UniCa UniCa News Notizie Architetti iberici, conferenze di Antonio Ortiz e Joao Alvaro Rocha

Architetti iberici, conferenze di Antonio Ortiz e Joao Alvaro Rocha

Nell’aula magna di via Corte d’Appello il 25 e 26 gennaio
20 gennaio 2010
Nell’aula magna di via Corte d’Appello il 25 e 26 gennaio

facoltà di architettura
 
Cagliari, 20 gennaio 2010 (unicaweb) - La facoltà di Architettura, presieduta dal prof. Antonello Sanna, è sempre più luogo di incontro tra le culture internazionali del progetto. A cominciare dai suoi visiting professor che tengono corsi, laboratori e seminari durante tutto l’anno accademico. In quest’ambito anche i due appuntamenti della prossima settimana: il 25 e 26 gennaio sono in programma le conferenze dello spagnolo Antonio Ortiz e del portoghese Joao Alvaro Rocha, esponenti di assoluto prestigio della scuola iberica che attualmente è tra i leader dell’architettura contemporanea europea.
 
 

AGENDA
 
Aula Magna Facoltà di Architettura
Via Corte D’Appello 87, Cagliari
  • conferenzaFar from home”
    LUNEDI’ 25 GENNAIO 2010 –  h. 10:00
    CRUZ & ORTIZ ARQUITECTOS
    locandina
      
  • conferenzaProgetti”
    MARTEDI’ 26 GENNAIO 2010 –  h. 17:00
    JOAO ALVARO ROCHA
    locandina
 
SCHEDE RELATORI
   
A N T O N I O   O R T I Z
Architetto e professore onorario dell’Università di Siviglia, è esponente tra i più rappresentativi di una delle maggiori scuole spagnole, e non a caso la sua venuta è stata predisposta dal nostro visiting professor Gabriel Verd, allievo di Giullermo Vasquez Consuegra.
Presenterà il lavoro dello studio Cruz & Ortiz Arquitectos, è stato professore ai politecnici di Zurigo e Losanna, nelle Università di Harvard, Cornell e Columbia e nella Escuela de Arquitectura di Pamplona. Ha occupato la Cattedra Kenzo Tange de la G.S.D. di Harvard. A partire dal 2004 è professore onorario dell’Università di Siviglia e occupa la Cattedra Blanca della Escuela de Arquitectura.
Lo studio Cruz y Ortiz Arquitectos, una delle realtà progettuali europee di maggior interesse, ha iniziato l’attività professionale nel 1971 sviluppando una ricerca sulla “forma sintetica” come espressione costitutiva dell’opera architettonica. Alcuni loro progetti sono molto noti: l’ampliamento del Rijksmuseum di Amsterdam, il Padiglione spagnolo per l’Expo di Hannover 2000, lo stadio della Cartuja di Siviglia, l’ampliamento della stazione di Ferrocarril SBB di Basilea, la Biblioteca Pública di Siviglia, lo stadio della Comunidad di Madrid, la stazione di autobus di Huelva, la Estación di Ferrocarril di Santa Justa a Siviglia e l’edificio residenziale nella Calle Doña María Coronel, sempre a Siviglia. Nel corso della loro carriera hanno ricevuto numerosi riconoscimenti nazionali ed internazionali, tra i quali il Premio Nazionale di Architettura spagnola, il Premio Ciudad di Madrid, Brunel 92 International Award, il Premio Construmat. Nel 1997 hanno ricevuto la Medaglia Oro di Andalucía.
 
J O A O   A L V A R O   R O C H A
Esponente prestigioso della scuola di Porto - che a Cagliari tiene il Laboratorio di progettazione del terzo anno - traccerà un quadro dei suoi progetti recenti, che lo vedono impegnato in varie città europee sul tema dell’architettura per i luoghi del traffico e dei trasporti.
Joao Alvaro Rocha (Viana de Castelo, 1959) è considerato uno dei principali esponenti della nuova generazione di architetti portoghesi che si sono formati nella cultura della Scuola di Porto e intorno ai maestri della moderna architettura portoghese. Il suo lavoro è rigoroso, essenziale, carico di riferimenti alla tradizione del moderno senza mai cadere nella facile citazione linguistica: la capacità di combinare il linguaggio architettonico moderno con materiali tradizionali, come il legno o la pietra a vista, gli permette di creare edifici contemporanei, in una dimensione con il passato e la tradizione che riecheggia la migliore lezione dei maestri.
La sua opera, pubblicata nelle principali riviste internazionali e in opere monografiche, è stata esposta in varie occasioni (Triennale di Milano; Biennale de São Paulo, ecc.): spazia dal progetto di abitazioni monofamiliari e di edilizia abitativa collettiva e sociale, a nuovi spazi pubblici e grandi progetti urbani, uniti in una costante attenzione al particolare e un controllo nei processi costruttivi.
Ha ricevuto numerosi premi nazionali ed internazionali, tra i quali il Premio Nacional de Arquitectura AAP / IPE (1987), Premio Nacional de Arquitectura – AAP – Primeras Obras (1993), il 1º Premio AIA CE DESIGN AWARD (2001), Premio Ugo Rivolta European Architecture Award (2007).
Ha insegnato in alcune delle più prestigiose scuole di architettura, tra le quali Facoltà di Architettura di Oporto (Portogallo), l’Università di Cornell (Usa), Escuela Técnica Superior de Arquitectura di Nancy (Francia), di Granada e di Barcelona UPC-FPC (Spagna).
Attualmente è visiting professor nell’Università di Cagliari, dove tiene il corso di Laboratorio di Progettazione nel terzo anno della Facoltà di Architettura.
 
 

Ultime notizie

26 gennaio 2022

UniCa per la Giornata della Memoria

Visitabile nell’atrio di Palazzo Belgrano fino a fine mese la mostra "A 80 anni dalle leggi razziali": l’esposizione ricostruisce il clima che determinò l’emanazione delle norme per effetto delle quali vennero espulsi Doro Levi, Camillo Viterbo e Alberto Pincherle. Rimandata di qualche mese a causa della pandemia la posa delle tre pietre di inciampo con i loro nomi

24 gennaio 2022

Un pensiero per cancellare la violenza di genere

La Facoltà di Ingegneria e Architettura lancia un concorso di idee per individuare una citazione che rappresenti in modo significativo la campagna di sensibilizzazione nei confronti del contrasto alla violenza di genere. La frase prescelta sarà incisa su una targa collocata in prossimità della panchina rossa nel giardino della Facoltà, dipinta il 25 novembre scorso in occasione della manifestazione “Una pennellata per cancellare la violenza di genere”. RASSEGNA STAMPA

20 gennaio 2022

Ricerca, tra sostenibilità, pratiche e materiali innovativi in edilizia

Domani pomeriggio, la quarta conferenza curata dai ricercatori del Dicaar inquadra le dinamiche inerenti il settore delle costruzioni. Dalla riduzione dei consumi ad approcci sistemici e multidisciplinari passando per modelli circolari ed emissioni climateranti. All’evento prendono parte specialisti ed esperti di atenei d’oltre Tirreno. I lavori si possono seguire in diretta streaming

Questionario e social

Condividi su: