UniCa UniCa News Notizie Stato di agitazione dei ricercatori universitari

Stato di agitazione dei ricercatori universitari

Lettera aperta dei Rettori delle Università di Cagliari e Sassari
17 settembre 2010
Testo integrale della lettera aperta dei Rettori dell’Università di Cagliari prof. Giovanni Melis e dell’Università di Sassari prof. Attilio Mastino
 
Sentiamo il dovere come Rettori delle due Università della Sardegna di rendere pubbliche le gravi preoccupazioni per il difficile avvio dei corsi di laurea nell’ambito dell’offerta formativa del 2010-11, ribadendo le gravi perplessità sulle linee della riforma universitaria in corso di discussione alla Camera: una riforma che nei propositi intende ispirarsi ai principi di autonomia e di responsabilità, ma che avremmo desiderato più rispettosa delle identità e degli specifici profili dei singoli atenei italiani, più consapevole della complessità delle tradizioni accademiche e del valore della diversità e della differenza, soprattutto più attenta al tema dei giovani ricercatori e più sensibile alle esigenze del diritto allo studio. Più attenta a realizzare condizioni di gestione che possano garantire lo sviluppo delle università pubbliche, le uniche in grado di sostenere il diritto allo studio e la libera ricerca costituzionalmente tutelata.
 
Vogliamo esprimere pubblicamente la più completa solidarietà ai ricercatori in agitazione in Sardegna e nel Paese, in quella straordinaria mobilitazione che si è sviluppata nel corso di questi mesi. Insieme abbiamo dichiarato la riconoscenza dei due Atenei per il senso di responsabilità che ha fin qui ispirato l’azione dei ricercatori. E ciò all’indomani dell’adozione da parte del Governo di severe misure per il risanamento del bilancio dello Stato che hanno bloccato gli aumenti retributivi del personale universitario e gli scatti di anzianità, provvedimenti che colpiscono soprattutto i più giovani; per non parlare delle limitazioni poste nel garantire un minimo di turn over, riducendo i concorsi e le progressioni di carriera, eliminando i ricercatori dagli organi di governo e dalle commissioni di concorso.
 
La precarizzazione dei ricercatori non è un elemento che possiamo considerare positivo. Sentiamo fortemente il senso di un’ingiustizia e di una prevaricazione che non possiamo ignorare.
 
Chiediamo alle forze politiche di prendere in esame l’opportunità di un sostanziale ripensamento delle linee fondamentali della politica per l’università, in modo che venga riconosciuto il ruolo dei ricercatori universitari titolari di insegnamento, che vanno considerati docenti a tutti gli effetti e che costituiscono oltre il 40% del personale universitario addetto alla ricerca ed alla didattica.
 
Chiediamo che sia valutata in fase concorsuale, in modo esplicito e vincolante per le Commissioni, l’attività didattica ufficiale svolta gratuitamente dai ricercatori su incarico dei Consigli di Facoltà e che sia assicurata la rappresentanza dei ricercatori negli Organi di governo degli Atenei al contrario di quanto previsto nel DDL. in discussione.
 
Chiediamo che venga assegnato un peso adeguato ai punti organico da destinare a posti di professore associato, in modo da consentire ad un numero consistente di ricercatori di essere valutati ai fini dell’immissione nella seconda fascia dei professori, augurandoci che le procedure di abilitazione vengano rapidamente attivate. In tal senso, gli atenei di Cagliari e Sassari sono impegnati.
 
Esprimiamo inoltre grave preoccupazione per la continua riduzione delle risorse destinate dal Governo al sistema universitario, che pone in crisi soprattutto le Università del Meridione e delle Isole e di fatto determina una progressiva contrazione dei servizi a favore degli studenti e dei Corsi di laurea attivabili, con un impoverimento complessivo dell’offerta didattica, che accentua ulteriormente il trasferimento di un numero crescente di studenti verso altre Regioni.
 
In attesa di conoscere nel dettaglio il destino del DDL Gelmini, rinnoviamo contemporaneamente la richiesta ai ricercatori perché per il prossimo semestre sospendano quello stato di agitazione che molti docenti hanno dichiarato, rifiutandosi di assumere insegnamenti di titolarità, al di là degli obblighi di didattica integrativa previsti dalla legge 341 del 19 novembre 1990: una serrata dei ricercatori non sarebbe altro che una risposta sbagliata ad una serrata che altri vorrebbero per l’università pubblica e per il sistema della ricerca, compromettendo gli investimenti in conoscenza.
 
Sentiamo il dovere di assumere questa posizione per difendere l’offerta formativa certificata e per salvaguardare contemporaneamente anche i diritti degli studenti e delle famiglie, che non sono in contrasto con l’esigenza di difendere i diritti dei giovani studiosi e di tutti i ricercatori.
 
Siamo pronti a discutere le prospettive in assemblee ed in dibattiti pubblici, oltre che in CRUI.
 
Inviteremo i Presidi a riaprire le procedure per la copertura degli insegnamenti fin qui vacanti, garantendo equilibrio e trasparenza e un giusto riconoscimento per la professionalità dei ricercatori.

  
Cagliari, 16 settembre 2010
 
 
     Giovanni Melis
     Rettore dell’Università di Cagliari
Attilio Mastino
Rettore dell’Università di Sassari
 
 
 




 
foto: L’Unione Sarda del 18.9.2010L’UNIONE SARDA
L’UNIONE SARDA di sabato 18 settembre 2010
Cronaca di Cagliari - Pagina 24
 
Università. Accorata lettera aperta dei rettori di Cagliari e Sassari alla classe politica
«SENZA RICERCATORI CORSI A RISCHIO»
Melis e Mastino: «La riforma sia più attenta al loro valore»
 
«Piena solidarietà ai ricercatori che stanno subendo un’ingiustizia e una prevaricazione che non ignoriamo».
Piena solidarietà ai ricercatori precarizzati «che stanno subendo un’ingiustizia e una prevaricazione che non ignoriamo». Preoccupazione «per il difficile avvio dei corsi di laurea 2010-2011» e un appello alla classe politica «perché riveda la riforma universitaria».
È quanto sostengono in una lettera aperta, i rettori dell’università di Cagliari, Giovanni Melis, e di Sassari, Attilio Mastino, che in merito allo stato di agitazione dei ricercatori universitari hanno richiesto loro di sospendere il rifiuto di assumere insegnamenti di titolarità per il prossimo semestre.
«RIFORMA IRRISPETTOSA» «Avremmo desiderato una riforma più rispettosa delle identità e degli specifici profili dei singoli atenei italiani, più consapevole della complessità delle tradizioni accademiche e del valore della diversità e della differenza», hanno scritto i rettori, «soprattutto più attenta al tema dei giovani ricercatori e più sensibile alle esigenze del diritto allo studio. Più attenta a realizzare condizioni di gestione che possano garantire lo sviluppo delle università pubbliche».
Melis e Mastino hanno dichiarato «la riconoscenza dei due Atenei per il senso di responsabilità che ha fin qui ispirato l’azione dei ricercatori. E ciò all’indomani dell’adozione da parte del Governo di severe misure per il risanamento del bilancio dello Stato che hanno bloccato gli aumenti retributivi del personale universitario e gli scatti di anzianità, provvedimenti che colpiscono soprattutto i più giovani; per non parlare delle limitazioni poste nel garantire un minimo di turn over, riducendo i concorsi e le progressioni di carriera, eliminando i ricercatori dagli organi di governo e dalle commissioni di concorso»
«DOCENTI A TUTTI GLI EFFETTI» «Chiediamo alle forze politiche che venga riconosciuto il ruolo dei ricercatori universitari titolari di insegnamento», aggiungono i due rettori, «che sono docenti a tutti gli effetti e che costituiscono oltre il 40% del personale universitario addetto alla ricerca ed alla didattica. Chiediamo che sia valutata in fase concorsuale, in modo esplicito e vincolante per le Commissioni, l’attività didattica ufficiale svolta gratuitamente dai ricercatori su incarico dei Consigli di Facoltà e che sia assicurata la rappresentanza dei ricercatori negli Organi di governo degli Atenei al contrario di quanto previsto nel Ddl in discussione».
I PUNTEGGI «Chiediamo che venga assegnato un peso adeguato ai punti organico da destinare a posti di professore associato», concludono Melis e Mastino, «in modo da consentire ad un numero consistente di ricercatori di essere valutati ai fini dell’immissione nella seconda fascia dei professori, augurandoci che le procedure di abilitazione vengano rapidamente attivate».
Dopo aver espresso «preoccupazione per la riduzione delle risorse destinate dal Governo al sistema universitario» ed in attesa di conoscere «il destino del Ddl Gelmini» i rettori hanno rinnovato la richiesta ai ricercatori «perché per il prossimo semestre sospendano lo stato di agitazione: una serrata dei ricercatori sarebbe una risposta sbagliata ad una serrata che altri vorrebbero per l’università pubblica e per il sistema della ricerca, compromettendo gli investimenti in conoscenza».
I rettori hanno annunciato che inviteranno i presidi «a riaprire le procedure per la copertura degli insegnamenti vacanti, garantendo un giusto riconoscimento per la professionalità dei ricercatori».
 
  

 
 
LA NUOVA SARDEGNA
LA NUOVA SARDEGNA di sabato 18 settembre 2010
Pagina 2 - Cagliari
 
I RETTORI: «SOSPENDETE LA PROTESTA» 
Lettera aperta ai ricercatori dell’Università che non fanno più lezione Impegno per la riapertura dei concorsi e per i riconoscimenti

CAGLIARI. I rettori delle università sarde Giovanni Melis (Cagliari) e Attilio Mastino (Sassari) rivolgono un appello, in una lettera aperta ai ricercatori perchè sospendano per il prossimo semestre lo stato di agitazione e accettino di assumere insegnamenti di titolarità: «Inviteremo i presidi a riaprire le procedure per la copertura degli insegnamenti fin qui vacanti, garantendo equilibrio e trasparenza e il riconoscimento per la professionalità dei ricercatori» scrivono i due rettori, esprimendo solidarietà ai ricercatori penalizzati dalla riforma Gelmini.
«La loro precarizzazione non è un elemento che possiamo considerare positivo - sostengono Melis e Mastino - sentiamo fortemente il senso di un’ingiustizia e di una prevaricazione che non possiamo ignorare. Chiediamo alle forze politiche di prendere in esame l’opportunità di un sostanziale ripensamento delle linee fondamentali della politica per l’università, in modo che venga riconosciuto il ruolo dei ricercatori universitari titolari d’insegnamento, che vanno considerati docenti a tutti gli effetti e che costituiscono oltre il quaranta per cento del personale universitario addetto alla ricerca e alla didattica». Prosegue la nota: «Chiediamo che sia valutata in fase concorsuale, in modo esplicito e vincolante per le commissioni, l’attività didattica ufficiale svolta gratis dai ricercatori su incarico dei consigli di facoltà e che sia assicurata la rappresentanza dei ricercatori negli organi di governo degli atenei al contrario di quanto previsto nel ddl in discussione».
«Chiediamo - proseguono i due rettori - che venga assegnato un peso adeguato ai punti in organico da destinare a posti di professore associato, in modo da consentire a un numero consistente di ricercatori di essere valutati ai fini dell’immissione nella seconda fascia dei professori». Melis e Mastino esprimono preoccupazione per «la continua riduzione delle risorse destinate dal governo al sistema universitario, che pone in crisi soprattutto le università del Meridione e delle isole e di fatto determina una progressiva contrazione dei servizi a favore degli studenti e dei corsi di laurea attivabili, con un impoverimento complessivo dell’offerta didattica».

Ultime notizie

17 gennaio 2020

Psicologia della Salute, c’è la Scuola di specializzazione

Domande di partecipazione alla selezione entro il 30 gennaio. Formerà psicologi specialisti nel campo della salute, in una prospettiva multidisciplinare, con un titolo che consente di poter partecipare ai concorsi per Dirigente Psicologo del Servizio Sanitario Nazionale e abilita all’esercizio della professione psicoterapeutica. ON LINE IL BANDO E LE ISTRUZIONI PER PARTECIPARE

16 gennaio 2020

Sviluppo sostenibile, via al dialogo con la Regione

Durante l’incontro tra il Rettore Maria Del Zompo e l’Assessore Gianni Lampis è stata rimarcata la condivisione di principi e obiettivi dell’Agenda 2030 sullo Sviluppo sostenibile. Verso la costituzione di un gruppo di lavoro per organizzare insieme specifiche iniziative sul tema

15 gennaio 2020

Elezioni Consiglio Universitario Nazionale

Giovedì 16 gennaio ultima delle tre giornate di voto per eleggere nel CUN un professore di I fascia dell’area scientifico-disciplinare 14, un ricercatore dell’area scientifico-disciplinare 06 e un ricercatore dell’area scientifico-disciplinare 08. Seggio aperto in Rettorato dalle 11 fino alle 13.45

15 gennaio 2020

5G: l’Università di Cagliari tra i sei vincitori del Bando Mise

Progetto da oltre un milione di euro in collaborazione con Linkem e Tiscali. Un grande risultato per l’Università di Cagliari, capofila, grazie alla sperimentazione coordinata dal professor Luigi Atzori, del Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica, terza classificata tra le proposte relative al “Programma di supporto delle tecnologie emergenti nell'ambito del 5G”. Dimostrata ancora una volta la capacità dell'Ateneo di proporre ricerca scientifica di elevato valore nel settore delle comunicazioni di nuova generazione. Coinvolti anche l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, GreenShare, Flosslab, la Regione Sardegna, i comuni di Cagliari, Guspini e Iglesias, il CTM e Abbanoa

Questionario e social

Condividi su: