UniCa UniCa News Notizie Medical Development in Europe

Medical Development in Europe

Da lunedì 11 gennaio al via, in facoltà di Medicina, un corso elettivo internazionale
08 gennaio 2010
Si terrà a Cagliari tra lunedì 11 e venerdì 15 gennaio l’ultimo modulo del corso internazionale “Medical Development in Europe”. Si tratta dell’ultima parte dell’iniziativa nata dalla collaborazione tra le facoltà di Medicina dell’Università di Cagliari, del Karolinska Institute di Stoccolma (Svezia) e la Facoltà di Medicina Jagiellonska di Cracovia (Polonia).
 
 
I contenuti del corso affrontano argomenti appartenenti non solo alla sfera medica in senso stretto, ma anche di carattere più generale, tali da fornire agli studenti del Nord, Centro e Sud Europa un’idea complessiva del sistema sanitario europeo e della legislazione sanitaria in vigore nelle tre diverse nazioni appartenenti alla Comunità europea.
 
 
Lo scopo del corso – giunto alla seconda edizione - è infatti fornire una più ampia conoscenza degli aspetti medici a livello internazionale, in modo da favorire una più rapida e completa integrazione dei laureati in Medicina dei diversi Paesi. Vengono affrontati anche argomenti raramente presenti negli obiettivi didattici delle singole Facoltà di Medicina, come ad esempio la compilazione di progetti di ricerca finanziati dalla Comunità europea. La prima edizione del corso si è svolta nel 2009 e ha visto la partecipazione di dodici studenti; quest’anno hanno partecipato 12 studenti svedesi, 5 polacchi e 5 cagliaritani, un numero quasi doppio rispetto a quello dell’anno precedente, a dimostrazione del successo del progetto.
 
 
Nell’ambito del corso, gli studenti selezionati nelle tre diverse sedi (a Cagliari gli studenti sono stati selezionati in seguito a bando regolarmente pubblicato sul sito della Facoltà), seguono tre moduli spostandosi da una sede all’altra (dal 15 al 20 dicembre il corso si è svolto a Stoccolma, dal 6 al 9 gennaio a Cracovia, dall’11 al 15 gennaio a Cagliari), proprio per verificare di persona le modalità organizzative e il tipo di didattica svolta nelle diverse sedi.
 
 
Il corso si concluderà a Cagliari con una serie di relazioni di docenti della Facoltà cagliaritana di Medicina e con la visita ai reparti delle Cliniche Universitarie. L’ultima giornata sarà dedicata all’espletamento di “supercases”: gli studenti affronteranno problematiche cliniche, individuate dagli organizzatori del corso, riguardanti le possibili differenze in termini di patologie presenti nelle tre diverse nazioni. La preparazione delle relazioni finali sarà interamente affidata agli studenti che dovranno, partendo dal tema individuato, procurarsi il materiale necessario per le relazioni, attraverso un lavoro di tipo informatico sulle pagine web afferenti al sito della Comunità Europea.
“Medical Development in Europe” è probabilmente l’unico esempio, in Italia - con l’eccezione della Facoltà di Medicina di Firenze che partecipa, insieme alla Facoltà di Medicina di Kaunas (Lituania) ad una iniziativa simile - di un corso internazionale “itinerante” e costituisce uno dei ponti con i quali l’Ateneo supera le barriere nazionali proponendosi a livello europeo.
 
 
Il corso è organizzato dai prof. Hans Gillenhammer (Stoccolma), Tomasz Brzozowski (Cracovia) e Amedeo Columbano (Cagliari). Dà diritto a 6 ECTS (Crediti Formativi Europei), e ha avuto il pieno supporto della Facoltà, in particolare del preside prof. Mario Piga, del Presidente del Corso di Laurea di Medicina e Chirurgia, prof. Luigi Demelia e dei numerosi docenti responsabili delle relazioni e delle cliniche che accoglieranno gli studenti. Alla riuscita del corso ha attivamente contribuito l’associazione studentesca ISAWO.
 
 
Il programma dettagliato delle giornate del corso è consultabile cliccando qui 

Ultime notizie

26 gennaio 2022

UniCa per la Giornata della Memoria

Visitabile nell’atrio di Palazzo Belgrano fino a fine mese la mostra "A 80 anni dalle leggi razziali": l’esposizione ricostruisce il clima che determinò l’emanazione delle norme per effetto delle quali vennero espulsi Doro Levi, Camillo Viterbo e Alberto Pincherle. Rimandata di qualche mese a causa della pandemia la posa delle tre pietre di inciampo con i loro nomi

24 gennaio 2022

Un pensiero per cancellare la violenza di genere

La Facoltà di Ingegneria e Architettura lancia un concorso di idee per individuare una citazione che rappresenti in modo significativo la campagna di sensibilizzazione nei confronti del contrasto alla violenza di genere. La frase prescelta sarà incisa su una targa collocata in prossimità della panchina rossa nel giardino della Facoltà, dipinta il 25 novembre scorso in occasione della manifestazione “Una pennellata per cancellare la violenza di genere”. RASSEGNA STAMPA

20 gennaio 2022

Ricerca, tra sostenibilità, pratiche e materiali innovativi in edilizia

Domani pomeriggio, la quarta conferenza curata dai ricercatori del Dicaar inquadra le dinamiche inerenti il settore delle costruzioni. Dalla riduzione dei consumi ad approcci sistemici e multidisciplinari passando per modelli circolari ed emissioni climateranti. All’evento prendono parte specialisti ed esperti di atenei d’oltre Tirreno. I lavori si possono seguire in diretta streaming

Questionario e social

Condividi su: