UniCa UniCa News Notizie Scienza della comunicazione, stereotipi e linguaggi dei media

Scienza della comunicazione, stereotipi e linguaggi dei media

"Giulia Giornaliste" incontra l'Università. Riflessione a tutto campo su comunicazione e narrazione mediatica, con particolare attenzione alle violenze di genere, sui vari canali d'informazione e sui social
11 ottobre 2017
"La preda e il cacciatore: stereotipi sociali, i linguaggi dei media”. Incontro mercoledì 11 ottobre, ore 17, Facoltà di Studi Umanistici

La preda e il cacciatore: stereotipi sociali e linguaggi dei media

Giulia giornaliste incontra l'Università. Domani la facoltà di Studi umanistici ospita una riflessione a tutto campo, con particolare attenzione alle violenze di genere, su comunicazione e narrazione mediatica sui vari canali e sui social
 
Cagliari, 10 ottobre 2017
Mario Frongia

 
Domani, mercoledì 11 ottobre, alle 17, nell'aula 6 - facoltà di Studi Umanistici, via Is Mirrionis, n. 1, Cagliari -  si svolge l'incontro dal titolo “La preda e il cacciatore: stereotipi sociali, i linguaggi dei media”. Giulia giornaliste incontra l'Università con una riflessione sui linguaggi e le regole della narrazione mediatica nei diversi canali d'informazione e sui social network, nel rispetto della dignità e dell'identità delle vittime

Attualità e notizie. “La preda e il cacciatore: stereotipi sociali, i linguaggi dei media” è il titolo dell'incontro in programma mercoledì 11 ottobre alle ore 17 nell'Aula 6 della Facoltà di Studi Umanistici in piazza d'Armi a Cagliari. Giulia giornaliste e l’Università si confrontano con interventi che mirano ad indagare alcuni aspetti relazionali ed emotivi della nostra quotidianità: lavoro, cibo, sport, creatività, cinema, istruzione, cultura, comunicazione. Temi, questi, che vengono trattati nelle attività didattiche del corso di laurea in Scienze della comunicazione. “L’informazione - spiega Elisabetta Gola, coordinatrice del corso di laurea in Scienze della comunicazione dell’ateneo di Cagliari - assume sempre più un valore sociale e proprio con gli strumenti della cultura e della pedagogia i media devono affrontare quotidianamente emergenze sociali, come disoccupazione, povertà, integrazione, emarginazione, violenza di genere”. Quest’ultima emergenza, ritenuta dagli analisti internazionali una delle più diffuse violazioni dei diritti umani, richiede una specifica preparazione degli operatori dell’informazione impegnati a riportare la cronaca dei fatti, attraverso la ricerca della verità sostanziale e presuppone l’uso di un linguaggio appropriato che sia rispettoso della dignità e delle identità delle vittime.

Ruoli e responsabilità. Giulia giornaliste, i docenti del corso di laurea in Scienze della comunicazione riflettono sul ruolo dell’informazione e sulle sue responsabilità focalizzando l’attenzione sull’origine degli stereotipi, delle discriminazioni, dei pregiudizi, delle intolleranze che generano disuguaglianze e violenze. Uno sguardo anche sui nuovi canali della comunicazione e sulla diffusione di bufale e fake news che inducono l’opinione pubblica ad essere scettica e a dubitare anche della buona informazione. L’evento, aperto al pubblico, è rivolto agli studenti del corso di laurea e agli insegnanti che, grazie all’adesione del Cird (Centro interdipartimentale ricerca didattica), possono ottenere un attestato di partecipazione nell’ambito dei progetti di formazione professionale. L’iniziativa rientra negli incontri organizzati dal corso di laurea tra le attività di inaugurazione dell’Anno accademico 2017/18.

Ospiti e relatori. Ai lavori, oltre alla professoressa Gola, prendono parte, tra gli altri, Alessandra Sallemi (La Nuova Sardegna – Giulia giornaliste), Susi Ronchi (coordinatrice Giulia giornaliste Sardegna), Roberta Celot (Ansa Sardegna - vice coordinatrice Giulia giornaliste Sardegna), Francesca Ervas (docente Filosofia del linguaggio), Renato Troffa (psicologo sociale), Carmina Conte (presidente Comitato di garanzia Giulia giornaliste), Riccardo Porcu (dirigente Servizi comunicazione Regione Sardegna), Federica Ginesu (Giulia giornaliste), Paola Cireddu (Giulia giornaliste), Alessandra Addari (Tcs - Giulia giornaliste), Luca Lecis (docente Storia del giornalismo).

 

LOCANDINA. Clicca per ingrandire
LOCANDINA. Clicca per ingrandire

Allegati

Ultime notizie

06 dicembre 2022

Laureandi dell’Università di Cagliari a Ecomondo

Transizione ecologica e innovazione tecnologica, i corsi di UniCa precorrono i tempi e preparano gli specialisti per un mondo più sostenibile e vivibile. Report della visita tecnica di studentesse e studenti del corso di laurea magistrale in Ingegneria ambientale per lo sviluppo sostenibile dell’ateneo agli stand dell’esposizione internazionale che si è svolta a Rimini dal 10 al 12 novembre scorso. Ad accompagnare e guidare il gruppo il professor Aldo Muntoni (Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e architettura)

06 dicembre 2022

CAREER DAY 2023 (#incontrailtuofuturo). Aperte le registrazioni ai colloqui di selezione

Il 12 e il 13 gennaio 2023 sono in calendario le due giornate organizzate dall’Università di Cagliari con l’Assessorato regionale del Lavoro e con l’Agenzia sarda per le politiche attive del lavoro (Aspal) per favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Da una parte laureati/e, studenti e studentesse di UniCa e dall’altra le imprese del territorio impegnate nella ricerca di giovani preparati per garantire un apporto innovativo alle esigenze aziendali presenti e future. CHALLENGE A PREMI: IL 28 DICEMBRE LA SCADENZA PER PARTECIPARE ALLE "SFIDE"

06 dicembre 2022

Piano nazionale di ripresa e resilienza, 85 milioni di euro per i progetti curati da UniCa

Approvate da Senato accademico e Cda le nomine dei ventidue referenti scientifici dell’ateneo di Cagliari per il Pnrr. Mobilità sostenibile, terapie geniche, scenari energetici, rischi ambientali, malattie infettive, biofarmacologia, economia, medicina di previsione, ecosistema dell’innovazione e cybersecurity tra gli ambiti delle ricerche

05 dicembre 2022

Ricercatori e ricerca d'eccellenza, strategia e visione per brillare anche in Europa

L’Università di Cagliari e gli step per l’award 'HR Excellence in Research. Aperto da Francesco Mola e Alessandra Carucci il seminario su Strategia dell’ateneo, Struttura interna e Cabina di regia. Il passaggio permette di ottenere il riconoscimento ufficiale dalla Commissione Europea. "Siamo un Paese debole nell'innovare" ha detto Fulvio Esposito dell'Università di Camerino. "Attrarre giovani talentuosi per una buona ricerca è fondamentale" ha aggiunto Chiara Biglia, Politecnico di Torino

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie