UniCa UniCa News Notizie Turco sconfessata dai giudici

Turco sconfessata dai giudici

Cognetti riprende il suo posto. Accolto il ricorso, l’oncologo torna al Regina Elena
13 settembre 2006

ROMA. Il professor Francesco Cognetti potrà tornare al suo posto di direttore scientifico dell’Istituto Regina Elena di Roma. Lo ha deciso ieri il Consiglio di Stato, congelando gli effetti del decreto con cui un mese fa il ministro della Salute Livia Turco aveva nominato al suo posto l’epidemiologa Paola Muti, una sostituzione al vertice dell’Irccs capitolino che aveva suscitato vivaci polemiche dentro e fuori il Parlamento.

I supremi giudici amministrativi hanno così annullato la precedente decisione emessa in primo grado dal Tar del Lazio che in via d’urgenza aveva respinto l’istanza di sospensiva presentata dal professor Cognetti. L’iter giudiziario non si è, però, ancora concluso in via definitiva. In pratica, se nei prossimi mesi non si troverà un accordo tra le parti, il Tar del Lazio dovrà decidere nel merito del provvedimento del ministro Turco e la sua decisione potrà essere poi impugnata di nuovo davanti al Consiglio di Stato. E solo quella sarà la decisione finale.

«Rispetto, come sempre, le decisioni della magistratura. Anche per questo non ritengo di poter commentare questa decisione prima di conoscerne le motivazioni», ha detto il ministro Turco appena appresa la notizia della decisione del Consiglio di Stato. Dello stesso tenore anche le dichiarazioni della professoressa Muti: «Sono una donna delle istituzioni e quindi rispetto le decisioni dei giudici sulla formalità del decreto. Mi riservo di commentare la sentenza quando avrò letto il dispositivo».

Ha, invece, usato toni decisamente concilianti il professor Cognetti che ha lanciato «segnali di pace» anche verso il ministro della Salute Livia Turco: «Spero di poterla incontrare al più presto per poter collaborare su basi di rinnovata fiducia». L’oncologo ha poi dichiarato: «Sono molto contento e mi rimetterò immediatamente a lavoro della mia Istituzione e dei miei pazienti». Ed ha aggiunto: «Dobbiamo vedere i tempi di questa ordinanza, ma penso che si possa realizzare un mio reinserimento», puntualizzando che poiché l’ordinanza del Consiglio di Stato ha per ora sospeso la revoca dal suo incarico «bisogna solo vedere gli aspetti legali, di cui si occuperanno i miei avvocati».

Questa estate aveva suscitato molte polemiche la vicenda della revoca dell’oncologo Francesco Cognetti alla direzione scientifica dell’Istituto Regina Elena di Roma e della successiva nomina della professoressa Paola Muti. Ad aprile l’oncologo aveva ottenuto, come altri direttori di istituti di ricovero e cura a carattere scientifico, la riconferma per cinque anni alla direzione dell’istituto che già ricopriva dal luglio del 2001. Ma il nuovo ministro Turco, appena insediato, non aveva ritenuto valido il rinnovo e l’aveva revocato, in attesa di decisioni definitive. Di qui il ricorso di Cognetti al Tar, che in via d’urgenza gli aveva dato torto. Il 3 agosto la Turco aveva nominato direttore scientifico del Regina Elena l’epidemiologa Paola Muti che ha lavorato per anni negli Stati Uniti.

Il ministro ha sempre sostenuto che la scelta era svincolata da logiche di tipo politico e dettata solo da criteri di competenza e professionalità. Il professor Cognetti, appoggiato da uomini politici del centrodestra, l’aveva invece contestata.

Fonte: www.lastampa.it

 

Ultime notizie

11 agosto 2022

Dottorati di ricerca, boom delle borse di UniCa

Dalle 77 dell’anno precedente passano a 133 per il XXXVIII ciclo. Il rettore Francesco Mola: “Grande sforzo dell’Ateneo che punta decisamente sui propri giovani, dando loro una straordinaria opportunità di formazione avanzata e di crescita professionale, e sullo sviluppo del territorio, mirando a tematiche di grande urgenza e di alto impatto”

10 agosto 2022

Comunicazione, festoso approfondimento tv dei cinque corsi di laurea presentati al Poetto

La puntata sul successo della festosa, affascinante e inedita presentazione nel Lungomare è andata in onda all'interno di "Panorama sardo - speciale estate". "La cultura va alla città e viceversa" dice Antioco Floris. "Siamo qui per catturare un pubblico sempre più vasto" aggiunge Ester Cois. "Lavoriamo per essere sempre più vicini e inclusivi" rimarca Elisabetta Gola. All'interno il link per la visione

08 agosto 2022

Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Grazie all’accesso ai laboratori dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISPC) parte dell’infrastruttura di ricerca per l’Heritage Science (E-RIHS), gli archeologi dell’Università di Cagliari guidati da Riccardo Cicilloni hanno ottenuto importanti risultati nel sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde in provincia di Oristano

05 agosto 2022

Nasce «The Hadron Academy»

Aperte le iscrizioni al primo dottorato in Italia dedicato allo sviluppo tecnologico e biomedico dell’adroterapia, forma avanzata di radioterapia che utilizza particelle pesanti come protoni e ioni carbonio per trattare i tumori più complessi. Coordinato da Annalisa Bonfiglio, e promosso dal CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, insieme all’Università degli Studi di Cagliari, è aperto a 5 studenti meritevoli a cui saranno assegnate altrettante borse di studio, una delle quali messa a disposizione dal nostro Ateneo. Iscrizioni aperte a medici, fisici medici, biologi, bioingegneri, ingegneri di processo, fisici, giuristi, economisti, filosofi

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie