UniCa UniCa News Notizie AATI e UniCa insieme

AATI e UniCa insieme

Si è concluso sabato 23 giugno il Congresso internazionale dell’American Association of Teachers of Italian, che si è svolto nei locali del Campus Aresu. Roberto Puggioni: “Siamo orgogliosi di essere stati scelti dall’organizzazione degli studiosi di italianistica del Nord America come sede del congresso”. FOTO e VIDEO
25 giugno 2018
Docenti e ricercatori durante uno degli incontri del congresso

di Valeria Aresu

Cagliari, 25 giugno 2018 – È stato il nostro ateneo ad ospitare il congresso internazionale dell’American Association of Teachers of Italian (AATI), l’associazione dei docenti delle università e scuole di tutto il mondo che promuove e sviluppa le attività degli studi d’italianistica attraverso l’insegnamento e la ricerca e che vanta quasi 100 anni di storia.

“Scegliamo con grande cura l’ateneo che farà da sede per il nostro congresso – spiega Salvatore Bancheri, presidente dell’associazione – perché vogliamo che metta in luce e dia prestigio al lavoro che svolge la nostra associazione. Cagliari è stata la scelta migliore, ci ha accolti facendoci sentire parte della famiglia”.

Guarda il videopitch con Salvatore Bancheri, presidente dell'AATI

“Essere stati scelti dall’associazione degli studiosi di italianistica e di cultura italiana del Nord America, è motivo di grande orgoglio per il nostro ateneo – afferma Roberto Puggioni, docente di Letteratura italiana – l’organizzazione del convegno è stata resa possibile grazie all’impegno di un comitato di docenti locali”.

Guarda il videopitch con Roberto Puggioni, docente del dipartimento Filologia, Letteratura e Linguistica

Le attività del congresso sono iniziate mercoledì 20 giugno, con una visita guidata alla necropoli di Tuvixeddu, per proseguire nelle giornate successive con numerosi panel e conferenze nei locali di Sa Duchessa e del Campus Aresu. I relatori, 238 docenti e ricercatori provenienti da tutto il mondo, si sono confrontati su tematiche che spaziano dalla letteratura italiana alla didattica della lingua.

Ultime notizie

19 febbraio 2020

Mercato del lavoro, l'eccesso di occupazione temporanea riduce la formazione dei lavoratori

Lo sostiene l’OCSE, che cita la ricerca di Giovanni Sulis (docente all’Università di Cagliari e ricercatore CRENoS) e dei suoi coautori sugli effetti delle recenti riforme del mercato del lavoro. Il lavoro scientifico richiamato nel capitolo dell’OECD Skills Outlook mostra come il crescente ricorso a contratti di lavoro temporanei possa disincentivare la formazione e l’addestramento degli individui sul posto di lavoro, rischiando di ridurre in modo consistente le potenzialità di accesso ai benefici della trasformazione digitale

19 febbraio 2020

UnicaRadio e Rai Sardegna con gli studenti dell’Università di Cagliari

L’emittente radiofonica d’ateneo promuove e cura le visite alla tv di Stato degli iscritti di Lingue e comunicazione, Beni culturali e spettacolo, Scienze della comunicazione e Scienze della comunicazione. Didattica, confronto e formazione avanzata nella sede di Viale Bonaria. Le iscrizioni al form dedicato si chiudono venerdì 21 febbraio

18 febbraio 2020

Le voci ritrovate, doppia presentazione

Sarà presentato a Rovereto e al Senato della Repubblica il volume scritto a quattro mani da Ignazio Macchiarella, docente di Etnomusicologia e vicedirettore del Dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali, e da Emilio Tamburini, giovane studioso interessato alla valorizzazione di archivi sonori e filmici. Tutti i dettagli degli incontri

15 febbraio 2020

Arresto di Patrick George Zaky, la solidarietà di UniCa con l’Università di Bologna

Il nostro Ateneo fa propria la mozione approvata dall’Alma Mater Studiorum relativa all’arresto del giovane studente. Il commento del Rettore, Maria Del Zompo: “Siamo increduli e angosciati: ancora una volta nello stesso Paese (il riferimento è a Giulio Regeni) si verifica un episodio contro la libertà di pensiero e di ricerca e di giovani ricercatori. Vicini alla famiglia di Patrick, con l’Università di Bologna chiediamo che il Governo italiano e l’Unione europea non smettano di prodigarsi in ogni modo per favorire il rientro di Patrick nella sua comunità”. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: