UniCa UniCa News Notizie Universita’: fuori sede addio, il 60% delle matricole non lascia casa (ricerca di Campus)

Universita’: fuori sede addio, il 60% delle matricole non lascia casa (ricerca di Campus)

Meno di uno studente su cinque &è; disposto a sacrificarsi per affrontare l’appartamento condiviso e il lavoro serale per pagarsi le rette
21 luglio 2006

Milano, 20 lug. (Adnkronos/Ign) - Studente fuori sede? No grazie. Altro che voglia di indipendenza: per 6 neo-universitari su 10 l’imperativo è "mai lontani da casa’’. Soltanto il 7% delle matricole sarebbe disposto a fare le valige per trasferirsi lontano mamma e papà. Per tutti gli altri, l’università deve essere vicina a casa, comoda da raggiungere, con la possibilità di tornare per pranzo e cena ed evitare il salasso di affitti troppo alti e spese che graverebbero troppo sul bilancio familiare. E’ quanto risulta da una ricerca di Campus, il primo mensile degli studenti, condotta su 862 matricole universitarie, maschi e femmine, di età compresa tra i 18 e i 20 anni, realizzata in occasione dell’uscita in edicola delle nuove Guide all’Università 2007. Una matricola su tre non ne vuole proprio sapere di trasferirsi in un’altra città (31%) mentre una su quattro (25%) rimanda qualsiasi decisione alla fine dei primi tre anni. Soltanto il 13% dei ragazzi con l’obiettivo di scegliere un’Università prestigiosa sarebbe disposto a far subito le valigie, mentre solo il 6% delle neo-matricole farà le valigie comunque e in ogni caso.

Così, la voglia di indipendenza, gli appartamenti condivisi e i lavori serali per pagarsi le rette appartengono a questa risicata minoranza (meno di uno studente su cinque). Diventare uno studente fuori sede, secondo gli intervistati, implica troppe incognite: si deve rinunciare alle proprie abitudini (33%), bisogna dire addio alla cucina della mamma (24%), spesso si tratta di salutare il fidanzato o la fidanzata per andare incontro a un difficile rapporto a distanza (21%). Ma più di tutto a frenare è il carico di spese che andrebbero a pesare sul conto dei genitori (46%). Il 69% degli studenti (in pratica sette su dieci) non si cercherà un lavoro per mantenersi agli studi confidando nell’aiuto dei genitori a fronte di un 21% di volenterosi e un 10% di indecisi.

Le parole d’ordine dei nuovi universitari diventano comodità, stabilità e austerità. Ecco perché la vicinanza a casa, per il 57% dei giovani, è un fattore essenziale più ancora che l’interesse per uno specifico corso di studi (41%) o il presunto prestigio dell’ateneo (21%). Resta un fatto che ancora oggi ben il 65% dei ragazzi ritiene di non aver ricevuto adeguate informazioni per effettuare in maniera completa la propria scelta e che queste informazioni arrivano principalmente dal passaparola degli amici (29%) prima ancora che da Internet (23%) o da altri mezzi di comunicazione.

Ultime notizie

11 agosto 2022

Dottorati di ricerca, boom delle borse di UniCa

Dalle 77 dell’anno precedente passano a 133 per il XXXVIII ciclo. Il rettore Francesco Mola: “Grande sforzo dell’Ateneo che punta decisamente sui propri giovani, dando loro una straordinaria opportunità di formazione avanzata e di crescita professionale, e sullo sviluppo del territorio, mirando a tematiche di grande urgenza e di alto impatto”

08 agosto 2022

Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Grazie all’accesso ai laboratori dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISPC) parte dell’infrastruttura di ricerca per l’Heritage Science (E-RIHS), gli archeologi dell’Università di Cagliari guidati da Riccardo Cicilloni hanno ottenuto importanti risultati nel sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde in provincia di Oristano

08 agosto 2022

Comunicazione, stasera in tv i cinque corsi di laurea presentati al Poetto

In onda stasera l’approfondimento sul successo della festosa, affascinante e inedita presentazione nel Lungomare. "La cultura va alla città e viceversa" dice Antioco Floris. "Siamo qui per catturare un pubblico sempre più vasto" aggiunge Ester Cois. "Lavoriamo per essere sempre più vicini e inclusivi" rimarca Elisabetta Gola. Alle 21 su "Panorama sardo - speciale estate"

05 agosto 2022

Nasce «The Hadron Academy»

Aperte le iscrizioni al primo dottorato in Italia dedicato allo sviluppo tecnologico e biomedico dell’adroterapia, forma avanzata di radioterapia che utilizza particelle pesanti come protoni e ioni carbonio per trattare i tumori più complessi. Coordinato da Annalisa Bonfiglio, e promosso dal CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, insieme all’Università degli Studi di Cagliari, è aperto a 5 studenti meritevoli a cui saranno assegnate altrettante borse di studio, una delle quali messa a disposizione dal nostro Ateneo. Iscrizioni aperte a medici, fisici medici, biologi, bioingegneri, ingegneri di processo, fisici, giuristi, economisti, filosofi

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie