UniCa UniCa News Notizie AGGIORNAMENTO | Il volo della nottola. L’eredità di Hegel con voce differente

AGGIORNAMENTO | Il volo della nottola. L’eredità di Hegel con voce differente

FILOSOFIA. A Roma il convegno internazionale “World WoMen Hegelian Congress 2018”, coorganizzato dall’Università di Cagliari con altri atenei e centri di ricerca. Nel comitato scientifico la professoressa Gabriella Baptist
30 settembre 2018
Angelica Nuzzo, Herta Nagl-Docekal e Gabriella Baptist

Il volo della nottola. L’eredità di Hegel con voce differente

Roma, 26-28 settembre 2018
AGGIORNAMENTO a cura della professoressa Gabriella Baptist



È stato un convegno internazionale diverso, quello che si è tenuto dal 26 al 28 settembre 2018 a Roma grazie al sostegno di numerose istituzioni di ricerca, e fra le altre anche l’Università di Cagliari, un incontro pensato e organizzato da studiose donne e idealmente ispirato a quello che per Hegel è l’emblema stesso del pensiero: la nottola di Minerva, attributo della sapienza. La civetta che si leva sul fare della sera sa in effetti vedere nonostante il buio di un mondo storico ormai tramontato e magari in frantumi, nella notte che trascorre e ancora deve passare, prima che si levi di nuovo il canto di un gallo.
 
Secondo prospettive di ricerca diverse, nove studiose di prestigio internazionale hanno fatto il punto proponendo indagini sull’alienazione (Allegra de Laurentiis, Rossella Bonito Oliva), sulla celebre lettura hegeliana della figura tragica di Antigone (Erzsébet Rózsa, Nuria Sánchez Madrid), sul contributo dell’arte o il pungolo della religione nella loro ricerca di assoluto (Birgit Sandkaulen, Myriam Bienenstock, Irene Kajon), sui rovelli della filosofia contemporanea, ancora erede delle discussioni etico-politiche dell’Ottocento (Herta Nagl-Docekal) o sul confronto con le grandi questioni teoriche di tutti i tempi (Angelica Nuzzo).
  
Nelle sessioni parallele si sono poi scandagliati nel dettaglio i testi e i problemi, discutendo nelle cinque lingue del convegno le voci e gli accenti differenti con cui l’eredità della filosofia hegeliana continua a parlare. Ricercatrici e ricercatori dai quattro angoli dell’Europa e del mondo – dalla Germania alla Grecia, dal Giappone all’America latina – hanno condiviso discussioni serrate e appassionanti nell’elegante cornice di Villa Mirafiori, sede del Dipartimento di Filosofia della Sapienza, e nella bella atmosfera di fine estate del suo giardino.
 
 
 

Un momento del World WoMen Hegelian Congress 2018 (sessione in Aula VI)
Un momento del World WoMen Hegelian Congress 2018 (sessione in Aula VI)

Il volo della nottola. L’eredità di Hegel con voce differente

19 settembre 2018
Ivo Cabiddu
 
 
L’immagine hegeliana della Nottola, simbolo di Minerva, fa della filosofia l’attributo di una figura femminile che rivendica a sé il logos e che compare solo al tramonto di un mondo storico. Essa suggerisce la possibilità che la filosofia hegeliana possa continuare a parlare lingue e culture filosofiche altre e che trovano anche nelle donne un’avanguardia da interrogare.

  
Dal 26 al 28 settembre 2018 il Dipartimento di Filosofia dell'Università Sapienza ospiterà a Roma il World WoMen Hegelian Congress 2018, organizzato e promosso insieme alle Università di Cagliari, Chieti, Roma Tre e all'Istituto Italiano per gli studi Filosofici di Napoli. L’evento ha il patrocinio della Società Filosofica Italiana sede romana (SFI), del Gender Interuniversity Observatory e dell'Ambasciata Tedesca a Roma.
 
FINALITÀ. Obiettivo del convegno – al quale parteciperanno oltre novanta studiose e studiosi da tutto il mondo – è tornare a interrogare il pensiero hegeliano liberando il suo sistema dalle ipoteche ideologiche del XX secolo. Punto di partenza del simposio, che in parte si svolge anche grazie al sostegno economico del Dipartimento di Pedagogia, Psicologia, Filosofia dell'ateneo cagliaritano, è la Nottola di Minerva. A tale figura è infatti dedicato il titolo: "Il volo della nottola. L’eredità di Hegel con voce differente" (vedi più in basso la scheda tratta dal sito del convegno).

RELATORI. Al convegno sono attesi: Myriam Bienenstock (Université François Rabelais Tours), Rossella Bonito Oliva (Università di Napoli L’Orientale), Allegra de Laurentiis (Stony Brook University), Irene Kajon (Università Sapienza Roma), Herta Nagl-Docekal (Universität Wien), Angelica Nuzzo (City University of New York), Erzsébet Rózsa (University of Debrecen), Nuria Sánchez (Universidad Complutense Madrid), Birgit Sandkaulen (Hegel-Archiv Ruhr-Universität Bochum).

COMITATO SCIENTIFICO. I responsabili scientifici del Convegno sono i docenti: Stefania Achella, Gabriella Baptist baptist@unica.it ,  Serena Feloj, Francesca Iannelli, Fiorinda Li Vigni e Claudia Melica.

SCHEDA. Nel Novecento la filosofia di Hegel è stata oggetto di interpretazioni divergenti, che hanno dato luogo spesso a orientamenti divisivi. Dal punto di vista ideologico, Hegel è stato considerato, da un lato, come mentore del marxismo e campione dell’emancipazione e, dall’altro, come teorico della cultura liberale borghese e quindi araldo e garante della conservazione. Anche sul piano teoretico, è stato inteso sia come emblema di un sistema chiuso, antesignano delle degenerazioni che il Novecento avrebbe messo in campo, sia come messaggero di aperture e promesse ancora da pensare. La decostruzione del soggetto e del genere, le filosofie della differenza e il protagonismo del pensiero femminile e femminista hanno poi privilegiato, soprattutto nella seconda metà del secolo scorso, prospettive originali nella riflessione su Hegel, spesso affrontando temi altrimenti considerati marginali, o del tutto ignorati.
L’immagine hegeliana della nottola, simbolo di Minerva, fa della filosofia l’attributo di una figura femminile che rivendica a sé il logos, e che compare solo al tramonto di un mondo storico. Se Hegel ci ammonisce in tal modo ricordandoci che dobbiamo interpretare il nostro tempo stando su quel margine in cui il presente già sorpassa se stesso, l’incontro di ricerca che proponiamo intende cogliere proprio quella sfida, rilanciandola nell’auspicio che l’eredità hegeliana possa continuare a parlare lingue e culture filosofiche altre, che trovano anche nelle donne un’avanguardia da interrogare.

INFO: per il programma dettagliato e altre informazioni sull’evento scientifico è possibile consultare il sito https://wowohegel.wordpress.com o cliccare i seguenti link diretti:

- locandina
- programma
- presentazione
- brochure

 

 

Allegra de Laurentiis e Fiorinda Li Vigni
Allegra de Laurentiis e Fiorinda Li Vigni

INFO: per il programma dettagliato e altre informazioni sull’evento scientifico è possibile consultare il sito https://wowohegel.wordpress.com o cliccare i seguenti link diretti:

locandina
programma
presentazione
brochure

Myriam Bienenstock e Claudia Melica
Myriam Bienenstock e Claudia Melica

Ultime notizie

22 febbraio 2020

Premio Francovich al sito di Sant'Eulalia

Durante il TourismA nell’auditorium del Palazzo dei Congressi di Firenze, Paul Arthur, professore di Archeologia medievale all’università del Salento e presidente della Società degli Archeologi Medievisti Italiani ha premiato questa mattina il complesso archeologico in cui si sono formate centinaia di studenti di UniCa. Sul palco con la Presidente di Studi umanistici Rossana Martorelli i rappresentanti della riuscitissima alleanza tra istituzioni che ha consentito la riscoperta, la valorizzazione e la tutela del patrimonio culturale sardo. Durante i lavori è stata citata "UniCa&Imprese" come esempio virtuoso di collaborazione tra istituzioni e aziende, mentre Fabio Pinna ha illustrato il modello di intervento partecipato sui beni culturali attuato dal nostro Ateneo negli ultimi anni

22 febbraio 2020

CORONAVIRUS, i comportamenti da seguire

Per favorire una corretta informazione, diffondiamo il vademecum diffuso dal Ministero della Salute e dall'Istituto Superiore di Sanità in merito alla diffusione del virus. Esso contiene l'indicazione dei comportamenti da tenere per evitare il contagio.

21 febbraio 2020

Patrick George Zaky, l’Università di Cagliari al fianco del ricercatore detenuto in Egitto

Oggi Amnesty International, in occasione dell’udienza che si apre domani a Il Cairo, ha tenuto un presidio nella facoltà di Studi umanistici e nella biblioteca del Distretto di Scienze umane. Aperta la raccolta delle firme per chiedere il rilascio del giovane iscritto all’ateneo di Bologna. “È incredibile che situazioni simili possano ancora trovare asilo. Siamo fiduciosi nell’azione dell’Unione Europea e del Governo” dice Maria Del Zompo   

Questionario e social

Condividi su: