UniCa UniCa News Notizie On line l’ottavo Quaderno camilleriano

On line l’ottavo Quaderno camilleriano

La presentazione del nuovo volume, disponibile nell’apposito sito dedicato alla memoria del grande scrittore scomparso poche settimane fa, scritta dal curatore Giuseppe Marci. Tra le pagine numerosi contributi di indiscusso valore scientifico
02 agosto 2019
Il frontespizio del nuovo volume

Sergio Nuvoli

Cagliari, 2 agosto 2019 – E’ on line da qualche giorno, l’ottavo numero dei Quaderni camilleriani, la collana coordinata da Giuseppe Marci dedicata all’opera dello scrittore siciliano, scomparso poche settimane fa. Riportiamo integralmente quanto il professor Marci ha scritto nella presentazione del Quaderno, pensando sia anche il modo migliore per onorarne la memoria.


-----

Mentre questo ottavo volume era in allestimento, Andrea Camilleri ci ha lasciato.
I Quaderni camilleriani lo hanno voluto ricordare con un inserto, ricco per le foto di Giorgio Dettori e per un dialoghetto in cui lo Scrittore pronuncia poche battute, sufficienti a mettere in luce la sua non comune personalità.

Il titolo – Fantastiche e metamorfiche isolitudini – riassume il senso del volume che si occupa dell’idea di “isola” (isola Sicilia, isole di tutti i mari del mondo) e delle visioni fantastiche che le isole spesso hanno suscitato: dunque, non il Camilleri dei romanzi storici e civili o delle storie di Montalbano, ma l’autore della trilogia fantastica e, in primo luogo, di Maruzza Musumeci.

La nota de Il ladro di merendine si chiude con una frase: “Il romanzo è dedicato a Flem: storie così gli piacevano”. La facciamo nostra e la adattiamo: il volume è dedicato ad Andrea Camilleri; ricerche così gli piacevano, fatte da studiosi (tre donne e tre uomini) che con finezza interpretativa leggono e descrivono il suo mondo insulare; la psicologia dei personaggi femminili dai quali quel mondo è animato; il fantastico e le metamorfosi; le Sirene che hanno inquietato (e consolato) i naviganti fin dagli antichissimi tempi cantati nell’Odissea.

In Maruzza Musumeci ancora risuonano le loro voci: per dirci delle inimmaginabili occasioni che possono derivare dall’ascolto dell’altro.

Oltre la qualità letteraria, questo c’è, soprattutto, nell’opera di Andrea Camilleri.

Giuseppe Marci e Andrea Camilleri. In mezzo, un'opera dell'indimenticabile Pinuccio Sciola
Giuseppe Marci e Andrea Camilleri. In mezzo, un'opera dell'indimenticabile Pinuccio Sciola

Link

Ultime notizie

23 gennaio 2020

Master internazionale avanzato in tecnologie Smart Grid

L'Ateneo di Cagliari, l'Università di Cipro e l'Università di scienze applicate della Macedonia occidentale (Grecia) grazie al Progetto MOST di Erasmus+ lanciano un programma di specializzazione, mirato e altamente competitivo, nel campo delle tecnologie rinnovabili, fotovoltaiche e delle reti intelligenti. Tutti i dettagli sul sito www.smartgridsmaster.eu

23 gennaio 2020

Monifive, tecnologia avanzata a favore della collettività

Il brillante progetto dei ricercatori dell’Università di Cagliari risponde con efficacia a esigenze reali e quotidiane. Dalla sicurezza alla gestione di luoghi, eventi pubblici e acqua. “Le tecnologie Internet of things e Blockchain, il segnale 5G con il piazzamento dei dispositivi di sensing offrono informazioni trasversali nel pieno rispetto della privacy” spiega Luigi Atzori  a capo degli studi e responsabile del laboratorio di Multimedia and communications

22 gennaio 2020

Canne e alghe? Utili alla spiaggia

Su “L’Unione Sarda” l’intervento di Sandro Demuro, docente di Morfodinamica e conservazione dei litorali, a proposito della Posidonia oceanica e delle canne depositate sulla spiaggia del Poetto. Uno strumento utilissimo per comprendere le dinamiche e i fenomeni in atto, con l’Ateneo che conferma il suo ruolo guida nella disseminazione e nella divulgazione della ricerca scientifica. In una parola, la Terza missione

21 gennaio 2020

La cucina incontra la scienza

TERZA MISSIONE: Germano Orrù, ordinario di Scienze tecniche mediche applicate al Dipartimento di Scienze chirurgiche, Alessandra Scano e Sara Fais, borsiste di ricerca di UniCa, intervengono mercoledì 22 gennaio a Sant’Antioco ad un seminario sugli alimenti funzionali della tradizione sarda nell’ambito di un progetto attivato dall’Istituto Professionale Enogastronomico IPIA “Emanuela Loi”. Grazie alla ricerca scientifica, crescono la sinergia con le scuole e l'interazione con il territorio

Questionario e social

Condividi su: