UniCa UniCa News Notizie Le tariffe del trasporto pubblico devono essere riviste

Le tariffe del trasporto pubblico devono essere riviste

Lo chiedono i due rettori delle Università sarde: "Aumenti in contrasto con la politica di sostegno alla didattica"
06 settembre 2010
Cagliari, 6 settembre 2010 (Ufficio stampa e web – SN) - Il recente aumento delle tariffe di trasporto pubblico è “in contrasto con la positiva politica regionale di sostegno alla didattica e alla ricerca universitaria”. Lo affermano i due rettori delle Università sarde, Giovanni Melis e Attilio Mastino, in una lettera indirizzata al presidente della Giunta regionale, Ugo Cappellacci, e agli assessori alla Pubblica Istruzione, alla Programmazione e ai Trasporti, in cui viene chiesto ufficialmente un incontro sull’argomento.
 
Il documento inviato dai vertici delle amministrazioni universitarie richiama i recenti provvedimenti che “hanno comportato un rilevante incremento dell’onere posto a carico degli studenti”, già penalizzati dai limiti delle strutture regionali di ospitalità e dalle condizioni delle strutture ferroviarie di trasporto.
 
I due rettori – come già fatto in una lettera inviata nello scorso mese di maggio – sollecitano l’attivazione di forme di agevolazione rivolte agli studenti, sul modello della “green card” sperimentata in altre regioni, che potrebbe tra l’altro favorire lo sviluppo di nuove iniziative legate al diritto allo studio.
 

LA NOTIZIA SULLA STAMPA
L’Unione Sarda di martedì 7 settembre 2010
Cagliari e Provincia - Pagina 15
Caro-bus: i rettori chiedono un incontro in Regione
Melis e Mastino scrivono a Cappellacci. Oggi è in programma un sit in degli studenti
 
Dopo studenti e associazioni dei consumatori, anche i vertici dei due atenei isolani contestano gli aumenti delle tariffe del trasporto pubblico.
I RETTORI Con una lettera inviata al presidente della Regione, Ugo Cappellacci, e agli assessori regionali ai Trasporti, Liliana Lorettu, e alla Pubblica istruzione, Maria Lucia Baire, i rettori delle università di Cagliari, Giovanni Melis, e di Sassari, Attilio Mastino, contestano il «recente aumento» delle tariffe di autobus urbani ed extraurbani, che «è in contrasto con la positiva politica regionale di sostegno alla didattica e alla ricerca universitaria».
Melis e Mastino chiedono un incontro ufficiale per l’ulteriore «rilevante incremento dell’onere posto a carico degli studenti, già penalizzati dai limiti delle strutture regionali di ospitalità e dalle condizioni delle ferrovie». Inoltre, sollecitano l’attivazione «di una convenzione atta a consentire di poter usufruire di tariffe agevolate nell’uso dei mezzi di trasporto». I rettori propongono come modello di agevolazione la « green card , già sperimentata in altre regioni».
LE PROTESTE Nonostante la recente modifica delle tariffe, voluta dall’assessore regionale ai Trasporti, gli studenti non scendono dalle barricate. Alle 9 è infatti previsto un sit in di fronte al Consiglio regionale per chiedere «l’immediato ritiro degli aumenti entrati in vigore il 1° settembre», affermano i promotori della manifestazione Giacomo Dessì, dell’Unione degli Studenti, e Matteo Quarantiello, Coordinatore dei Giovani comunisti sardi, che manifesteranno alle 16,30 anche a Oristano. Nella convocazione dell’evento, ricordano come «il 70% degli utenti totali dei mezzi pubblici sia costituito da studenti», che «sono disposti ad accettare degli aumenti contenuti e non spropositati con la sola intenzione di fare cassa».
L’attuale giunta regionale, secondo Dessì e Quarantiello sarebbe «complice nella riduzione e dismissione del servizio pubblico, che è in corso di attuazione da parte del Governo nazionale in altri campi (la scuola è l’esempio più lampante)».
LA SCUOLA Accuse simili e stessi imputati per il Comitato precari della scuola, che dalle 10 manifesta in contemporanea con gli studenti, sempre di fronte al Consiglio regionale. Il sit-in è stato organizzato «per protestare contro i tagli al personale scolastico (docenti e personale Ata), e per i gravi danni che l’attuale politica nazionale e l’immobilismo di quella regionale continuano a causare alla Scuola pubblica statale in Sardegna».
MARIO GOTTARDI

La Nuova Sardegna di martedì 7 settembre 2010
Pagina 6 - Sardegna
«Trasporti troppo cari nell’isola: una green card per gli studenti»
 
CAGLIARI. Il recente aumento delle tariffe di trasporto pubblico in Sardegna è «in contrasto con la positiva politica regionale di sostegno alla didattica e alla ricerca universitaria». Lo affermano i due rettori delle università sarde, il cagliaritano Giovanni Melis e il sassarese Attilio Mastino, in una lettera indirizzata al presidente della giunta regionale Ugo Cappellacci e agli assessori alla Pubblica istruzione, alla Programmazione e ai Trasporti, in cui viene chiesto ufficialmente un incontro sull’argomento. Il documento congiunto richiama i recenti provvedimenti che «hanno comportato un rilevante incremento dell’onere posto a carico degli studenti», che nell’isola sono già penalizzati dai limiti delle strutture regionali di ospitalità e dalle condizioni delle strutture ferroviarie di trasporto.
 I due rettori, come già fatto avevano fatto in una lettera inviata nello scorso mese di maggio, sollecitano l’attivazione di forme di agevolazione rivolte agli studenti, sul modello della «green card» che è stata già positivamente sperimentata in altre regioni e che potrebbe fra l’altro favorire lo sviluppo di nuove iniziative legate al diritto allo studio.
 

TRASPORTO PUBBLICO: RETTORI CAGLIARI E SASSARI CONTRO AUMENTI
(AGI) - Cagliari, 6 set. - Il recente aumento delle tariffe di trasporto pubblico, deciso dalla Regione il mese scorso e applicato dal 1 settembre scorso a Cagliari dal Ctm e a Sassari dall’Atp, e’ "in contrasto con la positiva politica regionale di sostegno alla didattica e alla ricerca universitaria". Lo affermano i rettori degli atenei cittadini, Giovanni Melis e Attilio Mastino, in una lettera indirizzata al presidente della Giunta regionale, Ugo Cappellacci, e agli assessori alla Pubblica Istruzione, alla Programmazione e ai Trasporti, in cui viene chiesto ufficialmente un incontro sull’argomento. Il documento richiama l’incremento del prezzo di biglietti e abbonamenti per i trasporti pubblici locali che "hanno comportato un rilevante incremento dell’onere posto a carico degli studenti", gia’ penalizzati - evidenziano i rettori - dai limiti delle strutture regionali di ospitalita’ e dei servizi di trasporto. I due rettori - come gia’ fatto in una lettera inviata nello scorso mese di maggio - sollecitano forme di agevolazione rivolte agli studenti, sul modello della "green card" sperimentata in altre regioni, che potrebbe tra l’altro favorire lo sviluppo di nuove iniziative legate al diritto allo studio. (AGI)

Ultime notizie

17 gennaio 2020

Psicologia della Salute, c’è la Scuola di specializzazione

Domande di partecipazione alla selezione entro il 30 gennaio. Formerà psicologi specialisti nel campo della salute, in una prospettiva multidisciplinare, con un titolo che consente di poter partecipare ai concorsi per Dirigente Psicologo del Servizio Sanitario Nazionale e abilita all’esercizio della professione psicoterapeutica. ON LINE IL BANDO E LE ISTRUZIONI PER PARTECIPARE

16 gennaio 2020

Sviluppo sostenibile, via al dialogo con la Regione

Durante l’incontro tra il Rettore Maria Del Zompo e l’Assessore Gianni Lampis è stata rimarcata la condivisione di principi e obiettivi dell’Agenda 2030 sullo Sviluppo sostenibile. Verso la costituzione di un gruppo di lavoro per organizzare insieme specifiche iniziative sul tema

15 gennaio 2020

Elezioni Consiglio Universitario Nazionale

Giovedì 16 gennaio ultima delle tre giornate di voto per eleggere nel CUN un professore di I fascia dell’area scientifico-disciplinare 14, un ricercatore dell’area scientifico-disciplinare 06 e un ricercatore dell’area scientifico-disciplinare 08. Seggio aperto in Rettorato dalle 11 fino alle 13.45

15 gennaio 2020

5G: l’Università di Cagliari tra i sei vincitori del Bando Mise

Progetto da oltre un milione di euro in collaborazione con Linkem e Tiscali. Un grande risultato per l’Università di Cagliari, capofila, grazie alla sperimentazione coordinata dal professor Luigi Atzori, del Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica, terza classificata tra le proposte relative al “Programma di supporto delle tecnologie emergenti nell'ambito del 5G”. Dimostrata ancora una volta la capacità dell'Ateneo di proporre ricerca scientifica di elevato valore nel settore delle comunicazioni di nuova generazione. Coinvolti anche l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, GreenShare, Flosslab, la Regione Sardegna, i comuni di Cagliari, Guspini e Iglesias, il CTM e Abbanoa

Questionario e social

Condividi su: