UniCa UniCa News Notizie I ricercatori di UniCa a La Maddalena

I ricercatori di UniCa a La Maddalena

Firmato nei giorni scorsi un protocollo di intesa con l’Ente Parco Nazionale dell’Arcipelago, che si avvarrà delle competenze del team guidato da Sandro Demuro con l’Osservatorio Coste e Ambiente naturale sottomarino per studiare l’evoluzione e la dinamica dei litorali, attivare gli opportuni monitoraggi e tutelare al meglio l’ambiente. RASSEGNA STAMPA
07 dicembre 2018
Sandro Demuro con un gruppo di studenti nella terrazza del Faro di Punta Sardegna

L’accordo nasce dal fatto che i risultati degli studi commissionati negli anni dal Parco a vari enti di ricerca hanno messo in evidenza uno stato di deterioramento di alcune spiagge e coste: di qui l'intervento dell'Università di Cagliari

di Sergio Nuvoli

Cagliari, 7 dicembre 2018 - Si rafforza la collaborazione tra Ente Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena e l’Università degli Studi di Cagliari. Nei giorni scorsi è stato infatti siglato dal Presidente Fabrizio Fonnesu e dal Rettore Maria Del Zompo un protocollo di intesa che punta a creare un rapporto stabile e duraturo e a gettare le basi per una collaborazione strutturata e non episodica.

L’accordo nasce dal fatto che i risultati degli studi commissionati negli anni dal Parco a vari enti di ricerca hanno messo in evidenza uno stato di deterioramento di alcune spiagge e coste: di qui la necessità di poter disporre di ricerche approfondite e di un attento monitoraggio, anche per elaborare gli opportuni regolamenti che indichino la fruizione corretta di beni ambientali dal valore incalcolabile. L’obiettivo del Parco è la conservazione e salvaguardia degli habitat, della flora e della fauna che caratterizzano questi ambienti.

Sandro Demuro intervistato da Donatella Bianchi durante una recente puntata di "Linea Blu"
Sandro Demuro intervistato da Donatella Bianchi durante una recente puntata di "Linea Blu"

Ecco le priorità assolute indicate da Sandro Demuro e dai tecnici di O.C.E.A.N.S., l’Osservatorio che opera nel Faro della Marina Militare Italiana di Punta Sardegna a Palau, dunque a poca distanza dall’arcipelago

L’Osservatorio Coste E Ambiente Naturale Sottomarino (O.C.E.A.N.S.) gestito dal Coastal and Marine Geomorphology Group (CMGG) sotto il coordinamento scientifico di Sandro DeMuro, docente dell’Università di Cagliari, può rispondere a questa esigenza, perchè da sempre si avvale delle più moderne tecnologie per lo studio delle coste e dei fondali marini. Può dunque procedere ad una valutazione dello stato morfodinamico e ambientale dei principali sistemi di spiaggia-duna del Parco Nazionale dell’Arcipelago della Maddalena e all’elaborazione di ipotesi gestionali dei medesimi sistemi.

Le priorità assolute indicate da Sandro Demuro e dai tecnici di O.C.E.A.N.S. – l’Osservatorio che opera nel Faro della Marina Militare Italiana di Punta Sardegna a Palau, dunque a poca distanza dall’arcipelago - sono la messa a sistema delle informazioni sui sistemi di spiaggia, la realizzazione di sopralluoghi, monitoraggi, studi e ricerche sulle spiagge e sulle coste individuate di prioritario interesse, un Piano di comunicazione e di educazione ambientale che permettano a tutti la corretta fruizione delle spiagge e delle coste.

Una delle imbarcazioni di cui dispone O.C.E.A.N.S.
Una delle imbarcazioni di cui dispone O.C.E.A.N.S.

In campo da subito le competenze in materia di sedimentologia, geomorfologia marina e cartografia delle coste e dei fondali, assistenza alla pianificazione e gestione delle coste

O.C.E.A.N.S procederà dunque nell’immediato a studiare – come già fa con l’ambiente di altre zone della Sardegna - l’evoluzione e la dinamica dei litorali (avanzamento, arretramento e stabilità), mettendo in campo le sue competenze in materia di sedimentologia, geomorfologia marina e cartografia delle coste e dei fondali, assistenza alla pianificazione e gestione delle coste, ma soprattutto le sue capacità di indirizzo sulle opzioni di adattamento alla variazione climatica, senza mai perdere di vista l’alta formazione e l’educazione ambientale.

Un'immagine del Faro di Punta Sardegna
Un'immagine del Faro di Punta Sardegna

Link

Ultime notizie

18 febbraio 2019

Promuovere l'invecchiamento di successo

Lunedì 18 febbraio dalle 9.30 in Aula Specchi alla Facoltà di Studi umanistici un convegno organizzato da Maria Pietronilla Penna offrirà una prospettiva multidisciplinare sul fenomeno, facendo anche il punto sugli studi e sulle ricerche in corso sul tema in Sardegna, con relatori provenienti da tutta Italia

18 febbraio 2019

ERASMUS WELCOME DAY. Vieni a Cagliari e incontri anche Luna Rossa e la Coppa America

LA GIORNATA. Pubblicato il programma dettagliato della grande festa di benvenuto per l’arrivo degli studenti europei Erasmus+ e Globus che studieranno per un periodo nella nostra Università. Venerdì 22 febbraio anche un tour nella base di Luna Rossa, nel Molo Ichnusa, per scoprire i segreti di questo formidabile team di velisti

16 febbraio 2019

Formazione dei formatori, Università e Accademia dei Lincei in campo

La sezione di Cagliari all’avanguardia nelle azioni di coinvolgimento dei docenti di qualsiasi ordine e materia. “Una nuova didattica nella scuola” è la cornice dedicata agli ambiti linguistico, matematico e scientifico. Si sono chiusi con successo i lavori curati da Maria Polo in aula magna di Ingegneria e architettura. Applausi per gli accademici Francesco Clementi, Alfio Quarteroni, Rosa Roberto e il pro rettore Micaela Morelli

14 febbraio 2019

L’Università di Cagliari leader nei programmi ENI CBC MED con tre progetti finanziati dall'Unione Europea per il periodo 2014/2020

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. L’ateneo è capofila nel Mediterraneo con il progetto BESTMEDGRAPE. Si tratta di un piano innovativo, finanziato con tre milioni di euro per il trasferimento di competenze scientifiche alle filiere industriali e commerciali delle nazioni partner. Sotto la guida dei professori Gianluigi Bacchetta e Maria Manconi, del Dipartimento di scienze della vita e dell’ambiente, coinvolti centri di ricerca e imprese private di Italia, Francia, Tunisia, Giordania e Libano. UniCa partner in altri due importanti europrogetti Eni Cbc Med, MEDISS e BERLIN.

Questionario e social

Condividi su: