UniCa UniCa News Notizie Certificati di laurea, autenticità garantita con la Blockchain

Certificati di laurea, autenticità garantita con la Blockchain

La notizia IN TUTTO IL MONDO: l’Università di Cagliari utilizzerà un nuovo sistema informatico di blockchain, sviluppato con Flosslab, per assicurare la validità e l’integrità di documenti e certificati di laurea europei. Il Rettore Maria Del Zompo: “Grazie a questa tecnologia, i nostri studenti potranno garantire l’autenticità e l’integrità dei loro certificati digitali ai potenziali datori di lavoro in tutto il mondo”. L'Ateneo all'avanguardia nel mondo nell'uso della blockchain per i servizi ai suoi iscritti. RASSEGNA STAMPA con il SERVIZIO del TG della RAI
23 luglio 2018
La tecnologia al servizio degli studenti

di Valeria Aresu

Cagliari, 12 luglio 2018 - L’Università di Cagliari, a partire dalla sessione di laurea in Informatica del 20 luglio, assicurerà la validità e l’integrità dei certificati europei di laurea grazie alla blockchain di Ethereum, una tecnologia informatica che rende possibile ll'autenticazione di certificati e documenti ufficiali sul web in modo aperto, sicuro e trasparente.

«Abbiamo deciso di garantire l’autenticità dei certificati europei dei nostri laureati con questa tecnologia, perché intendiamo dotarli di uno strumento moderno, semplice e immediato, utilizzabile ovunque nel mondo. Un certificato di laurea, sia cartaceo che in formato digitale, è facilmente falsificabile o alterabile. Grazie a questa tecnologia, i nostri studenti potranno garantire l’autenticità e l’integrità dei loro certificati digitali a potenziali datori di lavoro in tutto il mondo, in modo semplice e gratuito. Il nostro sistema non richiede la disponibilità di app specifiche su smartphone, o l’accesso e la registrazione a un sito specifico. Tutto si svolge in modo semplice e con strumenti ad accesso libero» ha spiegato il Rettore dell’Università di Cagliari Maria Del Zompo.

L’innovativo sistema permette di emettere documenti digitali certificati, assicurandosi che non siano manipolabili o falsificabili. Alcune università statunitensi, come il Massachusetts Institute of Technology, hanno già iniziato a rilasciare certificati di laurea in informatica la cui autenticità è assicurata tramite la tecnologia blockchain di Bitcoin.

La soluzione proposta dall’ateneo cagliaritano è legata alla blockchain di Ethereum, più moderna e adatta allo scopo rispetto a Bitcoin, e si pone all’avanguardia del settore, grazie alle sue peculiarità:

• prevede una singola registrazione per sessione di laurea, con risparmio di costi e di complessità;
• non prevede alcuna dotazione o interfacciamento specifici per essere mantenuta da parte del laureato: solo la disponibilità del file col certificato di laurea;
• chiunque può verificare l'autenticità del certificato: basta la disponibilità del file e un accesso a Internet, seguendo le semplici istruzioni fornite nel sito Web dell’Università.

«Con questo strumento – afferma Gianni Fenu, docente di informatica e delegato del Rettore per l’Informatica dell’Ateneo di Cagliari – ad ogni sessione di laurea, dopo la generazione dei certificati in formato europeo standard, le “firme” informatiche di tali certificati saranno registrate dall’Università sulla blockchain di Ethereum. Si tratta della seconda criptovaluta per valore dopo Bitcoin, nata proprio per facilitare le applicazioni complesse di questo tipo. Se la “firma” informatica del documento posseduto coincide con quella registrata, è garantita l'integrità del documento. La probabilità di ottenere una coincidenza casuale è minore di uno diviso per un numero di 77 cifre.»

La soluzione è stata sviluppata in collaborazione con FlossLab srl, primo spinoff dell’Università di Cagliari e azienda all’avanguardia nello sviluppo di applicazioni con l'utilizzo di questi sistemi informatici, che ha recentemente rilasciato per Abbanoa il primo sistema di certificazione con blockchain delle letture dei contatori acqua.

Il servizio sarà progressivamente esteso a tutti i corsi di laurea. In questo modo, l’Università di Cagliari si porrà all’avanguardia mondiale nell’uso della blockchain per dare servizi agli studenti. Sia il voto, sia i titoli accademici, sono ritenuti di cruciale importanza nella società contemporanea, pertanto è fondamentale che non vengano manipolati per nessuna ragione.

SERVIZIO DI FRANCESCO RICCARDI NELL'EDIZIONE DELLE 14 DEL 20 LUGLIO 2018, INTRODOTTO IN STUDIO DA ELISABETTA ATZENI

RASSEGNA STAMPA

BTE-ECHO.COM
Italienische Universität will Zertifikate auf Ethereum-Blockchain speichern

Die Universität von Cagliari in Sardinien will die Ethereum-Blockchain nutzen. Ziel dabei ist die Erzeugung von digitalen Zertifikaten, die gegen Manipulationen und Fälschungen gesichert sind. Die Idee ist allerdings nicht mehr neu.
Wie die Universität von Cagliari am 20. Juli bekannt gab, wird sie zunächst für den Informatikstudiengang ein System einführen, mit dem alle Zertifikate auf der Ethereum-Blockchain gespeichert werden. Später will man das Verfahren auf alle Studiengänge der Universität erweitern. Auf diese Weise sind die Zertifikate gegenüber Manipulationen und Fälschungen sicher. So können sich auch zukünftige Arbeitgeber sicher sein, dass die Zertifikate in jeder Hinsicht authentisch sind.
Garantie der Echtheit
Maria Del Zompo, die Direktorin der Universität von Cagliari, erklärte diesen Schritt entsprechend:
„Wir haben uns entschieden, die Echtheit der europäischen Zertifikate unserer Absolventen mit dieser Technologie zu garantieren, weil wir sie mit einem modernen, einfachen und sofortigen Werkzeug ausstatten wollen, das überall auf der Welt eingesetzt werden kann. Ein Abschlusszeugnis, ob auf Papier oder digital, wird leicht gefälscht oder verändert. Dank dieser Technologie können unsere Studenten den potenziellen Arbeitgebern auf der ganzen Welt auf einfache und kostenlose Weise die Authentizität und Integrität ihrer digitalen Zertifikate garantieren. Unser System erfordert nicht die Verfügbarkeit bestimmter Apps auf Smartphones oder den Zugriff und die Registrierung auf einer bestimmten Website. Alles geschieht auf einfache Art und mit kostenlosen Tools.“
Um diese Lösung umzusetzen, arbeitet die Universität mit dem Unternehmen Flosslab zusammen, das sich auf die Entwicklung von Informations- und Kommunikationstechnologien spezialisiert hat.
Gianni Fenu, Professor für Informatik und Delegierter des Rektors für Informatik der Universität von Cagliari, ist von der Lösung begeistert. So betont er, dass die Ethereum-Blockchain dafür geschaffen ist, um komplexe Anwendungsfälle wie die Sicherung der Universitätszertifikate zu vereinfachen.
Die Ersten in Italien, aber nicht weltweit
Die Universität von Cagliari ist zwar die erste in Italien, die die Blockchain für die sichere Verwahrung wichtiger Daten entdeckt hat. Weltweit gibt es aber bereits einige Hochschulen, die dieses Prinzip bereits umsetzen. So nutzt die Universität Basel ebenfalls die Ethereum-Blockchain, um Kurszertifikate zu speichern. Die University of Melbourne hat bereits im Herbst letzten Jahres damit begonnen, die Leistungen und Abschlüsse der Studenten auf der Blockchain abzulegen. Auch das krypto-affine Malta ist mit dabei und plant, die Blockchain-Technologie zu nutzen, um akademische Urkunden festzuhalten.

BTC-ECHO.COM
BTC-ECHO.COM

ISTOE.COM
Universidade italiana usa blockchain para emitir diplomas

A Universidade de Cagliari, na região da Sardenha, tornou-se nesta sexta-feira (20) a primeira instituição de ensino italiana a emitir certificados de graduação utilizando a nova tecnologia “blockchain”.  
O sistema possibilitará a autenticação de certificados e documentos na web de forma aberta, segura e transparente.  
“Nós decidimos garantir a autenticidade dos certificados europeus de nossos graduados com esta tecnologia, porque queremos equipá-los com um instrumento moderno, fácil e imediatamente utilizável em qualquer lugar do mundo”, afirmou Maria Del Zompo, reitora da universidade.  
Ainda de acordo com Del Zompo, um certificado de graduação em papel ou no formato digital pode ser “facilmente falsificado e alterado”.  
O inovador sistema permite emitir documentos digitais, certificando de que eles não foram falsificados ou manipulados.  
Algumas universidades norte-americanas, como o Instituto de Tecnologia de Massachusetts, já começaram a emitir certificados de graduação através do “blockchain”.  
A tecnologia é, na prática, um registro ou livro-razão online disponível a todos os participantes desse sistema virtual que reúne uma rede de transações e de pagamentos realizados com a moeda eletrônica Bitcoin.  
O “blockchain” poderá mudar os mercados e suas gestões, além de melhorar a privacidade e os problemas relacionados à segurança nas compras on-lines. O sistema pode facilitar e simplificar ações como a venda de propriedades e a realização de contratos.(ANSA)

ISTOE.COM
ISTOE.COM

CRYPTODISRUPT.COM
Italian University Issues Digital Blockchain Degree Certificates

We were given an indication of just how far blockchain technology has come when the Italian University of Cagliari announced that it intends to issue digital blockchain degree certificates to the graduating class of this year.
The effects that blockchain technology can have on the education sector, in particular, are significant, to say the least.
False degrees are more prominent than most would think
The problems caused by people trying to use false degrees, be they simply made up and added to their resumes, or purchased from a 3rd party have a significant effect on the employment market, with thousands thought to be trying to dupe prospective employers.
Of great concern is that many of these potential employees with false documents are trying to enter fields such as healthcare, with reports of nurses, anesthetists and even doctors having been caught out attempting to dupe employers.
A former FBI agent in the US who has experience of investigating the companies who provide fake documents said –
“Employers are not doing their due diligence in checking out the papers, so it makes it work. It’s the damnedest thing we’ve ever seen.”
It has been reported that at the moment only a fifth of employers actually carries out checks on applicants qualifications, for a whole host of reasons.
With a blockchain degree certificate, many of these problems are instantly removed, because the information is public, easy to find, and cannot be changed.
This would allow any employer looking over a prospective employees resume to verify that the person they’re considering hiring was awarded the degree that they claim they have.
MIT issuing blockchain degree certificates
As with many blockchain technologies, it isn’t very long before you see the use being adapted and adopted all over the planet, and that is indeed the case with blockchain degrees and other academic certificates.
MIT has begun to issue blockchain degree certificates to graduates of their Computer Science course already, allowing those students who graduate to enjoy the benefits that a secure, digitized degree provides.
As far away as India, we see educational establishments look to capitalize on the technology as the Indian Institute of Technology, which is run by India’s federal government, is set to launch its own blockchain project titled IndiaChain, which will first roll out in their Bombay campus.
Over the coming years, we’ll see more uses for blockchain technology in sectors across the board, but I think we’ll see more and more Universities look to combat false qualifications and help students authenticate their hard-earned degrees by way of blockchain degree certificates

CRYPTODISRUPT.COM
CRYPTODISRUPT.COM

AMBCRYPTO.COM
Ethereum [ETH] blockchain based digital certificates to be introduced in Italian University Source: Unsplash

The University of Cagliari based in Cagliari, Sardinia, in Italy will soon join a host of other organizations that are implementing blockchain technology to produce digitized certificates. The system is said to be introduced to the graduation session of Computer Science on the 20th July and will, later on, be implemented for all the other degree programs of the university.
The university decided to make the move after coming to the conclusion that the best way to ensure that the certificates of students can in no way be manipulated or falsified if Ethereum’s blockchain technology was used in producing them. Future employers can hire students with the full confidence that the certificates are authentic in every sense.
Maria Del Zompo, the Director of The University of Cagliari said:
“We have decided to guarantee the authenticity of our graduates’ European certificates with this technology because we intend to equip them with a modern, simple and immediate tool that can be used anywhere in the world.”
She further adds:
“A degree certificate, whether on paper or digital, is easily falsified or altered. Thanks to this technology, our students can guarantee the authenticity and integrity of their digital certificates to potential employers all over the world, in a simple and free manner. Our system does not require the availability of specific apps on smartphones, or access and registration to a specific site. It all takes place in a simple way and with free access tools.”
The solution that the University has adopted permits for one specific registration per degree session that is unique to the student, the authenticity of which could be verified by anyone provided they have a stable internet connection and following the simple instructions provided on the university website.
The university is said to have collaborated with ‘FlossLab srl’, an independent company that deals with the development of applications, to develop the said solution.
Gianni Fenu, a Computer Science professor and delegate of the Rector for Computer Science of the University of Cagliari says:
“With this tool, at each graduation session, after the generation of certificates in the European standard format, the ‘computer signatures’ of these certificates will be registered by the University on Ethereum’s blockchain, the second cryptocurrency for value after Bitcoin, created to facilitate complex applications of this type.”
He further adds:
“If the ‘computer signature’ of the document owned coincides with the registered one, integrity is guaranteed of the document The probability of obtaining a random coincidence is less than one divided by a number of 77 digits.”
Other educational institutions around the world have either ventured to adopt digitized certificates or have already begun implementing the system.
Massachusetts Institute of Technology [MIT] – Some universities in the United States such as MIT is at present issuing degree certificates to students with a Computer Science degree using Bitcoin’s blockchain technology.
Indian Institute of Technology [IIT] – The Indian central government plans to implement a blockchain solution known as IndiaChain starting with IIT Bombay. The system is set to be implemented for the batches of 2019 onwards. The current status of the project is unknown.

AMBCRYPTO.COM
AMBCRYPTO.COM

BITCOINEXCHANGEGUIDE.COM
University of Cagliari in Italy Issues Digitized Blockchain Degree Certificates

The days of the blockchain existing only within a fringe economic sector are over. Aside from having become a significant industry with millions of participants, blockchain technology has become a cornerstone of financial technology, captivating both financial realms and academic ones. Blockchain tech is a decentralized public ledger that stores immutable information. The tech, for several complicated reasons, is very important to the information technology subject.
Universities all over the world have created their own programs tasked specifically with studying the innovative new technology. While the United States seems to be leading the charge with massive new programs at schools like MIT and CalTech, other countries have also expressed their interest in creating new opportunities for students to learn about the technology which is changing the world, one adoption at a time.
But the academic world seems to be looking at blockchain technology as more than simply a learning opportunity. The Italian University in Cagliari is going to implement its own blockchain technology to produce its digital certificates. Though the system is first going to be used for the graduating class of this year, it will be used for every graduating class seeking digitized certificates for all years to come.
Benefits of the Blockchain
Once again, the benefits of blockchain technology come down to the ability to produce and store immutable, unchanging, and unalterable information. For the academic world, the implications are significant. Employers can never really be sure whether a degree is verified and legitimate in the status quo. In fact, people faking degrees have been a problem at several points, sometimes even in major cases at significant companies.
But if the certificate is stored on the blockchain, the information is not just public—it cannot be changed. This means that employers looking over information provided on an application can verify for sure that the person they are hiring was awarded the degree which they cite. Even further down the road, applicants to prestigious graduate degree programs will be able to verify the information given to them because of this unique blockchain solution.
Global Applications
As is often the case with blockchain technologies, adaption and adoption is happening quickly all over the world. MIT has already begun issuing degree certificates to those who graduate with a degree in Computer Science, relying heavily on existing blockchain technology to provide graduates with the secure, digitized degrees after they finish their education.
Even countries without the prestigious educational opportunities like the United States have attempted to capitalize on this unique usage of the incredible technology. The Indian Institute of Technology, run by India’s federal government, will be opening its own blockchain project called IndiaChain, starting in their Bombay campus.
As governments, financial institutions, and educational institutes continue to explore the new technology, it is unclear exactly where it might lead. But for a select group of innovative universities, the future of the blockchain is as much academic as it is economic

BITCOINEXCHANGEGUIDE.COM
BITCOINEXCHANGEGUIDE.COM

TERRA.COM
Universidade italiana usa blockchain para emitir diplomas
Tecnologia evita que títulos de graduação sejam falsificados

A Universidade de Cagliari, na região da Sardenha, tornou-se nesta sexta-feira (20) a primeira instituição de ensino italiana a emitir certificados de graduação utilizando a nova tecnologia "blockchain".
O sistema possibilitará a autenticação de certificados e documentos na web de forma aberta, segura e transparente.
"Nós decidimos garantir a autenticidade dos certificados europeus de nossos graduados com esta tecnologia, porque queremos equipá-los com um instrumento moderno, fácil e imediatamente utilizável em qualquer lugar do mundo", afirmou Maria Del Zompo, reitora da universidade.
Ainda de acordo com Del Zompo, um certificado de graduação em papel ou no formato digital pode ser "facilmente falsificado e alterado".
O inovador sistema permite emitir documentos digitais, certificando de que eles não foram falsificados ou manipulados.
Algumas universidades norte-americanas, como o Instituto de Tecnologia de Massachusetts, já começaram a emitir certificados de graduação através do "blockchain".
A tecnologia é, na prática, um registro ou livro-razão online disponível a todos os participantes desse sistema virtual que reúne uma rede de transações e de pagamentos realizados com a moeda eletrônica Bitcoin.
O "blockchain" poderá mudar os mercados e suas gestões, além de melhorar a privacidade e os problemas relacionados à segurança nas compras on-lines. O sistema pode facilitar e simplificar ações como a venda de propriedades e a realização de contratos.

TERRA.COM
TERRA.COM

CRYPTOCOMES.COM
Italian University to Register Degrees on Ethereum Blockchain

The University of Cagliari (Sardinia, Italy) has announced about its plans to utilize an Ethereum Blockchain system that ensures the authenticity of degree certificates. At first, the new technology will only be applied to Computer Science graduates, but later they want to extend it to all degree programs that are available at the University of Cagliari.
Preventing degree counterfeiting
Despite many people complaining that college diplomas aren’t worth the paper they are printed on, getting a degree still gives you plenty of career opportunities (especially, when it comes to public sector jobs). Faking a degree certificate when applying for a job is still a rather common problem, so the University of Cagliari came up with a Blockchain system that issues certified digital documents that cannot be altered or tampered with. They follow the example of the Massachusetts Institute of Technology (MIT) that has already experienced the advantages of registering diplomas on a Blockchain. 
How it works?
From now on, all degrees will have a digital signature that is registered on the university’s Ethereum Blockchain. If the digital signature and the registered signature are the same, a degree is proven to be authentic. The possibility of getting a random coincidence is less than one divided by a 77-digit number. All that you need for a degree verification is a specific file and Internet access. The instructions are published on the university’s website.
It is expected that the idea of keeping degrees on a separate Blockchain will soon be adopted by more educational institutions as soon as their realize its major benefits. Degrees that are registered on a tamper-proof Blockchain can be verified in time without making additional inquiries (calling the university, sending emails and so on).
Blockchain in education
This is not the first time Blockchain technology is being implemented in the Italian educational sector. On July 16, the University of Pisa made an announcement on its official website about utilizing a new Blockchain technology which would help to increase students’ mobility and improve data management.
The impact of the cryptocurrency on education becomes more and more evident. CryptoComes previously reported that crypto-related topics would be added to an updated CFA examination program.

CRYPTOCOMES.COM
CRYPTOCOMES.COM

COINCRISPY.COM
Universidad de Cagliari utilizará blockchain para garantizar autenticidad de títulos universitarios

Desde que blockchain se erigió como la primera tecnología disruptiva capaz de garantizar total nivel de descentralización y transparencia en relación al manejo de datos, diversos sectores de la economía comenzaron a interesarse por desarrollar productos y servicios basados en la cadena de bloques.
Uno de estos sectores ha sido el educativo, sobre todo en relación a la falsificación de documentos como los certificados y títulos de graduación, que se ha convertido en un mal recurrente durante los últimos años. Algunas instituciones han comenzado a utilizar blockchain para registrar diplomas universitarios, y una de ellas ha sido el conocido Instituto Tecnológico de Massachusetts (MIT, por sus siglas en inglés).
Ahora, la Universidad de Cagliari, en Italia, quiere seguir este camino, al utilizar un sistema basado en la blockchain de Ethereum para garantizar la autenticidad de los títulos universitarios. Según la prensa local, esta tecnología será aplicada en principio a los graduados de la carrera de Informática, pero luego se extenderá a la totalidad de programas de grado de la institución.
Pese a que muchas personas afirman que el formato en papel de los títulos universitarios no vale la pena, contar con este documento es aval de prestigio y muy probablemente de contar con buen empleo. De hecho, la falsificación de estos títulos es un problema aún, por lo que Cagliari ha creado un sistema basado en blockchain que emite documentos digitales certificados inmutables, es decir, no pueden alterarse.
En este sentido, los graduandos contarán con una firma digital registrada en la cadena de bloques, que posteriormente será comparada con el documento físico para garantizar que se trata de un certificado auténtico. Todo lo que necesitará un posible empleador para verificar la validez del documento es acceso a Internet y al archivo específico que estará registrado en la blockchain.
Se espera que este tipo de métodos de verificación de títulos universitarios se siga extendiendo entre las diversas instituciones educativas de todo el mundo, ya que la evidencia ha demostrado que la adopción de esta tecnología es imparable en cada sector de la economía.

COINCRISPY
COINCRISPY

CRIPTONOTICIAS.COM
Unversidad de Cagliari certificará títulos en la blockchain de Ethereum

A partir de la más reciente promoción de licenciados en Informática, que se graduará este 20 de julio, la Universidad de Cagliari (Unica) comenzará el registro de los títulos de sus egresados en la blockchain de Ethereum, con la finalidad de garantizar su validez e integridad.
Así lo dio a conocer la rectora del campus, María Del Zompo, quien explicó que además de prevenir la falsificación de certificados en papel o digitales, se busca la reducción de costos y que los egresados puedan ofrecer esta información a los empleadores en todo el mundo, garantizando su autenticidad de forma gratuita.
“Hemos decidido garantizar la autenticidad de los certificados europeos de nuestros graduados con esta tecnología, porque tenemos la intención de equiparlos con una herramienta moderna, simple e inmediata que se puede utilizar en cualquier parte del mundo. Un certificado de grado, tanto en papel como en formato digital, es fácilmente falsificable o modificable” Maria Del Zompo Rectora, Universidad de Cagliari
Del Zompo informó que el sistema no requiere descargar aplicaciones específicas en los teléfonos inteligentes, ni registrarse en un sitio web específico. “Todo se lleva a cabo de forma sencilla y con herramientas de libre acceso”.
En la página web de la universidad italiana se dio a conocer que esta solución fue creada con la ayuda de FlossLab Ltd, una empresa derivada de la institución. De acuerdo con la información, decidieron usar la blockchain de Ethereum por tratarse de una red más moderna y con características adecuadas al propósito, en comparación con la de Bitcoin. También señalan que el sistema proporciona una sola sesión de registro por grado.
Este tipo de iniciativas tiene precedentes en diferentes universidades a nivel mundial. La más difundida es la del Instituto Tecnológico de Massachusetts (MIT) en Estados Unidos, el cual comenzó a trabajar en un proyecto de registro de certificados de sus graduandos en la cadena de bloques de Bitcoin en el año 2015. El proyecto, adelantado por MIT Media Lab, cuenta actualmente con una aplicación que reúne un conjunto de herramientas para la gestión de credenciales digitales.
Otro ejemplo de certificación digital en una cadena de bloques en Estados Unidos tiene lugar en el Central New Mexico Community College donde, con la ayuda de un proveedor llamado Learning Machine, desarrollaron una cartera digital que permite almacenar los certificados registrados en la blockchain. Con este sistema aspiran alcanzar este verano, la cifra de 4 mil certificados emitidos, tal como lo afirmó Feng Hou, director de comunicaciones de la institución, en una entrevista concedida al portal Education Dive.
En el Reino Unido también surgió una iniciativa basada en esta tecnología, llamada Woolf University, que fue promovida por un grupo de investigadores y profesores de la Universidad de Oxford. En este caso se va más allá de la certificación de los cursos, ya que el proyecto busca que el registro de toda la data administrativa de profesores y alumnos quede asentado en la cadena de bloques.
En India también existe un proyecto gubernamental, denominado IndiaChain, el cual, en colaboración con IIT-Bombay (Indian Institute of Technology Bombay), está haciendo un esfuerzo similar al de MIT para emitir certificados digitales a los estudiantes que se gradúan de la Universidad de Delhi en 2019.

CRIPTONOTICIAS.COM
CRIPTONOTICIAS.COM

L'UNIONE SARDA  del 20 luglio 2018 
Nuovi certificati di laurea a prova di impostori
Università Cyber tecnologia che garantisce l'autenticità

Sezione "Agenda Cagliari" pag. 18

Certificati di laurea a prova di impostori. L'Università di Cagliari, a partire dalla sessione di laurea in Informatica di oggi, assicurerà la validità e l'integrità dei certificati europei di laurea grazie alla blockchain di Ethereum, una tecnologia informatica che rende possibile l'autenticazione di certificati e documenti ufficiali sul web in modo aperto, sicuro e trasparente. «Abbiamo deciso di garantire l'autenticità dei certificati europei dei nostri laureati con questa tecnologia, perché intendiamo dotarli di uno strumento moderno, semplice e immediato, utilizzabile ovunque nel mondo», spiega la rettrice Maria Del Zompo.
LA NOVITÀ Il sistema (sviluppato in collaborazione con “FlossLab srl”, primo spinoff dell'Università cagliaritana) permette di emettere documenti digitali certificati, assicurandosi che non siano manipolabili o falsificabili. Alcune università statunitensi, come il Massachusetts Institute of Technology, hanno già iniziato a rilasciare certificati di laurea in informatica con la tecnologia blockchain di Bitcoin. La soluzione adottata dall'ateneo cagliaritano è legata alla blockchain di Ethereum, più moderna e adatta allo scopo rispetto a Bitcoin: prevede una singola registrazione per sessione di laurea, con risparmio di costi e di complessità; non prevede alcuna dotazione o interfacciamento specifici per essere mantenuta da parte del laureato; chiunque può verificare l'autenticità del certificato: basta la disponibilità del file e un accesso a internet, seguendo le istruzioni fornite nel sito web dell'Università.
LA CERTIFICAZIONE «Con questo strumento ad ogni sessione di laurea, dopo la generazione dei certificati in formato europeo standard, le firme informatiche di tali certificati saranno registrate dall'Università sulla blockchain di Ethereum», aggiunge Gianni Fenu, docente di Informatica.

L'UNIONE SARDA
L'UNIONE SARDA

ILSOLE24ORE (registrazione gratuita sulla pagina)
PIANETA ATENEI
Cagliari, certificati antitruffa di laurea targati “Blockchain"

L'università di Cagliari, a partire dalla sessione di laurea in Informatica di domani, assicurerà la validità e l'integrità dei certificati europei di laurea grazie alla blockchain di Ethereum, una tecnologia informatica che rende possibile l'autenticazione di certificati e documenti ufficiali sul web in modo aperto, sicuro e trasparente. «Abbiamo deciso di garantire l'autenticità dei certificati europei dei nostri laureati con questa tecnologia, perché intendiamo dotarli di uno strumento moderno, semplice e immediato, utilizzabile ovunque nel mondo - spiega la rettrice Maria Del Zompo -. Un certificato di laurea, sia cartaceo sia in formato digitale, è facilmente falsificabile o alterabile. Grazie a questa tecnologia, i nostri studenti potranno garantire l'autenticità e l'integrità dei loro certificati digitali a potenziali datori di lavoro in tutto il mondo, in modo semplice e gratuito».

L'innovativo sistema permette di emettere documenti digitali certificati, assicurandosi che non siano manipolabili o falsificabili. Alcune università statunitensi, come il Massachusetts institute of technology, hanno già iniziato a rilasciare certificati di laurea in informatica la cui autenticità è assicurata tramite la tecnologia blockchain di Bitcoin.
La soluzione adottata dall'ateneo cagliaritano è legata alla blockchain di Ethereum, più moderna e adatta allo scopo rispetto a Bitcoin, e si pone all'avanguardia del settore grazie alle sue peculiarità: prevede una singola registrazione per sessione di laurea, con risparmio di costi e di complessità; non prevede alcuna dotazione o interfacciamento specifici per essere mantenuta da parte del laureato: solo la disponibilità del file col certificato di laurea; chiunque può verificare l'autenticità del certificato: basta la disponibilità del file e un accesso a Internet, seguendo le semplici istruzioni fornite nel sito web dell'università.

ILSOLE24ORE
ILSOLE24ORE

THE CRYPTONOMIST
Lauree sicure con la tecnologia blockchain
di Marco Cavicchioli - 24 luglio 2018

FlossLab, una società del gruppo italiano Net Service, ha sviluppato una tecnologia che utilizza la blockchain di Ethereum per emettere certificati di laurea sicuri, accessibili in tutto il mondo e a prova di hacker.
I primi certificati sono già stati emessi dall’Università di Cagliari a partire dalla sessione di laurea in Informatica del 20 luglio scorso.
Il sistema elaborato da FlossLab consente di emettere dei documenti digitali che vengono certificati grazie a blockchain in modo da renderli non manipolabili o falsificabili.
Per tenere bassi i costi viene effettuata una sola registrazione per ogni sessione di laurea, e non è necessario utilizzare alcuna dotazione specifica.
Inoltre, una volta certificati sulla blockchain, chiunque può verificare l’autenticità dei documenti seguendo le istruzioni fornite direttamente dal sito web dell’Università.
Gianluca Ortolani, amministratore delegato di Net Service, dice: “Il nostro gruppo sta investendo da alcuni anni su soluzioni reali e di mercato basate su blockchain. La soluzione sviluppata da FlossLab dimostra che le moderne piattaforme distribuite, sperimentate e cresciute all’interno dei nostri centri di ricerca, possono trovare efficace applicazione tanto sul mercato della Pubblica Amministrazione quanto su quello dell’industria“.
FlossLab è uno spin off dell’Università di Cagliari, acquisito da Net Service nel giugno 2018, che vanta tra i vari asset un laboratorio di eccellenza dedicato alla blockchain.

THE CRYPTONOMIST
THE CRYPTONOMIST

SMARTNATION.IT
Blockchain, l’Università di Cagliari introduce la validazione digitale dei certificati di laurea

Per garantire la massima sicurezza in fatto di validità e integrità dei certificati di laurea ecco che anche in Italia si fa ricorso alla tecnologia.
Dopo l’adozione, da parte del MIT di Boston, della Blockchain per garantire la validità dei propri diplomi anche l’Università di Cagliari sceglie questa tecnologia per il medesimo scopo: si tratta del primo ateneo in Italia e anche in Europa a prendere questa iniziativa.
Blockchain e massima trasparenza nel titolo di studio
L’innovativo sistema recepito dall’ateneo cagliaritano permette di emettere documenti digitali certificati che non possono essere manipolati o falsificati.
Ad ogni sessione di laurea infatti, dopo la generazione dei certificati in formato europeo standard, le firme informatiche dei suddetti vengono registrate dall’Università sulla blockchain di Ethereum.
Il funzionamento è semplice: se la firma informatica del documento posseduto coincide con quella registrata presso l’ateneo, è garantita l’integrità del documento.
Ethereum è la seconda criptovaluta per valore dopo Bitcoin ed è nata per facilitare applicazioni e scenari innovativi utilizzando questa tecnologia.
L’iniziativa dell’Università di Cagliari riguarda sperimentalmente la sola facoltà di Informatica ma verrà presto estesa a tutti i corsi di laurea dell’ateneo.

SMARTNATION.IT
SMARTNATION.IT

I-COM.IT
Titoli accademici certificati con blockchain. L’iniziativa dell’università di Cagliari

All’università di Cagliari la sessione di laurea della facoltà di informatica del 20 luglio 2018 non è stata come tutte le altre. Questa data segna una svolta nella vita di questo ateneo e non solo perché per la prima volta è stata utilizzata la tecnologia blockchain per autenticare un certificato di laurea.
L’università di Cagliari può essere sicuramente considerata all’avanguardia nell’utilizzo della catena. Ancora oggi pochissime istituzioni accademiche hanno avviato programmi di questo tipo tra cui il prestigioso Massachusetts Institute of Technology (MIT) che da luglio dello scorso anno ha avviato un progetto pilota per emettere certificazioni agli studenti sfruttando la blockchain di BitCoin.
Il sistema utilizzato dall’ateneo di Cagliari utilizza invece la catena a blocchi di Ethereum (la seconda criptovaluta più utilizzata al mondo) che viene considerata dagli sviluppatori più moderna e adatta allo scopo. Questo perché, nonostante sia il motore che permette gli scambi in Ether, questa blockchain non è stata creata con lo scopo principale di consentire le transazioni monetarie, ma come piattaforma di gestione degli smart contract. E, cioè, contratti automatici che si attivano in via autonoma al raggiungimento di condizioni predeterminate dagli utilizzatori.
L’ateneo ha sviluppato il sistema di certificazione in collaborazione con la start-up FlossLab, uno spin-off di questa università nato con l’obbiettivo di industrializzare i risultati delle ricerche accademiche e offrire sul mercato soluzioni software avanzate per le organizzazioni pubbliche e private.
“Abbiamo deciso di garantire l’autenticità dei certificati europei dei nostri laureati con questa tecnologia, perché intendiamo dotarli di uno strumento moderno, semplice e immediato, utilizzabile ovunque nel mondo“, ha affermato il rettore dell’università di Cagliari Maria Del Zompo. Che poi ha aggiunto: “Un certificato di laurea, sia cartaceo che in formato digitale, è facilmente falsificabile o alterabile. Grazie a questa tecnologia, i nostri studenti potranno garantire l’autenticità e l’integrità dei loro certificati digitali a potenziali datori di lavoro in tutto il mondo, in modo semplice e gratuito. Il nostro sistema non richiede la disponibilità di App specifiche su smartphone, o l’accesso e la registrazione a un sito specifico. Tutto si svolge in modo semplice e con strumenti ad accesso libero“.
Grazie all’introduzione di questo sistema, per ogni sessione di laurea, verranno generati certificati informatici, in formato europeo, che saranno registrati sulla blockchain di Ethereum permettendo a chiunque ne abbia necessità di verificarne l’autenticità. Il controllo della veridicità del documento è un processo semplice e veloce: non sono necessarie dotazioni particolari, basta disporre del file e seguire le indicazioni riportate sul sito web dell’ateneo.

I-COM.IT
I-COM.IT

WALLSTREET ITALIA
Università di Cagliari come il Mit: certificati di laurea Blockchain
di Mariangela Tessa

L’Università di Cagliari si accoda ad alcune università statunitensi, come il Massachusetts Institute of Technology, e, a partire dalla sessione di laurea in Informatica di domani, assicurerà la validità dei certificati europei di laurea grazie alla blockchain di Ethereum, una tecnologia informatica che rende possibile l’autenticazione di certificati e documenti ufficiali sul web in modo aperto, sicuro e trasparente.
“Abbiamo deciso di garantire l’autenticità dei certificati europei dei nostri laureati con questa tecnologia, perché intendiamo dotarli di uno strumento moderno, semplice e immediato, utilizzabile ovunque nel mondo – ha spiegato la Rettrice Maria Del Zompo -. Un certificato di laurea, sia cartaceo sia in formato digitale, è facilmente falsificabile o alterabile. Grazie a questa tecnologia, i nostri studenti potranno garantire l’autenticità e l’integrità dei loro certificati digitali a potenziali datori di lavoro in tutto il mondo, in modo semplice e gratuito”.

WALLSTREET ITALIA
WALLSTREET ITALIA

AVVENIRE del 19 luglio 2018
UNIVERSITÀ A Cagliari le prime lauree certificate "Blockchain"
Attualità, pag. 11

Laureato alla Sorbona con il massimo dei voti? Per scoprire se è vero ora le cose cambiano: addio titoli inverosimili o voti gonfiati. Dopo il Mit – la prestigiosa università statunitense - l'ateneo di Cagliari è il primo non solo in Italia, ma anche in Europa, che utilizzerà i certificati di laurea blindati, per validità e integrità, dalla Blockchain.
L'innovativo sistema permette di emettere documenti digitali certificati, assicurandosi che non siano manipolabili o falsificabili. «Abbiamo deciso di garantire l'autenticità dei certificati europei dei nostri laureati con questa tecnologia, perché intendiamo dotarli di uno strumento moderno, semplice e immediato, utilizzabile ovunque nel mondo - spiega la Rettrice Maria Del Zompo -. Un certificato di laurea, sia cartaceo sia in formato digitale, è facilmente falsificabile o alterabile. Grazie a questa tecnologia, i nostri studenti potranno garantire l'autenticità e l'integrità dei loro certificati digitali a potenziali datori di lavoro in tutto il mondo, in modo semplice e gratuito».

AVVENIRE
AVVENIRE

CORRIERE COMUNICAZIONI
UNIVERSITÀ A Cagliari le prime lauree autenticate con blockchain
di Giorgia Pacino

È il primo ateneo italiano a utilizzare questa tecnologia. A partire dalla sessione di laurea in Informatica di venerdì, l’Università di Cagliari rilascerà certificati europei di laurea autenticati grazie alla blockchain di Ethereum. Si tratta di una particolare tecnologia informatica che rende possibile assicurare la validità e l’integrità di certificati e documenti ufficiali sul web in modo aperto, sicuro e trasparente.
“Abbiamo deciso di garantire l’autenticità dei certificati europei dei nostri laureati con questa tecnologia, perché intendiamo dotarli di uno strumento moderno, semplice e immediato, utilizzabile ovunque nel mondo”, spiega la rettrice dell’Università Maria Del Zompo. “Un certificato di laurea, sia cartaceo sia in formato digitale, è facilmente falsificabile o alterabile. Grazie a questa tecnologia, i nostri studenti potranno garantire l’autenticità e l’integrità dei loro certificati digitali a potenziali datori di lavoro in tutto il mondo, in modo semplice e gratuito. Il nostro sistema non richiede la disponibilità di app specifiche su smartphone, o l’accesso e la registrazione a un sito specifico. Tutto si svolge in modo semplice e con strumenti ad accesso libero”.
Il sistema permette di emettere documenti digitali certificati, con la certezza che non siano manipolabili o falsificabili. Alcune università statunitensi, come il Massachusetts Institute of Technology, hanno già iniziato a rilasciare certificati di laurea in Informatica la cui autenticità è assicurata tramite la tecnologia blockchain di Bitcoin. La soluzione adottata dall’ateneo cagliaritano è invece legata alla blockchain di Ethereum, considerata più adatta allo scopo.
“Si tratta della seconda criptovaluta per valore dopo Bitcoin, nata proprio per facilitare le applicazioni complesse di questo tipo”, spiega Gianni Fenu, docente di informatica e delegato del rettore per l’Informatica dell’ateneo. “Con questo strumento a ogni sessione di laurea, dopo la generazione dei certificati in formato europeo standard, le firme informatiche saranno registrate sulla blockchain. Se la firma informatica del documento coincide con quella registrata, è garantita l’integrità. La probabilità di ottenere una coincidenza casuale è minore di uno diviso per un numero di 77 cifre”.
Sviluppata in collaborazione con FlossLab, primo spinoff dell’Università di Cagliari, la soluzione verrà estesa a tutti i corsi di laurea. Prevede una singola registrazione per sessione di laurea, con risparmio di costi e di complessità. Non occorre alcuna dotazione specifica per esser mantenuta da parte del laureato, è sufficiente la semplice disponibilità del file col certificato di laurea. Chiunque può verificarne l’autenticità: basta avere il file e un accesso a Internet e seguire le istruzioni fornite dal sito web dell’Università.

CORRIERE COMUNICAZIONI
CORRIERE COMUNICAZIONI

AGI
A Cagliari i certificati di laurea saranno garantiti con la blockchain di Ethereum
Il sistema permette di emettere documenti digitali certificati, assicurando che non siano manipolabili o falsificabili. Ed è già stato adottato in Usa

L'università di Cagliari garantirà l'autenticità dei certificati europei di laurea col sistema blockchain. La novità sarà introdotta dalla sessione di laurea in Informatica prevista venerdì prossimo, 20 luglio, per poi essere progressivamente estesa a tutti i corsi di laurea.
Il sistema permette di emettere documenti digitali certificati, assicurando che non siano manipolabili o falsificabili. Alcune università statunitensi, come il Massachusetts Institute of Technology (Mit), hanno già iniziato a rilasciare certificati di laurea in informatica la cui autenticità è assicurata tramite la tecnologia blockchain di Bitcoin. La soluzione adottata dall'ateneo cagliaritano è la blockchain di Ethereum: prevede una singola registrazione per sessione di laurea, con risparmio di costi e di complessità. Chiunque può verificare l'autenticità del certificato: basta la disponibilità del file e un accesso a internet, seguendo le semplici istruzioni fornite nel sito web dell'università.
La soluzione è stata sviluppata in collaborazione con FlossLab srl, primo spinoff dell'Università di Cagliari e azienda all'avanguardia nello sviluppo di applicazioni con l'utilizzo di questi sistemi informatici, che ha recentemente rilasciato per Abbanoa, il gestore unico del servizio idrico integrato della Sardegna, il primo sistema di certificazione con blockchain delle letture dei contatori acqua.
"Abbiamo deciso di garantire l'autenticità dei certificati europei dei nostri laureati con questa tecnologia, perché intendiamo dotarli di uno strumento moderno, semplice e immediato, utilizzabile ovunque nel mondo", sottolinea la rettrice Maria Del Zompo. "Un certificato di laurea, sia cartaceo sia in formato digitale, è facilmente falsificabile o alterabile. Grazie a questa tecnologia, i nostri studenti potranno garantire l'autenticità e l'integrità dei loro certificati digitali a potenziali datori di lavoro in tutto il mondo, in modo semplice e gratuito. Il nostro sistema non richiede la disponibilità di app specifiche su smartphone, o l'accesso e la registrazione a un sito specifico. Tutto si svolge in modo semplice e con strumenti ad accesso libero"
"Con questo strumento", aggiunge Gianni Fenu, docente di informatica e delegato del Rettore per l'Informatica dell'Ateneo di Cagliari, "ad ogni sessione di laurea, dopo la generazione dei certificati in formato europeo standard, le 'firme' informatiche di tali certificati saranno registrate dall'Università sulla blockchain di Ethereum, la seconda criptovaluta per valore dopo Bitcoin, nata proprio per facilitare le applicazioni complesse di questo tipo. Se la 'firma' informatica del documento posseduto coincide con quella registrata, è garantita l'integrità del documento. La probabilità di ottenere una coincidenza casuale è minore di uno diviso per un numero di 77 cifre".

AGI
AGI

UNIVERSITY2BUSINESS
L’Università di Cagliari, primo ateneo a fornire la laurea in ‘formato blockchain’

Gli studenti universitari della facoltà di Informatica dell’Università di Cagliari saranno i primi in Italia ad ottenere un certificato di laurea in ‘formato blockchain’.  A partire dalla sessione di laurea di venerdì prossimo infatti, l’Ateneo sardo assicurerà la validità e l’integrità dei certificati europei di laurea grazie alla blockchain di Ethereum, una tecnologia informatica che rende possibile l’autenticazione di certificati e documenti ufficiali sul web in modo aperto, sicuro e trasparente. Il sistema è già utilizzato in Università come il MIT.
“Abbiamo deciso di garantire l’autenticità dei certificati europei dei nostri laureati con questa tecnologia, perché intendiamo dotarli di uno strumento moderno, semplice e immediato, utilizzabile ovunque nel mondo – spiega la Rettrice Maria Del Zompo in una nota stampa -. Un certificato di laurea, sia cartaceo sia in formato digitale, è facilmente falsificabile o alterabile. Grazie a questa tecnologia, i nostri studenti potranno garantire l’autenticità e l’integrità dei loro certificati digitali a potenziali datori di lavoro in tutto il mondo, in modo semplice e gratuito. Il nostro sistema non richiede la disponibilità di app specifiche su smartphone, o l’accesso e la registrazione a un sito specifico. Tutto si svolge in modo semplice e con strumenti ad accesso libero”.
La blockchain è una tecnologia estremamente sicura e permette tra le altre cose di emettere documenti digitali certificati, assicurandosi che non siano manipolabili o falsificabili. Alcune università statunitensi, come il Massachusetts Institute of Technology, hanno già iniziato a rilasciare certificati di laurea in informatica la cui autenticità è assicurata tramite la tecnologia blockchain di Bitcoin.
La soluzione adottata dall’ateneo cagliaritano è legata alla blockchain di Ethereum, più moderna e adatta allo scopo rispetto a Bitcoin, e si pone all’avanguardia del settore grazie alle sue peculiarità:
• prevede una singola registrazione per sessione di laurea, con risparmio di costi e di complessità;
• non prevede alcuna dotazione o interfacciamento specifici per essere mantenuta da parte del laureato: solo la disponibilità del file col certificato di laurea;
• chiunque può verificare l’autenticità del certificato: basta la disponibilità del file e un accesso a Internet, seguendo le semplici istruzioni fornite nel sito web dell’Università
“Con questo strumento – afferma Gianni Fenu, docente di informatica e delegato del Rettore per l’Informatica dell’Ateneo di Cagliari – ad ogni sessione di laurea, dopo la generazione dei certificati in formato europeo standard, le “firme” informatiche di tali certificati saranno registrate dall’Università sulla blockchain di Ethereum. Si tratta della seconda criptovaluta per valore dopo Bitcoin, nata proprio per facilitare le applicazioni complesse di questo tipo. Se la “firma” informatica del documento posseduto coincide con quella registrata, è garantita l’integrità del documento. La probabilità di ottenere una coincidenza casuale è minore di uno diviso per un numero di 77 cifre.”
Il servizio sarà progressivamente esteso a tutti i corsi di laurea. In questo modo, l’Università di Cagliari si porrà all’avanguardia mondiale nell’uso della blockchain per dare servizi agli studenti. Sia il voto, sia i titoli accademici, sono ritenuti di cruciale importanza nella società contemporanea, pertanto è fondamentale che non vengano manipolati per nessuna ragione.

UNIVERSITY2BUSINESS
UNIVERSITY2BUSINESS

ANSA
Cagliari, certificati laurea Blockchain
Primo ateneo in Italia a utilizzare nuova tecnologia


(ANSA) - CAGLIARI, 18 LUG - L'Università di Cagliari, a partire dalla sessione di laurea in Informatica di venerdì, assicurerà la validità e l'integrità dei certificati europei di laurea grazie alla blockchain di Ethereum, una tecnologia informatica che rende possibile l'autenticazione di certificati e documenti ufficiali sul web in modo aperto, sicuro e trasparente. "Abbiamo deciso di garantire l'autenticità dei certificati europei dei nostri laureati con questa tecnologia, perché intendiamo dotarli di uno strumento moderno, semplice e immediato, utilizzabile ovunque nel mondo - spiega la Rettrice Maria Del Zompo -. Un certificato di laurea, sia cartaceo sia in formato digitale, è facilmente falsificabile o alterabile.
Grazie a questa tecnologia, i nostri studenti potranno garantire l'autenticità e l'integrità dei loro certificati digitali a potenziali datori di lavoro in tutto il mondo, in modo semplice e gratuito".
L'innovativo sistema permette di emettere documenti digitali certificati, assicurandosi che non siano manipolabili o falsificabili. Alcune università statunitensi, come il Massachusetts Institute of Technology, hanno già iniziato a rilasciare certificati di laurea in informatica la cui autenticità è assicurata tramite la tecnologia blockchain di Bitcoin. La soluzione adottata dall'ateneo cagliaritano è legata alla blockchain di Ethereum, più moderna e adatta allo scopo rispetto a Bitcoin, e si pone all'avanguardia del settore grazie alle sue peculiarità: prevede una singola registrazione per sessione di laurea, con risparmio di costi e di complessità; non prevede alcuna dotazione o interfacciamento specifici per essere mantenuta da parte del laureato: solo la disponibilità del file col certificato di laurea; chiunque può verificare l'autenticità del certificato: basta la disponibilità del file e un accesso a Internet, seguendo le semplici istruzioni fornite nel sito web dell'Università. (ANSA).

ANSA
ANSA

LIBERO TECNOLOGIA 
Cagliari, certificati laurea Blockchain
Primo ateneo in Italia a utilizzare nuova tecnologia

CAGLIARI, 18 LUG – L’Università di Cagliari, a partire dalla sessione di laurea in Informatica di venerdì, assicurerà la validità e l’integrità dei certificati europei di laurea grazie alla blockchain di Ethereum, una tecnologia informatica che rende possibile l’autenticazione di certificati e documenti ufficiali sul web in modo aperto, sicuro e trasparente. “Abbiamo deciso di garantire l’autenticità dei certificati europei dei nostri laureati con questa tecnologia, perché intendiamo dotarli di uno strumento moderno, semplice e immediato, utilizzabile ovunque nel mondo – spiega la Rettrice Maria Del Zompo -. Un certificato di laurea, sia cartaceo sia in formato digitale, è facilmente falsificabile o alterabile.
Grazie a questa tecnologia, i nostri studenti potranno garantire l’autenticità e l’integrità dei loro certificati digitali a potenziali datori di lavoro in tutto il mondo, in modo semplice e gratuito”.

LIBERO TECNOLOGIA
LIBERO TECNOLOGIA

L'UNIONE SARDA online
Università di Cagliari, via all'autenticazione dei certificati con tecnologia blockchain

L'Università di Cagliari guarda sempre più all'estero e alle opportunità professionali, al di fuori dell'Italia, per i propri studenti.
E così, a partire dalla sessione di laurea in Informatica di venerdì 20 luglio, l'Ateneo sardo assicurerà la validità e l'integrità dei certificati europei di laurea grazie alla blockchain di Ethereum, una tecnologia informatica che garantisce documenti ufficiali sul web in modo aperto, sicuro e trasparente.
"Abbiamo deciso di garantire l'autenticità dei certificati europei dei nostri laureati con questa tecnologia, perché intendiamo dotarli di uno strumento moderno, semplice e immediato, utilizzabile ovunque nel mondo. Un certificato di laurea, sia cartaceo sia in formato digitale, è facilmente falsificabile o alterabile. Grazie a questa tecnologia, i nostri studenti potranno garantire l'autenticità e l'integrità dei loro certificati digitali a potenziali datori di lavoro in tutto il mondo, in modo semplice e gratuito. Il nostro sistema non richiede la disponibilità di app specifiche su smartphone, o l'accesso e la registrazione a un sito specifico. Tutto si svolge in modo semplice e con strumenti ad accesso libero", spiega il rettore Maria Del Zompo.
Un innovativo sistema che si rifà a quanto già in essere in prestigiosi istituti universitari statunitensi, come il Massachusetts Institute of Technology, che hanno già iniziato a rilasciare certificati di laurea in informatica la cui autenticità è assicurata tramite la tecnologia blockchain di Bitcoin.
La soluzione adottata dall'ateneo cagliaritano è legata alla blockchain di Ethereum, ancora più moderna rispetto a Bitcoin, e si pone all'avanguardia del settore grazie alle sue peculiarità: prevede una singola registrazione per sessione di laurea, con risparmio di costi e di complessità; non prevede alcuna dotazione o interfaccia specifica per essere mantenuta da parte del laureato ma solo la disponibilità del file col certificato di laurea; chiunque può verificare l'autenticità del certificato con un semplice accesso a Internet e seguendo le istruzioni fornite nel sito web dell'Università.
"Con questo strumento - aggiunge Gianni Fenu, docente di informatica e delegato del Rettore per l'Informatica dell'Ateneo di Cagliari - ad ogni sessione di laurea, dopo la generazione dei certificati in formato europeo standard, le 'firme' informatiche saranno registrate dall'Università sulla blockchain di Ethereum. Si tratta della seconda criptovaluta per valore dopo Bitcoin, nata proprio per facilitare le applicazioni complesse di questo tipo. Se la 'firma' informatica del documento posseduto coincide con quella registrata, è garantita l'integrità del documento. La probabilità di ottenere una coincidenza casuale è minore di uno diviso per un numero di 77 cifre".
La soluzione è stata sviluppata in collaborazione con FlossLab srl, primo spinoff dell'Università di Cagliari e azienda all'avanguardia nello sviluppo di applicazioni con l'utilizzo di questi sistemi informatici, che ha recentemente rilasciato per Abbanoa il primo sistema di certificazione con blockchain delle letture dei contatori acqua.
Il servizio sarà progressivamente esteso a tutti i corsi di laurea.

L'UNIONE SARDA
L'UNIONE SARDA

SARDINIAPOST.IT
Università di Cagliari, certificati europei di laurea con Blockchain

L’Università di Cagliari, a partire dalla sessione di laurea in Informatica di venerdì, assicurerà la validità e l’integrità dei certificati europei di laurea grazie alla blockchain di Ethereum, una tecnologia informatica che rende possibile l’autenticazione di certificati e documenti ufficiali sul web in modo aperto, sicuro e trasparente. “Abbiamo deciso di garantire l’autenticità dei certificati europei dei nostri laureati con questa tecnologia, perché intendiamo dotarli di uno strumento moderno, semplice e immediato, utilizzabile ovunque nel mondo – spiega la Rettrice Maria Del Zompo -. Un certificato di laurea, sia cartaceo sia in formato digitale, è facilmente falsificabile o alterabile. Grazie a questa tecnologia, i nostri studenti potranno garantire l’autenticità e l’integrità dei loro certificati digitali a potenziali datori di lavoro in tutto il mondo, in modo semplice e gratuito”.
L’innovativo sistema permette di emettere documenti digitali certificati, assicurandosi che non siano manipolabili o falsificabili. Alcune università statunitensi, come il Massachusetts Institute of Technology, hanno già iniziato a rilasciare certificati di laurea in informatica la cui autenticità è assicurata tramite la tecnologia blockchain di Bitcoin. La soluzione adottata dall’ateneo cagliaritano è legata alla blockchain di Ethereum, più moderna e adatta allo scopo rispetto a Bitcoin, e si pone all’avanguardia del settore grazie alle sue peculiarità: prevede una singola registrazione per sessione di laurea, con risparmio di costi e di complessità; non prevede alcuna dotazione o interfacciamento specifici per essere mantenuta da parte del laureato: solo la disponibilità del file col certificato di laurea; chiunque può verificare l’autenticità del certificato: basta la disponibilità del file e un accesso a Internet, seguendo le semplici istruzioni fornite nel sito web dell’Università.

SARDINIAPOST.IT
SARDINIAPOST.IT

SARDEGNALIVE.NET
Università di Cagliari: certificati di laurea con la Blockchain
E’ il primo ateneo italiano ad utilizzare la nuova tecnologia per garantire l’autenticità dei documenti

Un certificato di laurea, sia cartaceo che digitale, è facilmente falsificabile o alterabile. Ma grazie alla tecnologia blockchain gli studenti potranno garantire l’autenticità e l’integrità dei loro certificati digitali.
L’Università di Cagliari, è il primo in Italia ad utilizzare la nuova tecnologia che assicura la validità e l’integrità di documenti e certificati di laurea europei. Si comincia venerdì 20 luglio dalle lauree in informatica, poi il sistema sarà esteso a tutto l’ateneo. Il rettore Maria Del Zompo: “i nostri studenti sono i primi a poter garantire l’autenticità e l’integrità dei loro certificati digitali ai potenziali datori di lavoro in tutto il mondo, in modo semplice e gratuito”
La soluzione adottata dall’ateneo cagliaritano è legata alla blockchain di Ethereum, si tratta della seconda criptovaluta per valore dopo Bitcoin, utilizzata invece in altre Università americane, nata proprio per facilitare le applicazioni complesse di questo tipo. Più moderna e adatta allo scopo rispetto a Bitcoin, si pone all’avanguardia del settore grazie alle sue peculiarità: prevede una singola registrazione per sessione di laurea, con risparmio di costi e di complessità; non prevede alcuna dotazione o interfacciamento specifici per essere mantenuta da parte del laureato: solo la disponibilità del file col certificato di laurea; chiunque può verificare l'autenticità del certificato: basta la disponibilità del file e un accesso a Internet, seguendo le semplici istruzioni fornite nel sito web dell’Università.
Ad ogni sessione di laurea, dopo la generazione dei certificati in formato europeo standard, le “firme” informatiche di tali certificati saranno registrate dall’Università sulla blockchain di Ethereum. Se la “firma” informatica del documento posseduto coincide con quella registrata, è garantita l'integrità del documento.
Il servizio sarà progressivamente esteso a tutti i corsi di laurea. In questo modo, l’Università di Cagliari si porrà all’avanguardia mondiale nell’uso della blockchain per dare servizi agli studenti. Sia il voto, sia i titoli accademici, sono ritenuti di cruciale importanza nella società contemporanea, pertanto è fondamentale che non vengano manipolati per nessuna ragione.

SARDEGNALIVE.NET
SARDEGNALIVE.NET

YOUTG.NET
All'Università di Cagliari certificati di laurea "autentici" con la blockchain

CAGLIARI. L’Università di Cagliari, a partire dalla sessione di laurea in Informatica di venerdì 20 luglio, assicurerà la validità e l’integrità dei certificati europei di laurea grazie alla blockchain di Ethereum, una tecnologia informatica che rende possibile l'autenticazione di certificati e documenti ufficiali sul web in modo aperto, sicuro e trasparente. «Abbiamo deciso di garantire l’autenticità dei certificati europei dei nostri laureati con questa tecnologia, perché intendiamo dotarli di uno strumento moderno, semplice e immediato, utilizzabile ovunque nel mondo. Un certificato di laurea, sia cartaceo sia in formato digitale, è facilmente falsificabile o alterabile. Grazie a questa tecnologia, i nostri studenti potranno garantire l’autenticità e l’integrità dei loro certificati digitali a potenziali datori di lavoro in tutto il mondo, in modo semplice e gratuito. Il nostro sistema non richiede la disponibilità di app specifiche su smartphone, o l’accesso e la registrazione a un sito specifico. Tutto si svolge in modo semplice e con strumenti ad accesso libero», spiega il Rettore dell’Università di Cagliari Maria Del Zompo.
L’innovativo sistema permette di emettere documenti digitali certificati, assicurandosi che non siano manipolabili o falsificabili. La soluzione adottata dall’ateneo cagliaritano prevede una singola registrazione per sessione di laurea, con risparmio di costi e di complessità; non prevede alcuna dotazione o interfacciamento specifici per essere mantenuta da parte del laureato: solo la disponibilità del file col certificato di laurea; chiunque può verificare l'autenticità del certificato: basta la disponibilità del file e un accesso a Internet, seguendo le semplici istruzioni fornite nel sito web dell’Università.

"Con questo strumento – aggiunge Gianni Fenu, docente di informatica e delegato del Rettore per l’Informatica dell’Ateneo di Cagliari – ad ogni sessione di laurea, dopo la generazione dei certificati in formato europeo standard, le “firme” informatiche di tali certificati saranno registrate dall’Università sulla blockchain di Ethereum".

YOUTG.NET
YOUTG.NET

CASTEDDUONLINE.IT
Cagliari primo ateneo d’Italia a garantire l’autenticità dei certificati di laurea con la blockchain
Si comincia venerdì dalle lauree in informatica, poi il sistema sarà esteso a tutto l’ateneo, il primo in italia ad utilizzare la nuova tecnologia che assicura la validità e l’integrità di documenti e certificati di laurea europei. Il rettore Maria del Zompo: “i nostri studenti sono i primi a poter garantire l’autenticità e l’integrità dei loro certificati digitali ai potenziali datori di lavoro in tutto il mondo”

L’Università di Cagliari, a partire dalla sessione di laurea in Informatica di venerdì 20 luglio, assicurerà la validità e l’integrità dei certificati europei di laurea grazie alla blockchain di Ethereum, una tecnologia informatica che rende possibile l’autenticazione di certificati e documenti ufficiali sul web in modo aperto, sicuro e trasparente. «Abbiamo deciso di garantire l’autenticità dei certificati europei dei nostri laureati con questa tecnologia, perché intendiamo dotarli di uno strumento moderno, semplice e immediato, utilizzabile ovunque nel mondo. Un certificato di laurea, sia cartaceo sia in formato digitale, è facilmente falsificabile o alterabile. Grazie a questa tecnologia, i nostri studenti potranno garantire l’autenticità e l’integrità dei loro certificati digitali a potenziali datori di lavoro in tutto il mondo, in modo semplice e gratuito. Il nostro sistema non richiede la disponibilità di app specifiche su smartphone, o l’accesso e la registrazione a un sito specifico. Tutto si svolge in modo semplice e con strumenti ad accesso libero», spiega il Rettore dell’Università di Cagliari Maria Del Zompo.
L’innovativo sistema permette di emettere documenti digitali certificati, assicurandosi che non siano manipolabili o falsificabili. Alcune università statunitensi, come il Massachusetts Institute of Technology, hanno già iniziato a rilasciare certificati di laurea in informatica la cui autenticità è assicurata tramite la tecnologia blockchain di Bitcoin. La soluzione adottata dall’ateneo cagliaritano è legata alla blockchain di Ethereum, più moderna e adatta allo scopo rispetto a Bitcoin, e si pone all’avanguardia del settore grazie alle sue peculiarità: prevede una singola registrazione per sessione di laurea, con risparmio di costi e di complessità; non prevede alcuna dotazione o interfacciamento specifici per essere mantenuta da parte del laureato: solo la disponibilità del file col certificato di laurea; chiunque può verificare l’autenticità del certificato: basta la disponibilità del file e un accesso a Internet, seguendo le semplici istruzioni fornite nel sito web dell’Università.
«Con questo strumento – aggiunge Gianni Fenu, docente di informatica e delegato del Rettore per l’Informatica dell’Ateneo di Cagliari – ad ogni sessione di laurea, dopo la generazione dei certificati in formato europeo standard, le “firme” informatiche di tali certificati saranno registrate dall’Università sulla blockchain di Ethereum. Si tratta della seconda criptovaluta per valore dopo Bitcoin, nata proprio per facilitare le applicazioni complesse di questo tipo. Se la “firma” informatica del documento posseduto coincide con quella registrata, è garantita l’integrità del documento. La probabilità di ottenere una coincidenza casuale è minore di uno diviso per un numero di 77 cifre». La soluzione è stata sviluppata in collaborazione con FlossLab srl, primo spinoff dell’Università di Cagliari e azienda all’avanguardia nello sviluppo di applicazioni con l’utilizzo di questi sistemi informatici, che ha recentemente rilasciato per Abbanoa il primo sistema di certificazione con blockchain delle letture dei contatori acqua. Il servizio sarà progressivamente esteso a tutti i corsi di laurea. In questo modo, l’Università di Cagliari si porrà all’avanguardia mondiale nell’uso della blockchain per dare servizi agli studenti. Sia il voto, sia i titoli accademici, sono ritenuti di cruciale importanza nella società contemporanea, pertanto è fondamentale che non vengano manipolati per nessuna ragione.

CASTEDDUONLINE.IT
CASTEDDUONLINE.IT

CAGLIARIPAD.IT
Cagliari, certificati laurea Blockchain
Primo ateneo in Italia a utilizzare nuova tecnologia

CAGLIARI, 18 LUG - L'Università di Cagliari, a partire dalla sessione di laurea in Informatica di venerdì, assicurerà la validità e l'integrità dei certificati europei di laurea grazie alla blockchain di Ethereum, una tecnologia informatica che rende possibile l'autenticazione di certificati e documenti ufficiali sul web in modo aperto, sicuro e trasparente. "Abbiamo deciso di garantire l'autenticità dei certificati europei dei nostri laureati con questa tecnologia, perché intendiamo dotarli di uno strumento moderno, semplice e immediato, utilizzabile ovunque nel mondo - spiega la Rettrice Maria Del Zompo -. Un certificato di laurea, sia cartaceo sia in formato digitale, è facilmente falsificabile o alterabile.
Grazie a questa tecnologia, i nostri studenti potranno garantire l'autenticità e l'integrità dei loro certificati digitali a potenziali datori di lavoro in tutto il mondo, in modo semplice e gratuito".
L'innovativo sistema permette di emettere documenti digitali certificati, assicurandosi che non siano manipolabili o falsificabili. Alcune università statunitensi, come il Massachusetts Institute of Technology, hanno già iniziato a rilasciare certificati di laurea in informatica la cui autenticità è assicurata tramite la tecnologia blockchain di Bitcoin. La soluzione adottata dall'ateneo cagliaritano è legata alla blockchain di Ethereum, più moderna e adatta allo scopo rispetto a Bitcoin, e si pone all'avanguardia del settore grazie alle sue peculiarità: prevede una singola registrazione per sessione di laurea, con risparmio di costi e di complessità; non prevede alcuna dotazione o interfacciamento specifici per essere mantenuta da parte del laureato: solo la disponibilità del file col certificato di laurea; chiunque può verificare l'autenticità del certificato: basta la disponibilità del file e un accesso a Internet, seguendo le semplici istruzioni fornite nel sito web dell'Università. (ANSA).

CAGLIARIPAD.IT
CAGLIARIPAD.IT

VISTANET.IT
Blockchain: l’Università di Cagliari la prima in Italia ad utilizzare la nuova tecnologia
Università di Cagliari: da venerdì i certificati di laurea e i documenti al sicuro con la Blockchain. Quello di Cagliari è il primo ateneo a utilizzare la nuova tecnologia per garantire l'autenticità dei certificati  

 
L’Università di Cagliari, a partire dalla sessione di laurea in Informatica di venerdì 20 luglio, assicurerà la validità e l’integrità dei certificati europei di laurea grazie alla blockchain di Ethereum, una tecnologia informatica che rende possibile l’autenticazione di certificati e documenti ufficiali sul web in modo aperto, sicuro e trasparente. «Abbiamo deciso di garantire l’autenticità dei certificati europei dei nostri laureati con questa tecnologia, perché intendiamo dotarli di uno strumento moderno, semplice e immediato, utilizzabile ovunque nel mondo. Un certificato di laurea, sia cartaceo sia in formato digitale, è facilmente falsificabile o alterabile. Grazie a questa tecnologia, i nostri studenti potranno garantire l’autenticità e l’integrità dei loro certificati digitali a potenziali datori di lavoro in tutto il mondo, in modo semplice e gratuito. Il nostro sistema non richiede la disponibilità di app specifiche su smartphone, o l’accesso e la registrazione a un sito specifico. Tutto si svolge in modo semplice e con strumenti ad accesso libero», spiega il Rettore dell’Università di Cagliari Maria Del Zompo.
L’innovativo sistema permette di emettere documenti digitali certificati, assicurandosi che non siano manipolabili o falsificabili. Alcune università statunitensi, come il Massachusetts Institute of Technology, hanno già iniziato a rilasciare certificati di laurea in informatica la cui autenticità è assicurata tramite la tecnologia blockchain di Bitcoin. La soluzione adottata dall’ateneo cagliaritano è legata alla blockchain di Ethereum, più moderna e adatta allo scopo rispetto a Bitcoin, e si pone all’avanguardia del settore grazie alle sue peculiarità: prevede una singola registrazione per sessione di laurea, con risparmio di costi e di complessità; non prevede alcuna dotazione o interfacciamento specifici per essere mantenuta da parte del laureato: solo la disponibilità del file col certificato di laurea; chiunque può verificare l’autenticità del certificato: basta la disponibilità del file e un accesso a Internet, seguendo le semplici istruzioni fornite nel sito web dell’Università.
«Con questo strumento – aggiunge Gianni Fenu, docente di informatica e delegato del Rettore per l’Informatica dell’Ateneo di Cagliari – ad ogni sessione di laurea, dopo la generazione dei certificati in formato europeo standard, le “firme” informatiche di tali certificati saranno registrate dall’Università sulla blockchain di Ethereum. Si tratta della seconda criptovaluta per valore dopo Bitcoin, nata proprio per facilitare le applicazioni complesse di questo tipo. Se la “firma” informatica del documento posseduto coincide con quella registrata, è garantita l’integrità del documento. La probabilità di ottenere una coincidenza casuale è minore di uno diviso per un numero di 77 cifre». La soluzione è stata sviluppata in collaborazione con FlossLab srl, primo spinoff dell’Università di Cagliari e azienda all’avanguardia nello sviluppo di applicazioni con l’utilizzo di questi sistemi informatici, che ha recentemente rilasciato per Abbanoa il primo sistema di certificazione con blockchain delle letture dei contatori acqua. Il servizio sarà progressivamente esteso a tutti i corsi di laurea. In questo modo, l’Università di Cagliari si porrà all’avanguardia mondiale nell’uso della blockchain per dare servizi agli studenti. Sia il voto, sia i titoli accademici, sono ritenuti di cruciale importanza nella società contemporanea, pertanto è fondamentale che non vengano manipolati per nessuna ragione.

VISTANET.IT
VISTANET.IT

ISTOÈ.COM
Universidade italiana usa blockchain para emitir diplomas

A Universidade de Cagliari, na região da Sardenha, tornou-se nesta sexta-feira (20) a primeira instituição de ensino italiana a emitir certificados de graduação utilizando a nova tecnologia “blockchain”.  
O sistema possibilitará a autenticação de certificados e documentos na web de forma aberta, segura e transparente.  
“Nós decidimos garantir a autenticidade dos certificados europeus de nossos graduados com esta tecnologia, porque queremos equipá-los com um instrumento moderno, fácil e imediatamente utilizável em qualquer lugar do mundo”, afirmou Maria Del Zompo, reitora da universidade.  
Ainda de acordo com Del Zompo, um certificado de graduação em papel ou no formato digital pode ser “facilmente falsificado e alterado”.  
O inovador sistema permite emitir documentos digitais, certificando de que eles não foram falsificados ou manipulados.  
Algumas universidades norte-americanas, como o Instituto de Tecnologia de Massachusetts, já começaram a emitir certificados de graduação através do “blockchain”.  
A tecnologia é, na prática, um registro ou livro-razão online disponível a todos os participantes desse sistema virtual que reúne uma rede de transações e de pagamentos realizados com a moeda eletrônica Bitcoin.  
O “blockchain” poderá mudar os mercados e suas gestões, além de melhorar a privacidade e os problemas relacionados à segurança nas compras on-lines. O sistema pode facilitar e simplificar ações como a venda de propriedades e a realização de contratos.(ANSA)

SARDEGNAOGGI.IT
Università: ora il certificato di laurea si consegna in un file
Da luglio certificati di laurea autenticati da una piattaforma telematica internazionale anti frode


L’Università di Cagliari, a partire dalla sessione di laurea in Informatica di venerdì 20 luglio, assicurerà la validità e l’integrità dei certificati europei di laurea grazie alla blockchain di Ethereum, una tecnologia informatica che rende possibile l'autenticazione di certificati e documenti ufficiali sul web in modo aperto, sicuro e trasparente. «Abbiamo deciso di garantire l’autenticità dei certificati europei dei nostri laureati con questa tecnologia, perché intendiamo dotarli di uno strumento moderno, semplice e immediato, utilizzabile ovunque nel mondo. Un certificato di laurea, sia cartaceo sia in formato digitale, è facilmente falsificabile o alterabile. Grazie a questa tecnologia, i nostri studenti potranno garantire l’autenticità e l’integrità dei loro certificati digitali a potenziali datori di lavoro in tutto il mondo, in modo semplice e gratuito. Il nostro sistema non richiede la disponibilità di app specifiche su smartphone, o l’accesso e la registrazione a un sito specifico. Tutto si svolge in modo semplice e con strumenti ad accesso libero», spiega il Rettore dell’Università di Cagliari Maria Del Zompo.
L’innovativo sistema permette di emettere documenti digitali certificati, assicurandosi che non siano manipolabili o falsificabili. Alcune università statunitensi, come il Massachusetts Institute of Technology, hanno già iniziato a rilasciare certificati di laurea in informatica la cui autenticità è assicurata tramite la tecnologia blockchain di Bitcoin. La soluzione adottata dall’ateneo cagliaritano è legata alla blockchain di Ethereum, più moderna e adatta allo scopo rispetto a Bitcoin, e si pone all’avanguardia del settore grazie alle sue peculiarità: prevede una singola registrazione per sessione di laurea, con risparmio di costi e di complessità; non prevede alcuna dotazione o interfacciamento specifici per essere mantenuta da parte del laureato: solo la disponibilità del file col certificato di laurea; chiunque può verificare l'autenticità del certificato: basta la disponibilità del file e un accesso a Internet, seguendo le semplici istruzioni fornite nel sito web dell’Università.
«Con questo strumento – aggiunge Gianni Fenu, docente di informatica e delegato del Rettore per l’Informatica dell’Ateneo di Cagliari – ad ogni sessione di laurea, dopo la generazione dei certificati in formato europeo standard, le “firme” informatiche di tali certificati saranno registrate dall’Università sulla blockchain di Ethereum. Si tratta della seconda criptovaluta per valore dopo Bitcoin, nata proprio per facilitare le applicazioni complesse di questo tipo. Se la “firma” informatica del documento posseduto coincide con quella registrata, è garantita l'integrità del documento. La probabilità di ottenere una coincidenza casuale è minore di uno diviso per un numero di 77 cifre». La soluzione è stata sviluppata in collaborazione con FlossLab srl, primo spinoff dell’Università di Cagliari e azienda all’avanguardia nello sviluppo di applicazioni con l'utilizzo di questi sistemi informatici, che ha recentemente rilasciato per Abbanoa il primo sistema di certificazione con blockchain delle letture dei contatori acqua. Il servizio sarà progressivamente esteso a tutti i corsi di laurea. In questo modo, l’Università di Cagliari si porrà all’avanguardia mondiale nell’uso della blockchain per dare servizi agli studenti. Sia il voto, sia i titoli accademici, sono ritenuti di cruciale importanza nella società contemporanea, pertanto è fondamentale che non vengano manipolati per nessuna ragione

SARDEGNAOGGI.IT
SARDEGNAOGGI.IT

Ultime notizie

13 novembre 2018

Università e Coni, percorso culturale e scientifico a gonfie vele

Il mondo della formazione avanzata, tra territorio, esigenze delle realtà sportive e nuovi percorsi. Un proficuo incontro in Cittadella a Monserrato. “L’intesa tra ateneo e Comitato olimpico regionale procede e si rafforza su più fronti” dice Maria Del Zompo. “Sport e conoscenza sono pilastri indiscutibili dello sviluppo” rimarca Francesco Mola. "Con l'ateneo siamo in perfetta sintonia culturale e operativa" sottolinea Gianfranco Fara

13 novembre 2018

L'Università di Cagliari su Lancet Psychiatry

RICERCA SCIENTIFICA. Pubblicato sulla prestigiosa rivista un articolo di un vasto gruppo di esperti internazionali coordinato da Roberta Agabio, ricercatrice del Dipartimento di Scienze biomediche, sull’uso del baclofen nel trattamento dell’alcolismo

13 novembre 2018

Una rete di protezione per la biodiversità del Mediterraneo

In corso a Malta il Congresso internazionale organizzato da HBK e presieduto da Gianluigi Bacchetta. Durante i lavori, la riunione dei membri della rete GENMEDA. UniCa in prima fila con un progetto di conservazione della flora minacciata del Mediterraneo che coinvolge sette Paesi europei e tre del Maghreb

13 novembre 2018

HEInnovate, UniCa c’è

L’Università di Cagliari è uno dei 10 atenei italiani selezionati dal MIUR per il progetto europeo per l’innovazione universitaria realizzato dalla Commissione europea e dall’OCSE: in corso la visita della commissione di esperti per condividere i risultati conseguiti. Parla Giulia Ajmone Marsan, economista e co-cordinatrice della del Progetto HEInnovate Italy. VIDEO

Questionario e social

Condividi su: