UniCa UniCa News Notizie Un’Agenzia darà le pagelle ad atenei e centri di ricerca

Un’Agenzia darà le pagelle ad atenei e centri di ricerca

Approvato dal Consiglio dei ministri il regolamento dell’Anvur
05 aprile 2007

di Nicoletta Cottone

Semaforo verde per l’Anvur, la nuova «agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca»: arrivano le pagelle per la ricerca e le singole università. Il regolamento è stato approvato dal Consiglio dei ministri. La qualità del lavoro di università ed enti di ricerca sarà controllata e certificata. La conseguenza è che i fondi statali verranno attribuiti solo in base al merito. Il principio di base è semplice: chi lavorerà di più e meglio riceverà più stanziamenti. Negli atenei, facoltà, dipartimenti, corsi di studio (master e dottorati compresi) e docenti e saranno messi sotto la lente di ingrandimento. Sotto l’obiettivo anche centri e consorzi interuniversitari e consorzi per la ricerca.
L’Anvur manderà in pensione gli organi di valutazione attualmente esistenti: il Civr (Comitato di indirizzo per la valutazione della ricerca) e il Cnvsu (Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario). Roma sarà sede dell’agenzia, che sarà un soggetto «terzo», come ha sottolineato il ministro dell’Università e della ricerca fabio Mussi, per garantire valutazioni oggettive.
L’Anvur, come spiega il testo del regolamento, avrà la «missione di promuovere la qualità del sistema italiano delle università e della ricerca», opererà in base a principi di «imparzialità, professionalità, trasparenza e pubblicità degli atti» e dovrà essere «pienamente indipendente» nella sua attività. I parametri di valutazione e i metodi avranno un carattere europeo.

Il ministro Mussi ha anche annunciato che è alla firma il nuovo regolamento per
i nuovi concorsi dei ricercatori. Le parole chiave sono «giovani» e «merito», per eliminare gli «effetti collaterali dei vecchi concorsi: cordate, localismo, nepotismo».
I fondi previsti, 20, 40 e 60 milioni di euro stanziati rispettivamente per il prossimo triennio, si traducono direttamente in 2000 posti di lavoro, «che potrebbero lievitare fino a 4mila considerando il cofinanziamento degli atenei».
A regime ci saranno due tornate di concorsi l’anno, e selezioni nella quale in una prima fase i candidati verranno valutati anonimamente da una rosa di esperti nazionali e internazionali. Le commissioni degli atenei valuteranno i curricula, le lettere di presentazione e i seminari tenuti dai candidati. Ci sarà solo un vincitore per ogni posto disponibile, addio, dunque, alle liste infinite degli idonei.


nicoletta.cottone@ilsole24ore.com
Fonte: http://www.ilsole24ore.com


Ultime notizie

08 dicembre 2022

Chiusura uffici del 9 dicembre

Per il ponte dell'Immacolata 2022 le strutture dell’amministrazione centrale dell’Università di Cagliari resteranno chiuse nella giornata di venerdì 9 e riapriranno regolarmente lunedì 12 dicembre. Nel periodo delle festività di fine e inizio anno gli uffici osserveranno chiusure per ferie nei giorni 23, 27, 30 del mese di dicembre e, a gennaio 2023, nei giorni 2 e 5

06 dicembre 2022

Laureandi dell’Università di Cagliari a Ecomondo

Transizione ecologica e innovazione tecnologica, i corsi di UniCa precorrono i tempi e preparano gli specialisti per un mondo più sostenibile e vivibile. Report della visita tecnica di studentesse e studenti del corso di laurea magistrale in Ingegneria ambientale per lo sviluppo sostenibile dell’ateneo agli stand dell’esposizione internazionale che si è svolta a Rimini dal 10 al 12 novembre scorso. Ad accompagnare e guidare il gruppo il professor Aldo Muntoni (Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e architettura)

06 dicembre 2022

CAREER DAY 2023 (#incontrailtuofuturo). Aperte le registrazioni ai colloqui di selezione

Il 12 e il 13 gennaio 2023 sono in calendario le due giornate organizzate dall’Università di Cagliari con l’Assessorato regionale del Lavoro e con l’Agenzia sarda per le politiche attive del lavoro (Aspal) per favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Da una parte laureati/e, studenti e studentesse di UniCa e dall’altra le imprese del territorio impegnate nella ricerca di giovani preparati per garantire un apporto innovativo alle esigenze aziendali presenti e future. CHALLENGE A PREMI: IL 28 DICEMBRE LA SCADENZA PER PARTECIPARE ALLE "SFIDE"

06 dicembre 2022

Piano nazionale di ripresa e resilienza, 85 milioni di euro per i progetti curati da UniCa

Approvate da Senato accademico e Cda le nomine dei ventidue referenti scientifici dell’ateneo di Cagliari per il Pnrr. Mobilità sostenibile, terapie geniche, scenari energetici, rischi ambientali, malattie infettive, biofarmacologia, economia, medicina di previsione, ecosistema dell’innovazione e cybersecurity tra gli ambiti delle ricerche

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie