UniCa UniCa News Notizie La ricerca di UniCa incontra il territorio

La ricerca di UniCa incontra il territorio

SCIENZA, TRADIZIONE E FUTURO. L’Università di Cagliari ad Escalaplano per il convegno su lentisco e ''ollu’e stincu'', le cui proprietà biologiche e potenzialità funzionali risultano molto interessanti nelle ricerche su nuovi possibili agenti anti-infettivi. Grande partecipazione e interesse all'evento della scorsa settimana
13 maggio 2019
Escalaplano (Ca, 5 maggio 2019 - Presentazione dello studio scientifico sul lentisco condotto dal professor Germano Orrù

L'olio di lentisco, dal passato al futuro...

Ivo Cabiddu
  
Un convegno ricco di spunti a carattere multidisciplinare quello svolto lo scorso 5 maggio nella sughereta Is Pranus e nella sala consiliare del Comune di Escalaplano. Tra realtà storiche e scientifiche, metodologie di produzione e strategie di commercializzazione, nel convegno sono stati discussi gli aspetti legati alle proprietà biologiche e alle potenzialità funzionali dell’olio di lentisco. In campo farmaceutico ma anche cosmetico.
 
  
IL MEETING, organizzato dal gruppo folk San Salvatore con la pro-loco e il gruppo folk San Sebastiano, in collaborazione con l’amministrazione comunale e l’Università di Cagliari, ha affrontato gli aspetti riguardanti il prodotto vegetale tipico di Escalaplano: l’olio di lentisco, s’ollu’e stincu nella terminologia sardo-campidanese.
 
L’OLIO È PRODOTTO, dopo spremitura a caldo o a freddo, dalle bacche della pianta del lentisco (Pistacia lentiscus) raccolte in autunno. Utilizzato nella cucina tradizionale per centinaia di anni, oltre alle sue interessanti proprietà alimentari, l’olio di lentisco potrebbe rappresentare un candidato molto interessante nel campo della ricerca di nuovi agenti anti-infettivi.

la locandina con il programma del convegno (clicca per ingrandire)
la locandina con il programma del convegno (clicca per ingrandire)

... da nobile olio dei poveri nel passato, a quali prospettive, oggi e domani, in medicina, cosmetica e alimentazione, intese anche come sostegno economico del territorio locale?

NEI PAESI MEDITERRANEI l'olio di lentisco continua infatti ad essere ampiamente utilizzato nella medicina popolare come antinfiammatorio per le affezioni orali, in particolare gengiviti acute e infezioni cutanee pediatriche come l’impetigine.
L’Università di Cagliari è stata invitata al convegno a seguito della pubblicazione sull’autorevole rivista Frontiers in Microbiology di una ricerca condotta dal professor Germano Orrù (associato di Scienze mediche del Dipartimento di Scienze chirurgiche) e dal dottor Guy D’Hallewin (CNR). “Lo studio” - conferma lo stesso docente del nostro ateneo - “dimostra l’attività modulante dell’olio di lentisco verso alcuni batteri componenti del microbiota umano. In particolare questo prodotto vegetale è in grado di inibire  i batteri patogeni e nel contempo di potenziare la crescita dei batteri probiotici, ovvero microorganismi che portano beneficio alla salute”.
 
I DATI PUBBLICATI, così conclude Germano Orrù “suggeriscono quindi una notevole capacità antimicrobica selettiva naturale a prevenzione delle malattie associate alle disbiosi intestinali e orali, come risultano anche dai racconti della tradizione locale”.

testata di "Frontiers in Microbiology", la rivista scientifica che ha pubblicato la ricerca sul lentisco condotta dal professor Germano Orrù e dal dottor Guy D’Hallewin
testata di "Frontiers in Microbiology", la rivista scientifica che ha pubblicato la ricerca sul lentisco condotta dal professor Germano Orrù e dal dottor Guy D’Hallewin

I RELATORI del convegno, presenziato dal sindaco di Escalaplano Marco Lampis e dal presidente del gruppo folk San Salvatore Tito Podda che organizza la Sagra da 23 anni, oltre al professor Germano Orrù ("Attività biologica dell'olio di lentisco e la ricerca scientifica attuale"), sono stati i dottori Eleonora Casula (Università di Cagliari, "Il lentisco nell'archeologia, una storia millenaria"), Guy D’Hallewin (direttore Istituto delle produzioni alimentari ISPA-CNR di Sassari, "Il lentisco: metodi di produzione e problematiche nell'ambito della certificazione), Piergiorgio Sedda (Agris) e Cinzia Loi (archeologa e ispettrice onoraria, Università di Sassari, "Testimonianze archeologiche della produzione dell'olio in Sardegna). Come rappresentanti degli imprenditori è intervenuto Salvatore Mura ("Utilizzi erboristici e fitoterapici del lentisco e delle erbe spontanee in genere") e la dott.ssa Sarah Golme " ("L'olio di lentisco come importante risorsa economica locale"). A moderare il convegno è stata Rosalba Della Marianna. L’incontro è stato promosso dai produttori locali Gianluigi Sulis, Mauro Carta e Antonello Dessi.

Nella foto il professor Orrù con le giovani ricercatrici del gruppo di studiosi dell'Università di Cagliari partecipante al convegno di Escalaplano
Nella foto il professor Orrù con le giovani ricercatrici del gruppo di studiosi dell'Università di Cagliari partecipante al convegno di Escalaplano

INFORMAZIONI: Germano Orrù, MSc, Ph.D, Associate Professor (MBS) Molecular Biology Service University of Cagliari - Institute of Sciences of food Production (ISPA-CNR)- Via Ospedale 54 -1st floor - 09124 Cagliari, Italy - tel.: +39 070 609-2568 - fax.: +39 070 609-2399 - email: gerorru@gmail.comorru@unica.it
    
PHOTOGALLERY
: clicca qui sotto per visualizzare e ingrandire la serie di 35 immagini scattate durante il convegno di Escalaplano e della manifestazione collaterale all'evento

Evento organizzato dal gruppo folk San Salvatore di Escalaplano, con pro-loco e gruppo folk San Sebastiano in collaborazione con l’amministrazione comunale e l’Università di Cagliari
Evento organizzato dal gruppo folk San Salvatore di Escalaplano, con pro-loco e gruppo folk San Sebastiano in collaborazione con l’amministrazione comunale e l’Università di Cagliari

Ultime notizie

22 maggio 2022

UniCa C’è a Monumenti Aperti

Si rinnova anche per l'edizione 2022 la collaborazione tra l'Università degli Studi di Cagliari e la manifestazione Monumenti Aperti, organizzata da Imago Mundi. Otto i siti dell'Ateneo aperti al pubblico nelle giornate di sabato 21 e domenica 22 maggio: il Palazzo del Rettorato, l'Archivio storico dell'Università, la Collezione Piloni, il MUACC, i giardini della Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e sociali, l'Orto Botanico, la Cittadella dei Musei con le sue fortificazioni e il Trentapiedi dei Monumenti a Pirri, realizzato dal laboratorio Vestigia UniCa, coordinato da Fabio Calogero Pinna, docente di Archeologia pubblica

20 maggio 2022

Venerdì 27 maggio la presentazione del Rapporto CRENoS

A partire dalle 10 nell’Aula A della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche (in viale Sant'Ignazio n.76, Cagliari) la presentazione del 29mo Rapporto sull’economia della Sardegna che il CRENoS redige ogni anno per analizzare le tendenze economiche recenti e fornire alcune analisi della congiuntura. Dopo i saluti dei rettori dei due atenei sardi, a illustrare i dati sarà Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica all'Università di Sassari. Per accedere nell'aula sarà necessario indossare una mascherina FFP2. L'evento sarà trasmesso in streaming sul canale Youtube dell'Università di Cagliari e sulla pagina Facebook del CRENoS

20 maggio 2022

Ricerca, dal Fetal programming al come e al quando ci si potrà ammalare

“Dimmi che gestazione hai avuto e ti dirò se e di quali malattie potrai soffrire da adulto”. È stata questa, negli anni '80, l’intuizione dell’epidemiologo David Barker. L'ipotesi sostiene il lavoro, pubblicato dall'European review for medical and pharmacological sciences, curato dal team di specialisti dell’’Università di Cagliari e dell’Aou. La ricerca ha esplorato una casistica di pazienti che  hanno contratto il Covid-19

Questionario e social

Condividi su: