UniCa UniCa News Notizie Il 64% dei diplomati vuole diventare matricola

Il 64% dei diplomati vuole diventare matricola

Secondo i due rapporti annuali di AlmaDiploma, realizzati in collaborazione con il consorzio interuniversitario AlmaLaurea
18 aprile 2007
Bologna, 18 apr. (Adnkronos/Labitalia) - Conclusi gli studi secondari superiori, i diplomati si dividono in tre categorie: gli studenti che intendono iscriversi all’universita’, che rappresentano il 64% dei diplomati, coloro che non proseguono gli studi e si avviano verso un’attivita’ lavorativa (opzione indicata nel 28% dei casi) e i diplomati che intendono svolgere un tirocinio o un’altra attivita’ di qualificazione al di fuori dell’universita’ (6%). E’ quanto emerge dai due rapporti annuali di AlmaDiploma, realizzati in collaborazione con il consorzio interuniversitario AlmaLaurea, sul ’Profilo dei diplomati e sui loro sbocchi professionali e formativi’, presentati oggi a Bologna, in occasione della quarta edizione del convegno nazionale ’Prima e dopo il diploma. Le caratteristiche e le scelte dei diplomati fra universita’, formazione e lavoro’.
Dal punto di vista delle prospettive post-diploma, le caratterizzazioni dei percorsi di studio sono nettissime. Tutti e tre i diplomi liceali preludono chiaramente allo studio universitario: il 96% dei diplomati 2006 nei licei ha intenzione di iscriversi a un corso di laurea (erano il 91% nel 2005).
Negli indirizzi tecnici, invece, la scelta prevalente rimane l’iscrizione all’universita’ (58%), ma sono numerosi anche coloro che non intendono proseguire gli studi (35%). Negli indirizzi professionali, infine, i diplomati che non intendono proseguire gli studi (58%) superano gli studenti che andranno all’universita’ (31%).
Indipendentemente dall’impegno in attivita’ formative, a un anno dal conseguimento del titolo risultano occupati 43 diplomati su 100: questa percentuale raggiunge il suo massimo in corrispondenza dei diplomati professionali (66%), mentre tocca il minimo tra i liceali (25%). Questi ultimi svolgono soprattutto attivita’ occasionali, saltuarie, che coniugano con l’impegno principale, quello universitario: per tale motivo sono molto piu’ frequenti tra i liceali i lavori senza contratto (34%), rispetto a quanto non avvenga tra i diplomati degli istituti tecnici (9%) o professionali (7%).
Sono piu’ diffuse le attivita’ stabili (ovvero i contratti a tempo indeterminato e le attivita’ autonome effettive) tra i diplomati del professionale (24%) e del tecnico (20%) rispetto a quelli del liceo (15%).
Nel complesso, la forma contrattuale piu’ diffusa tra i diplomati e’ l’apprendistato, che coinvolge il 37% di coloro che lavorano, ma che raggiunge il valore massimo tra gli occupati del professionale (46%) e del tecnico (39%), mentre scende considerevolmente, sempre per le motivazioni sopra descritte, tra i liceali (13%).
I diplomati che lavorano, secondo l’indagine Almadiploma, guadagnano in media 740 euro mensili netti. Il 57% dei diplomati ritiene che il proprio guadagno sia adeguato al titolo conseguito e il 78% pensa che sia adeguato alla posizione ricoperta. I diplomati liceali riconoscono frequentemente che la retribuzione sia adeguata alla posizione ricoperta, ma ritengono che non sia abbastanza per il titolo conseguito.
Nel complesso, i diplomati occupati sono discretamente soddisfatti del lavoro svolto: in media il giudizio (sulla scala 1-10) e’ pari a 7,6. I diplomati del liceo, coerentemente col tipo di lavoro svolto, di carattere occasionale, sono lievemente meno appagati dei compagni degli altri percorsi di studio. Cio’ vale, in particolare, per la coerenza del lavoro rispetto agli studi secondari compiuti e per le prospettive di guadagno e di carriera. All’opposto, sono piu’ soddisfatti degli altri per il tempo libero.

Fonte: Adnkronos

Ultime notizie

25 novembre 2022

CAREER DAY 2023

Il 12 e il 13 gennaio 2023 sono in calendario le due giornate organizzate dall’Università di Cagliari con l’Assessorato regionale del Lavoro e con l’Agenzia sarda per le politiche attive del lavoro (Aspal) per favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Da una parte laureati/e, studenti e studentesse di UniCa e dall’altra le imprese del territorio impegnate nella ricerca di giovani preparati per garantire un apporto innovativo alle esigenze aziendali presenti e future

25 novembre 2022

25 novembre, giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

Si rinnova l’appuntamento con la ricorrenza istituita dall’assemblea delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1999. Numerose le iniziative che coinvolgono la nostra università. Ester Cois, delegata del Rettore per l’Uguaglianza di genere e presidente del Comitato unico di garanzia di UniCa, spiega: “Tenere viva l’attenzione di tutta la comunità d’ateneo - personale docente e ricercatore, personale tecnico amministrativo e bibliotecario, corpo studentesco - sul tema della diffusione di una cultura improntata sui principi dell’equità, dell’intersezionalità, dell’inclusione, della valorizzazione delle differenze”.

23 novembre 2022

Techlog, i simulatori gru, bus e camion del gruppo Trasporti d’ateneo sono strategici per la formazione degli operatori portuali e dell’autotrasporto

Il progetto internazionale, coordinato dagli specialisti dell’Università di Cagliari, è sbarcato in Tunisia per il lancio del Living lab che aggrega atenei, camere di commercio, imprese e operatori di cinque Paesi europei. I lavori - finanziati con tre milioni e mezzo di euro - si sono chiusi con successo. “Lavoriamo su analisi e soluzioni per trasferimento tecnologico, logistica, efficientamento, guida sicura ed ecologica nei porti, con importanti ricadute anche per il sistema isolano” dice Gianfranco Fancello. FOTO E VIDEO DELLE DUE GIORNATE

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie