UniCa UniCa News Notizie PAESAGGI MINERARI. Architettura e archeologia a Monteponi dall’1 al 6 luglio

PAESAGGI MINERARI. Architettura e archeologia a Monteponi dall’1 al 6 luglio

In corso a Iglesias il 5° ''Laboratorio internazionale di architettura e paesaggio'' organizzato dal Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e architettura (Dicaar) dell’Università di Cagliari e diretto dal professor Giorgio Peghin
01 luglio 2019
A fondo pagina il link alla locandina del Laboratorio internazionale ''Paesaggi minerari''

Dal 1 al 6 luglio si svolgerà a Monteponi (Iglesias), la quinta edizione dell’International workshop of landscape and architecture, dal titolo "Paesaggi minerari".

Questo laboratorio internazionale di architettura e paesaggio rappresenta un momento di studi, ricerche e progetti sui territori minerari e sulle aree produttive e industriali abbandonate. Questa edizione si sofferma in particolare sui temi dell’archeologia mineraria e sulle straordinarie opere sotterranee, nel tentativo di ricostruire un’esperienza spaziale legata al complesso mondo ipogeo delle miniere e alla corrispondente materia, architettonica e minerale, che si è depositata sul suolo.

LABORATORIO. Organizzato dal Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e architettura (Dicaar) dell’Università di Cagliari e dal Consorzio per la promozione delle attività universitarie del Sulcis-Iglesiente (Ausi) con la collaborazione del Centro di eccellenza per la sostenibilità ambientale (Cesa), il corso è diretto dal professor Giorgio Peghin, associato di Composizione architettonica e urbana.
Le attività coinvolgono studenti e docenti provenienti da 10 scuole di architettura europee e internazionali: la BEDS, School of Build Environment and Development Studies, Architectural Discipline, Durban, South Africa; il DIARC Dipartimento di architettura, Università Federico II di Napoli; il DAD Dipartimento di architettura e design, Politecnico di Torino; il DARC Dipartimento di architettura, Università di Palermo; il DADU Dipartimento di architettura, design e urbanistica, Università di Sassari; l’ESA École Spéciale d’Architecture, Paris; lo IUAV Istituto Universitario di Architettura di Venezia; l’Accademia di Architettura di Mendrisio, Università della Svizzera Italiana, la SDS Scuola di Architettura di Siracusa, Università di Catania e il Departamento de Arquitectura, Universidade de Évora. Durante la settimana di lavori si svolgeranno nella sede dell’AUSI (Palazzo Bellavista a Monteponi) le conferenze degli architetti Bruno Messina, Joao Nunes, Giancarlo Motta e Carlo Moccia, incontri pubblici di dibattito e seminari tematici.

DOCENTI, RELATORI, VISITING CRITICS: Carlo Atzeni, Gianmarco Chiri, Giovanni Battista Cocco, Pier Francesco Cherchi, Adriano Dessì, Marco Lecis, Pierpaolo Manca, Italo Meloni, Giuseppina Monni Giorgio Peghin, Fausto Pani,(Cagliari), Silvia Bodei (Durban, South Africa), Francesco Cacciatore (Venezia), Renato Capozzi, Federica Visconti (Napoli), Giuseppe De Boni (Roma), Massimo Faiferri (Sassari), João Gomes da Silva (Lisbon, Portugal), Vincenzo Melluso (Palermo), Bruno Messina, Marco Navarra (Siracusa), Carlo Moccia (Bari), Giancarlo Motta (Milano), João Nunes (Lisbona, Portugal), Chiara Occelli, Riccardo Palma, Carlo Ravagnati (Torino), João Gabriel Soares (Évora).

SCUOLE DI ARCHITETTURA: BEDS, School of Build Environment and Development Studies, Architectural Discipline, Durban, South Africa / DIARC Dipartimento di architettura, Università Federico II di Napoli / DAD Dipartimento di architettura e design, Politecnico di Torino / DARC Dipartimento di architettura, Università di Palermo / ESA École Spéciale d’Architecture, Paris / IUAV Istituto Universitario di Architettura di Venezia / DADU Sassari / Accademia di Architettura di Mendrisio, Università della Svizzera Italiana / SDS Scuola di Architettura di Siracusa, Università di Catania / Departamento de Arquitectura, Universidade de Évora.

COMITATO DIRETTIVO E DIDATTICO: Antonio Angelillo (Milano), Francesco Cacciatore (Venezia), Renato Capozzi, Federica Visconti (Napoli), Massimo Faiferri (Sassari), Joao Gomez, Joao Nunes (Mendrisio), Giorgio Massacci, Giorgio Peghin (Cagliari), Vincenzo Melluso (Palermo), Bruno Messina, Marco Navarra (Siracusa), Riccardo Palma (Torino), Joao Gabriel Soares (Evora).

DIREZIONE E COORDINAMENTO SCIENTIFICO: Giorgio Peghin (Dicaar Università di Cagliari)

INFO: www.consorzioausi.it - info@consorzioausi.it - giorgiopeghin@unica.it - giorgiopeghin@tiscali.it

Allegati

Ultime notizie

05 ottobre 2022

Archeologia, le scoperte di Nora

Una statuetta in maiolica di un babbuino del VII secolo avanti Cristo, proveniente probabilmente dall’Egitto. Tombe integre contenenti piccole statue e monili: sono queste i ritrovamenti emersi dagli scavi nella necropoli. Il lavoro dei ricercatori dell'ateneo, e delle Università di Padova, Genova e Milano, si è aperto nel 2013. Ieri, l'area archeologica è stata visitata dal rettore Francesco Mola e dal direttore del dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali, Ignazio Putzu. Alla visita hanno preso parte i docenti Marco Giuman, Rossana Martorelli, Romina Carboni ed Emiliano Cruccas

04 ottobre 2022

Tutti a caccia della bomba e dello scienziato pazzo: storie e fantasia per comunicare la ricerca

Quattrocento partecipanti all'Adventure nights: la caccia al tesoro scientifica all'Orto botanico è stata vinta dai team "Spagna" e "Stati Uniti", ha chiuso Sharper 2022. Enigmi e tranelli curati dai ricercatori dell'Università di Cagliari, Massimo Barbaro, Ambra Demontis, Annalisa Vacca, Stefania Tronci, Roberta Licheri, Michele Mascia, Maria Polo, Michela Marignani, Gian Luca Marcialis, Gian Battista Cocco, Giorgia De Gioannis, Francesca Maltinti, Roberto Ricciu e Tiziana Pivetta. Tra i temi del gioco di ruolo, transizione energetica, specie aliene invasive, cybersecurity, intelligenza artificiale, inquinamento acustico e modelli 3d del volto. L'approfondimento sulla Notte oggi in prima serata tv su Tele Sardegna

02 ottobre 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemilacinquecento presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una sessantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 settembre 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie