UniCa UniCa News Notizie Dieci anni di università a Monteponi

Dieci anni di università a Monteponi

Tre i corsi di laurea: Scienza dei materiali, Informatica e Ingegneria ambientale. Con il decimo anniversario il 20 dicembre si festeggia nell’aula magna anche il centesimo laureato
16 dicembre 2006
Tre i corsi di laurea: Scienza dei materiali, Informatica e Ingegneria ambientale. Con il decimo anniversario il 20 dicembre si festeggia nell’aula magna anche il centesimo laureato
 
foto: www.scimat.it

16 dicembre 2006 - In questi anni la promozione e la gestione dell'università ad Iglesias è sempre stata supportata dall'Ausi, l'associazione per l'università del Sulcis-Iglesiente costituita il 13 gennaio 1997. Le finalità dell'Ausi sono appunto di realizzare e organizzare la gestione dei servizi per lo svolgimento delle attività didattiche universitarie del Sulcis-Iglesiente e, inoltre, di promuovere iniziative culturali, formative e di ricerca. All'associazione aderiscono i comuni di  Iglesias e Carbonia, il parco geominerario storico ambientale della Sardegna, l' Igea, l'associazione industriale Asvisi (Eurallumina, Alcoa, Igea, Portovesme). La segreteria Ausi si trova nella Palazzina Bellavista a Monteponi. Per informazioni: tel. 0781.259.004, e-mail: ausi.iglesias@tiscali.it.
 
Il Corso di laurea triennale in Scienza dei Materiali, il primo ad essere stato attivato a Monteponi, ha ottenuto la Certificazione di Qualità ISO 9001:2000 per la “Formazione di laureati in Scienza dei Materiali” (certificazione CSQ N. 9175.UDSC del 2003 - certificazione IQNET Registrazione N. IT-31289 del 2003 - conferme certificazione: 2004 - 2005 - 2006). Il Corso, presieduto dal prof. Franco Cristiani, appartiene alla classe 21 delle lauree in Scienze e tecnologie chimiche ed è dotato anche di un sito Internet per l’e-learning.

foto: www.scienzadeimateriali.org
 

  
Rassegna stampa di sabato 16 dicembre 2006
 
La Nuova Sardegna
pagina 9 - Cagliari
L’Università di Monteponi ha dieci anni 
Mercoledì il centesimo laureato, buone le prospettive di lavoro 
Dai semplici diplomi ai certificati di qualità, storia lunga un decennio 
Iglesias. Una crescita insperata anche per i più ottimisti. Invece, l’Università di Monteponi ha tagliato un altro traguardo importante, quello dei dieci anni di attività. Anni pieni di risultati significativi. Non è poco per le tre facoltà, grazie anche alla volontà dei responsabili dell’Ausi (associazione per l’università del Sulcis Iglesiente), dell’Asvis (associazione per lo sviluppo industriale del Sulcis Iglesiente), dell’Igea, dei comuni di Iglesias e Carbonia e del Geoparco.
Il 20 dicembre prossimo in occasione del decimo anno dell’istituzione del primo corso di laurea in scienza dei materiali (alla quale ha fatto seguito informatica e ingegneria ambientale) si festeggia anche l’assegnazione della centesima pergamena ad un nuovo laureato. Un avvenimento storico, un traguardo eccezionale che testimonia l’interesse degli studenti ad iscriversi a Monteponi, diventato centro motore della cultura universitaria. Alle ore 10 di mercoledì prossimo, nell’aula magna, il traguardo dei cento laureati verrà superato subito, perchè nella stessa giornata altri tre studenti discuteranno le tesi che porteranno a 103 il numero dei laureati. Nella fase di avvio, era l’anno 1995-96 si parlava di diploma universitario ma nell’anno accademico 2000-01 il corso è stato convertito in corso di laurea in scienza dei materiali. La qualità dei corsi, l’impegno degli studenti e i servizi forniti hanno permesso all’Ausi di ottenere, nel 2003, il certificato ISO 9001 dal CSQ. Si è partiti in sordina ma con il passare degli anni Monteponi è cresciuta, proponendo corsi di specializzazione in scienze e tecnologie minerarie, fornendo supporto logistico al corsi Forgea, avviando Master in telerilevamento. Anno dopo anno, anche con maggiori disponibilità finanziarie, a Villa Bellavista sono transitati centinaia di ricercatori stranieri, docenti e studiosi di fama internazionale. Negli ultimi anni è sorto anche il laboratorio di geotecnica con specializzazione nei vuoti minerari sussidenti. I primi a credere sul futuro dell’Università del Sulcis Iglesiente che ha affidato all’Ausi corsi di formazione professionale promossi dall’assessorato regionale al lavoro sulla cooperazione e sicurezza sociale. Di anno in anno gli scantinati di Villa Bellavista (opportunamente riadattati) si sono arricchiti di nuovi laboratori, di sofisticate apparecchiature in grado di fornire agli studenti possibilità di ricerca nei settori più avanzati. Sin dalla posa della prima pietra l’università del Sulcis Iglesiente è stata in grado di fornire agli studenti, non residenti, servizi di qualità sia nel campo della ristorazione che nella ricettività. A Monteponi è funzionante (e di ottima qualità, secondo le indicazioni dei più) una mensa convenzionata e una foresteria che è praticamente la casa dello studente. I dirigenti dell’Ausi, nonostante i successi conseguiti, puntano a migliorare la qualità dei servizi e «a migliorare la formazione di una nuova figura professionale molto apprezzata sia in ambito territoriale che nazionale».
 

Ultime notizie

28 settembre 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 settembre 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

27 settembre 2022

BESTMEDGRAPE, al via la conferenza internazionale

L'appuntamento è per martedì 27 settembre dalle 9 nell'Aula magna del Polo di via Marengo: si tratta del progetto finanziato dalla Commissione Europea con oltre tre milioni di euro, guidato dall'Università di Cagliari, che punta a promuovere il riutilizzo degli scarti della vinificazione per ottenere creme di bellezza, integratori e prodotti farmaceutici, creando al contempo nuove opportunità commerciali per giovani imprenditori

27 settembre 2022

La Banca del Germoplasma compie 25 anni

La struttura ospitata all'interno del polmone verde del nostro Ateneo taglia un importante traguardo: giovedì 29 settembre iniziano le celebrazioni nell'Aula Eva Mameli Calvino. BG-SAR, con il suo scrigno di biodiversità a 25 gradi centigradi sotto zero, attualmente custodisce circa 3500 lotti di semi riferibili a circa 1500 taxa vegetali provenienti da numerosi territori del Mediterraneo, specialmente insulari. Una realtà importantissima per la nostra Isola, ma non solo, in cui si confrontano ogni giorno ricercatrici e ricercatori provenienti da tutto il mondo

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie