UniCa UniCa News Notizie ARCHITETTURA. 2° Meeting PRO ARCH

ARCHITETTURA. 2° Meeting PRO ARCH

Appuntamento nazionale il 31 maggio e 1 giugno, nell'Aula magna universitaria di via Corte d'Appello a Cagliari, promosso dal Dicaar, dalla Scuola di Architettura di UniCa e dall’Ordine degli Architetti di Cagliari
24 maggio 2019
Convegno nazionale "I Territori dell’Architettura”, il 31 maggio e 1 giugno nell'Aula magna “Gaetano Cima” di via Corte d’Appello

La scuola di Architettura dell’Università di Cagliari nelle prossime giornate del 31 maggio e 1 giugno organizza e ospita il secondo Meeting nazionale "ProArch", della società scientifica nazionale dei Docenti di progettazione architettonica.

L'appuntamento, patrocinato dall’Ordine degli Architetti di Cagliari e intitolato “I Territori dell’Architettura”, si svolgerà nell’Aula Magna “Gaetano Cima” del complesso Mauriziano in via Corte d’Appello, articolato in due sessioni, tra mattina e pomeriggio, sui due temi principali:

  • Territori della continuità
  • Territori fragili



31 MAGGIO
Le due sessioni principali del venerdì saranno aperte dalle conferenze di due architetti di fama internazionale, quali Gonçalo Byrne e João Nunes, che istruiranno le tematiche anche attraverso la presentazione dei loro lavori.


1 GIUGNO
A conclusione dei lavori del primo giugno si terrà una tavola rotonda con dibattito sulle questioni emerse nelle prime due giornate.

 

Comitato scientifico
Consiglio Direttivo della Società Scientifica ProArch

Gruppo proponente
Pier Francesco Cherchi, Giovanni Marco Chiri, Giovanni Battista Cocco, Adriano Dessì, Marco Lecis, Giorgio Peghin

Comitato organizzativo
Giovanni Battista Cocco, Adriano Dessì, Roberto Sanna

Abstract su www.progettazionearchitettonica.eu
Negli ultimi decenni all’architettura è stato progressivamente sottratto uno dei suoi campi operativi più importanti e tradizionali, quello del territorio, confluito, in modo univoco e con esiti discutibili e critici, nelle discipline della pianificazione o delle ingegnerie ambientali e infrastrutturali, che ne hanno spesso semplificato le complessità e le potenzialità progettuali. Territorio e Paesaggio non rappresentano solo ‘ambiti’ operativi della composizione architettonica e urbana ma i ‘luoghi’ del progetto in cui l’architettura assolve più compiutamente ad altri compiti, quello della relazione e del “coordinamento”, come sottolineava Sigfried Giedion, con le altre discipline e le altre figure del progetto, quello dell’azione politica, ambientale, sociale; ma soprattutto sono i ‘campi’ in cui il tradizionale ruolo tecnico-culturale, estetico-operativo e pre-figurativo dell’architetto, forse molto più che nella città o nel singolo edificio oggi, acquisisce senso di necessità. Per questo motivo non solo sono opportuni gli studi, le ricerche, le pratiche operative in questi ambiti, ma si avverte sempre di più la necessità di costruire un dibattito fertile attorno queste attività proprio in seno alla comunità dei docenti della progettazione architettonica, urbana e del paesaggio.

Il senso di sviluppare questo confronto attraverso la formula del ‘meeting’ a Cagliari e in Sardegna è naturalmente legato a queste premesse, ma soprattutto alla rinnovata coscienza territoriale e paesaggistica che uno dei primi Piani Paesaggistici adottati nel contesto nazionale ha prodotto e produce tutt’ora. La Sardegna inoltre per la sua condizione di marginalità, per la bassa densità insediativa e per l’assenza di città così come intese nella cultura occidentale mediterranea, può essere vista come paradigma di una nuova forma di centralità, che scaturisce proprio dai valori ambientali e dalle risorse territoriali, dall’abitare diffuso, dall’intercezione dei flussi turistici mediterranei, dalle produzioni alimentari di qualità, dall’originalità, dalla diversità e dalla permanenza dei paesaggi rurali delle aree interne.
 
Alla luce di ciò, il meeting ProArch che la Scuola di Architettura di Cagliari propone e ospita, riporta proprio sul piano delle ricerche e delle “esperienze dell’architettura” il dibattito sulla modificazione consapevole del territorio, all’interno della comunità dei docenti della progettazione architettonica e urbana e tra questa e le altre figure del progetto.

In particolare propone di dibattere e approfondire tematiche e ricerche che la Scuola di Architettura ha affrontato e condotto negli ultimi anni che hanno avuto la forza e trovato le proprie ragioni proprio dalle necessità e dalle energie del territorio e sulle quali ha voglia di confrontarsi, per la prima volta attraverso un seminario scientifico, con i rappresentanti delle discipline e la comunità dell’insegnamento del Progetto.


 
La scuola di architettura di Cagliari ospita il 2° meeting ProArch con gli obiettivi di:

  • contribuire a riportare il tema del territorio al centro degli studi dell’Architettura e delle discipline della Progettazione Architettonica, attraverso il confronto tra le ricerche, gli studi e le esperienze progettuali che oggi si compiono in campo nazionale. Con tali finalità, essa mira a ricostruire e restituire anche l’esperienza, seppure non univoca e omogenea, rappresentata da una certa “Scuola Italiana” che spesso, proprio a partire dai territori e dalla marginalità dei luoghi del suo operare, ha raggiunto i suoi risultati più eccellenti;
  • costruire un confronto e un dibattito interno alla società scientifica sul ruolo del progetto e dell’architetto all’interno dei processi decisionali di scala territoriale, con l’obiettivo di programmare e rafforzare i momenti di contatto e le relazioni con gli organi di governo, avvicinando ancora di più ProArch ai temi concreti e riportando il progetto di architettura in una posizione preminente nelle politiche territoriali;
     
  • delineare un quadro di sintesi dello stato attuale e degli scenari relazionali che negli studi territoriali il Progetto di Architettura intesse con le altre discipline e con gli specialismi, unitamente all’evoluzione del ruolo di “coordinamento” che l’architetto riveste in tali ambiti di lavoro nella contemporaneità.

 

INFORMAZIONI
Adriano Dessì, Phd Architect
DICAAR - Università degli Studi di Cagliari
Docente a contratto in Composizione Architettonica e Urbana
Responsabile di Rurban Lab - Paesaggi Insediativi tra Urbano e Rurale
adrianodessi@unica.it; adrianodessi@libero.it
office: +39 0706755378 - mob. +39 3282890548

 

 

 

(ic)

Nell'immagine la locandina ufficiale del 2° Meeting Pro Arch
Nell'immagine la locandina ufficiale del 2° Meeting Pro Arch

Link

Ultime notizie

05 ottobre 2022

Archeologia, le scoperte di Nora

Una statuetta in maiolica di un babbuino del VII secolo avanti Cristo, proveniente probabilmente dall’Egitto. Tombe integre contenenti piccole statue e monili: sono queste i ritrovamenti emersi dagli scavi nella necropoli. Il lavoro dei ricercatori dell'ateneo, e delle Università di Padova, Genova e Milano, si è aperto nel 2013. Ieri, l'area archeologica è stata visitata dal rettore Francesco Mola e dal direttore del dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali, Ignazio Putzu. Alla visita hanno preso parte i docenti Marco Giuman, Rossana Martorelli, Romina Carboni ed Emiliano Cruccas

04 ottobre 2022

Tutti a caccia della bomba e dello scienziato pazzo: storie e fantasia per comunicare la ricerca

Quattrocento partecipanti all'Adventure nights: la caccia al tesoro scientifica all'Orto botanico è stata vinta dai team "Spagna" e "Stati Uniti", ha chiuso Sharper 2022. Enigmi e tranelli curati dai ricercatori dell'Università di Cagliari, Massimo Barbaro, Ambra Demontis, Annalisa Vacca, Stefania Tronci, Roberta Licheri, Michele Mascia, Maria Polo, Michela Marignani, Gian Luca Marcialis, Gian Battista Cocco, Giorgia De Gioannis, Francesca Maltinti, Roberto Ricciu e Tiziana Pivetta. Tra i temi del gioco di ruolo, transizione energetica, specie aliene invasive, cybersecurity, intelligenza artificiale, inquinamento acustico e modelli 3d del volto. L'approfondimento sulla Notte oggi in prima serata tv su Tele Sardegna

02 ottobre 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemilacinquecento presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una sessantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 settembre 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie