UniCa UniCa News Notizie Doppia valutazione per selezionare i candidati dei concorsi universitari

Doppia valutazione per selezionare i candidati dei concorsi universitari

Concorsi locali basati su un mix di valutazione esterna e interna con giudizio finale dell’Anvur
06 maggio 2007
Concorsi locali basati su un mix di valutazione esterna e interna. Sui quali peserà, poi, il giudizio finale dell’Anvur, la neonata agenzia di valutazione dell’università e della ricerca. Sono le nuove procedure per il reclutamento dei ricercatori universitari contenute nello schema di regolamento che ieri il ministro dell’Università, Fabio Mussi, ha inviato al Consiglio universitario nazionale (Cun) e alla Conferenza dei rettori (Crui) per il previsto parere. Secondo le previsioni del ministero, nei prossimi tre anni il provvedimento aprirà le porte delle università a oltre 3.200 giovani. Il dicastero impegnerà a regime fondi per 80 milioni, necessari all’assunzione di 1.600 ricercatori. Ma le nuove norme prevedono l’obbligo per gli atenei di bandire almeno altrettanti 1.600 posti, da far valere sui propri bilanci, e il ministero assicura che in tre anni si potrà arrivare a 4mila nuove assunzioni. «Cambiano le regoledei concorsi — ha spiegato Mussi — perché i candidati saranno valutati da revisori anonimi, alle commissioni interne arriverà solo un quarto di questi candidati e le università si prenderanno la responsabilità di scegliere».Ma il regolamento nasce anche con l’obiettivo di combattere gli episodi di malcostume, come il recente episodio di avance sessuali in cambio di un assegno diricerca all’università di Bari, contro il quale «il ministero —ha detto Mussi —si è costituito parte civile».
La delega per la riforma è contenuta nella Finanziaria, che ha affidato al ministero il compito di riorganizzare il sistema di reclutamento secondo criteri «celeri,trasparenti e allineati agli standard europei».
Il provvedimento elaborato da Mussi abolisce le prove scritte e orali e punta alla valutazione della produzione scientifica del candidato, che potrà inoltrare la domanda di partecipazione al concorso direttamente dai siti web del ministero e dell’ateneo. Questa semplificazione aumenterà — dice il ministero — le possibilità di partecipazione alle sessioni anche di candidati esterni alla sede di concorso, sia italiani che stranieri.
Gli aspiranti ricercatori dovranno essere in possesso del titolo di dottore di ricerca — anche se conseguito all’estero — ma saranno ammessi anche gli studiosi che vantano attività di ricerca con contratti o assegni di durata almeno quadriennale. Le sessioni di concorso avranno cadenza semestrale e i bandi dovranno essere emanati dal rettore entro il 31 maggio e il 30 novembre di ogni anno e pubblicati sul sito web dell’ateneo e sulla Gazzetta Ufficiale entro il 10 giugno e il 10 dicembre.Iltermine per la presentazione delle domande di partecipazione non potrà avere una scadenza inferiore ai 60 giorni dalla pubblicazione. Le selezioni saranno organizzate per "macro settori" disciplinari, aggregati in base all’affinità: il ministero sta lavorando per ridurre i settori dagli attuali 370 a 100.
Se l’utilizzo di internet snellirà le procedure ed eviterà le lungaggini burocratiche fatte di documenti e carte bollate, non meno innovativa risulta la valutazione degli aspiranti ricercatori, che sarà articolata su due livelli, uno esterno e uno interno all’ateneo. Il primo passo è il giudizio di 7 referee, cioè revisori esterni (5 italiani e due stranieri), sorteggiati da liste tenute e aggiornate dall’Anvur. Ma fino all’effettiva operatività dell’Agenzia, tale compito sarà affidato al Civr, il Comitato per la valutazione della ricerca. Ogni referee esprime un proprio giudizio anonimo sul candidato e redige una prima graduatoria, che viene successivamente sottoposta all’esame della commissione interna, formata da 7 docenti di ruolo dell’ateneo che bandisce il concorso, 3 titolari della disciplina interessata e 4 di altre discipline. A questo punto, i commissari redigono — anche in base ai voti dei revisori esterni — una graduatoria dei candidati, che saranno chiamati a tenere un seminario pubblico. Solo allora si potrà stilare laclassifica finale per la scelta del vincitore. Sarà l’Anvur, poi, con cadenza annuale o triennale, a verificare la qualità del reclutamento e, in caso di esito negativo, l’ammontare dello stipendio del ricercatore potrà essere sottratto dal finanziamento dell’ateneo.
Dopo ipareridi Cun e Crui,ilregolamento passerà all’esame della Corte dei Conti, per giungere in Gazzetta Ufficiale — prevede il ministero — entro la fine di giugno. «Nessuna legge può far diventare onesti i concorsi — dice il sottosegretario all’Università,Luciano Modica — ma questo provvedimento offre agli atenei strumenti per migliorare la qualità del reclutamento».

Alessia Tripodi
 
da


Ultime notizie

03 febbraio 2023

Cure palliative e terapia del dolore: concluso il primo Master di UniCa

Il traguardo raggiunto ieri nell’aula magna di Palazzo Belgrano, con la discussione di una parte delle tesi del master di primo livello diretto dal professor Gabriele Finco. Presenti per l’occasione il rettore Francesco Mola, l’assessore regionale alla sanità Carlo Doria, l’assessora comunale alle politiche sociali, benessere e famiglia Viviana Lantini, il presidente della società italiana cure palliative Gino Gobber e, per l’Aou, la direttrice generale Chiara Seazzu e il direttore sanitario Giancarlo Angioni

03 febbraio 2023

Addio all'architetto Giovanni Carbonara

Si è spento mercoledì primo febbraio a Roma il professor Giovanni Carbonara, maestro di restauro, capofila della cosiddetta “scuola romana”. Aveva ottant’anni. Il prossimo 31 maggio avrebbe dovuto essere a Cagliari, ospite della Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio del nostro ateneo. Pubblichiamo un suo ricordo a cura delle docenti Caterina Giannattasio, Donatella Rita Fiorino e Valentina Pintus.

31 gennaio 2023

PREMI ERC. Le ricerche di Miriam Melis al top in Europa

NEUROSCIENZE. L’ateneo tra le università e centri scientifici di grande prestigio internazionale. Il riconoscimento di eccellenza alla professoressa del dipartimento di Scienze biomediche porta a Cagliari un finanziamento di circa 2 milioni di euro per il proseguo degli studi sulla dopamina e sulla sua importanza nei meccanismi di elaborazione degli stimoli sensoriali e nell’ambito dei disturbi inerenti apprendimento, sviluppo, comportamento e interazioni sociali. RASSEGNA STAMPA

30 gennaio 2023

La forza del ricordo come antidoto al male

Una foltissima partecipazione lunedì 30 al convegno organizzato dall'ateneo per il Giorno della Memoria. Autorità civili, militari e religiose, tantissimi studenti a simboleggiare il passaggio del testimone per continuare a non dimenticare l'orrore dell'Olocausto. Gli interventi del rettore Francesco Mola, del direttore del quotidiano La Repubblica Maurizio Molinari, del professor Michele Camerota, del presidente della Regione Christian Solinas, dell'assessora alla pubblica istruzione del comune di Cagliari Marina Adamo. Al termine della manifestazione è stata scoperta la targa commemorativa in onore di Davide Teodoro Levi, Alberto Pincherle, Camillo Viterbo, i tre docenti di UniCa colpiti dalle leggi razziali del '38. SERVIZIO, PHOTOGALLERY E VIDEO INTERVISTE

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie