UniCa UniCa News Notizie Dalla Giunta regionale due milioni e mezzo di euro in prestiti d’onore per gli universitari sardi

Dalla Giunta regionale due milioni e mezzo di euro in prestiti d’onore per gli universitari sardi

La Giunta regionale ha approvato il programma di spesa di 2 milioni e 500mila euro per prestiti d’onore agli universitari sardi. La cifra sarà gestita dagli Ersu
28 settembre 2006
(Unicaweb) - Per la Regione si tratta di una scommessa da 2 milioni e 500mila euro, per  gli studenti sardi può essere un buon investimento sulle proprie capacità e il proprio impegno. La Giunta presieduta da Renato Soru ha approvato nella seduta odierna un programma che prevede la concessione di prestiti d’onore per gli studenti universitari iscritti alle lauree triennali e specialistiche nelle Università sarde. Nella Finanziaria 2006 erano stati stanziati 2 milioni e 500 mila euro con questa destinazione.
 
Stando a quanto si apprende dall’Agenzia Italia, l’assessore regionale della Pubblica Istruzione Elisabetta Pilia ha definito "strategico l’intervento approvato, per elevare i livelli di istruzione nell’Isola - oggi tra i più bassi in Italia con un diciassettesimo posto per numero di laureati e soltanto il 50 per cento di diplomati che si iscrivono all’università, contro una media nazionale del 75 per cento - e per recuperare il divario con l’Europa".
 
Con i prestiti d’onore sara’ possibile dare un’opportunità di studio anche a migliaia di studenti che, pur essendo risultati idonei, non riescono a beneficiare delle borse di studio concesse attualmente dagli Ersu, finora in grado di soddisfare solo il 60 per cento delle domande: nello scorso hanno accademico sono stati 2099 gli universitari esclusi, di cui 1448 di Cagliari e 651 di Sassari.
 
La concessione dei prestiti d’onore sarà gestita dagli Ersu di Cagliari e Sassari che, in base alle legge regionale 37 del 1987, sono autorizzati a svolgere anche questo ruolo. Lo stanziamento di 2 milioni e 500 mila euro sarà ripartito secondo percentuali già fissate per contributi di questo genere: il 65 per cento andrà all’Ersu di Cagliari (1.625.000 euro) e il 35 per cento a quello di Sassari (875 mila euro).
 
I due Enti dovranno concordare le modalità di erogazione dei prestiti d’onore e avranno l’incarico di effettuare la raccolta sistematica di tutti i dati utili per l’iniziativa, da inviare poi all’assessorato regionale della Pubblica Istruzione. Per garantire azioni e interventi coordinati a favore degli studenti dei due atenei sardi, sarà istituito un Coordinamento regionale per il diritto allo studio universitario, di cui faranno parte l’assessore regionale della Pubblica Istruzione, i rettori delle due Università sarde, i presidenti degli Ersu e due rappresentanti degli studenti nei rispettivi Consigli di amministrazione.
 
 

Ultime notizie

25 novembre 2022

CAREER DAY 2023

Il 12 e il 13 gennaio 2023 sono in calendario le due giornate organizzate dall’Università di Cagliari con l’Assessorato regionale del Lavoro e con l’Agenzia sarda per le politiche attive del lavoro (Aspal) per favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Da una parte laureati/e, studenti e studentesse di UniCa e dall’altra le imprese del territorio impegnate nella ricerca di giovani preparati per garantire un apporto innovativo alle esigenze aziendali presenti e future

25 novembre 2022

25 novembre, giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

Si rinnova l’appuntamento con la ricorrenza istituita dall’assemblea delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1999. Numerose le iniziative che coinvolgono la nostra università. Ester Cois, delegata del Rettore per l’Uguaglianza di genere e presidente del Comitato unico di garanzia di UniCa, spiega: “Tenere viva l’attenzione di tutta la comunità d’ateneo - personale docente e ricercatore, personale tecnico amministrativo e bibliotecario, corpo studentesco - sul tema della diffusione di una cultura improntata sui principi dell’equità, dell’intersezionalità, dell’inclusione, della valorizzazione delle differenze”.

23 novembre 2022

Techlog, i simulatori gru, bus e camion del gruppo Trasporti d’ateneo sono strategici per la formazione degli operatori portuali e dell’autotrasporto

Il progetto internazionale, coordinato dagli specialisti dell’Università di Cagliari, è sbarcato in Tunisia per il lancio del Living lab che aggrega atenei, camere di commercio, imprese e operatori di cinque Paesi europei. I lavori - finanziati con tre milioni e mezzo di euro - si sono chiusi con successo. “Lavoriamo su analisi e soluzioni per trasferimento tecnologico, logistica, efficientamento, guida sicura ed ecologica nei porti, con importanti ricadute anche per il sistema isolano” dice Gianfranco Fancello. FOTO E VIDEO DELLE DUE GIORNATE

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie