UniCa UniCa News Notizie Torino: Tv d’Ateneo per le Universiadi

Torino: Tv d’Ateneo per le Universiadi

Sole 24 Ore: Extracampus, la tv dell’Università, che ha il suo quartier generale nell’ateneo torinese, a Palazzo Nuovo, potrà fare la telecronaca dell’evento studentesco mondiale e del suo ricco palinsesto culturale da un punto di osservazione privilegiato
15 gennaio 2007
Dal 17 al 27 gennaio 2007 a Torino più di 2.500 atleti universitari e 2.000 rappresentanti di atenei stranieri


 
 
  
L’Università racconta in tv le Universiadi
 

15 gennaio 2007. "Dentro la notizia", anzi, "più dentro che mai", come nel famoso film sul giornalismo di fine anni ’80 interpretato da Jack Nicholson. Dal 17 al 27 gennaio, Extracampus, la tv dell’Università, che ha il suo quartier generale nell’ateneo torinese, a Palazzo Nuovo, potrà fare la telecronaca dell’evento studentesco mondiale e del suo ricco palinsesto culturale da un punto di osservazione privilegiato. Sì, perché tutto si svolge proprio sotto casa, o, per meglio dire, "sotto Casa Universiade", ubicata nelle aule di Palazzetto Aldo Moro, a pochi metri dalla redazione. I giovani reporter di Extracampus hanno già le telecamere puntate. «Ci saremo, naturalmente - dichiara Gian Paolo Caprettini, docente dell’Università di Torino che dirige la tv - e ci saremo con una produzione significativa, anche se, con il nostro bilancio di esercizio, non abbiamo potuto fare investimenti o contratti speciali per seguire l’evento».
Nessuna colossale diretta per Extracampus?. «Questo no - risponde Caprettini - ma una copertura attenta sì, per raccontare il grande appuntamento con una visione dello sport fatta dal mondo universitario, sensibile agli aspetti culturali. I nostri reportage, dai linguaggi innovativi, saranno circuitati in un network di tv universitarie, facendo il giro del mondo senza costi aggiuntivi e permettendoci di accreditarci in Europa». Le Uni-tv di Magonza (Germania), Strasburgo (Francia), Göteborg (Svezia), Warwick (Gran Bretagna) hanno, infatti, da poco siglato un accordo per la messa in rete via web di programmi prodotti dalle università. E la prima applicazione concreta è proprio quella delle Universiadi, che vedono Extracampus, televisione sul digitale terrestre e su internet, con al suo attivo 7mila ore di trasmissioni, 12 format e 20 neolaureati che vi lavorano a contratto, in primissima linea. Pronta a fare la cronaca delle notti bianche, dei grandi concerti rock, dei fatti di sport, costume, cultura, che fanno l’atmosfera di questo grande evento. Con i suoi videogiornalisti in erba, cronisti perfetti in una Casa Universiade, aperta non stop, che ospita La Carpenteria, lo show room dei progetti culturali giovanili, e "Studyinpiemonte", la vetrina degli atenei piemontesi. «Tutte realtà alle quali, sia la radio web, sia la tv universitaria potranno dare visibilità, valorizzandone l’eccellenza» - sottolineano all’assessorato all’Innovazione della Regione Piemonte che, insieme all’Università di Torino, nel 2007 ha finanziato con 350mila euro la tv dell’ateneo. Il messaggio è chiaro: dal 17 gennaio Extracampus, nata come canale dell’Università torinese, ha una nuova mission, diventare la tv dell’intero sistema universitario piemontese e quindi di tutti e quattro gli atenei subalpini.

Laura Carcano
Sole 24 Ore - Sport del 15/01/07
  
 

Ultime notizie

02 ottobre 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemilacinquecento presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una sessantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 settembre 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

28 settembre 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 settembre 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie