UniCa UniCa News Notizie Sardegna e Cuba si incontrano all’Università di Cagliari

Sardegna e Cuba si incontrano all’Università di Cagliari

Sabato 20 luglio dalle 19 in programma musica, canto e danze nello spazio aperto della facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche, viale Sant’Ignazio 74. Iniziativa promossa dal Cruc, il Circolo ricreativo dell’ateneo, con l’associazione Palazzo d’Inverno e l’assessorato regionale alla Pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport. INGRESSO GRATUITO
18 luglio 2019
Serata di sabato 20 luglio 2019 nella facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche di Cagliari (spazio all'aperto di viale Sant’Ignazio 74)

Cagliari, 19 luglio 2019 (IC)
 
 
Una serata vivace ed eclettica all’insegna del multiculturalismo, scambio e confronto tra radici etnografiche e tradizioni diverse, scandita da stages, sonorità e movimento. Così, sabato 20 luglio 2019 a partire dalle ore 19 nella facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche di Cagliari – spazio all’aperto viale Sant’Ignazio 74 – promette di svolgersi Sardegna e Cuba si incontrano - laboratori, musica e danze, evento promosso dal Circolo Ricreativo Universitario di Cagliari, in collaborazione con l’associazione culturale Palazzo d’Inverno e l'Assessorato Pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport della Regione autonoma della Sardegna.

L’appuntamento prevede una intensa serata multidisciplinare, animata da una scaletta artistica con protagonisti musicisti affermati, danzatori, cantanti sardi e cubani, uniti nel comune intento di avvicinare attivamente adulti, genitori, giovani e bambini ad una serata all’insegna dello stare insieme e della festa.

Come spiega il comunicato degli organizzatori “La musica e le sue espressioni collaterali, rappresentano una forma creativa che a livello comunicativo arrivano direttamente all’anima, sprigionando dal nostro potenziale emotivo, una risposta immediata e travolgente. Linguaggi universali che avvicinano l’umanità in modo spontaneo, fortemente aggreganti. Per tale motivo l’Associazione Culturale Palazzo d’Inverno, da anni sfrutta questo potente canale comunicativo per favorire il dialogo tra popoli e l’incontro tra diverse tradizioni.”
 
La manifestazione – con ingresso gratuito per tutte le attività e spettacoli – sarà caratterizzata da attività laboratoriali ed esibizioni per offrire ai partecipanti l’opportunità di conoscere ed approfondire le matrici delle varie culture attraverso l’esperienza e il coinvolgimento diretto segnato da divertimento, gioia ed allegria. Il tutto in una cornice informale “che pone l’accento sulla necessità di avvicinare mondi geograficamente lontani, ma caratterizzati da profonde analogie storiche, politiche, artistiche e sociali, esaltando il valore del reciproco scambio e della varietà delle idee”. Ampio spazio quindi alla narrazione verbale ed emozionale dei contenuti della musica e delle danze sarde e cubane, uniti nel comune codice universale di suoni potenti, evocativi e antichi.

 

IL PROGRAMMA

INIZIO ORE 19.00 CON DUE LABORATORI IN CONTEMPORANEA:
- Danze Popolari Sarde condotto da Andrea Pisu (Launeddas), Pietro Tanda (Organetto) e Antonello Piras (Coreutica)
- Danze Popolari Cubane  con Alexis Castor.
L’attività sulle danze isolane, è un momento per rafforzare il valore della Sardegna come la miniera più ricca di danze tradizionali in Italia, che appunto nel ballo esprime al meglio le radici identitarie. Analogamente, anche lo stage di Danze Cubane, attraverso il trascinante temperamento dei suoi interpreti, racconta una terra dove la musica e il movimento scandiscono la quotidianità, creando condivisione, divertimento e senso di aggregazione.

ALLE ORE 20,15 IL LABORATORIO DI MUSICA D’INSIEME “SONHEROS”
Direzione e basso Rinaldo Pinna, tres – Fabrizio Ambu, fisarmonica – Antonello Carta, chitarra – Pino Bronzini, Cajon –Toni Piliu. Un lavoro mirato alla promozione e alla partecipazione attiva all’esperienza musicale di gruppo che assicura un approccio al “suonare” non come pratica fine a se stessa, ma come stimolo alla socializzazione e scambio in cui la bontà della riuscita finale è legata alla positiva partecipazione di tutti e all’armonizzazione delle diverse competenze.

CHIUSURA DELLA SERATA CON IL CONCERTO “I SUONI DELLA TRADIZIONE” DALLE ORE 21.00
con Andrea Pisu alle launeddas,  Pietro Tanda all’organetto e Antonello Piras coreutica.

 

 

 

locandina e programma dell'evento
locandina e programma dell'evento

L’UNIONE SARDA di venerdì 19 luglio 2019 / Agenda (Pagina 20 - Edizione CA)

LA SERATA. Oggi dalle 19 nel polo in viale Sant'Ignazio
SARDEGNA E CUBA, INCONTRO ALL'UNIVERSITÀ TRA MUSICA, BALLI, LABORATORI E TRADIZIONI


Una serata all'insegna di multiculturalismo e confronto ftra tradizioni diverse. Oggi dalle 19, nella facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche (spazio all'aperto in viale Sant'Ignazio 74), si svolgerà “Sardegna e Cuba si incontrano - laboratori, musica e danze”. È un'iniziativa del Circolo ricreativo dell'Università, con l'associazione “Palazzo d'inverno” e l'assessorato regionale alla Pubblica Istruzione.
Gli obiettivi della serata 
Lo scopo è valorizzare risorse artistiche locali e internazionali. Al centro del titolo “Sardegna e Cuba si incontrano” è la musica dal vivo, con il principio di reciproco arricchimento attraverso la tradizione e le sue evoluzioni nel tempo». Un confronto che da Cuba si estende poi alla più ampia conoscenza del mondo latino: dal sincretismo religioso alle memorie di pratiche magiche e misteriose. Sarà una serata intensa e multidisciplinare, animata da una scaletta artistica con affermati musicisti, danzatori, cantanti sardi e cubani.
Serie di laboratori 
Sono organizzati per offrire ai partecipanti l'opportunità di approfondire la conoscenza delle varie culture attraverso il coinvolgimento. Le iniziative si svolgono in una cornice informale, che pone l'accento sulla necessità di avvicinare mondi geograficamente lontani ma caratterizzati da profonde analogie storiche, politiche, artistiche e sociali, esaltando il valore dello scambio. Ampio spazio quindi alla narrazione verbale e musicale delle danze sarde e cubane. Si parte alle 19 con due laboratori che si tengono in contemporanea. Il primo è sulle danze popolari sarde, con Andrea Pisu (launeddas), Pietro Tanda (organetto) e Antonello Piras (coreutica). Quello di danze popolari cubane è affidato ad Alexis Castor. Si prosegue alle 20,15 con il laboratorio di musica d'insieme “Sonheros”: direzione e basso Rinaldo Pinna, con la partecipazione di Tres (Fabrizio Ambu fisarmonica, Antonello Carta chitarra e Pino Bronzini Cajon Toni Piliu).
Il concerto finale 
La serata si chiuderà alle 21.30 con il concerto “I suoni della tradizione” con Andrea Pisu alle launeddas, Pietro Tanda all'organetto e Antonello Piras coreutica. Ingresso gratuito per tutte le attività e spettacoli.

Rassegna stampa - Nell'articolo del 19 luglio è indicato erroneamente "oggi" ma l'evento è in calendario nella serata di domani sabato 20 luglio
Rassegna stampa - Nell'articolo del 19 luglio è indicato erroneamente "oggi" ma l'evento è in calendario nella serata di domani sabato 20 luglio

Ultime notizie

13 dicembre 2019

Verso un futuro condiviso, con UniCa

Il ruolo dell’Ateneo nella definizione del Piano Strategico della Città Metropolitana di Cagliari: venerdì 13 dicembre a Palazzo Regio numerosi ricercatori intervengono al Forum, il Prorettore vicario Francesco Mola tra i relatori della tavola rotonda

13 dicembre 2019

UniCa con Legambiente per il Bacino del Rio Posada

L’Università di Cagliari è partner del progetto di tutela ambientale “Acqua e fuoco. Dalle cicatrici del passato la mappa per un futuro al riparo dai rischi nel Parco di Tepilora”. In prima linea il Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche grazie al gruppo di ricerca composto dai professori Antonio Funedda, Maria Teresa Melis e Stefania Da Pelo. Questa mattina, su RAITRE, servizio e intervista al prof. Funedda durante il programma televisivo ''BUONGIORNO REGIONE''

13 dicembre 2019

Premio Mazzeo a Fabio Medas

Ancora un risultato di prestigio nazionale assoluto per il giovane ricercatore di Chirurgia Generale al Dipartimento di Scienze Chirurgiche dell'Università di Cagliari: è stato premiato a Napoli con il riconoscimento intitolato al grande chirurgo della scuola napoletana e fondatore della Società Italiana di Chirurgia Oncologica. Dopo la borsa Ettore Ruggeri ottenuta nel 2016, un nuovo e importante successo per Medas, che opera nel reparto di Chirurgia Generale e Polispecialistica della AOU di Cagliari, diretto dal prof. Piergiorgio Calò

Questionario e social

Condividi su: