UniCa UniCa News Notizie SUPERA, parità di genere nella ricerca

SUPERA, parità di genere nella ricerca

Lunedì 14 gennaio dalle 10.30 nell’Aula magna del Rettorato la presentazione del progetto europeo “Supporting the Promotion of Equality in Research and Academia” che coinvolge tutto l'Ateneo nella predisposizione di un Piano per il superamento delle disuguaglianze. RASSEGNA STAMPA
14 gennaio 2019
La grafica che caratterizza il progetto SUPERA

Sergio Nuvoli

Cagliari, 11 gennaio 2019 – Entra nel vivo il progetto Horizon 2020 SUPERA (acronimo di Supporting the Promotion of Equality in Research and Academia), che – dopo il kickoff di Madrid del giugno scorso – sarà presentato lunedì 14 gennaio alle 10.30 nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università di Cagliari. L’iniziativa corona l’attività che l’Università di Cagliari promuove da anni sui temi delle pari opportunità, proiettandola in una dimensione internazionale ancor più ambiziosa e trasversale: coinvolge infatti anche partner stranieri di assoluto livello ed è uno degli appena due progetti sul tema approvati in tutta Europa.

Si tratta di un progetto finanziato dal programma europeo Horizon2020 grazie al quale l’Ateneo del capoluogo sardo e altri partner internazionali stanno lavorando allo sviluppo di piani per la parità di genere finalizzati al superamento delle disparità nel mondo della ricerca. Il budget complessivo è di circa due milioni di euro, dei quali 280mila andranno all’Università di Cagliari e  100mila alla Regione Autonoma della Sardegna.

Il logo del progetto
Il logo del progetto

Dopo i saluti di Francesco Mola, Prorettore vicario e Presidente del Comitato unico di garanzia, è previsto l’intervento dei docenti che compongono il team di progetto: Luigi Raffo, coordinatore locale del progetto e Delegato del Rettore in materia di progetti internazionali, Cristina Cabras, del Dipartimento di Pedagogia, Psicologia, Filosofia ed Ester Cois, del Dipartimento di Scienze Sociali e delle Istituzioni. Le conclusioni dell’incontro sono affidate al Rettore Maria Del Zompo.

L’attuale fase del progetto, che partirà nei prossimi giorni con la partecipazione di tutte le componenti dell’ateneo cagliaritano, prevede la somministrazione di due questionari online (uno rivolto a docenti, ricercatori/ricercatrici e al personale amministrativo, l’altro a studenti e studentesse) che consentiranno di valutare la situazione di partenza sotto vari profili. Gli ambiti prioritari delle iniziative sono diversi: dalla dimensione di genere nei temi della ricerca e della didattica ai meccanismi di selezione e avanzamento di carriera, dai processi decisionali fino al tema - delicato e attualissimo - degli stereotipi e delle molestie sessuali.

Un'immagine del kickoff di Madrid nel giugno scorso
Un'immagine del kickoff di Madrid nel giugno scorso

I piani personalizzati, volti al superamento delle diseguaglianze e dei pregiudizi e finalizzati alla lotta alle discriminazioni negli ambienti della ricerca, saranno sviluppati durante un lavoro di 4 anni: come detto, SUPERA è infatti iniziato a giugno dello scorso anno e si concluderà a maggio 2022.

L’iniziativa consente a ricercatrici e ricercatori di UniCa di vari dipartimenti di lavorare insieme a un progetto multidisciplinare volto al miglioramento del benessere organizzativo nell’intero Ateneo. Sono partner di SUPERA non solo Università europee, ma anche enti che finanziano la ricerca: fra questi, la Regione Autonoma della Sardegna.

 

su Twitter: @SuperaProject

RASSEGNA STAMPA

L’UNIONE SARDA di domenica 13 gennaio 2019
Cagliari (Pagina 22 - Edizione CA)
Università
Progetto
sulla parità
di genere

Sarà presentato domani alle 10,30 nell'aula magna del Rettorato, in via Università, il progetto Horizon 2020 Supera (Supporting the promotion of equality in research and academia). L'iniziativa corona l'attività che l'Ateneo del capoluogo sardo promuove da anni sul tema delle pari opportunità, proiettandola in una dimensione internazionale ancor più ambiziosa e trasversale: coinvolge infatti alcuni partner stranieri di assoluto livello ed è uno degli appena due progetti sul tema approvati in tutta Europa. Si tratta di un progetto per superare le disparità nel mondo della ricerca. Il budget complessivo è di circa due milioni di euro, dei quali 280 mila andranno all'Università di Cagliari e 100 mila alla Regione. Info www.superaproject.eu; Twitter: @SuperaProject.

L'UNIONE SARDA
L'UNIONE SARDA

Allegati

Link

Ultime notizie

19 ottobre 2019

Microcosmi di sofferenza, uno sguardo trasversale

Al via lunedì 21 ottobre alle 15 con i saluti del Rettore Maria Del Zompo l’iniziativa “IN/OUT. Percorsi di prigionia e di libertà”: intorno ad una conferenza internazionale che proseguirà fino al 23 ottobre un variegato caleidoscopio di mostre, seminari e installazioni interdisciplinari e contaminanti che coinvolge docenti e studenti

18 ottobre 2019

Criptovalute e Blockchain: verso le applicazioni reali

Martedì 22 ottobre dalle 14.30 nell’Aula Magna di Ingegneria di via Marengo 2 a Cagliari l’evento organizzato da Università di Cagliari e Sardegna Ricerche nell’ambito del progetto “Sardcoin: tecnologie blockchain a supporto del turismo in Sardegna” coordinato da Michele Marchesi

18 ottobre 2019

La sfida del cosmopolitismo al pensiero scientifico

COSMOMED, il Prorettore alla Didattica Ignazio Putzu indica la rotta dell’evento che coinvolgerà la città di Cagliari nelle prossime due settimane. Francesco Mola (Prorettore vicario): “Coinvolto un numero davvero notevole di ricercatori di differenti settori scientifico-disciplinari: rilevante apporto dell’Ateneo a un tema fondamentale per la società”. RESOCONTO con IMMAGINI e VIDEO del convegno di apertura

18 ottobre 2019

La cannabis in gravidanza espone i figli agli effetti psicotici del THC

Fa letteralmente il giro del mondo la notizia dello studio - pubblicato su Nature Neuroscience - guidato da Miriam Melis (Dipartimento di Scienze biomediche), realizzato dall’Università di Cagliari in collaborazione con l’Accademia delle Scienze Ungheresi a Budapest e l’Università del Maryland a Baltimora. Articoli anche su THE ECONOMIST, oltre che sulle principali testate giornalistiche italiane e sarde. Mostrate dai ricercatori le conseguenze negative sullo sviluppo del sistema nervoso centrale del bambino dell’assunzione in gravidanza di una droga considerata “leggera”. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: