UniCa UniCa News Notizie Congratulazioni a Simeon Ezeadi, primo laureato nigeriano di UniCa

Congratulazioni a Simeon Ezeadi, primo laureato nigeriano di UniCa

Proclamato dottore in Economia e Gestione aziendale con una tesi sull’esportazione dei vini sardi in Nigeria, punta sulla cultura e sul calcio
28 settembre 2017
Simeon Ezeadi durante i festeggiamenti

di Sara Piras

Simeon Ezeadi non ha mai rinunciato al sogno di portare a termine i suoi studi, e finalmente ce l’ha fatta: è il primo laureato nigeriano all’Università di Cagliari. Pochi giorni fa è stato infatti proclamato dottore in Economia e Gestione aziendale, discutendo una tesi su un piano aziendale finalizzato all’esportazione dei vini sardi in Nigeria, scritta sotto la supervisione della professoressa Francesca Cabiddu. Un progetto che coniuga le sue due identità, a più di 10 anni dal suo arrivo in Italia.

“Grazie a tutti per le buone parole, con questo post vi ringrazio infinitamente, sono veramente contento. NON PARI BERUSU!" scrive Simeon sul suo profilo Facebook. Una soddisfazione condivisa con amici italiani e nigeriani, e con i suoi parenti, che hanno sempre creduto nel valore dell’istruzione. Numerose le congratulazioni degli utenti della pagina Facebook della nostra Università, tra i commenti ai post a lui dedicati, a cui Simeon ha scrupolosamente risposto, ringraziando tutti per le parole di augurio.

Un esempio di integrazione, ma anche di determinazione nel perseguire obiettivi ambiziosi malgrado le difficoltà affrontate. In neodottore, infatti, è sempre stato uno studente lavoratore, e, contemporaneamente, un calciatore a livello agonistico. Se è stato il desiderio di eccellere nella carriera sportiva a portarlo in Sardegna, non ha comunque mai dimenticato l’importanza della cultura e della conoscenza, e tuttora guarda al futuro consapevole delle possibilità che la sua laurea potrà offrirgli.

RASSEGNA STAMPA

L’UNIONE SARDA del 27 settembre 2017
Cronaca di Cagliari (Pagina 18 - Edizione CA)
UNIVERSITÀ. Ezeadi, primo nigeriano a laurearsi a Cagliari
Il calciatore è dottore in Economia

L'argomento della tesi di laurea è un omaggio alla Sardegna: un business plan di un'azienda che esporti in Nigeria vini sardi. «Magari sarà il mio futuro», ha detto dopo la discussione Simeon Ezeadi, 30 anni tra due settimane, entrato nella storia dell'Università cagliaritana per essere il primo nigeriano a laurearsi a Cagliari.
Ieri mattina nella facoltà di Economia, davanti alla commissione presieduta da Ernestina Giudici, ha esposto la tesi concordata con la relatrice Francesca Cabiddu. Poi il voto, gli applausi e l'abbraccio della fidanzata Anna e degli amici. Presenti alcuni giocatori, allenatori e dirigenti di calcio (nell'aula magna di via Sant'Ignazio anche l'ex rossoblù Lulù Oliveira): Ezeadi, neo dottore in Economia e gestione aziendale, è arrivato in Italia più di dieci anni fa per giocare a calcio. E continua a farlo a ottimi livelli (attualmente veste la maglia del Guspini Terralba in Eccellenza, dopo aver disputato diverse stagioni tra serie D e Promozione, con Sant'Elia, Muravera, Orrolese e un anno nella serie A maltese). «Avevo promesso alla mia famiglia», ha aggiunto, «rimasta in Nigeria, che non avrei mai abbandonato gli studi. Ho impiegato un po' di anni perché, per mantenermi all'Università, ho sempre giocato a calcio e anche lavorato. Ora finalmente ho tagliato questo traguardo importante». Poi un grazie a tutti: «Non pari berusu», ha concluso in sardo. (m. v.)

UNIONESARDA.IT
Ezeadi, da calciatore a dottore. Il primo nigeriano laureato a Cagliari
Martedì 26 Settembre alle 12:20 - ultimo aggiornamento ieri alle 15:58

È il primo nigeriano a laurearsi a Cagliari: stamattina Simeon Ezeadi, 30 anni tra due settimane, da oggi è dottore in Economia e gestione aziendale.
Ha discusso una tesi sulla creazione di un'impresa che possa esportare vini sardi in Nigeria.
Ezeadi è arrivato in Italia più di dieci anni fa per inseguire un sogno: diventerà un calciatore.
Ha giocato in diverse squadre tra serie D e Promozione (arrivando anche per una stagione nella serie A maltese), approdando poi in Sardegna dove ha vestito diverse maglie (Progetto Sant'Elia, Muravera, Orrolese e, dall'anno scorso, Guspini Terralba). Ma non ha mai smesso di studiare.
"Avevo promesso alla mia famiglia che non avrei mai dimenticato l'importanza dello studio. Tra tante difficoltà e con molti sacrifici ho finalmente tagliato il traguardo della laurea triennale", ha detto all'uscita dell'aula magna di Economia. Con lui tanti amici, la fidanzata Anna, i compagni di squadra e Lulù Oliveira, ex calciatore del Cagliari e ora allenatore (che ha avuto Ezeadi come suo giocatore).

L’UNIONE SARDA del 27 settembre 2017
L’UNIONE SARDA del 27 settembre 2017

LANUOVASARDEGNA.IT
La favola di Simon Ezeadi, il calciatore con la laurea in economia aziendale
Il nigeriano del Guspini qualche anno fa dovette vendere fazzolettini per vivere. Col pallone e i lavori estivi si è pagato gli studi
di Alessandro Bulla
27 settembre 2017

CAGLIARI. Deve avere una volontà di ferro, Simon Ezeadi Chukwuneme, per passare in pochi anni dal vendere fazzolettini di carta per strada sino alla laurea. Quella del calciatore nigeriano del Guspini-Terralba, campionato di Eccellenza regionale, è una storia esemplare di come lottando e dando fondo a tutti i propri talenti sia possibile dare una svolta alla propria vita. Ieri mattina ha coronato il suo principale sogno che ha realizzato grazie a tanti sacrifici, rinunce, impegno e determinazione. A pochi giorni dal 30° compleanno ha conseguito nell’università degli studi di Cagliari, la laurea triennale in economia e gestione aziendale.
Un’impresa fuori dal comune, quella di Simon. Ha presentato e discusso in lingua inglese nell’aula magna della facoltà di scienze economiche giuridiche e politiche una tesi sulla “Imprenditorialità nei Paesi in via di sviluppo. Un businnes plan per la creazione di un’impresa che possa esportare vini sardi in Nigeria”. Un’impresa perché Ezeadi aveva rischiato di essere travolto dalla vita e per sopravvivere si era aggrappato a ciò che meglio sa fare: giocare a pallone, riuscendo poi a conciliare sport e studio. «Non pari berusu – commenta Ezeadi in campidanese – . Sono infinitamente contento» dice commosso, tra gli abbracci della fidanzata Anna, degli amici e dei compagni di squadra. «I miei genitori, che non vedo da tanto, saranno di certo orgogliosi di me. Mi hanno sempre raccomandato di studiare».
Simon è in Europa dal 2003. Faceva parte di una rappresentativa nazionale della Nigeria che partecipava alla Nike Cup a Vienna, dove fu notato da un procuratore di giocatori suo connazionale: «Mi portò all’Inter per fare un provino. Mi trovai a contatto con gente come Pandev, Vieri, Adriano, Batistuta, Crespo. Andò bene, ma non avevo permesso di soggiorno, mentre i miei documenti erano scaduti: non se ne fece niente».
Dal grande sogno di giocare a Milano alla necessità di dover sopravvivere. «Presi il treno per Roma dove sapevo che viveva un mio zio, ma scoprii che si era trasferito. Trascorsi diverse notti alla stazione Termini. Raggranellavo qualche soldo aiutando gli anziani a sistemare in auto la spesa fuori dai supermercati. Poi sono andato a vendere fazzolettini e accendini a Colleferro e Velletri. Qui ho conosciuto un mio connazionale, Obinna, che mi ha ospitato e aiutato». Provini per varie squadre, l’aiuto del presidente delal Scafatese, Corrado Scarlato, che gli pagò il viaggio per la Nigeria per regolarizzare i documenti. L’attività di calciatore poteva avere inizio.
Gioca in varie squadre, approda nell’isola e indossa la maglia di Muravera, Budoni, Orrolese e Guspini-Terralba. E in estate, con i campionati fermi, si presta a fare qualsiasi lavoro. Nel frattempo studia, e fa studiare i familiari in Nigeria. «Nonostante i magri guadagni ho aiutato la mia famiglia – spiega –.
Ho permesso ai miei fratelli di laurearsi e avere un futuro». Un ragazzo educato, solare – così lo descrivono – , sempre disponibile e altruista. Anche verso il suo Paese: «Non appena appenderò le scarpe vorrei tornare dove sono nato per dare il mio contributo a far crescere la Nigeria».

LANUOVASARDEGNA.IT
LANUOVASARDEGNA.IT

TG VIDEOLINA del 27 settembre 2017
DOTTOR EZE, PRIMO LAUREATO NIGERIANO ALL'UNIVERSITÀ DI CAGLIARI
Ieri alle 14:00

DOTTOR EZE, PRIMO LAUREATO NIGERIANO ALL'UNIVERSITÀ DI CAGLIARI
Con una tesi sui vini sardi si è laureato il primo nigeriano dell'Università di Cagliari. Il servizio è di Mariangela Lampis L'intervistato è: SIMEON EZEADI

TG VIDEOLINA del 27 settembre 2017
TG VIDEOLINA del 27 settembre 2017

Ultime notizie

20 maggio 2022

Venerdì 27 maggio la presentazione del Rapporto CRENoS

A partire dalle 10 nell’Aula A della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche (in viale Sant'Ignazio n.76, Cagliari) la presentazione del 29mo Rapporto sull’economia della Sardegna che il CRENoS redige ogni anno per analizzare le tendenze economiche recenti e fornire alcune analisi della congiuntura. Dopo i saluti dei rettori dei due atenei sardi, a illustrare i dati sarà Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica all'Università di Sassari. Per accedere nell'aula sarà necessario indossare una mascherina FFP2. L'evento sarà trasmesso in streaming sul canale Youtube dell'Università di Cagliari e sulla pagina Facebook del CRENoS

20 maggio 2022

Ricerca, dal Fetal programming al come e al quando ci si potrà ammalare

“Dimmi che gestazione hai avuto e ti dirò se e di quali malattie potrai soffrire da adulto”. È stata questa, negli anni '80, l’intuizione dell’epidemiologo David Barker. L'ipotesi sostiene il lavoro, pubblicato dall'European review for medical and pharmacological sciences, curato dal team di specialisti dell’’Università di Cagliari e dell’Aou. La ricerca ha esplorato una casistica di pazienti che  hanno contratto il Covid-19

20 maggio 2022

UniCa C’è a Monumenti Aperti

Si rinnova anche per l'edizione 2022 la collaborazione tra l'Università degli Studi di Cagliari e la manifestazione Monumenti Aperti, organizzata da Imago Mundi. Otto i siti dell'Ateneo aperti al pubblico nelle giornate di sabato 21 e domenica 22 maggio: il Palazzo del Rettorato, l'Archivio storico dell'Università, la Collezione Piloni, il MUACC, i giardini della Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e sociali, l'Orto Botanico, la Cittadella dei Musei con le sue fortificazioni e il Trentapiedi dei Monumenti a Pirri, realizzato dal laboratorio Vestigia UniCa, coordinato da Fabio Calogero Pinna, docente di Archeologia pubblica

Questionario e social

Condividi su: