ha nulla da invidiare ad altre realtà universitarie, ma in città non ci sono abbastanza alloggi per gli iscritti”. Il Direttore generale: “Migliorare i servizi agli studenti, anche in termini di politiche abitative, ci può consentire di essere più competitivi”. FOTO e VIDEO
09 novembre 2017
Il dibattito in Consiglio comunale sulle politiche abitative

di Sergio Nuvoli - evento trasmesso in diretta live su facebook l'8 novembre

Cagliari, 9 novembre 2017 -  “Abbiamo migliorato la nostra didattica e la nostra ricerca, ma possiamo ancora crescere, anche grazie al sostegno della Regione e del Comune di Cagliari. Le nostre tasse sono tra le più basse d'Italia. Ora stiamo puntando molto sulle lauree magistrali, che sono il segmento professionalizzante realizzato sempre più in accordo con il mondo dl lavoro. Ma in città non ci sono abbastanza alloggi, e questo ci penalizza”. Lo ha detto il Rettore Maria Del Zompo, ieri sera, nella replica alle decine di interventi dei consiglieri comunali intervenuti al dibattito – finito solo a tarda sera - sulla mozione presentata dalla Commissione Patrimonio, Politiche della casa e Mobilità.

 

L'aula del Consiglio comunale durante il dibattito
L'aula del Consiglio comunale durante il dibattito

Nelle parole del Magnifico tutto l’orgoglio di un Ateneo che marcia spedito e sicuro: “Stiamo incentivando i nostri studenti a iscriversi alle lauree magistrali, con borse di studio e premi  – ha rimarcato - Ne abbiamo attivate due nuove, una sul Turismo sostenibile e una su Data science. Ora potrebbero partirne altre due, su Web security e su Cinema e multimedialità. Presto avremo sale studio innovative e multimediali e creeremo una rete con il turismo giovanile. Ma abbiamo necessità di alloggi messi a disposizione dei nostri studenti, e questa è la vostra parte, nelle forme che certamente individuerete. Il nostro Ateneo non ha nulla da invidiare ad altre realtà universitarie, ma dobbiamo migliorare sui servizi offerti agli studenti, specie per quanto riguarda gli alloggi. C'è tutto il nostro impegno, perché con l’Università cresce Cagliari e cresce la Sardegna: con piccoli passi si riesce a crescere, tutti insieme".

Il Direttore generale, il Rettore e il Sindaco
Il Direttore generale, il Rettore e il Sindaco
L'intervento del Rettore durante il Consiglio comunale di Cagliari

Poco dopo il Magnifico, in apertura di dibattito, le parole del Direttore generale dell’Ateneo, Aldo Urru: “L’Università è l’unica amministrazione pubblica che in Italia compete sulla ripartizione dei fondi. Una competizione che, se vinta, ci consente di recuperare risorse: maggiori sono i miglioramenti, maggiori sono i ricavi – ha sottolineato, tra l’altro - Noi abbiamo realizzato importanti iniziative sul diritto allo studio, pur non essendo un settore di nostra competenza. Abbiamo attivato anche  una foresteria, potremmo fare anche altro se adeguatamente supportati. Migliorare i servizi agli studenti, anche in termini di alloggi, ci può consentire di essere più competitivi nel sistema universitario”.

L'intervento del Direttore generale, Aldo Urru, durante il Consiglio comunale di Cagliari

Tra gli interventi, particolarmente significativo quello del professor Pasquale Mistretta, invitato a parlare in qualità di ex Rettore dell'Ateneo: “La Regione con l’ERSU sta vivendo di rendita sulle scelte fatte 40 anni fa – ha spiegato - Non vorrei che Cagliari diventasse come Venezia, dove non ci sono più veneziani, o che la nostra città fosse abitata solo da universitari e immigrati: il corpus dei residenti deve mischiarsi con studenti e immigrati, perché quella studentesca è una componente su cui investire, ma è necessario ragionare in termini di città metropolitana. Cagliari vuol essere generosa o egoista nei confronti di chi viene da fuori?”. Al dibattito sono intervenuti il neopresidente dell’ERSU, Michele Camoglio, e il capo di gabinetto dell’assessore regionale alla Pubblica Istruzione, Enrico Murgia. Le conclusioni sono state affidate al sindaco Massimo Zedda.

Pasquale Mistretta interviene in Consiglio comunale
Pasquale Mistretta interviene in Consiglio comunale

La mozione che ha dato il via alla discussione è stata illustrata da Fabrizio Marcello, presidente della Commissione che l’ha votata all’unanimità, spiegando che i consiglieri comunali sono partiti da un ragionamento sui vuoti urbani e sulla ricchezza portata dagli studenti in città (una media di circa 600 euro mensili a testa), ma il vero fuoco alle polveri del dibattito era stato dato dai rappresentanti degli studenti in Senato accademico.

Carlo Sanna
Carlo Sanna

Carlo Sanna ha sottolineato che “gli studenti sono parte integrante della città, non sono certamente ospiti casuali”, mentre Pietro Ennas ha posto l’accento sul fatto che “gli universitari sono una risorsa culturale per Cagliari: servono però servizi, trasporti e spazi dedicati. Cosa vuol fare Cagliari per noi?”.

Stessa sottolineatura di Alberto Mureddu, che – dopo aver ricordato che spazi come Palazzo delle Scienze non sono certamente vuoti urbani – ha evidenziato che serve investire su servizi essenziali, come le mense.

 

Pietro Ennas
Pietro Ennas

 Il presidente del Consiglio degli studenti, Roberto Vacca, da fuorisede aveva infine rimarcato che “attrarre studenti dal resto della Sardegna deve essere un vanto per la città di Cagliari, perché in ogni studente che sceglie di venire a studiare qui nasce una sfida importante nel momento in cui decide di lasciare la propria famiglia e il proprio paese. Cagliari deve saper rispondere”.

Roberto Vacca
Roberto Vacca

Ultime notizie

23 settembre 2021

Il ricordo, la memoria

In ricordo di David Carpenter Nilson, lettore (1986-2004) e professore a contratto di Traduzione nel 2004 nella allora Facoltà di Lingue di Cagliari

22 settembre 2021

Notte dei ricercatori, domani all’Orto botanico eventi attuali e di forte impatto per la comunità

Con i saluti inaugurali dei vertici dell’ateneo, della Regione e dei comuni di Cagliari e Monserrato. Vaccini, diritti individuali, hacker, scene del crimine, cinema, cervello, intelligenza artificiale arte terapia, scienza della sostenibilità e antimateria. Ma anche storia, medicina e territorio. La manifestazione si tiene nel cuore della città e promuove la scienza avvicinante e a portata di mano. All’Orto sarà presente, per la prima volta in Italia durante la Notte, un “Punto giallo” per la raccolta fondi organizzato con il comitato “Verità per Giulio Regeni”

21 settembre 2021

Notte dei ricercatori. Vaccini e pandemia tra i temi più attesi

Anche l’edizione 2021 vede l’Università di Cagliari in prima fila, venerdì 24 settembre, con tanti eventi divulgativi coordinati da ricercatrici e ricercatori, dimostrazioni scientifiche e incontri su temi attuali e di forte impatto. L’iniziativa si tiene dalle 16 alle 22,30 all’Orto botanico e, oltre al focus di grande interesse su Covid19, prevede una serie di interessanti presentazioni e attività varie dedicate a robotica, cinema, antimateria, cervello, big data, intelligenza artificiale, Internet delle cose, storia, medicina, fisica e chimica. PER PARTECIPARE OCCORRE ISCRIVERSI ONLINE

21 settembre 2021

Eletti i nuovi Presidenti di Facoltà

Le sei facoltà dell’università cagliaritana hanno scelto i loro presidenti che resteranno in carica per il triennio 2021-2024. Gli eletti sono i professori ordinari Elio Acquas (Biologia e Farmacia), Daniele Cocco (Ingegneria e Architettura), Luca Saba (Medicina e Chirurgia), Paolo Ruggerone (Scienze), Nicola Tedesco (Scienze economiche giuridiche e politiche) e Antonello Mura (Studi umanistici). A tutti loro le congratulazioni del magnifico rettore Francesco Mola, sotto la cui guida si apre così un nuovo ciclo per la governance delle strutture didattiche d’ateneo.

Questionario e social

Condividi su: