UniCa UniCa News Notizie Montezemolo: investire per avere un futuro

Montezemolo: investire per avere un futuro

Il Presidente della Confindustria: “No al proliferare delle Università condominiali, utili solo allo studente che vuole rimanere accanto alla mamma e laurearsi senza fare troppi sacrifici”
26 settembre 2006
Luca Cordero di Montezemolo, presidente della ConfindustriaUniversità di Imperia, 25 settembre 2006. Di seguito alcuni passaggi del discorso di Luca Cordero di Montezemolo , durante l’assemblea generale "Innovare per crescere" per i 60 anni della Confindustria.
  

Sono contento di essere qui dopo tanti anni, frequentavo la zona quando facevo il Rally dei Fiori e torno oggi per fare gli auguri a Confindustria per i suoi 60 anni. Chi mi ha preceduto ha svolto interventi densi di concetti da analizzare, e proverò a farlo per alcuni di essi. Come premesso sento di voler sottolineare che bisogna uscire dal dibattito ‘maggioranza-minoranza’ guardare avanti, affrontare i problemi di crescita, problemi di lunga data. Dobbiamo chiederci dove desideriamo che sia il nostro Paese tra 15 anni e attuare una sfida che coinvolga soprattutto i ‘sistemi paese’.

Gli elementi principali che determinano il futuro dell’Italia sono: innovazione, crescita e conoscenza.

INNOVAZIONE
Non è qualcosa di etereo, è su di essa che noi imprenditori ci giochiamo il futuro; dovrebbe essere nel nostro dna, come alcune aziende presenti oggi, capaci di segmentarsi e fare dall’olio alla cosmesi. Se nel 2005 l’Italia è stata l’unico Paese in Europa a crescita zero, una ragione c’è, e la politica c’entra fino ad un certo punto.

CRESCITA
E’ il focus, l’ossessione. Per distribuire ricchezza bisogna crearla, per crearla bisogna investire e rischiare, investire sui giovani. Il cambiamento da attuare non può esercitarlo solo la classe politica.

CONOSCENZA
Cioè formazione, università. Non possiamo continuare a creare facoltà e poli universitari senza badare all’eccellenza; l’università è fondamentale quando si parla di ricerca, ambito nel quale l’Italia è zero, incapace di attrarre studenti. Un Paese che non investe nella ricerca è un Paese che non investe nel proprio futuro.

Uno sguardo va lanciato anche alle piccole imprese, da legare alle università e alla ricerca, da sostenere perché non debbano affrontare il mercato straniero da sole; e qui le banche hanno un ruolo fondamentale, nel concedere prestiti e nel prendersi qualche rischio in più. Da parte nostra, come imprenditori dobbiamo privilegiare le fusioni e le concentrazioni.
Non possiamo vivere in un Paese che mette tasse per pagare gli interessi sul debito pubblico, che sostiene troppe spese inutili e che non genera risorse per investimenti sullo sviluppo. La politica italiana deve rendersene conto e attuare scelte coraggiose.

Vorrei richiamare l’attenzione su tre concetti fondamentali dai quali non si può prescindere:

1) la concorrenza, necessaria in quanto migliora i servizi e abbassa i prezzi, dà la possibilità agli imprenditori di entrare in nuovi settori e riporta in auge la meritocrazia.

2) la produttività, data dal lavoro, dalle banche, dallo Stato e dalla concorrenza. Su questo destra e sinistra devono prendere impegni comuni, l’accordo deve essere corale e includere imprenditori, sindacati, Governo. Ognuno deve fare la sua parte perché con l’attuale livello di produttività non siamo competitivi, restiamo il fanalino di coda.

3) Forse il punto più importante, quello basilare: la semplificazione. Abbiamo iter procedurali infiniti, una burocrazia cavillosa e inefficiente. Ci vuole una riforma dello Stato. Chiunque sia il pilota, la macchina va rinnovata…se è obsoleta non vincerà mai.

Concludo facendo comunque i miei complimenti alla Liguria, che tra le solite lungaggini sta cercando una politica di sistema. Innovazione e ricerca stanno diventando punti di riferimento di un cammino importante. Certo, dobbiamo scontare i grandi errori di un passato non recente nel settore turistico; dobbiamo riappropriarci del gusto della sfida e pretendere di essere il primo Paese in Europa per attrazioni turistiche. La Liguria, e l’Italia tutta, ha le potenzialità per farlo”.
 
 
 

Ultime notizie

11 agosto 2022

Dottorati di ricerca, boom delle borse di UniCa

Dalle 77 dell’anno precedente passano a 133 per il XXXVIII ciclo. Il rettore Francesco Mola: “Grande sforzo dell’Ateneo che punta decisamente sui propri giovani, dando loro una straordinaria opportunità di formazione avanzata e di crescita professionale, e sullo sviluppo del territorio, mirando a tematiche di grande urgenza e di alto impatto”

10 agosto 2022

Comunicazione, festoso approfondimento tv dei cinque corsi di laurea presentati al Poetto

La puntata sul successo della festosa, affascinante e inedita presentazione nel Lungomare è andata in onda all'interno di "Panorama sardo - speciale estate". "La cultura va alla città e viceversa" dice Antioco Floris. "Siamo qui per catturare un pubblico sempre più vasto" aggiunge Ester Cois. "Lavoriamo per essere sempre più vicini e inclusivi" rimarca Elisabetta Gola. All'interno il link per la visione

08 agosto 2022

Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Grazie all’accesso ai laboratori dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISPC) parte dell’infrastruttura di ricerca per l’Heritage Science (E-RIHS), gli archeologi dell’Università di Cagliari guidati da Riccardo Cicilloni hanno ottenuto importanti risultati nel sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde in provincia di Oristano

05 agosto 2022

Nasce «The Hadron Academy»

Aperte le iscrizioni al primo dottorato in Italia dedicato allo sviluppo tecnologico e biomedico dell’adroterapia, forma avanzata di radioterapia che utilizza particelle pesanti come protoni e ioni carbonio per trattare i tumori più complessi. Coordinato da Annalisa Bonfiglio, e promosso dal CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, insieme all’Università degli Studi di Cagliari, è aperto a 5 studenti meritevoli a cui saranno assegnate altrettante borse di studio, una delle quali messa a disposizione dal nostro Ateneo. Iscrizioni aperte a medici, fisici medici, biologi, bioingegneri, ingegneri di processo, fisici, giuristi, economisti, filosofi

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie