UniCa UniCa News Notizie MONUMENTI APERTI, accordo quadro tra l’Università di Cagliari e Imago Mundi

MONUMENTI APERTI, accordo quadro tra l’Università di Cagliari e Imago Mundi

Si consolida la partnership dopo anni di lunga e proficua cooperazione. L’Ateneo in prima linea a fianco dell’Associazione anche per ulteriori iniziative congiunte. Con la firma del protocollo, finalizzato a divulgare sempre più la conoscenza del patrimonio storico e culturale della Sardegna, costituito un comitato paritetico presieduto dal rettore Maria Del Zompo e dal presidente della Onlus Fabrizio Frongia. SERVIZIO e VIDEO
18 settembre 2019
Cagliari, 18 settembre 2019 - Fabrizio Frongia e Maria Del Zompo

Ivo Cabiddu
  

Oggi in rettorato l'incontro per la firma del protocollo di stretta collaborazione tra UniCa e Monumenti Aperti, finalizzato a divulgare sempre più la conoscenza del patrimonio storico e culturale della Sardegna. Con l'accordo viene anche costituito un comitato paritetico presieduto dal rettore Maria Del Zompo e da Fabrizio Frongia, presidente della Onlus organizzatrice.

 
In questa pagina il report della riunione con dichiarazioni, foto e i link ai video curati dai colleghi dell'Ufficio stampa di Monumenti Aperti.
 

 

da sinistra: dott.ssa Alessandra Orrù (Gabinetto del Rettore), dott. Fabrizio Frongia (Presidente Imago Mundi), prof.ssa Maria Del Zompo (Magnifico Rettore), dott. Fabio Pinna (Referente scientifico), dott.ssa Graziella Pili (Referente amministrativo)
da sinistra: dott.ssa Alessandra Orrù (Gabinetto del Rettore), dott. Fabrizio Frongia (Presidente Imago Mundi), prof.ssa Maria Del Zompo (Magnifico Rettore), dott. Fabio Pinna (Referente scientifico), dott.ssa Graziella Pili (Referente amministrativo)

IL MAGNIFICO RETTORE

VERA CULTURA VS FAKE NEWS. Nell’occasione, a proposito del contributo del nostro ateneo ai programmi di Monumenti Aperti, la professoressa Maria Del Zompo ha ricordato il “ruolo fondamentale dell’università in questo periodo di spinte incoscienti e irrazionali di ‘anti-scienza’. Pericolose non solo per la salute delle persone - ad esempio in tema di vaccini - ma anche per l’evidente tentativo di far perdere valore alla vera cultura e alle concrete conoscenze e certezze scientifiche”. Da qui il plauso alle iniziative di Imago Mundi, che permettono di avvicinare i cittadini all’importante patrimonio culturale, artistico e scientifico presente a Cagliari, in Sardegna e in altre parti d’Italia: “Con il nuovo accordo si fa un ulteriore passo avanti, per realizzare con Imago Mundi progetti ancora più innovativi, anche in ambito formativo e di ricerca”.

PERSONALE MERITEVOLE. Complimentandosi con la referente amministrativa Graziella Pili per il notevole impegno, il Rettore ha voluto ringraziare in particolare il personale dell’Ateneo, esemplare in quanto sempre disponibile a collaborare con tutti gli appuntamenti di Monumenti Aperti, permettendone la realizzazione insieme ai docenti, agli studenti e a tutti i volontari.
 

Cagliari, 18 settembre 2019 - Maria Del Zompo

IL PRESIDENTE DI IMAGO MUNDI

MANIFESTAZIONE IN CRESCITA. Durante la riunione in rettorato per la firma del protocollo con l’Università di Cagliari, il dottor Fabrizio Frongia ha confermato che la prossima edizione di Monumenti Aperti coinvolgerà anche nuovi comuni italiani, in diverse regioni della Penisola. Sono questi i riscontri favorevoli ricevuti dall’ultima assemblea nazionale Anci svoltasi ad Olbia e anche da parte di Dario Franceschini, ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, già sensibilizzato e interessato alla manifestazione, si attende con sicurezza una piena collaborazione per le prossime iniziative.

COOPERAZIONE IMPORTANTE. Esprimendo grande soddisfazione per il patto odierno, “che registra, valorizza e consolida la stretta relazione già esistente tra l’Ateneo di Cagliari e Monumenti Aperti”, il presidente dell’associazione organizzatrice ha auspicato che sia anche la base per accordi di collaborazione con una rete di atenei in tutta Italia, in modo da rafforzare la portata divulgativa delle azioni. Ciò nel segno che caratterizza da sempre il modus operandi della grande “famiglia” di Monumenti Aperti, “di cui fa parte una comunità molto coesa, formata da oltre 5mila volontari e soggetti diversi, una massa importante senza troppe distinzioni tra associazioni, partner privati ed enti pubblici”.
"L’accordo siglato questa mattina con l’Università di Cagliari” – è il commento finale del presidente Frongia – “ha un valore straordinario per Monumenti Aperti. È da molti anni che la nostra manifestazione ha stretti rapporti di collaborazione con l’ateneo cagliaritano, da un punto di vista scientifico e didattico. Ma aver sottoscritto questo accordo ci consente ora di poterci rapportare a tutte le università italiane con un protocollo grazie al quale anche il riconoscimento ministeriale non potrà che strutturarsi in modo sempre più sostanzioso. Per questo porgiamo un sincero ringraziamento al Magnifico Rettore che con grande sensibilità ci affianca anche formalmente in questo bellissimo progetto che è Monumenti Aperti".
 

Cagliari, 18 settembre 2019 - Fabrizio Frongia

IL REFERENTE SCIENTIFICO DI UNICA

FORMAT DI SUCCESSO. Per UniCa, quale incaricato del Rettore nel Comitato Scientifico di Monumenti Aperti, il dott. Fabio Pinna ha espresso contentezza per la sottoscrizione di un atto formale con l’Università di Cagliari. “L’ateneo ha sempre collaborato con entusiasmo a Monumenti Aperti fin dalle origini di questa iniziativa, che dal capoluogo sardo è partita per poi allargarsi, grazie a Imago Mundi, in tutta la Sardegna e in altre regioni italiane”. Per il ricercatore del Dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali “si tratta di un format e di un modello di successo largamente esportato, fino a diventare una realtà con riconoscimento europeo, che permette all’università di non fermarsi alla semplice occasionalità degli eventi programmati da Monumenti Aperti ma, come dimostrato, di poter avere anche un’onda lunga, con un seguito di interesse per altri momenti di divulgazione accademica sul territorio”.
  

Cagliari, 18 settembre 2019 - Fabio Pinna

UNICA E MONUMENTI APERTI – SCHEDA

Dal 2004 l’Università di Cagliari è parte attiva del Comitato scientifico che promuove i temi annuali e il calendario degli eventi di Monumenti Aperti. Dal 2006 l’Ateneo ha inoltre sottoscritto l’Accordo di cooperazione per l’attuazione di un partenariato del progetto integrato di sviluppo “Distretto Culturale dell’Area Urbana di Cagliari - Monumenti Aperti”.

Questo rapporto si è concretizzato negli anni soprattutto grazie al massiccio impegno dell’Ateneo, dei suoi docenti, ricercatori, studenti e personale addetto, con la messa a disposizione di palazzi storici, collezioni, musei, laboratori e altri siti accademici, con la creazione di percorsi guidati, con la formazione di volontari e altre iniziative di supporto, sempre allo scopo di condividere e aprire al pubblico l’immenso patrimonio di cultura e conoscenza dell’Università. Attività perfettamente rientranti nelle sue competenze istituzionali, che insieme alla didattica e alla ricerca comprendono quella che è appunto definita come “terza missione”, finalizzata - anche in collaborazione con altri enti pubblici o privati - alla valorizzazione e all'impiego diretto della conoscenza per contribuire al progresso e allo sviluppo culturale, scientifico, economico e sociale in prospettive regionali, nazionali ed internazionali.

Anche la genesi di Monumenti Aperti è strettamente legata all’ateneo. L’associazione culturale organizzatrice, Imago Mundi Onlus, è stata fondata proprio da un gruppo di studenti universitari cagliaritani, fortemente motivati e interessati “a diffondere la cultura e le tradizioni storiche nell’ambiente cittadino”. Dal 1999 il sodalizio coordina la rete regionale della manifestazione Monumenti Aperti, che ha l’obiettivo di valorizzare e promuovere la fruizione del patrimonio culturale tramite apertura al pubblico di beni normalmente inaccessibili o poco conosciuti e che si svolge sotto l’Alto patronato del Presidente della Repubblica e con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle attività Culturali (MiBAC) e del Ministero dell’Università e della Ricerca (Miur).
 

La firma del protocollo di collaborazione
La firma del protocollo di collaborazione
Cagliari, 18 settembre 2019 - Graziella Pili

Link

Ultime notizie

24 ottobre 2020

Cda dell’ERSU, si va al ballottaggio

Martedì 27 ottobre i docenti e i ricercatori dell’Ateneo di nuovo alle urne (elettroniche) dalle 9 alle 18 per scegliere chi – tra Barbara Barbieri e Antioco Floris – li rappresenterà nel Consiglio di amministrazione dell’Ente regionale per il diritto allo studio per il triennio 2020/23. Tutti i dettagli del primo turno: ha partecipato al voto più del 43% degli aventi diritto

23 ottobre 2020

Beni e servizi, il paradosso della crescita economica

Il cambiamento del peso di un singolo settore della struttura produttiva di un Paese può incidere sulla crescita economica? Il prestigioso American Economic Journal: Macroeconomics pubblica un lavoro scientifico di Alessio Moro, docente al Dipartimento di Scienze economiche e aziendali, e Miguel Leon-Ledesma (Università of Kent e visiting scientist di UniCa) che studia come mai scoperte tecnologiche rivoluzionarie non corrispondono sempre a una crescita del sistema economico. L'articolo inserito tra gli highlights di ricerca della rivista. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: