UniCa UniCa News Notizie Gli occhi dei ricercatori di UniCa sui nostri mari

Gli occhi dei ricercatori di UniCa sui nostri mari

RICERCA e TERZA MISSIONE. Il TgR della RAI dedica un'intera puntata ad alcuni studi realizzati dai team dell’Ateneo: la corretta gestione della Posidonia nelle parole di Sandro Demuro, i rischi derivanti dall’abbandono delle microplastiche nei mari analizzati da Giovanni De Giudici. VIDEO
15 giugno 2019
A sinistra Mauro Scanu con Sandro Demuro, a destra Carlo Manca con Giovanni De Giudici

Sandro Demuro: "Ad ogni spiaggia serve una sorta di direttore dei lavori, perchè ciascuna è diversa dalle altre, per caratteristiche e problemi. Formiamo ottimi laureati in Scienze naturali che potrebbero essere coinvolti nella corretta gestione"

Sergio Nuvoli

Cagliari, 13 giugno 2019 – Questa mattina è andata in onda su Rai3 una puntata davvero speciale di “Buongiorno Regione”, la striscia quotidiana informativa curata dalla redazione giornalistica del TgR Rai Sardegna.

La trasmissione, condotta oggi in studio da Chiara Zammitti, è stata dedicata quasi integralmente al mare, e ad alcuni fenomeni che lo riguardano molto vicino. Si tratta di situazioni che i ricercatori dell’Università di Cagliari conoscono benissimo e studiano da anni. Anche questo è un modo per mettere a disposizione della società le conoscenze e le competenze acquisite in tanti anni di ricerche e approfondimenti sul campo, specie da parte di alcuni.

Di Posidonia ha parlato Sandro Demuro, docente di Morfologia e conservazione dei litorali: il professore era in collegamento dalla spiaggia di Santa Margherita di Pula, dove è stato intervistato da Mauro Scanu mentre mostrava in diretta i cascami sull’arenile indicando tra l’altro le regole per la corretta gestione. “Le spiagge sono come le persone – ha spiegato – Ciascuna deve essere tratta secondo le proprie caratteristiche, perché è diversa da tutte le altre”. Concetti ripresi più volte da Demuro, che con l’Osservatorio Coste e Ambiente Naturale Sottomarino (OCEANS) è spesso impegnato in ogni punto della Sardegna nella divulgazione delle migliori pratiche di tutela delle nostre risorse più importanti.

“Ad ogni spiaggia serve una sorta di direttore dei lavori – ha aggiunto questa mattina – Penso ai nostri laureati in Scienze naturali, che conoscono davvero bene la biosfera: potrebbero essere impegnati in questo settore così delicato”.

Mauro Scanu e Sandro Demuro sulla spiaggia di Santa Margherita di Pula
Mauro Scanu e Sandro Demuro sulla spiaggia di Santa Margherita di Pula
VIDEOPITCH: il video con l'intervista di Mauro Scanu con Sandro Demuro

Giovanni De Giudici: "Dagli anni ’70 sono aumentate le concentrazioni delle molecole sintetiche negli oceani. Parlare di epidemia o di conseguenze certe sulla salute dell’uomo è complesso”

Subito dopo è andato in onda un servizio di Carlo Manca sulle “microplastiche nella catena alimentare”, durante il quale è stato intervistato Giovanni De Giudici, docente di Mineralogia, che ha spiegato la situazione delle acque intorno alla nostra Isola, e non solo, illustrando anche le finalità del progetto TESTARE, che analizza particolari organismi unicellulari – i foraminiferi – che incorporano molecole inquinanti.

L’inquinamento chimico del mare, ha fatto notare il giornalista, è un fenomeno meno conosciuto e studiato rispetto per esempio al cambiamento climatico. Non all’Università di Cagliari, dove i ricercatori guidati da De Giudici portano avanti ricerche specifiche in questo campo e in altri affini. “Bisogna dire basta alla plastica – ha detto il professore – Dagli anni ’70 sono aumentate le concentrazioni delle molecole sintetiche negli oceani. Parlare di epidemia o di conseguenze certe sulla salute dell’uomo è complesso”.

Giovanni De Giudici durante l'intervista
Giovanni De Giudici durante l'intervista
VIDEOPITCH: il video con l'intervista di Carlo Manca con Giovanni De Giudici

Link

Ultime notizie

15 febbraio 2020

Arresto di Patrick George Zaky, la solidarietà di UniCa con l’Università di Bologna

Il nostro Ateneo fa propria la mozione approvata dall’Alma Mater Studiorum relativa all’arresto del giovane studente. Il commento del Rettore, Maria Del Zompo: “Siamo increduli e angosciati: ancora una volta nello stesso Paese (il riferimento è a Giulio Regeni) si verifica un episodio contro la libertà di pensiero e di ricerca e di giovani ricercatori. Vicini alla famiglia di Patrick, con l’Università di Bologna chiediamo che il Governo italiano e l’Unione europea non smettano di prodigarsi in ogni modo per favorire il rientro di Patrick nella sua comunità”

14 febbraio 2020

Università e Polizia assieme contro la violenza di genere

Oggi il camper della Questura è in Cittadella Universitaria a Monserrato per un contatto diretto con la popolazione dell’ateneo e i cittadini.Prosegue e si rafforza il percorso istituzionale formativo e sociale sul territorio. “Siamo da sempre vicini a iniziative e istanze di pregio volte a sensibilizzare, informare e rafforzare il senso civico” dice Vito Lippolis

14 febbraio 2020

L’Università di Cagliari porta l’Internet of Things nella produzione del Carasau

RICERCA SCIENTIFICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO. I ricercatori di quattro dipartimenti collaborano con due aziende all’interno del progetto IAPC, finanziato dal Ministero dello Sviluppo economico con quasi 5 milioni di euro: per aumentare la qualità del prodotto saranno utilizzati metodi matematici moderni per la riduzione del consumo di energia e dei costi, nuove tecniche di gestione e tecnologie dell’informazione e comunicazione, sistemi di tracciamento e accurata caratterizzazione di materie prime, semilavorati e prodotto finale

13 febbraio 2020

CONCORSO “UNICA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE”

L’Università di Cagliari lancia un contest studentesco per video e per elaborati giornalistici in abbinamento ad un percorso didattico multidisciplinare in riferimento agli obiettivi dell’Agenda ONU 2030 “Acqua pulita e servizi igienico-sanitari”, “Energia pulita e accessibile”, “Riduzione delle disuguaglianze” e “Lotta contro il cambiamento climatico”, SCADENZA ISCRIZIONI: 10 MARZO

Questionario e social

Condividi su: