UniCa UniCa News Notizie Torino: nel futuro dell’Ateneo negozi e l’asilo nido per studenti e prof

Torino: nel futuro dell’Ateneo negozi e l’asilo nido per studenti e prof

Tre mega progetti discussi dal consiglio d’amministrazione dell’Università
28 febbraio 2007

di GIOVANNA FAVRO

TORINO
Una galleria commerciale in vetro e acciaio grande quanto galleria San Federico, tre piani di parcheggio interrato che salveranno l’antico bastione delle mura cittadine e altrettanti piani in 13 mila 500 metri quadri di superficie per un edificio ultramoderno che ospiterà servizi, sale studio, bar, mensa studentesca, e pure asilo nido e residenze a disposizione degli universitari.

E’ il futuro di piazzale Aldo Moro, fra via Verdi e via Sant’Ottavio, dove il «palazzetto Aldo Moro» verrà interamente demolito. Non è tutto. Riparte il progetto di campus scientifico da 245 milioni a Grugliasco, dove si collocheranno, accanto alle facoltà di Agraria e Veterinaria, Scienze e Farmacia, e dove traslocherà anche l’Istituto Zooprofilattico, che aumenterà i propri spazi a 20 mila metri quadri. E ancora: all’ex Fimit (Manifattura Tabacchi) si collocherà la Suism, e con essa un polo medico, impianti sportivi, residenze, e anche un centro che certificherà materiali e attrezzature sportive.

Sono i tre mega progetti discussi ieri dal consiglio d’amministrazione dell’Università. Tre partite multimilionarie di sviluppo edilizio che per il rettore Ezio Pelizzetti «creeranno un ulteriore salto di qualità di un ateneo moderno e funzionale, attento, oltre che alla scienza e alla didattica, alla socialità e al recupero urbano».

Per piazzale Aldo Moro, Pelizzetti e il vicerettore Salvatore Coluccia hanno discusso nella commissione edilizia del cda 4 progetti. La scelta è caduta su quello di Rosso costruzioni e «CCC» (Consorzio cooperative costruzioni), che lo realizzerà in project financing: sorgerà un edificio ad «L», con mille metri quadri di galleria commerciale coperta, per librerie e altri negozi coerenti con le attività dell’ateneo. Non sarà la sola forma di matrimonio con i privati, perché nei 3 piani di parcheggi sotterranei (12.900 mq) ci saranno anche circa 200 box auto da cedere ai residenti.

Sopra al parcheggio - che risparmierà e tutelerà il bastione seicentesco delle antiche mura di Torino - sarà realizzata una piazza aperta al passeggio cittadino, con mensa, bar, sale studio, servizi per i disabili, 3 mila e 200 metri quadri di residenze e 700 di asilo nido per i figli di studentesse, docenti e dipendenti.

Quanto alla Suism, il rettore ricorda che «con i suoi 2 mila studenti è la più grande scuola di Scienze motorie d’Italia, con molti iscritti da fuori regione: rafforziamo il primato italiano costruendo anche, accanto al centro medico, impianti sportivi e, in accordo con Regione, Finpiemonte e Camera di commercio, il primo centro italiano per la certificazione dei materiali sportivi, attività per la quale oggi le aziende si rivolgono all’estero».

Coluccia: «Sarà un polo di eccellenza di ricerca e formazione, a disposizione anche del quartiere per le attività sportive». I tempi? «Grugliasco sarà consegnato nel 2011»; il 2009 è la data di piazzale Aldo Moro: «Entro 12-18 mesi sarà demolito il Palazzetto. Aumenteremo la dotazione di aule con il recupero di quelle a Torino Esposizioni, in attesa del termine dei lavori per Giurisprudenza e Scienze politiche sull’ex area Italgas».

Fonte: http://www.lastampa.it


Ultime notizie

01 ottobre 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemila presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una cinquantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 settembre 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

28 settembre 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 settembre 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie