UniCa UniCa News Notizie Beni culturali, recupero e conservazione. Alta formazione alla scuola del Dimcm

Beni culturali, recupero e conservazione. Alta formazione alla scuola del Dimcm

Il progetto MaterialiAcademy curato dagli specialisti dell’ateneo si apre il 4 giugno al Parco scientifico e tecnologico. “Puntiamo a sensibilizzare anche l’opinione pubblica su temi con un forte impatto sul restauro del patrimonio isolano” dice il responsabile scientifico, Giorgio Pia
03 giugno 2019
La Scientific school annovera docenti, tecnici e specialisti di alto profilo scientifico

Edilizia storica e moderna al microscopio

Mario Frongia

Dal martedì 4 a venerdì 7 giugno, il Parco scientifico e tecnologico della Sardegna (Pula), ospita i lavori del progetto MaterialiAcademy e la Scientific school sul tema "Beni culturali dell’edilizia storica e moderna: nuove prospettive nel recupero e nella conservazione dei materiali". Il responsabile scientifico del progetto è Giorgio Pia (docente e ricercatore del Dimcm, Dipartimento di ingegneria meccanica, chimica e dei materiali dell’Università di Cagliari).

 

Giorgio Pia. Docente ambito Scienza e tecnologia dei materiali al Dimcm dell'ateneo di Cagliari Meccanica, Chimica e dei Materiali dell’Università di Cagliari
Giorgio Pia. Docente ambito Scienza e tecnologia dei materiali al Dimcm dell'ateneo di Cagliari Meccanica, Chimica e dei Materiali dell’Università di Cagliari

La scuola: dalle rocce a laterizi, malte e pietre della Sardegna

L’iter formativo della Scientific School prevede interventi tematici di alto profilo scientifico dedicati alla conservazione dei materiali dei beni culturali. Verranno trattate le tematiche inerenti al restauro dei materiali lapidei naturali con un costante riferimento alla loro caratterizzazione, al degrado, alla loro organizzazione in seno all’anatomia costruttiva degli edifici. La pietra naturale è l’elemento costitutivo più diffuso nei beni architettonici della Sardegna e subisce una continua aggressione ambientale. “I problemi legati al consolidamento e alla protezione di alcune rocce della Sardegna sono comuni a quelli di altri paesi, con areali molto vasti. La comunità scientifica - spiega il professor Pia - deve diffondere i risultati delle ultime ricerche su questi temi e comunicarli nell’ambito della Scientific school”.

 

MaterialiAcademy, un mondo in divenire che punta a coinvolgere sempre meglio gli addetti ai lavori e le comunità
MaterialiAcademy, un mondo in divenire che punta a coinvolgere sempre meglio gli addetti ai lavori e le comunità

Staff di primo livello con esperienze, ricerche e competenze maturate sul campo.

 

Il progetto e la scuola si avvalgono della collaborazione degli specialisti Paola Meloni e Roberta Licheri (dipartimento ingegneria meccanica, chimica e dei materiali), Giancarlo Spanu. Nel team anche Marta Cappai e Maria Ludovica Casnedi. MaterialiAcademy ha l’ambizione di diventare una community che offra uno spazio di relazione e comunicazione tra mondo accademico, professionisti, imprese, studiosi e appassionati del settore dei materiali e della loro conservazione con incontri, workshop, laboratori, concorsi di idee e altre iniziative culturali.

 

Da sinistra in senso orario, Giancarlo Spanu, Roberta Licheri e Paola Meloni......
Da sinistra in senso orario, Giancarlo Spanu, Roberta Licheri e Paola Meloni......

Dall'archeologia industriale ai beni del Parco geominerario

La Scuola spazia a 360 gradi sui temi chiave del recupero e della conservazione. Previsti interventi sui lapidei artificiali (malte tradizionali e calcestruzzi moderni). “Il restauro delle architetture moderne rappresenta una sfida strutturale e materica che deve ancora trovare il perfezionamento delle prassi operative, e di cantiere, adattabili alle differenti esigenze conservative esibite dai singoli manufatti. Una serie di interventi - aggiunge Giorgio Pia - illustreranno alcune peculiarità del patrimonio isolano, nella fattispecie alcuni grandi edifici che fanno parte dell’Archeologia industriale che caratterizza il parco geominerario della Sardegna patrimonio dell’Unesco. Queste strutture devono essere oggetto di recupero e restauro e si trovano in condizioni conservative critiche fino alla ruderizzazione”. L'obiettivo della Scuola è migliorare la formazione di un professionista, di un ricercatore o di uno studente che possa interagire nel cantiere di restauro, definire lo stato di conservazione, nonché ipotizzare e discutere le proposte di intervento. In sintesi, le ricadute essenziali sulla preparazione degli allievi derivanti dai contributi delle lezioni possono essere così riassunte: predisposizione del piano operativo per la conservazione con integrazione dei contributi interdisciplinari provenienti dalle discipline precedentemente menzionate.

INFORMAZIONI. www.youtube.com/watch?v=PSJKzER14jo&t=23s;

www.materialiacademy.it;

www.facebook.com/MaterialiAcademy-1073635276149417/?modal=admin_todo_tour;

www.unica.it/unica/protected/152116/0/def/ref/AVS152115;

www.sardegnaricerche.it/index.php?xsl=370&s=386502&v=2&c=3134&nc=1&qr=1&qp=2&vd=2&fa=1&t=3&sb=1

Formazione avanzata senza confini: quattro giorni proficui con al centro anche l'immenso patrimonio isolano
Formazione avanzata senza confini: quattro giorni proficui con al centro anche l'immenso patrimonio isolano

Ultime notizie

08 agosto 2020

Dona il tuo 5x1000 all'Ateneo di Cagliari

Per sostenere la ricerca in Sardegna e il lavoro dei nostri giovani studenti e ricercatori, nella dichiarazione dei redditi firma nel riquadro “Finanziamento agli enti della ricerca scientifica e dell’università” indicando il numero di codice fiscale 80019600965

04 agosto 2020

Cardiologia, odontoiatria e cardiochirurgia assieme per una comunicazione efficace

Il Consensus maturato sull’iniziativa dei docenti dell’Università di Cagliari, Elisabetta Cotti e Giuseppe Mercuro. “Lo screening dentale preoperatorio sui pazienti in attesa di interventi chirurgici cardiovascolari elettivi” è la cornice del percorso condiviso dalle principali Società scientifiche del settore

04 agosto 2020

AD ADIUVANDUM, UniCa c’è

L’Università di Cagliari a pieno titolo nella cordata di enti e istituzioni che intendono avviare un’azione di tutela della salute nell’ambito dell’emergenza sanitaria da COVID-19: il primo passo sarà l’avvio di uno screening sugli studenti e sul personale docente e tecnico-amministrativo dell’Ateneo, anche al fine di prevenire nuovi focolai del virus. Si comincerà dalla Facoltà di Medicina e chirurgia. E’ quanto comunicato questa mattina da Maria Del Zompo, Rettore di UniCa, e Francesco Marongiu, Prorettore per le attività sanitarie dell’Ateneo, a Maria Antonietta Mongiu, coordinatrice della rete alla base dell’iniziativa. RASSEGNA STAMPA

03 agosto 2020

Le tecnologie di CentraLabs e il simulatore dell’AC75

Ricerca, scienze nautiche, professionalità. Nei laboratori della Cittadella universitaria di Monserrato l’innovativa classe di imbarcazioni, ideata per partecipare alla 36^ edizione dell’America’s Cup presented by Prada. L’intesa tra gli ingegneri coordinati da Paolo Fadda e 3D Aerospazio di Antonio Depau

Questionario e social

Condividi su: