UniCa UniCa News Notizie Mussi: presto una legge contro il numero chiuso, bloccati i fondi Prin?

Mussi: presto una legge contro il numero chiuso, bloccati i fondi Prin?

Dichiarazioni del ministro in occasione della sua audizione alla Commissione cultura della Camera
14 giugno 2007
UNIVERSITA’

Mussi: "Basta
col numero chiuso"

Il ministro: "In Italia non c’è un eccesso di studenti rispetto ai docenti: si può reggere il peso didattico con il corpo docente se c’è. L’Europa limita i numeri chiusi, mentre da noi sono oltre mille"

 

Il ministro dell’Università e della Ricerca, Fabio Mussi Roma, 13 giugno 2007 - Tra poco arriverà una legge per impedire il dilagare del numero chiuso nelle università. Lo ha annunciato il ministro dell’Università, Fabio Mussi, a margine della sua audizione in commissione Cultura alla Camera, in risposta all’atteggiamento dei rettori, a cui il ministro aveva già mandato una lettera di indirizzo negli scorsi mesi, che, invece che ridurli, in molti casi hanno aumentato, per il prossimo anno, i corsi ad accesso sbarrato.

"In Italia - spiega Mussi- non c’è un eccesso di studenti rispetto ai docenti: si può reggere il peso didattico con il corpo docente se c’è". In più, continua il ministro, "l’Europa limita i campi in cui sono obbligatori numeri chiusi, mentre da noi, solo lo scorso anno, i posti a numero chiuso erano oltre mille".
 
Per questo, il ministro aveva inviato una lettera di orientamento ai rettori: "Ma, se questo orientamento non viene autonomamente condiviso- afferma il ministro - si farà una legge". Secondo il ministro c’è bisogno "di più studenti e più laureati, perchè ne abbiamo pochi rispetto alla media Ue e, quindi, non c’è alcun bisogno di ’disboscare’".

Fonte: http://qn.quotidiano.net

Bloccati i fondi per i progetti di base
In totale si tratta di 160 mln di euro

 

 

Roma, 13 giu. (Apcom) - Il bando per i fondi ai progetti di ricerca di interesse nazionale (Prin), potrebbe saltare. A lanciare l’allarme è direttamente il ministro dell’Università e Ricerca Fabio Mussi.
Durante un’audizione in commissione Cultura alla Camera questo pomeriggio il ministro spiega che il bando è pronto da tempo, ma i soldi per il Prin sono sostanzialmente bloccati per un vincolo contenuto nella Finanziaria all’articolo 738. Si tratta di 160milioni di euro.
Di tale urgenza Mussi ne ha già parlato "sia con il presidente Prodi che con il ministro Tommaso Padoa SChioppa". MA per ora nulla di fatto.
"I Prin - sottolinea il ministro - sono una delle principali fonti di alimentazione della ricerca pubblica di base universitaria e non". L’ultima Finanziaria di Berlusconi aveva portato a zero, nella previsione per il 2008, i fondi Prin. All’epoca di fondi ce n’erano tre sotto la vigilanza del ministero dell’Università. I Far, i Firb e i Prin. Sul bilancio erano rimasti solo 100mln euro per i Firb. Poi la Finanziaria del governo Prodi ha provveduto, spiega Mussi, ad "unificarli nel solo fondo First (Fondo Interno per la Ricerca Scientifica e Tecnologica), con un’aggiunta 960mln di euro in 3 anni. Nella manovra questa cifra c’è scritta - ricorda Mussi - e dentro questa somma c’e’ anche la parte dei vecchi Prin".

Fonte: Apcom

Ultime notizie

03 febbraio 2023

Addio all'architetto Giovanni Carbonara

Si è spento mercoledì primo febbraio a Roma il professor Giovanni Carbonara, maestro di restauro, capofila della cosiddetta “scuola romana”. Aveva ottant’anni. Il prossimo 31 maggio avrebbe dovuto essere a Cagliari, ospite della Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio del nostro ateneo. Pubblichiamo un suo ricordo a cura delle docenti Caterina Giannattasio, Donatella Rita Fiorino e Valentina Pintus.

03 febbraio 2023

Cure palliative e terapia del dolore: concluso il primo Master di UniCa

Il traguardo raggiunto ieri nell’aula magna di Palazzo Belgrano, con la discussione di una parte delle tesi del master di primo livello diretto dal professor Gabriele Finco. Presenti per l’occasione il rettore Francesco Mola, l’assessore regionale alla sanità Carlo Doria, l’assessora comunale alle politiche sociali, benessere e famiglia Viviana Lantini, il presidente della società italiana cure palliative Gino Gobber e, per l’Aou, la direttrice generale Chiara Seazzu e il direttore sanitario Giancarlo Angioni

31 gennaio 2023

PREMI ERC. Le ricerche di Miriam Melis al top in Europa

NEUROSCIENZE. L’ateneo tra le università e centri scientifici di grande prestigio internazionale. Il riconoscimento di eccellenza alla professoressa del dipartimento di Scienze biomediche porta a Cagliari un finanziamento di circa 2 milioni di euro per il proseguo degli studi sulla dopamina e sulla sua importanza nei meccanismi di elaborazione degli stimoli sensoriali e nell’ambito dei disturbi inerenti apprendimento, sviluppo, comportamento e interazioni sociali. RASSEGNA STAMPA

30 gennaio 2023

La forza del ricordo come antidoto al male

Una foltissima partecipazione lunedì 30 al convegno organizzato dall'ateneo per il Giorno della Memoria. Autorità civili, militari e religiose, tantissimi studenti a simboleggiare il passaggio del testimone per continuare a non dimenticare l'orrore dell'Olocausto. Gli interventi del rettore Francesco Mola, del direttore del quotidiano La Repubblica Maurizio Molinari, del professor Michele Camerota, del presidente della Regione Christian Solinas, dell'assessora alla pubblica istruzione del comune di Cagliari Marina Adamo. Al termine della manifestazione è stata scoperta la targa commemorativa in onore di Davide Teodoro Levi, Alberto Pincherle, Camillo Viterbo, i tre docenti di UniCa colpiti dalle leggi razziali del '38. SERVIZIO, PHOTOGALLERY E VIDEO INTERVISTE

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie