UniCa UniCa News Notizie Università e Finanziaria 2007

Università e Finanziaria 2007

Il Tempo: "L’Università italiana &è; come una bomba innescata pronta ad esplodere". La Repubblica: "Università, Napoli guida la protesta, quattromila firme contro la Finanziaria"
26 ottobre 2006
RASSEGNA WEB
 
Il Tempo
L’Università italiana è come una bomba innescata pronta ad esplodere
26.10.2006. E la protesta contro la Finanziaria 2007, a breve, potrebbe riproporre scenari già visti quando al governo c’era il centrodestra e da Nord a Sud s’innalzavano barricate contro la riforma Moratti. La totalità delle sigle e associazioni di docenti, ricercatori e studenti ha già proclamato per il 17 novembre 2006, una giornata di sciopero nazionale nelle Università. Il Cipur(Coordinamento Intersedi Professori Universitari di Ruolo) e l’Uspur (Unione Sindacale Professori Universitari Di Ruolo) hanno, invece, indetto tre giorni di sciopero il 15, 16 e 17 novembre. Ieri contro la manovra fiscale sono state inviate al premier, Romano Prodi, e al ministro dell’Università e della Ricerca, Fabio Mussi, due petizioni, promosse da alcuni docenti dell’Università di Napoli Federico II. In calce la firma di oltre quattromila docenti universitari di ogni grado di molti atenei, compresi numerosi presidi di facoltà, direttori di dipartimento, presidenti di corsi di laurea, membri del Cun. Nei due appelli si chiede al governo di modificare quegli articoli della Finanziaria che prevedono tagli alle risorse per la ricerca e l’università e che decurtano gli stipendi di ricercatori, associati e ordinari, rimandando a un secondo tempo i provvedimenti di riforma del settore. «Sono provvedimenti che penalizzano le Università - spiega il prof Paolo Manzini vicepresidente vicario del Cipur - come la diminuizione delle borse di studio e i fondi per la ricerca. Ma la cosa più avvilente è la proposta del taglio del 50% degli scatti d’anzianità che finora hanno garantito l’avanzamento di carriera per le differenti fasce di docenza. Questa proposta, ad esempio, impedirà ai neo-ricercatori, la cui età ormai s’aggira sui 38 anni, di non raggiungere mai il massimo della retribuzione (a meno che non arrivino a lavorare 40 anni). E anche per associati e ordinari l’art. 64 della manovra è un sopruso. Viene ancora saccheggiata la parte retribuitiva dello stato giuridico della docenza già ridotta a cenerentola per lo sganciamento dai parametri dirigenziali, per la mancanza di aumenti (assenti dal ’92), per adeguamenti annui ritardati di un anno e inadeguati al costo della vita». Il Cipur se la prende anche con la Crui (la Conferenza dei Rettori) che avrebbe reagito «tiepidamente sulla questione». «Governo e Crui ritengono di avere individuato la docenza come responsabile dei problemi dell’Università e del Paese e vergognosamente la chiamano a pagare conti che non le spettano» ribadisce Paolo Manzini. Il comitato promotore dell’appello ai parlamentari contro i tagli stipendiali si è incontrato ieri con il presidente di Alleanza nazionale Gianfranco Fini. Giuseppe Valditara, responsabile Scuola-Università di An: «Questi tagli smentiscono le promesse fatte in passato dal ministro Mussi della necessità di una rivalutazione degli stipendi della categoria». Da parte sua il ministro Mussi ha ribadito che un pacchetto di norme per risolvere, almeno in parte, la situazione dei lavoratori precari dell’università e della ricerca sono previsti in Finanziaria. «Dagli incentivi per il passaggio dei contratti da tempo determinato a indeterminato, alla rimozione del blocco del turn-over nell’università e negli enti di ricerca, dal fondo per le assunzioni dei ricercatori ai 30 milioni di euro per la stabilizzazione dei precari degli enti».
Natalia Poggi
 

La Repubblica
SCUOLA & GIOVANI
Università, Napoli guida la protesta
quattromila firme contro la Finanziaria
Due petizioni al ministro Mussi e al premier Romano Prodi promosse dai docenti di gran parte degli atenei italiani. In calce anche i nomi di numerosi presidi di facoltà
Napoli, 25.10.2006. Parte da Napoli la protesta dell’Università italiana contro la Finanziaria. Sono state inviate al premier, Romano Prodi, e al ministro dell’Università e della Ricerca, Fabio Mussi, due petizioni, promosse da alcuni docenti dell’Università di Napoli Federico II.
In calce la firma di oltre quattromila docenti universitari di ogni grado di molti atenei italiani, compresi numerosi presidi di facoltà, direttori di dipartimento, presidenti di corsi di laurea, membri del Consiglio nazionale universitario. I documenti sono stati appoggiati anche da alcuni Consigli di Facoltà e dal Senato Accademico della Federico II.
Nei due appelli si chiede al governo di modificare quegli articoli della Finanziaria che prevedono un taglio alle risorse per la ricerca e l’università e che decurtano gli stipendi di ricercatori, associati e ordinari, rimandando a un secondo tempo i provvedimenti di riforma del settore. "La riduzione stipendiale - ha dichiarato Guido Trombetti, presidente della Conferenza dei rettori italiani - costituisce una modifica dello stato giuridico ingiusta e punitiva".
"La politica dei due tempi - rileva Giovanni Miano, ordinario di Ingegneria a Napoli e promotore di uno dei due appelli - ci preoccupa fortemente, perchè rimanda a un futuro indeterminato quel che poteva e doveva essere fatto subito". "Questi miopi provvedimenti su ricerca e università - aggiunge Paolo Macry, ordinario di Storia Contemporanea della Federico II e autore del secondo appello - tradiscono una grave incomprensione politica che contrasta clamorosamente con il coraggioso impegno di altri paesi europei nel settore".
 

Ultime notizie

28 maggio 2022

Così sopravvive il super batterio anti-radiazioni

Dallo studio guidato dai ricercatori dell’Università di Cagliari Dario Piano e Domenica Farci e realizzato da un network internazionale di studiosi arriva nuova luce su un organismo capace di resistere ad una dose di radiazioni gamma 15mila volte superiori a quelle sufficienti ad uccidere un uomo. Possibili applicazioni in biomedicina per lo sviluppo di antibiotici di nuova generazione e nelle nanotecnologie per lo sviluppo di nuovi biomateriali

28 maggio 2022

Economia, ecco cosa ci ha insegnato la crisi

Dalla presentazione del Rapporto CRENoS gli spunti per la ripresa. Emergono alcuni insegnamenti: la dimensione piccola delle imprese espone a maggiori rischi, ma anche una elevata specializzazione produttiva aumenta il rischio. Va poi tenuta in considerazione l’importanza dei servizi pubblici, non solo sanitari. C’è, infine, un disallineamento delle competenze. “Tutto ciò è risaputo, ma non sempre chi disegna le politiche economiche sembra esserne consapevole”, ha avvertito Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica dell’Università di Sassari e coordinatore del Rapporto 2022. RASSEGNA STAMPA

27 maggio 2022

Venerdì 27 maggio la presentazione del Rapporto CRENoS

A partire dalle 10 nell’Aula A della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche (in viale Sant'Ignazio n.76, Cagliari) la presentazione del 29mo Rapporto sull’economia della Sardegna che il CRENoS redige ogni anno per analizzare le tendenze economiche recenti e fornire alcune analisi della congiuntura. Dopo i saluti dei rettori dei due atenei sardi, a illustrare i dati sarà Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica all'Università di Sassari. Per accedere nell'aula sarà necessario indossare una mascherina FFP2. L'evento sarà trasmesso in streaming sul canale Youtube dell'Università di Cagliari e sulla pagina Facebook del CRENoS. RASSEGNA STAMPA

26 maggio 2022

UniCa aderisce alla “Settimana mondiale della tiroide 2022”

Dal 25 al 31 maggio si celebra l’appuntamento con la campagna annuale che ha l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione generale sui problemi legati alle malattie della tiroide, con particolare riguardo alla prevenzione attraverso l'uso di sale iodato. Il tema conduttore dell’edizione 2022, che non prevede eventi in presenza, è “Tiroide e salute: io mi informo bene”. Interviste e le risposte degli esperti ai quesiti più frequenti sulla pagina Facebook dedicata

Questionario e social

Condividi su: