UniCa UniCa News Notizie "Dal presidente sorpresa di fine anno" Parla la ricercatrice citata da Napolitano

"Dal presidente sorpresa di fine anno" Parla la ricercatrice citata da Napolitano

Enza Colonna del Cnr di Napoli, &è; stata menzionata nel discorso di fine anno come esempio della "forza morale che anima tante donne" del Sud. E’ una precaria e lavora con un contratto in scadenza il prossimo maggio ad un progetto per identificare geni responsabili delle malattie complesse.
01 gennaio 2007

NAPOLI - "Non lo nego: è stata una sorpresa, una bella sorpresa di fine anno. Sono contenta perché è stata portata all'attenzione della politica la situazione dei giovani ricercatori in Italia". Enza Colonna, 30 anni, ricercatrice del Cnr di Napoli, ieri è stata citata, senza farne il nome, nel discorso di fine anno del presidente Giorgio Napolitano come esempio della "forza morale che anima tante donne" del Sud.

Il capo dello Stato ha incontrato la ricercatrice, originaria di Lavello (in Basilicata) nel corso della sua visita a Napoli lo scorso 27 novembre. Enza Colonna, in quell'occasione, ha illustrato il progetto al quale lavora insieme ad altri colleghi nel laboratorio della dottoressa Graziella Persico. Qualcuno, al termine del discorso, ha detto al Capo dello Stato che lei era precaria, con un contratto in scadenza il prossimo maggio.

"In quell'occasione ho illustrato al presidente il progetto al quale lavoro con l'orgoglio di chi crede nel proprio impegno. Ho tenuto un discorso scientifico in cui non c'e stata una sola parola di lamentazione. La situazione in cui versa la ricerca in Italia è tristemente nota a tutti, e non sembrava il caso di doverlo sottolineare", ha precisato oggi Enza Colonna.

Il progetto al quale prende parte la ricercatrice è iniziato nel 2001 ed ha l'obiettivo di identificare i geni che sono responsabili delle malattie complesse ovvero quelle malattie in cui, come ha spiegato lei stessa Colonna al presidente Napolitano lo scorso 27 novembre "c'è una forte componente ambientale che molto spesso interferisce con la componente genetica e rende problematica l'identificazione dei geni".


"L'approccio che utilizza il nostro progetto è quello delle popolazioni isolate - ha spiegato sempre in quell'occasione la giovane ricercatrice -. Queste popolazioni sono particolarmente indicate per lo studio dei tratti complessi perchè possiedono una eccezionale uniformità genetica ed anche una uniformità ambientale". Al capo dello Stato Enza Colonna ha spiegato che il progetto è iniziato nel 2001 "con uno studio di fattibilità che è stato svolto su diversi comuni del Cilento e questo studio si è basato su un parametro che è l'endogamia che descrive la propensione per matrimoni tra gente dello stesso villaggio". Un approccio che ha permesso di identificare due villaggi "Gioi e Campora che presentavano un tasso di endogamia particolarmente elevato e su questi villaggi abbiamo cominciato uno studio di tipo archivistico".

Fonte: http://www.repubblica.it


Ultime notizie

30 settembre 2022

Sharper 2022, la ricerca tra futuro del cibo e del clima, lauree in carcere, bullismo, fakenews, crisi idrica, farmaci anti cancro, scarti e materiali innovativi

Oggi l’Orto botanico ospita la Notte delle ricercatrici e dei ricercatori. Stili di vita, robotica, astronomia, fascino della fisica e della matematica. Oltre cinquanta tra eventi, talk, esperimenti divulgativi e giochi per i bimbi curati da specialisti e partner dell’ateneo. Prevista anche una caccia al tesoro scientifica. Ieri a Massama il rettore Francesco Mola ha presenziato alla discussione della tesi in Scienze economiche di un detenuto

29 settembre 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

28 settembre 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 settembre 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie