UniCa UniCa News Notizie Il ricordo, la memoria

Il ricordo, la memoria

L'Ordine professionale dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e Prevenzione di Cagliari/Oristano ha dedicato nei giorni scorsi la sala formazione della loro sede a Gianni Erriu, docente dell’Università di Cagliari scomparso qualche mese fa. Ecco come lo ricorda il professor Francesco Casula
19 dicembre 2019
Gianni Erriu, docente di Fisica dell'Ateneo, scomparso qualche mese fa

Cagliari, 19 dicembre 2019 - L'Ordine professionale dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e Prevenzione di Cagliari/Oristano ha dedicato nei giorni scorsi la sala formazione della loro sede a Gianni Erriu, docente di Fisica all’Università di Cagliari scomparso qualche mese fa.

Fautore nel 2004 della trasformazione del corso di Diploma Universitario per Tecnici di Radiologia in Laurea Professionalizzante, è stato per tanti anni coordinatore della Corso di Laurea.

Pubblichiamo il ricordo che di lui ha scritto il professor Francesco Casula.

Gianni Erriu, nato nel 1943, è morto  il 25 Settembre 2019. Poco dopo la laurea è entrato a far parte del gruppo che il prof. Mario Ladu, appena chiamato a ricoprire – primo in Italia - una cattedra di Fisica presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Cagliari, stava costituendo sui problemi legati alla Fisica Medica. Anche Gianni ben presto venne chiamato a coprire ruoli di insegnamento nella stessa Facoltà. A queste scelte con la serietà che l’ha sempre profondamente contraddistinto si è mantenuto fedele nel corso di tutta la sua carriera accademica.

Nella sua attività di ricerca sperimentale era  accurato fino allo spasimo, senza preoccuparsi delle ansie di pubblicazione sempre più  diffuse anche tra i colleghi più brillanti. Ed ugualmente Gianni non ha mai interpretato il suo ruolo nella Facoltà di Medicina come un mero accidente, limitandosi a far lezione, magari diligentemente, per poi dedicarsi a problematiche più alla moda. Al contrario approfondiva le problematiche legate alle specialità  mediche e biologiche, per poter essere di aiuto ai colleghi e per poter fornire agli studenti – da quelli dei primi anni fino agli specializzandi - strumenti utili alla loro futura professione.

Anche nella sua attività didattica era estremamente rigoroso, prima di tutto con se stesso aggiornando e perfezionando continuamente le sue lezioni, e mettendosi a disposizione degli studenti per chiarimenti e approfondimenti senza alcun limite di tempo.  Rigoroso certamente era anche con i suoi allievi, da cui pretendeva molto ma senza mai liquidare lo studente in 2 battute, ma cercando sempre portare avanti un colloquio per chiarire ciò che non gli sembrava abbastanza chiaro.

Negli ultimi anni della sua carriera molto di questo suo impegno era andato nella riorganizzazione del Corso di Laurea in Tecniche della Radiologia Medica per Immagini e Radioterapia, di cui è stato a lungo coordinatore. Già prima della istituzione del CdL aveva frequenti interazioni con i medici radiologi e radioterapisti e con i tecnici di radiologia già operanti, che tante cognizioni di Fisica utilizzano nella loro professione. E proprio da questa esperienza sul campo, e con la loro collaborazione, ha tratto spunto per mettere a punto un percorso di studi ottimale per permettere ai nuovi diplomati di intraprendere la loro attività professionale con solide basi.

Permettetemi di concludere questo breve ricordo con i sentimenti di riconoscenza da parte di un collega che, arrivato in Facoltà di Medicina molto dopo di lui, ha trovato in Gianni Erriu  una guida in quel mondo e soprattutto un sincero amico.

Francesco Casula

Marisa Deidda, moglie del prof. Erriu, con Maria Porru, presidente dell'Ordine dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e Prevenzione di Cagliari/Oristano e tutto il direttivo
Marisa Deidda, moglie del prof. Erriu, con Maria Porru, presidente dell'Ordine dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e Prevenzione di Cagliari/Oristano e tutto il direttivo

Ultime notizie

31 maggio 2020

Divulgazione scientifica, UniCa c’è

CORONAVIRUS. Prosegue senza sosta e con grande disponibilità il supporto di docenti e ricercatori dell’Università di Cagliari a tutto il mondo dell’informazione non solo sarda: nessun aspetto della crisi sanitaria è lasciato fuori dai dialoghi con i giornalisti. Indicazioni scientificamente accurate, punti di vista importanti e dettagliati che accrescono la reputazione di tutto l’Ateneo. MULTIMEDIA

31 maggio 2020

CORONAVIRUS, la ricerca a portata di mano. Dalle pagine di unica.it alle testate giornalistiche locali e nazionali

LA PRIMA, PUNTUALE E SEGUITA RISPOSTA ALLA PANDEMIA, SCIENTIFICA E ACCREDITATA: DECINE DI SPECIALISTI INTERVISTATI, TRA LE ALTRE, DA RAI, VIDEOLINA, SARDEGNA 1, TCS, SULLE PAGINE ANSA, AGI, UNIONE SARDA, NUOVA SARDEGNA, SITI, RADIO E BLOG . Dai primi giorni di lockdown il portale web dell'Università di Cagliari, tra articoli e pubblicazioni su riviste internazionali, rilanciati con informazioni corrette dai ricercatori dell'ateneo. Il coordinamento del prorettore Micaela Morelli su ripartenza, farmaci, vaccini, cure, quarantena, stress, impatto su economia e sociale, risposte biomediche e cliniche, pediatria e psichiatria, valutazioni epidemiologiche e virologiche, percorsi e prospettive di riapertura e ripartenza in sicurezza. AFFIANCATO AL TITOLO, CON LA DICITURA "RICERCA BY UniCa" GLI APPROFONDIMENTI PRESENTATI, STUDIATI E MATURATI IN ATENEO. CONSULTA LA SEZIONE

29 maggio 2020

Teniamo il cavallo di Troia fuori dai sistemi sanitari

PAOLO CONTU, docente di Igiene e vicepresidente europeo di IUHPE intervistato dal TG della RAI sull'importante documento stilato dalle istituzioni e organizzazioni scientifiche che si occupano di promozione della salute a livello internazionale. Cinque le strategie di promozione della salute proposte per affrontare la crisi generata dall'epidemia: intersettorialità, sostenibilità, empowerment e partecipazione dei cittadini, equità e prospettiva life course. Con un'attenzione particolare rivolta ai bambini, che vivono condizioni di particolare vulnerabilità. RASSEGNA STAMPA e VIDEO dell'intervista andata in onda nel TG della RAI

28 maggio 2020

IntendiMe, tre milioni di euro per la startup del CLab di UniCa

Il sistema KitMe migliora la vita delle persone con sordità e deficit uditivo. L'investimento arriva dai fondi gestiti da Vertis Sgr e Venture Factory. “Un successo che ci inorgoglisce e dà stimolo e ispirazione ai ragazzi che, come Alessandra, Giorgia e Antonio, hanno il sogno di diventare imprenditori" dice Maria Chiara Di Guardo

Questionario e social

Condividi su: