UniCa UniCa News Notizie Olimpiadi delle Neuroscienze, selezioni regionali

Olimpiadi delle Neuroscienze, selezioni regionali

Sabato 16 marzo dalle 10 alla Cittadella universitaria di Monserrato si confrontano gli studenti di 9 istituti scolastici: per la sesta volta la Sardegna partecipa alla competizione grazie al lavoro di coordinamento di due ricercatrici dell’Istituto di Neuroscienze del CNR, Anna Lisa Muntoni e Liana Fattore, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Biomediche, Sezione di Neuroscienze e Farmacologia Clinica, dell’Università di Cagliari
16 marzo 2019
Un dettaglio della locandina

di Sergio Nuvoli

Cagliari, 14 marzo 2019 - Al via la Decima Edizione delle Olimpiadi delle Neuroscienze, competizione internazionale a tre livelli che mette alla prova studenti delle scuole medie superiori (dai 13 ai 19 anni) sul grado di conoscenza nel campo delle Neuroscienze attraverso cruciverba, domande a scelta multipla, prove di memoria e di attenzione e domande a bruciapelo. Ragazzi e ragazze di tutto il mondo si confrontano per stabilire chi ha il “miglior cervello” su argomenti come l’intelligenza, la memoria, le emozioni, lo stress, l’invecchiamento, il sonno e le malattie del sistema nervoso.

Scopo principale della competizione è diffondere fra i giovani l’interesse per le Neuroscienze, accrescendo la loro consapevolezza nei confronti della parte più “nobile” del loro corpo, il cervello, e la sensibilità alla propria salute nell’interesse della società in cui vivono e vivranno. La Sardegna vi partecipa per la settima volta, grazie al lavoro di coordinamento svolto da due ricercatrici dell’Istituto di Neuroscienze del Consiglio Nazionale delle Ricerche, Anna Lisa Muntoni e Liana Fattore, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Biomediche, Sezione di Neuroscienze e Farmacologia Clinica, dell’Università di Cagliari.

Anna Lisa Muntoni: con la collega Liana Fattore coordina la partecipazione degli studenti sardi alle Olimpiadi delle Neuroscienze
Anna Lisa Muntoni: con la collega Liana Fattore coordina la partecipazione degli studenti sardi alle Olimpiadi delle Neuroscienze

Le prime selezioni locali si sono svolte all'interno delle scuole partecipanti già nel mese di febbraio. Hanno aderito all’iniziativa 9 Istituti di Istruzione Secondaria Superiore, per un totale di oltre 200 studenti: il Liceo Convitto Nazionale Classico e Scientifico Sportivo, il Liceo Classico Scientifico “Euclide”, il Liceo Classico “Siotto Pintor”, i Licei Scientifici “Alberti”, “Michelangelo” e “Pacinotti” di Cagliari; il Liceo Scientifico Artistico “Brotzu” di Quartu; il Liceo Classico Linguistico “Gramsci” e l’Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri “Deffenu” di Olbia.

Sabato 16 marzo, in occasione della Settimana del Cervello, nele aule 9 e 10 dell’Asse Didattico di Medicina della Cittadella Universitaria di Monserrato si svolgeranno invece le selezioni regionali che vedranno a confronto i 5 migliori studenti di ogni scuola. I 3 migliori studenti di ogni competizione regionale parteciperanno quindi alla fase nazionale (Pisa, 3-4 maggio 2019) durante la quale verrà individuato il vincitore nazionale. Quest’ultimo riceverà una borsa di studio per rappresentare l'Italia alla competizione internazionale. La fase internazionale (International Brain Bee, IBB) si svolgerà a Daegu (Corea del Sud) nell’ambito del 10th IBRO World Congress of Neuroscience (21-25 Settembre 2019, http://ibro2019.org).

Un'immagine delle selezioni di una passata edizione
Un'immagine delle selezioni di una passata edizione

Allegati

Ultime notizie

14 giugno 2019

Turbine a gas, in ateneo uno dei guru della Rolls Royce

Shahrokh Shahpar è a capo del gruppo di modellazione e simulazione numerica della prestigiosa azienda motoristica inglese. Lo specialista tiene un seminario e una serie di lezioni a studenti e dottorandi di Ingegneria meccanica e industriale

14 giugno 2019

Il bello e la sfida di essere donna, le premiazioni

Sarà il Rettore Maria Del Zompo a congratularsi con i vincitori delle varie categorie del percorso/concorso multidisciplinare organizzato dall'Ateneo per promuovere tra gli studenti il rispetto e la valorizzazione della figura femminile e premiare la creazione e la diffusione di video ed elaborati giornalistici sul tema. Martedì 18 giugno dalle 16 nell'Aula magna del Rettorato la cerimonia e la consegna dei riconoscimenti in denaro

13 giugno 2019

Anna Laura Sanna al prestigioso San Gemini Preservation Studies

Neo ingegnere chimico laureatosi nella facoltà di piazza D'Armi, ha superato le rigorose selezioni per accedere al programma di fama mondiale su temi e metodologie inerenti i beni culturali. “Un risultato di pregio anche per la nostra Università” dice Francesco Delogu

Questionario e social

Condividi su: