UniCa UniCa News Notizie Contamination Bootcamp 2019: ricercatori, aziende e fondatori di start up con il Crea dell’ateneo

Contamination Bootcamp 2019: ricercatori, aziende e fondatori di start up con il Crea dell’ateneo

Scadono il 16 settembre le iscrizioni al programma intensivo che si tiene dal 17 al 20 ottobre all’Horse Country di Arborea. Curato dal Centro servizi per innovazione e imprenditorialità dell’Università di Cagliari, il percorso coniuga con successo le istanze del tessuto imprenditoriale con il mondo delle intuizioni e della ricerca
06 settembre 2019
Il Crea costruisce, forma e perfeziona il percorso tra accademia e tessuto produttivo

La terza edizione del Contamination Bootcamp approda ad Arborea dopo Sardara e Tortolì

Mario Frongia


Lunedì 16 settembre si chiudono le iscrizioni per le imprese che intendono partecipare alla #03Edizione del Contamination Bootcamp. Il programma intensivo di Open Innovation è organizzato dal Crea (Centro servizi di ateneo per l’innovazione e l’imprenditorialità, Università di Cagliari) ed è rivolto alle imprese operanti sul territorio nazionale. A seguire, sulla scorta delle aziende che prenderanno parte ai lavori, verrà indetta la selezione dei ricercatori e start up. Sette rappresentanti di diverse aziende e settori, quattrodici ricercatori dell’ateneo del capoluogo e sette fondatori di startup innovative lavoreranno insieme, dal 17 al 20 ottobre all’Horse country resort (Arborea) per dare vita a soluzioni innovative, sviluppare le soft skills necessarie a guidare i programmi di Open Innovation e tecniche Lean da applicare all'interno della propria aziende e migliorare i propri servizi e prodotti.

 

La Sardegna che mette in gioco idee, formazione avanzata, nuove generazioni e imprese
La Sardegna che mette in gioco idee, formazione avanzata, nuove generazioni e imprese

Un percorso condiviso e modellato su misura che conduce a risultati innovativi

Sul sito del Crea UniCa (http://www.crea.unica.it/contamination-bootcamp-2019/) anche le altre informazioni sul percorso rivolto a manager, imprenditori, responsabili o dipendenti di imprese operanti in tutti i settori merceologici a livello nazionale. Le imprese partecipanti potranno presentare delle challenge innovative e risolvere, grazie all’aiuto di ricercatori e startupper, problematiche reali della propria azienda, impadronendosi inoltre di quegli strumenti utili ad affrontare le sfide e i problemi di domani. “Il risultato è innovativo, tecnologicamente avanzato e competitivo. Ma soprattutto tagliato su misura. Perché sono le richieste delle aziende - spiega Maria Chiara Di Guardo, pro rettore Innovazione e direttore del Crea - a guidare ricercatori e startupper nella ricerca delle soluzioni migliori”. In sostanza, un’efficace esperienza di Open Innovation, un’opportunità per aziende che vogliono davvero migliorarsi. Uno strumento potente per attivare il cambiamento e innescare un circolo virtuoso dell’innovazione. “Un’esperienza unica, coinvolgente e divertente, in una location fantastica che di sicuro resterà indimenticabile, capace di generare un’onda creativa, una grande motivazione nelle persone coinvolte, mettendo in circolo energia positiva” conclude la professoressa Di Guardo.

Informazioni. Crea - via Ospedale 121, Cagliari, www.crea.unica.it – 070-6758484

 

Maria Chiara Di Guardo (seconda da sinistra) con un gruppo di imprenditori giapponesi in visita all'Università di Cagliari
Maria Chiara Di Guardo (seconda da sinistra) con un gruppo di imprenditori giapponesi in visita all'Università di Cagliari

Ultime notizie

23 gennaio 2020

Master internazionale avanzato in tecnologie Smart Grid

L'Ateneo di Cagliari, l'Università di Cipro e l'Università di scienze applicate della Macedonia occidentale (Grecia) grazie al Progetto MOST di Erasmus+ lanciano un programma di specializzazione, mirato e altamente competitivo, nel campo delle tecnologie rinnovabili, fotovoltaiche e delle reti intelligenti. Tutti i dettagli sul sito www.smartgridsmaster.eu

23 gennaio 2020

Monifive, tecnologia avanzata a favore della collettività

Il brillante progetto dei ricercatori dell’Università di Cagliari risponde con efficacia a esigenze reali e quotidiane. Dalla sicurezza alla gestione di luoghi, eventi pubblici e acqua. “Le tecnologie Internet of things e Blockchain, il segnale 5G con il piazzamento dei dispositivi di sensing offrono informazioni trasversali nel pieno rispetto della privacy” spiega Luigi Atzori  a capo degli studi e responsabile del laboratorio di Multimedia and communications

22 gennaio 2020

Canne e alghe? Utili alla spiaggia

Su “L’Unione Sarda” l’intervento di Sandro Demuro, docente di Morfodinamica e conservazione dei litorali, a proposito della Posidonia oceanica e delle canne depositate sulla spiaggia del Poetto. Uno strumento utilissimo per comprendere le dinamiche e i fenomeni in atto, con l’Ateneo che conferma il suo ruolo guida nella disseminazione e nella divulgazione della ricerca scientifica. In una parola, la Terza missione

21 gennaio 2020

La cucina incontra la scienza

TERZA MISSIONE: Germano Orrù, ordinario di Scienze tecniche mediche applicate al Dipartimento di Scienze chirurgiche, Alessandra Scano e Sara Fais, borsiste di ricerca di UniCa, intervengono mercoledì 22 gennaio a Sant’Antioco ad un seminario sugli alimenti funzionali della tradizione sarda nell’ambito di un progetto attivato dall’Istituto Professionale Enogastronomico IPIA “Emanuela Loi”. Grazie alla ricerca scientifica, crescono la sinergia con le scuole e l'interazione con il territorio

Questionario e social

Condividi su: