UniCa UniCa News Notizie Università USA: ricerca dell’Associazione per i diritti degli utenti e consumatori

Università USA: ricerca dell’Associazione per i diritti degli utenti e consumatori

Secondo l’Aduc otto università private americane battono le nostre università pubbliche in quanto a spesa per ogni studente: oltre 157mila euro contro 8mila
20 novembre 2006
R A S S E G N A    W E B
Secondo l’Aduc otto università private americane battono le nostre università pubbliche in quanto a spesa per ogni studente: mediamente oltre 157mila euro investiti negli Usa contro gli 8mila in Italia
  
 
Arezzoweb.it
 
Firenze. Secondo una ricerca dell’Aduc (Associazione per i diritti degli utenti e consumatori), otto piccole università private degli Stati Uniti spendono più di tutti gli atenei pubblici italiani. Sempre secondo questa indagine, la spesa per ogni studente nelle otto università americane è di oltre 157 mila euro, a fronte degli 8 mila euro spesi per gli studenti italiani. Il risultato e’ che queste otto piccole università’ private hanno più’ volumi nelle loro biblioteche di tutte le biblioteche universitarie pubbliche italiane. Mentre le nostre università pubbliche sono state premiate con 6 premi Nobel, le otto piccole università statunitensi ne hanno ricevuti ben 105.
 
Sono dati terrificanti, come ha giustamente commentato il rettore dell’università di Roma 3, Guido Fabiani.
Nonostante gli sforzi di alcuni straordinari ricercatori e docenti, il nostro sistema universitario pubblico è da quarto mondo. Come possiamo mai pensare di stare al passo con Paesi come gli Usa, se l’intero sistema universitario pubblico dell’Italia è lontano anni luce dal competere anche con otto piccole università straniere? L’unica via percorribile, oltre ad investire maggiori risorse pubbliche, e’ aprire ed incentivare gli investimenti privati. In Italia mancano i grandi centri di eccellenza. La gestione dei fondi e’ talvolta fatta in palese conflitto di interesse (qui una interrogazione sui fondi per le staminali: http://www.donatellaporetti.it/intg.php?id=190). I nostri migliori studenti sono costretti ad andare all’estero non solo per trovare lavoro, ma anche per fare ricerca su materie che storicamente dovrebbero essere il nostro cavallo di battaglia. Chi vuole fare ricerca sul rinascimento italiano o sull’opera italiana, oggi deve andare in università straniere, dove poi spessissimo rimane. Sono gli stessi professori universitari a consigliare ai loro migliori studenti di andarsene via dall’Italia.
Se i dati dell’Aduc non sono sufficienti a provocare un dibattito sull’opportunità di trovare altre strade -oltre a chiedere l’elemosina ogni anno in Finanziaria- per ricostruire il nostro sistema universitario, non so cosa altro possa farlo. Invito pertanto tutti i parlamentari a riflettere sul degrado delle nostre università pubbliche, e sulle conseguenze che per generazioni dovremo scontare a causa della quasi totale assenza di formazione di alto livello. Rivolgo un invito anche agli operatori del mondo universitario e della ricerca affinché si facciano promotori di idee e strategie. La mia porta sarà sempre aperta.
 
 


fonte:
http://www.arezzoweb.it/notizie/speciale.asp?anno=2006&idnotizia=2516
 
indagine Aduc: 
 

Ultime notizie

19 maggio 2022

Unica&Imprese, al via l’Agrifood edition 2022

Tecnologie e applicazioni avanzate, prodotti, processi, promozione e commercializzazione. Il confronto tra ricercatori e imprese del territorio coinvolte nell’agroalimentare in Sardegna. “L’Università di Cagliari è da anni impegnata a promuovere e alimentare il processo di produzione di valore fungendo da motore di sviluppo e generatore di innovazione del settore” dice Fabrizio Pilo. Le iscrizioni all’evento del Crea si chiudono il 10 giugno. All'interno il link per formalizzare l'adesione

19 maggio 2022

Il Premio La Marmora a Beppe Severgnini

L’Aula Magna di Palazzo Belgrano ha ospitato la consegna del riconoscimento al giornalista del Corriere della Sera e scrittore, assegnato dai cinque Rotary Club di Cagliari. L’amore per la nostra terra nelle parole del premiato: “Molti sedicenti amici della Sardegna in realtà non la conoscono. Se facessimo un esame a quanti sbarcano nell’Isola, forse staremmo tutti un po’ più larghi”. Quindi l’analisi: “In corso una periferizzazione del pianeta. Chi ha già vissuto in periferia sa già come fare, per questo avete grandi potenzialità”

19 maggio 2022

Amazon Women in Innovation, assegnata la borsa di studio

E' Giorgia Orofino, studentessa nel corso di Ingegneria elettrica, elettronica e informatica, la vincitrice della selezione promossa per il secondo anno dalla multinazionale in collaborazione con l'Università degli Studi di Cagliari. L'iniziativa fa parte del programma Amazon nella Comunità, creato per incentivare e aiutare le giovani donne a intraprendere un percorso di studi e a soddisfare la propria ambizione di lavorare nel settore dell’innovazione e della tecnologia. RASSEGNA STAMPA

18 maggio 2022

Ricerca, quattro dipartimenti dell’Università di Cagliari al top in Italia

Giurisprudenza, Ingegneria elettrica ed elettronica, Matematica e Informatica, Scienze politiche e sociali hanno superato la prima selezione e sono in corsa per entrare nella lista dei 180 Dipartimenti di eccellenza. Confermato il trend positivo dei risultati ottenuti sulla VQR. L’orgoglio dell’Ateneo nelle parole del Rettore Francesco Mola: “Risultato importante e incoraggiante”. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: