UniCa UniCa News Notizie Studiare a lungo conviene

Studiare a lungo conviene

Il valore dell’investimento in formazione e istruzione nell’arco della vita lavorativa è cresciuto con il tempo: il dato emerge dal Rapporto sulla Popolazione della Società Italiana di Statistica. Tra i curatori del volume Mariano Porcu, docente di Statistica sociale
01 febbraio 2019
Un'immagine simbolo

Sergio Nuvoli

Cagliari, 1 febbraio 2019 - Tra poco meno di 20 anni nelle aule delle scuole italiane ci saranno, al netto del contributo alla popolazione studentesca dato dagli immigrati, 2 milioni in meno di studenti. Ma studiare a lungo conviene, e il valore di questo investimento è cresciuto nel tempo (nonostante il contemporaneo aumento percentuale della scolarità della popolazione). Questo vale sia per i redditi da lavoro dipendente (nell’ordine dell’8% per ogni anno di studio in più) sia per i redditi totali (rendimenti tra il 9 e il 14%, crescenti nel tempo). Questi vantaggi si osservano anche in riferimento alla probabilità di occupazione e alla dinamica dei redditi nell’arco della vita lavorativa.

Sono solo alcune evidenze ricavate dall'ultimo Rapporto sulla Popolazione presentato nei giorni scorsi all'Università Bocconi durante i Popdays2019, e curato da Gustavo De Santis e Elena Pirani, docenti di Demografia dell'Università di Firenze e Mariano Porcu, professore di Statistica Sociale dell'Università di Cagliari.

Mariano Porcu, docente alla Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche
Mariano Porcu, docente alla Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche

Il volume, edito da Il Mulino, fa parte della serie dei Rapporti biennalmente prodotti dall’AISP (Associazione Italiana Studi di Popolazione) della Società Italiana di Statistica. Il tema scelto per l’edizione 2019 è quello dell’istruzione, che p stata esaminata sotto vari profili: come è organizzata in Italia, come si è evoluta nel tempo, come è cambiata e cambierà in futuro l’utenza, quali aspetti problematici emergono (risorse investite e da parte di chi - pubblico o privato -, valutazione dei risultati, presenza straniera, aspetti differenziali, per territorio, genere, origine etnica, caratteristiche della famiglia di provenienza).

Hanno collaborato alla redazione del Rapporto studiosi in discipline di ambito statistico-demografico, sociologico e economico di diverse università italiane fra i quali Marco Pitzalis, professore di Sociologia dei processi culturali a Cagliari.

La copertina del volume presentato all'Università Bocconi nei giorni scorsi
La copertina del volume presentato all'Università Bocconi nei giorni scorsi

Ultime notizie

04 luglio 2022

UniCa4Ukraine, conclusi i corsi di italiano

Venti cittadine ucraine hanno seguito le lezioni tenute da studentesse e studenti dei corsi di laurea magistrale in Lingue e letterature europee ed americane, Traduzione specialistica dei testi e in Filologie e letterature classiche e moderne. Nei giorni scorsi la consegna degli attestati di partecipazione

30 giugno 2022

STOREM. Giornate di studio internazionale sul tema della sostenibilità legata alle attività turistiche

Giovedì 30 giugno e venerdì 1 luglio il nostro ateneo ospita docenti e ricercatori delle università UNA e UCI del Costa Rica, Eafit della Colombia e, in collegamento, esperti dell'università UWI (Barbados) e Paul Valery (Francia) per due giornate di confronto sul progetto Erasmus+ Cbhe “Storem”. L’incontro del primo luglio è aperto al pubblico, dalle 9,30, nell’Aula 11 del polo universitario di via San Giorgio 12 (Campus Aresu) per gli interventi del professor Mario Socatelli, dell’Universidad para la Coperaticion Internacional (Costa Rica) e, a seguire, del professor Corrado Zoppi, dell’Università di Cagliari, e di Francesca Uleri (Associazione Culturale Terras)

30 giugno 2022

Malattie genetiche, l'Università di Cagliari nel nuovo Centro nazionale di ricerca

L'ateneo è tra i fondatori della struttura sorta per lo “Sviluppo di terapia genica e farmaci con tecnologia a Rna” finanziata dal Pnrr con 320 milioni di euro. Le specialiste Raffaella Origa, referente scientifica, e Patrizia Zavattari, sono le coordinatrici del progetto. Il rettore Francesco Mola: "Abbiamo conferma delle valide e riconosciute competenze del settore acquisite negli anni"  

Questionario e social

Condividi su: