UniCa UniCa News Notizie Tre nuovi corsi di laurea magistrale

Tre nuovi corsi di laurea magistrale

Si amplia ancora l'offerta formativa dell'Università di Cagliari: con Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence, Scienze della produzione multimediale e Scienze delle professioni sanitarie tecniche diagnostiche l'Ateneo potenzia un settore strategico e percorre ancora una volta con determinazione la strada dell'eccellenza. I giovani sardi (e non solo sardi) hanno a disposizione corsi altamente all'avanguardia in Italia e in Europa, senza bisogno di cercarli altrove. Ecco tutti i dettagli dei nuovi corsi attivati. RASSEGNA STAMPA
05 giugno 2018
Il Rettore Maria Del Zompo con un gruppo di studenti e la Dirigente della Direzione Didattica e Orientamento, Pina Locci

Il commento del Rettore: "La nostra è un'offerta didattica diversificata e multidisciplinare, ad alto contenuto di innovazione scientifico-culturale, che risponde alle esigenze del territorio e forma figure professionali richieste dal mercato"

di Sergio Nuvoli

Cagliari, 5 giugno 2018 - Sono stati approvati e saranno attivi all’Università di Cagliari a partire dal prossimo anno accademico tre nuovi corsi di laurea magistrale: per l’area tecnica il cdl in Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence, per l’area umanistica il cdl in Scienze della produzione multimediale e per l’area sanitaria il cdl in Scienze delle professioni sanitarie tecniche diagnostiche.

“Con l’attivazione di questi corsi – dichiara il Rettore Maria Del Zompo - l’Ateneo mantiene un’offerta didattica diversificata e multidisciplinare, potenzia il segmento strategico dell’offerta delle lauree magistrali, in quanto vi si eroga una didattica ad alto contenuto di innovazione scientifico-culturale, immediatamente prodromica al terzo livello della formazione per la ricerca, quello dei dottorati, e risponde alle esigenze del territorio con una programmazione didattica aggiornata e più attenta alle esigenze di occupabilità”. I nuovi corsi rispondono anche all’esigenza di evitare la dispersione delle intelligenze, risorsa primaria per lo sviluppo dell’Isola, contribuendo a scongiurare l’emigrazione intellettuale: si tratta di corsi molto richiesti che consentiranno ai giovani sardi (e non solo ai sardi) di formarsi nella nostra regione in settori assolutamente all’avanguardia. “Continuiamo anche a dare risposta alla richiesta di formazione di figure professionali necessarie al Sistema Sanitario Nazionale – aggiunge il Magnifico - sulla base della programmazione regionale e in coordinamento con l’Ateneo di Sassari”.

Il Rettore dell'Università di Cagliari, Maria Del Zompo
Il Rettore dell'Università di Cagliari, Maria Del Zompo

La soddisfazione del Prorettore per la Didattica, Ignazio Putzu: "Proseguiamo sulla strada del miglioramento continuo dell'offerta didattica e dell'alta formazione nella dimensione nazionale e internazionale"

“I tre nuovi corsi si inseriscono nella programmazione strategica triennale dell’Ateneo – spiega Ignazio Putzu, Prorettore per la Didattica -  perchè rispondono alle finalità del miglioramento della qualità dell’offerta didattica e dell’alta formazione nella dimensione nazionale ed internazionale, in relazione alle necessità culturali e professionali degli studenti e alle esigenze del territorio e del potenziamento della dimensione internazionale dell’Ateneo e della sua attrattività”.

Il Prorettore alla Didattica, Ignazio Putzu
Il Prorettore alla Didattica, Ignazio Putzu

Il corso di laurea in Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence è l’unico in Europa a combinare i tre aspetti chiave dell’Industria 4.0

Il corso di laurea in Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence è l’unico in Europa a combinare i tre aspetti chiave dell’Industria 4.0, sarà interamente in lingua inglese e fornirà competenze professionali altamente ricercate dalle aziende, ma al momento raramente disponibili fra i laureati in Italia e in Europa. Le competenze in cybersecurity consentono all’ingegnere informatico di essere preparato a gestire la minaccia proveniente da Internet che può avere come obiettivo le imprese, la pubblica amministrazione, i servizi essenziali, la sanità, il singolo cittadino. Le competenze nell’ambito dell’intelligenza artificiale consentono di porsi al centro delle trasformazioni tecnologiche che nei prossimi anni provocheranno un cambiamento radicale dei modelli economici e del mercato del lavoro. La crescente richiesta di competenze in questi ambiti non solo da parte delle aziende del settore informatico, ma da tutti i settori industriali e dei servizi in Italia e in Europa, darà la possibilità ai laureati di trovare da subito uno sbocco occupazionale. L’unicità del percorso di studi rispetto ad altri corsi di laurea magistrale in ambito informatico offerti negli altri Atenei italiani, e l’utilizzo della lingua inglese, consentiranno di attrarre studenti da altre regioni italiane, aumentando il potenziale per la nascita e il consolidamento di realtà imprenditoriali innovative. Il corso ha origine dalle competenze maturate nel settore ICT negli ultimi trent'anni in Sardegna, sia nell'ambito della ricerca accademica e industriale, sia nell'ambito della creazione di imprese innovative, il cui coinvolgimento ha consentito di progettare un corso di studi in grado di rispondere alle sfide tecnologiche dei prossimi anni.

Giorgio Giacinto, coordinatore del corso di laurea magistrale in Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence
Giorgio Giacinto, coordinatore del corso di laurea magistrale in Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence

Il Corso di laurea in Scienze della produzione multimediale forma professionisti con una solida preparazione teorica e metodologica di tipo umanistico e una specializzazione in campo cinematografico-audiovisivo e musicologico

Il Corso di laurea in Scienze della produzione multimediale forma professionisti con una solida preparazione teorica e metodologica di tipo umanistico e  una specializzazione in campo cinematografico-audiovisivo e musicologico, capaci di operare nell'ambito della progettazione e realizzazione di prodotti multimediali e del loro utilizzo in contesti culturali e sociali, informativi e divulgativi, promozionali e pubblicitari, didattici e formativi, artistici e creativi e più in generale comunicativi: ambiti professionali che nelle ricerche sulle nuove tendenze del mercato del lavoro vengono segnalati come strategici. Peraltro, in tali ambiti si trovano coniugate alcune delle principali competenze richieste dalle aziende: capacità di lavorare in autonomia e in team; capacità informatiche e digitali; orientamento al risultato; competenze specialistiche; capacità comunicative e relazionali. A queste caratteristiche si aggiungono le competenze di ordine artistico considerate oggi rilevanti tanto che il tradizionale acronimo STEM (Science, Technology, Engineering, Math), utilizzato per indicare l’ambito disciplinare di maggior interesse per le imprese, è stato recentemente mutato in STEAM, aggiungendo la parola Art. Il corso nasce per dare risposte alle esigenze espresse dagli studenti dei corsi triennali e si concretizza grazie a un settore di studi sviluppatosi all’interno dell’Ateneo cagliaritano negli ultimi 15 anni con interessanti risultati sia in ambito formativo che scientifico, tanto che la recente VQR (valutazione della qualità della ricerca) colloca il gruppo delle discipline audiovisive e musicali dell’Università di Cagliari fra i primi dieci a livello nazionale.

Antioco Floris, coordinatore del corso di laurea magistrale in Scienze della produzione multimediale
Antioco Floris, coordinatore del corso di laurea magistrale in Scienze della produzione multimediale

Il corso di laurea magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie Tecniche Diagnostiche punta a formare professionisti della sanità in grado di intervenire con elevate competenze nei processi assistenziali, gestionali, formativi e di ricerca

Il corso di laurea magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie Tecniche Diagnostiche costituisce il prosieguo formativo delle lauree triennali in Tecniche di laboratorio biomedico, Tecniche di radiologia medica, Tecniche audiometriche e Tecniche di neurofisiopatologia. Si accederà tramite test d’ingresso e il numero dei posti è limitato. Il corso di laurea ha lo scopo di formare professionisti della sanità in grado di intervenire con elevate competenze nei processi assistenziali, gestionali, formativi e di ricerca relativi all’ambito tecnico-diagnostico, trovando il proprio ambito occupazionale presso strutture pubbliche e/o private deputate ad attività di diagnosi, cura e assistenza sanitaria,  in cui ricoprono ruoli organizzativo/dirigenziali.

Matteo Ceccarelli, coordinatore del corso di laurea magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie Tecniche Diagnostiche
Matteo Ceccarelli, coordinatore del corso di laurea magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie Tecniche Diagnostiche

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA  del 6 giugno 2018
Università
Via definitivo per i corsi di laurea magistrale

Sezione "Cronaca di Cagliari" pag. 15

L'Università si arricchisce di tre nuovi corsi di laurea magistrale, ai quali sarà possibile iscriversi dal prossimo anno. Sono, per l'area tecnica, Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence, per l'area umanistica in Scienze della produzione multimediale e per l'area sanitaria in Scienze delle professioni sanitarie tecniche diagnostiche.
«L'Ateneo», commenta la rettrice Maria Del Zompo, «mantiene un'offerta didattica diversificata e multidisciplinare, e nel contempo potenzia le lauree magistrali con una didattica ad alto contenuto di innovazione scientifico-culturale. I nuovi corsi rispondono anche all'esigenza di evitare l'emigrazione intellettuale, perché i giovani potranno formarsi qui in settori assolutamente all'avanguardia».
Sulla base della programmazione regionale e in accordo con l'Università di Sassari, attivati i corsi di formazione di figure professionali necessarie al Sistema sanitario nazionale.

L'UNIONE SARDA
L'UNIONE SARDA

ANSA
Università Cagliari: tre nuovi corsi dal 2018/19
Del Zompo, offerta didattica diversificata e multidisciplinare

CAGLIARI

(ANSA) - CAGLIARI, 5 GIU - Approvati e attivi all'Università di Cagliari a partire dal prossimo anno accademico tre nuovi corsi di laurea magistrale: Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence, Scienze della produzione multimediale e Scienze delle professioni sanitarie tecniche diagnostiche. "Con l'attivazione di questi corsi - dichiara la Rettrice Maria Del Zompo - l'Ateneo mantiene un'offerta didattica diversificata e multidisciplinare, potenzia il segmento strategico dell'offerta delle lauree magistrali, in quanto vi si eroga una didattica ad alto contenuto di innovazione scientifico-culturale, immediatamente prodromica al terzo livello della formazione per la ricerca, quello dei dottorati, e risponde alle esigenze del territorio con una programmazione didattica aggiornata e più attenta alle esigenze di occupabilità". I nuovi corsi rispondono anche all'esigenza di evitare la dispersione delle intelligenze, risorsa primaria per lo sviluppo dell'Isola, contribuendo a scongiurare l'emigrazione intellettuale. "Continuiamo anche a dare risposta alla richiesta di formazione di figure professionali necessarie al Sistema Sanitario Nazionale - aggiunge il Magnifico - sulla base della programmazione regionale e in coordinamento con l'Ateneo di Sassari". Il corso di laurea in Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence è l'unico in Europa a combinare i tre aspetti chiave dell'Industria 4.0, sarà interamente in lingua inglese e fornirà competenze professionali altamente ricercate dalle aziende. Il Corso di laurea in Scienze della produzione multimediale forma professionisti con una preparazione teorica e metodologica di tipo umanistico e una specializzazione in campo cinematografico-audiovisivo e musicologico. Il corso di laurea magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie Tecniche Diagnostiche costituisce il prosieguo formativo delle lauree triennali in Tecniche di laboratorio biomedico, Tecniche di radiologia medica, Tecniche audiometriche e Tecniche di neurofisiopatologia. (ANSA).

ANSA
ANSA

L’UNIONE SARDA online
L'Università di Cagliari amplia l'offerta: al via tre nuovi corsi di laurea

L'Università di Cagliari cresce e amplia l'offerta formativa: tre nuovi corsi di laurea magistrale saranno attivati dal prossimo anno accademico.
La proposta prevede per l'area tecnica il nuovo corso di laurea in "Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence", per l'area umanistica il corso di laurea in Scienze della produzione multimediale e per l'area sanitaria il corso di laurea in Scienze delle professioni sanitarie tecniche diagnostiche.
I nuovi corsi rispondono in prima battuta all'esigenza di evitare la dispersione delle intelligenze, risorsa primaria per lo sviluppo della Sardegna, contribuendo a scongiurare l'emigrazione intellettuale: si tratta, infatti, di discipline molto richieste e che consentiranno ai giovani (sardi ma non solo) di formarsi nell’Isola in settori assolutamente all'avanguardia.
"Con l'attivazione di questi corsi - dichiara il Rettore Maria Del Zompo - l'Ateneo risponde alle esigenze del territorio con una programmazione didattica aggiornata e più attenta alle esigenze di occupabilità". "Continuiamo anche a dare risposta – ha quindi precisato - alla richiesta di formazione di figure professionali necessarie al Sistema Sanitario Nazionale sulla base della programmazione regionale e in coordinamento con l'Ateneo di Sassari".
Il corso di laurea in Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence è l'unico in Europa a combinare i tre aspetti chiave dell'Industria 4.0, sarà interamente in lingua inglese e fornirà competenze professionali altamente ricercate dalle aziende, ma al momento raramente disponibili fra i laureati in Italia e in Europa. Le competenze in cybersecurity consentono all'ingegnere informatico di essere preparato a gestire la minaccia proveniente da Internet che può avere come obiettivo le imprese, la pubblica amministrazione, i servizi essenziali, la sanità, il singolo cittadino. Le competenze nell'ambito dell'intelligenza artificiale consentono di porsi al centro delle trasformazioni tecnologiche che nei prossimi anni provocheranno un cambiamento radicale dei modelli economici e del mercato del lavoro. La crescente richiesta di competenze in questi ambiti non solo da parte delle aziende del settore informatico, ma da tutti i settori industriali e dei servizi in Italia e in Europa, darà la possibilità ai laureati di trovare da subito uno sbocco occupazionale.
Il corso di laurea in Scienze della produzione multimediale forma professionisti con una solida preparazione teorica e metodologica di tipo umanistico e una specializzazione in campo cinematografico-audiovisivo e musicologico, capaci di operare nell'ambito della progettazione e realizzazione di prodotti multimediali e del loro utilizzo in contesti diversi. L’offerta nasce per dare risposte alle esigenze espresse dagli studenti dei corsi triennali e si concretizza grazie a un settore di studi sviluppatosi all'interno dell'Ateneo cagliaritano negli ultimi 15 anni con interessanti risultati sia in ambito formativo che scientifico.
Il corso di laurea magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie Tecniche Diagnostiche costituisce il prosieguo formativo delle lauree triennali in Tecniche di laboratorio biomedico, Tecniche di radiologia medica, Tecniche audiometriche e Tecniche di neurofisiopatologia. Si accederà tramite test d'ingresso e il numero dei posti è limitato.

L'UNIONE SARDA
L'UNIONE SARDA

SARDINIAPOST.IT
Università Cagliari, dal prossimo anno accademico tre nuovi corsi
5 giugno 2018  Cagliari, Cronaca, In evidenza 11

Approvati e attivi all’Università di Cagliari a partire dal prossimo anno accademico tre nuovi corsi di laurea magistrale: Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence, Scienze della produzione multimediale e Scienze delle professioni sanitarie tecniche diagnostiche. “Con l’attivazione di questi corsi – dichiara la Rettrice Maria Del Zompo – l’Ateneo mantiene un’offerta didattica diversificata e multidisciplinare, potenzia il segmento strategico dell’offerta delle lauree magistrali, in quanto vi si eroga una didattica ad alto contenuto di innovazione scientifico-culturale, immediatamente prodromica al terzo livello della formazione per la ricerca, quello dei dottorati, e risponde alle esigenze del territorio con una programmazione didattica aggiornata e più attenta alle esigenze di occupabilità”.
I nuovi corsi rispondono anche all’esigenza di evitare la dispersione delle intelligenze, risorsa primaria per lo sviluppo dell’Isola, contribuendo a scongiurare l’emigrazione intellettuale. “Continuiamo anche a dare risposta alla richiesta di formazione di figure professionali necessarie al Sistema Sanitario Nazionale – aggiunge il Magnifico – sulla base della programmazione regionale e in coordinamento con l’Ateneo di Sassari”.
Il corso di laurea in Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence è l’unico in Europa a combinare i tre aspetti chiave dell’Industria 4.0, sarà interamente in lingua inglese e fornirà competenze professionali altamente ricercate dalle aziende. Il Corso di laurea in Scienze della produzione multimediale forma professionisti con una preparazione teorica e metodologica di tipo umanistico e una specializzazione in campo cinematografico-audiovisivo e musicologico. Il corso di laurea magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie Tecniche Diagnostiche costituisce il prosieguo formativo delle lauree triennali in Tecniche di laboratorio biomedico, Tecniche di radiologia medica, Tecniche audiometriche e Tecniche di neurofisiopatologia.

SARDINIAPOST.IT
SARDINIAPOST.IT

CASTEDDUONLINE.IT
Università, attivati tre nuovi corsi di laurea magistrale: ecco quali
Approvati e attivi all’Università di Cagliari a partire dal prossimo anno accademico tre nuovi corsi di laurea magistrale

Approvati e attivi all’Università di Cagliari a partire dal prossimo anno accademico tre nuovi corsi di laurea magistrale: per l’area tecnica il cdl in Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence, per l’area umanistica il cdl in Scienze della produzione multimediale e per l’area sanitaria il cdl in Scienze delle professioni sanitarie tecniche diagnostiche. Sarà possibile iscriversi, già a partire dal mese di luglio, come per tutti gli altri corsi di laurea: maggiori informazioni sul sito dell’Ateneo.
“Con l’attivazione di questi corsi – dichiara il Rettore Maria Del Zompo – l’Ateneo mantiene un’offerta didattica diversificata e multidisciplinare, potenzia il segmento strategico dell’offerta delle lauree magistrali, in quanto vi si eroga una didattica ad alto contenuto di innovazione scientifico-culturale, immediatamente prodromica al terzo livello della formazione per la ricerca, quello dei dottorati, e risponde alle esigenze del territorio con una programmazione didattica aggiornata e più attenta alle esigenze di occupabilità”. I nuovi corsi rispondono anche all’esigenza di evitare la dispersione delle intelligenze, risorsa primaria per lo sviluppo dell’Isola, contribuendo a scongiurare l’emigrazione intellettuale: si tratta di corsi molto richiesti che consentiranno ai giovani sardi (e non solo ai sardi) di formarsi nella nostra regione in settori assolutamente all’avanguardia. “Continuiamo anche a dare risposta alla richiesta di formazione di figure professionali necessarie al Sistema Sanitario Nazionale – aggiunge il Magnifico – sulla base della programmazione regionale e in coordinamento con l’Ateneo di Sassari”.
“I tre nuovi corsi si inseriscono nella programmazione strategica triennale dell’Ateneo – spiega Ignazio Putzu, Prorettore per la Didattica –  perchè rispondono alle finalità del miglioramento della qualità dell’offerta didattica e dell’alta formazione nella dimensione nazionale ed internazionale, in relazione alle necessità culturali e professionali degli studenti e alle esigenze del territorio e del potenziamento della dimensione internazionale dell’Ateneo e della sua attrattività”.
Il corso di laurea in Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence è l’unico in Europa a combinare i tre aspetti chiave dell’Industria 4.0, sarà interamente in lingua inglese e fornirà competenze professionali altamente ricercate dalle aziende, ma al momento raramente disponibili fra i laureati in Italia e in Europa. Le competenze in cybersecurity consentono all’ingegnere informatico di essere preparato a gestire la minaccia proveniente da Internet che può avere come obiettivo le imprese, la pubblica amministrazione, i servizi essenziali, la sanità, il singolo cittadino. Le competenze nell’ambito dell’intelligenza artificiale consentono di porsi al centro delle trasformazioni tecnologiche che nei prossimi anni provocheranno un cambiamento radicale dei modelli economici e del mercato del lavoro. La crescente richiesta di competenze in questi ambiti non solo da parte delle aziende del settore informatico, ma da tutti i settori industriali e dei servizi in Italia e in Europa, darà la possibilità ai laureati di trovare da subito uno sbocco occupazionale. L’unicità del percorso di studi rispetto ad altri corsi di laurea magistrale in ambito informatico offerti negli altri Atenei italiani, e l’utilizzo della lingua inglese, consentiranno di attrarre studenti da altre regioni italiane, aumentando il potenziale per la nascita e il consolidamento di realtà imprenditoriali innovative. Il corso ha origine dalle competenze maturate nel settore ICT negli ultimi trent’anni in Sardegna, sia nell’ambito della ricerca accademica e industriale, sia nell’ambito della creazione di imprese innovative, il cui coinvolgimento ha consentito di progettare un corso di studi in grado di rispondere alle sfide tecnologiche dei prossimi anni.
Il Corso di laurea in Scienze della produzione multimediale forma professionisti con una solida preparazione teorica e metodologica di tipo umanistico e  una specializzazione in campo cinematografico-audiovisivo e musicologico, capaci di operare nell’ambito della progettazione e realizzazione di prodotti multimediali e del loro utilizzo in contesti culturali e sociali, informativi e divulgativi, promozionali e pubblicitari, didattici e formativi, artistici e creativi e più in generale comunicativi: ambiti professionali che nelle ricerche sulle nuove tendenze del mercato del lavoro vengono segnalati come strategici. Peraltro, in tali ambiti si trovano coniugate alcune delle principali competenze richieste dalle aziende: capacità di lavorare in autonomia e in team; capacità informatiche e digitali; orientamento al risultato; competenze specialistiche; capacità comunicative e relazionali. A queste caratteristiche si aggiungono le competenze di ordine artistico considerate oggi rilevanti tanto che il tradizionale acronimo STEM (Science, Technology, Engineering, Math), utilizzato per indicare l’ambito disciplinare di maggior interesse per le imprese, è stato recentemente mutato in STEAM, aggiungendo la parola Art. Il corso nasce per dare risposte alle esigenze espresse dagli studenti dei corsi triennali e si concretizza grazie a un settore di studi sviluppatosi all’interno dell’Ateneo cagliaritano negli ultimi 15 anni con interessanti risultati sia in ambito formativo che scientifico, tanto che la recente VQR (valutazione della qualità della ricerca) colloca il gruppo delle discipline audiovisive e musicali dell’Università di Cagliari fra i primi dieci a livello nazionale.
Il corso di laurea magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie Tecniche Diagnostiche costituisce il prosieguo formativo delle lauree triennali in Tecniche di laboratorio biomedico, Tecniche di radiologia medica, Tecniche audiometriche e Tecniche di neurofisiopatologia. Si accederà tramite test d’ingresso e il numero dei posti è limitato.  Il corso di laurea ha lo scopo di formare professionisti della sanità in grado di intervenire con elevate competenze nei processi assistenziali, gestionali, formativi e di ricerca relativi all’ambito tecnico-diagnostico, trovando il proprio ambito occupazionale presso strutture pubbliche e/o private deputate ad attività di diagnosi, cura e assistenza sanitaria,  in cui ricoprono ruoli organizzativo/dirigenziali.

CASTEDDUONLINE.IT
CASTEDDUONLINE.IT

YOUTG.NET
Cybersecurity, multimedia e professioni sanitarie: all'Università di Cagliari tre nuovi corsi magistrali

CAGLIARI. Approvati e attivi all’Università di Cagliari a partire dal prossimo anno accademico tre nuovi corsi di laurea magistrale: per l’area tecnica il cdl in Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence, per l’area umanistica il cdl in Scienze della produzione multimediale e per l’area sanitaria il cdl in Scienze delle professioni sanitarie tecniche diagnostiche. Sarà possibile iscriversi, già a partire dal mese di luglio, come per tutti gli altri corsi di laurea: maggiori informazioni sul sito dell'Ateneo.
“Con l’attivazione di questi corsi – dichiara il Rettore Maria Del Zompo - l’Ateneo mantiene un’offerta didattica diversificata e multidisciplinare, potenzia il segmento strategico dell’offerta delle lauree magistrali, in quanto vi si eroga una didattica ad alto contenuto di innovazione scientifico-culturale, immediatamente prodromica al terzo livello della formazione per la ricerca, quello dei dottorati, e risponde alle esigenze del territorio con una programmazione didattica aggiornata e più attenta alle esigenze di occupabilità”. I nuovi corsi rispondono anche all’esigenza di evitare la dispersione delle intelligenze, risorsa primaria per lo sviluppo dell’Isola, contribuendo a scongiurare l’emigrazione intellettuale: si tratta di corsi molto richiesti che consentiranno ai giovani sardi (e non solo ai sardi) di formarsi nella nostra regione in settori assolutamente all’avanguardia. “Continuiamo anche a dare risposta alla richiesta di formazione di figure professionali necessarie al Sistema Sanitario Nazionale – aggiunge il Magnifico - sulla base della programmazione regionale e in coordinamento con l’Ateneo di Sassari”.
“I tre nuovi corsi si inseriscono nella programmazione strategica triennale dell’Ateneo – spiega Ignazio Putzu, Prorettore per la Didattica -  perchè rispondono alle finalità del miglioramento della qualità dell’offerta didattica e dell’alta formazione nella dimensione nazionale ed internazionale, in relazione alle necessità culturali e professionali degli studenti e alle esigenze del territorio e del potenziamento della dimensione internazionale dell’Ateneo e della sua attrattività”.
Il corso di laurea in Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence è l’unico in Europa a combinare i tre aspetti chiave dell’Industria 4.0, sarà interamente in lingua inglese e fornirà competenze professionali altamente ricercate dalle aziende, ma al momento raramente disponibili fra i laureati in Italia e in Europa. Le competenze in cybersecurity consentono all’ingegnere informatico di essere preparato a gestire la minaccia proveniente da Internet che può avere come obiettivo le imprese, la pubblica amministrazione, i servizi essenziali, la sanità, il singolo cittadino. Le competenze nell’ambito dell’intelligenza artificiale consentono di porsi al centro delle trasformazioni tecnologiche che nei prossimi anni provocheranno un cambiamento radicale dei modelli economici e del mercato del lavoro. La crescente richiesta di competenze in questi ambiti non solo da parte delle aziende del settore informatico, ma da tutti i settori industriali e dei servizi in Italia e in Europa, darà la possibilità ai laureati di trovare da subito uno sbocco occupazionale. L’unicità del percorso di studi rispetto ad altri corsi di laurea magistrale in ambito informatico offerti negli altri Atenei italiani, e l’utilizzo della lingua inglese, consentiranno di attrarre studenti da altre regioni italiane, aumentando il potenziale per la nascita e il consolidamento di realtà imprenditoriali innovative. Il corso ha origine dalle competenze maturate nel settore ICT negli ultimi trent'anni in Sardegna, sia nell'ambito della ricerca accademica e industriale, sia nell'ambito della creazione di imprese innovative, il cui coinvolgimento ha consentito di progettare un corso di studi in grado di rispondere alle sfide tecnologiche dei prossimi anni.
Il Corso di laurea in Scienze della produzione multimediale forma professionisti con una solida preparazione teorica e metodologica di tipo umanistico e  una specializzazione in campo cinematografico-audiovisivo e musicologico, capaci di operare nell'ambito della progettazione e realizzazione di prodotti multimediali e del loro utilizzo in contesti culturali e sociali, informativi e divulgativi, promozionali e pubblicitari, didattici e formativi, artistici e creativi e più in generale comunicativi: ambiti professionali che nelle ricerche sulle nuove tendenze del mercato del lavoro vengono segnalati come strategici. Peraltro, in tali ambiti si trovano coniugate alcune delle principali competenze richieste dalle aziende: capacità di lavorare in autonomia e in team; capacità informatiche e digitali; orientamento al risultato; competenze specialistiche; capacità comunicative e relazionali. A queste caratteristiche si aggiungono le competenze di ordine artistico considerate oggi rilevanti tanto che il tradizionale acronimo STEM (Science, Technology, Engineering, Math), utilizzato per indicare l’ambito disciplinare di maggior interesse per le imprese, è stato recentemente mutato in STEAM, aggiungendo la parola Art. Il corso nasce per dare risposte alle esigenze espresse dagli studenti dei corsi triennali e si concretizza grazie a un settore di studi sviluppatosi all’interno dell’Ateneo cagliaritano negli ultimi 15 anni con interessanti risultati sia in ambito formativo che scientifico, tanto che la recente VQR (valutazione della qualità della ricerca) colloca il gruppo delle discipline audiovisive e musicali dell’Università di Cagliari fra i primi dieci a livello nazionale.
Il corso di laurea magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie Tecniche Diagnostiche costituisce il prosieguo formativo delle lauree triennali in Tecniche di laboratorio biomedico, Tecniche di radiologia medica, Tecniche audiometriche e Tecniche di neurofisiopatologia. Si accederà tramite test d’ingresso e il numero dei posti è limitato.  Il corso di laurea ha lo scopo di formare professionisti della sanità in grado di intervenire con elevate competenze nei processi assistenziali, gestionali, formativi e di ricerca relativi all’ambito tecnico-diagnostico, trovando il proprio ambito occupazionale presso strutture pubbliche e/o private deputate ad attività di diagnosi, cura e assistenza sanitaria,  in cui ricoprono ruoli organizzativo/dirigenziali.

YOUTG.NET
YOUTG.NET

VISTANET.IT
Università di Cagliari: al via tre nuovi e innovativi corsi di laurea

L'ateneo cagliaritano potenzia settori strategici della formazione e percorre la strada dell'eccellenza. I giovani sardi, dal prossimo anno accademico, avranno a disposizione tre nuovi corsi all'avanguardia in Italia e in Europa, senza bisogno di espatriare
Approvati e attivi all’Università di Cagliari a partire dal prossimo anno accademico tre nuovi corsi di laurea magistrale: per l’area tecnica il cdl in Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence, per l’area umanistica il cdl in Scienze della produzione multimediale e per l’area sanitaria il cdl in Scienze delle professioni sanitarie tecniche diagnostiche. Sarà possibile iscriversi, già a partire dal mese di luglio, come per tutti gli altri corsi di laurea: maggiori informazioni sul sito dell’Ateneo.
“Con l’attivazione di questi corsi – dichiara il Rettore Maria Del Zompo – l’Ateneo mantiene un’offerta didattica diversificata e multidisciplinare, potenzia il segmento strategico dell’offerta delle lauree magistrali, in quanto vi si eroga una didattica ad alto contenuto di innovazione scientifico-culturale, immediatamente prodromica al terzo livello della formazione per la ricerca, quello dei dottorati, e risponde alle esigenze del territorio con una programmazione didattica aggiornata e più attenta alle esigenze di occupabilità”. I nuovi corsi rispondono anche all’esigenza di evitare la dispersione delle intelligenze, risorsa primaria per lo sviluppo dell’Isola, contribuendo a scongiurare l’emigrazione intellettuale: si tratta di corsi molto richiesti che consentiranno ai giovani sardi (e non solo ai sardi) di formarsi nella nostra regione in settori assolutamente all’avanguardia. “Continuiamo anche a dare risposta alla richiesta di formazione di figure professionali necessarie al Sistema Sanitario Nazionale – aggiunge il Magnifico – sulla base della programmazione regionale e in coordinamento con l’Ateneo di Sassari”.
“I tre nuovi corsi si inseriscono nella programmazione strategica triennale dell’Ateneo – spiega Ignazio Putzu, Prorettore per la Didattica –  perchè rispondono alle finalità del miglioramento della qualità dell’offerta didattica e dell’alta formazione nella dimensione nazionale ed internazionale, in relazione alle necessità culturali e professionali degli studenti e alle esigenze del territorio e del potenziamento della dimensione internazionale dell’Ateneo e della sua attrattività”.
Il corso di laurea in Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence è l’unico in Europa a combinare i tre aspetti chiave dell’Industria 4.0, sarà interamente in lingua inglese e fornirà competenze professionali altamente ricercate dalle aziende, ma al momento raramente disponibili fra i laureati in Italia e in Europa. Le competenze in cybersecurity consentono all’ingegnere informatico di essere preparato a gestire la minaccia proveniente da Internet che può avere come obiettivo le imprese, la pubblica amministrazione, i servizi essenziali, la sanità, il singolo cittadino. Le competenze nell’ambito dell’intelligenza artificiale consentono di porsi al centro delle trasformazioni tecnologiche che nei prossimi anni provocheranno un cambiamento radicale dei modelli economici e del mercato del lavoro. La crescente richiesta di competenze in questi ambiti non solo da parte delle aziende del settore informatico, ma da tutti i settori industriali e dei servizi in Italia e in Europa, darà la possibilità ai laureati di trovare da subito uno sbocco occupazionale. L’unicità del percorso di studi rispetto ad altri corsi di laurea magistrale in ambito informatico offerti negli altri Atenei italiani, e l’utilizzo della lingua inglese, consentiranno di attrarre studenti da altre regioni italiane, aumentando il potenziale per la nascita e il consolidamento di realtà imprenditoriali innovative. Il corso ha origine dalle competenze maturate nel settore ICT negli ultimi trent’anni in Sardegna, sia nell’ambito della ricerca accademica e industriale, sia nell’ambito della creazione di imprese innovative, il cui coinvolgimento ha consentito di progettare un corso di studi in grado di rispondere alle sfide tecnologiche dei prossimi anni.
Il Corso di laurea in Scienze della produzione multimediale forma professionisti con una solida preparazione teorica e metodologica di tipo umanistico e  una specializzazione in campo cinematografico-audiovisivo e musicologico, capaci di operare nell’ambito della progettazione e realizzazione di prodotti multimediali e del loro utilizzo in contesti culturali e sociali, informativi e divulgativi, promozionali e pubblicitari, didattici e formativi, artistici e creativi e più in generale comunicativi: ambiti professionali che nelle ricerche sulle nuove tendenze del mercato del lavoro vengono segnalati come strategici. Peraltro, in tali ambiti si trovano coniugate alcune delle principali competenze richieste dalle aziende: capacità di lavorare in autonomia e in team; capacità informatiche e digitali; orientamento al risultato; competenze specialistiche; capacità comunicative e relazionali. A queste caratteristiche si aggiungono le competenze di ordine artistico considerate oggi rilevanti tanto che il tradizionale acronimo STEM (Science, Technology, Engineering, Math), utilizzato per indicare l’ambito disciplinare di maggior interesse per le imprese, è stato recentemente mutato in STEAM, aggiungendo la parola Art. Il corso nasce per dare risposte alle esigenze espresse dagli studenti dei corsi triennali e si concretizza grazie a un settore di studi sviluppatosi all’interno dell’Ateneo cagliaritano negli ultimi 15 anni con interessanti risultati sia in ambito formativo che scientifico, tanto che la recente VQR (valutazione della qualità della ricerca) colloca il gruppo delle discipline audiovisive e musicali dell’Università di Cagliari fra i primi dieci a livello nazionale.
Il corso di laurea magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie Tecniche Diagnostiche costituisce il prosieguo formativo delle lauree triennali in Tecniche di laboratorio biomedico, Tecniche di radiologia medica, Tecniche audiometriche e Tecniche di neurofisiopatologia. Si accederà tramite test d’ingresso e il numero dei posti è limitato.  Il corso di laurea ha lo scopo di formare professionisti della sanità in grado di intervenire con elevate competenze nei processi assistenziali, gestionali, formativi e di ricerca relativi all’ambito tecnico-diagnostico, trovando il proprio ambito occupazionale presso strutture pubbliche e/o private deputate ad attività di diagnosi, cura e assistenza sanitaria,  in cui ricoprono ruoli organizzativo/dirigenziali.

VISTANET.IT
VISTANET.IT

SARDEGNALIVE.NET
Università, tre nuovi corsi di laurea magistrale: “Puntiamo sempre sui nostri giovani”
Approvati e attivi all’Università di Cagliari a partire dal prossimo anno accademico tre nuovi corsi di laurea magistrale
Di Alessandro Congia

Approvati e attivi all’Università di Cagliari a partire dal prossimo anno accademico tre nuovi corsi di laurea magistrale: per l’area tecnica il cdl in Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence, per l’area umanistica il cdl in Scienze della produzione multimediale e per l’area sanitaria il cdl in Scienze delle professioni sanitarie tecniche diagnostiche. Sarà possibile iscriversi, già a partire dal mese di luglio, come per tutti gli altri corsi di laurea: maggiori informazioni sul sito dell'Ateneo.
“Con l’attivazione di questi corsi – dichiara il Rettore Maria Del Zompo - l’Ateneo mantiene un’offerta didattica diversificata e multidisciplinare, potenzia il segmento strategico dell’offerta delle lauree magistrali, in quanto vi si eroga una didattica ad alto contenuto di innovazione scientifico-culturale, immediatamente prodromica al terzo livello della formazione per la ricerca, quello dei dottorati, e risponde alle esigenze del territorio con una programmazione didattica aggiornata e più attenta alle esigenze di occupabilità”. I nuovi corsi rispondono anche all’esigenza di evitare la dispersione delle intelligenze, risorsa primaria per lo sviluppo dell’Isola, contribuendo a scongiurare l’emigrazione intellettuale: si tratta di corsi molto richiesti che consentiranno ai giovani sardi (e non solo ai sardi) di formarsi nella nostra regione in settori assolutamente all’avanguardia. “Continuiamo anche a dare risposta alla richiesta di formazione di figure professionali necessarie al Sistema Sanitario Nazionale – aggiunge il Magnifico - sulla base della programmazione regionale e in coordinamento con l’Ateneo di Sassari”.
“I tre nuovi corsi si inseriscono nella programmazione strategica triennale dell’Ateneo – spiega Ignazio Putzu, Prorettore per la Didattica - perchè rispondono alle finalità del miglioramento della qualità dell’offerta didattica e dell’alta formazione nella dimensione nazionale ed internazionale, in relazione alle necessità culturali e professionali degli studenti e alle esigenze del territorio e del potenziamento della dimensione internazionale dell’Ateneo e della sua attrattività”.
Il corso di laurea in Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence è l’unico in Europa a combinare i tre aspetti chiave dell’Industria 4.0, sarà interamente in lingua inglese e fornirà competenze professionali altamente ricercate dalle aziende, ma al momento raramente disponibili fra i laureati in Italia e in Europa. Le competenze in cybersecurity consentono all’ingegnere informatico di essere preparato a gestire la minaccia proveniente da Internet che può avere come obiettivo le imprese, la pubblica amministrazione, i servizi essenziali, la sanità, il singolo cittadino. Le competenze nell’ambito dell’intelligenza artificiale consentono di porsi al centro delle trasformazioni tecnologiche che nei prossimi anni provocheranno un cambiamento radicale dei modelli economici e del mercato del lavoro. La crescente richiesta di competenze in questi ambiti non solo da parte delle aziende del settore informatico, ma da tutti i settori industriali e dei servizi in Italia e in Europa, darà la possibilità ai laureati di trovare da subito uno sbocco occupazionale. L’unicità del percorso di studi rispetto ad altri corsi di laurea magistrale in ambito informatico offerti negli altri Atenei italiani, e l’utilizzo della lingua inglese, consentiranno di attrarre studenti da altre regioni italiane, aumentando il potenziale per la nascita e il consolidamento di realtà imprenditoriali innovative. Il corso ha origine dalle competenze maturate nel settore ICT negli ultimi trent'anni in Sardegna, sia nell'ambito della ricerca accademica e industriale, sia nell'ambito della creazione di imprese innovative, il cui coinvolgimento ha consentito di progettare un corso di studi in grado di rispondere alle sfide tecnologiche dei prossimi anni.
Il Corso di laurea in Scienze della produzione multimediale forma professionisti con una solida preparazione teorica e metodologica di tipo umanistico e  una specializzazione in campo cinematografico-audiovisivo e musicologico, capaci di operare nell'ambito della progettazione e realizzazione di prodotti multimediali e del loro utilizzo in contesti culturali e sociali, informativi e divulgativi, promozionali e pubblicitari, didattici e formativi, artistici e creativi e più in generale comunicativi: ambiti professionali che nelle ricerche sulle nuove tendenze del mercato del lavoro vengono segnalati come strategici. Peraltro, in tali ambiti si trovano coniugate alcune delle principali competenze richieste dalle aziende: capacità di lavorare in autonomia e in team; capacità informatiche e digitali; orientamento al risultato; competenze specialistiche; capacità comunicative e relazionali. A queste caratteristiche si aggiungono le competenze di ordine artistico considerate oggi rilevanti tanto che il tradizionale acronimo STEM (Science, Technology, Engineering, Math), utilizzato per indicare l’ambito disciplinare di maggior interesse per le imprese, è stato recentemente mutato in STEAM, aggiungendo la parola Art. Il corso nasce per dare risposte alle esigenze espresse dagli studenti dei corsi triennali e si concretizza grazie a un settore di studi sviluppatosi all’interno dell’Ateneo cagliaritano negli ultimi 15 anni con interessanti risultati sia in ambito formativo che scientifico, tanto che la recente VQR (valutazione della qualità della ricerca) colloca il gruppo delle discipline audiovisive e musicali dell’Università di Cagliari fra i primi dieci a livello nazionale.
Il corso di laurea magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie Tecniche Diagnostiche costituisce il prosieguo formativo delle lauree triennali in Tecniche di laboratorio biomedico, Tecniche di radiologia medica, Tecniche audiometriche e Tecniche di neurofisiopatologia. Si accederà tramite test d’ingresso e il numero dei posti è limitato.  Il corso di laurea ha lo scopo di formare professionisti della sanità in grado di intervenire con elevate competenze nei processi assistenziali, gestionali, formativi e di ricerca relativi all’ambito tecnico-diagnostico, trovando il proprio ambito occupazionale presso strutture pubbliche e/o private deputate ad attività di diagnosi, cura e assistenza sanitaria,  in cui ricoprono ruoli organizzativo/dirigenziali.

SARDEGNALIVE.NET
SARDEGNALIVE.NET

TRASFERIMENTO TECNOLOGICO
Università. Tre nuovi corsi di laurea magistrale all’ateneo di Cagliari

Approvati e attivi all’Università di Cagliari a partire dal prossimo anno accademico tre nuovi corsi di laurea magistrale: per l’area tecnica il cdl in Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence, per l’area umanistica il cdl in Scienze della produzione multimediale e per l’area sanitaria il cdl in Scienze delle professioni sanitarie tecniche diagnostiche. Sarà possibile iscriversi, già a partire dal mese di luglio, come per tutti gli altri corsi di laurea: maggiori informazioni sul sito dell’Ateneo.
“Con l’attivazione di questi corsi – dichiara il Rettore Maria Del Zompo – l’Ateneo mantiene un’offerta didattica diversificata e multidisciplinare, potenzia il segmento strategico dell’offerta delle lauree magistrali, in quanto vi si eroga una didattica ad alto contenuto di innovazione scientifico-culturale, immediatamente prodromica al terzo livello della formazione per la ricerca, quello dei dottorati, e risponde alle esigenze del territorio con una programmazione didattica aggiornata e più attenta alle esigenze di occupabilità”. I nuovi corsi rispondono anche all’esigenza di evitare la dispersione delle intelligenze, risorsa primaria per lo sviluppo dell’Isola, contribuendo a scongiurare l’emigrazione intellettuale: si tratta di corsi molto richiesti che consentiranno ai giovani sardi (e non solo ai sardi) di formarsi nella nostra regione in settori assolutamente all’avanguardia. “Continuiamo anche a dare risposta alla richiesta di formazione di figure professionali necessarie al Sistema Sanitario Nazionale – aggiunge il Magnifico – sulla base della programmazione regionale e in coordinamento con l’Ateneo di Sassari”.
“I tre nuovi corsi si inseriscono nella programmazione strategica triennale dell’Ateneo – spiega Ignazio Putzu, Prorettore per la Didattica –  perchè rispondono alle finalità del miglioramento della qualità dell’offerta didattica e dell’alta formazione nella dimensione nazionale ed internazionale, in relazione alle necessità culturali e professionali degli studenti e alle esigenze del territorio e del potenziamento della dimensione internazionale dell’Ateneo e della sua attrattività”.
Il corso di laurea in Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence è l’unico in Europa a combinare i tre aspetti chiave dell’Industria 4.0, sarà interamente in lingua inglese e fornirà competenze professionali altamente ricercate dalle aziende, ma al momento raramente disponibili fra i laureati in Italia e in Europa. Le competenze in cybersecurity consentono all’ingegnere informatico di essere preparato a gestire la minaccia proveniente da Internet che può avere come obiettivo le imprese, la pubblica amministrazione, i servizi essenziali, la sanità, il singolo cittadino. Le competenze nell’ambito dell’intelligenza artificiale consentono di porsi al centro delle trasformazioni tecnologiche che nei prossimi anni provocheranno un cambiamento radicale dei modelli economici e del mercato del lavoro. La crescente richiesta di competenze in questi ambiti non solo da parte delle aziende del settore informatico, ma da tutti i settori industriali e dei servizi in Italia e in Europa, darà la possibilità ai laureati di trovare da subito uno sbocco occupazionale. L’unicità del percorso di studi rispetto ad altri corsi di laurea magistrale in ambito informatico offerti negli altri Atenei italiani, e l’utilizzo della lingua inglese, consentiranno di attrarre studenti da altre regioni italiane, aumentando il potenziale per la nascita e il consolidamento di realtà imprenditoriali innovative. Il corso ha origine dalle competenze maturate nel settore ICT negli ultimi trent’anni in Sardegna, sia nell’ambito della ricerca accademica e industriale, sia nell’ambito della creazione di imprese innovative, il cui coinvolgimento ha consentito di progettare un corso di studi in grado di rispondere alle sfide tecnologiche dei prossimi anni.
Il Corso di laurea in Scienze della produzione multimediale forma professionisti con una solida preparazione teorica e metodologica di tipo umanistico e  una specializzazione in campo cinematografico-audiovisivo e musicologico, capaci di operare nell’ambito della progettazione e realizzazione di prodotti multimediali e del loro utilizzo in contesti culturali e sociali, informativi e divulgativi, promozionali e pubblicitari, didattici e formativi, artistici e creativi e più in generale comunicativi: ambiti professionali che nelle ricerche sulle nuove tendenze del mercato del lavoro vengono segnalati come strategici. Peraltro, in tali ambiti si trovano coniugate alcune delle principali competenze richieste dalle aziende: capacità di lavorare in autonomia e in team; capacità informatiche e digitali; orientamento al risultato; competenze specialistiche; capacità comunicative e relazionali. A queste caratteristiche si aggiungono le competenze di ordine artistico considerate oggi rilevanti tanto che il tradizionale acronimo STEM (Science, Technology, Engineering, Math), utilizzato per indicare l’ambito disciplinare di maggior interesse per le imprese, è stato recentemente mutato in STEAM, aggiungendo la parola Art. Il corso nasce per dare risposte alle esigenze espresse dagli studenti dei corsi triennali e si concretizza grazie a un settore di studi sviluppatosi all’interno dell’Ateneo cagliaritano negli ultimi 15 anni con interessanti risultati sia in ambito formativo che scientifico, tanto che la recente VQR (valutazione della qualità della ricerca) colloca il gruppo delle discipline audiovisive e musicali dell’Università di Cagliari fra i primi dieci a livello nazionale.
Il corso di laurea magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie Tecniche Diagnostiche costituisce il prosieguo formativo delle lauree triennali in Tecniche di laboratorio biomedico, Tecniche di radiologia medica, Tecniche audiometriche e Tecniche di neurofisiopatologia. Si accederà tramite test d’ingresso e il numero dei posti è limitato.  Il corso di laurea ha lo scopo di formare professionisti della sanità in grado di intervenire con elevate competenze nei processi assistenziali, gestionali, formativi e di ricerca relativi all’ambito tecnico-diagnostico, trovando il proprio ambito occupazionale presso strutture pubbliche e/o private deputate ad attività di diagnosi, cura e assistenza sanitaria,  in cui ricoprono ruoli organizzativo/dirigenziali.

TRASFERIMENTO TECNOLOGICO
TRASFERIMENTO TECNOLOGICO

ALGUER.IT
Università: tre nuovi corsi a Cagliari
Si tratta dei corsi in Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence, in Scienze della produzione multimediale ed in Scienze delle professioni sanitarie tecniche diagnostiche. L´Ateneo potenzia un settore strategico della formazione e percorre con determinazione la strada dell´eccellenza

CAGLIARI - Approvati all’Università degli studi di Cagliari ed attivi a partire dal prossimo anno accademico, tre nuovi corsi di laurea magistrale: per l’area tecnica, il cdl in “Computer engineering, cybersecurity and artificial intelligence”; per l’area umanistica, il cdl in “Scienze della produzione multimediale”; per l’area sanitaria, il cdl in “Scienze delle professioni sanitarie tecniche diagnostiche”. Sarà possibile iscriversi, già a partire da luglio, come per tutti gli altri corsi di laurea. Ulteriori informazioni sul sito internet dell'Ateneo.
«Con l’attivazione di questi corsi – dichiara il rettore Maria Del Zompo - l’Ateneo mantiene un’offerta didattica diversificata e multidisciplinare, potenzia il segmento strategico dell’offerta delle lauree magistrali, in quanto vi si eroga una didattica ad alto contenuto di innovazione scientifico-culturale, immediatamente prodromica al terzo livello della formazione per la ricerca, quello dei dottorati, e risponde alle esigenze del territorio con una programmazione didattica aggiornata e più attenta alle esigenze di occupabilità». I nuovi corsi rispondono anche all’esigenza di evitare la dispersione delle intelligenze, risorsa primaria per lo sviluppo dell’Isola, contribuendo a scongiurare l’emigrazione intellettuale: si tratta di corsi molto richiesti che consentiranno ai giovani sardi (e non solo ai sardi) di formarsi nella nostra regione in settori assolutamente all’avanguardia.
«Continuiamo anche a dare risposta alla richiesta di formazione di figure professionali necessarie al Sistema sanitario nazionale – aggiunge il magnifico - sulla base della programmazione regionale e in coordinamento con l’Ateneo di Sassari». «I tre nuovi corsi si inseriscono nella programmazione strategica triennale dell’Ateneo – spiega il prorettore per la Didattica Ignazio Putzu - perchè rispondono alle finalità del miglioramento della qualità dell’offerta didattica e dell’alta formazione nella dimensione nazionale ed internazionale, in relazione alle necessità culturali e professionali degli studenti e alle esigenze del territorio e del potenziamento della dimensione internazionale dell’Ateneo e della sua attrattività».

ALGUER.IT
ALGUER.IT

Ultime notizie

15 ottobre 2018

Il ricordo, la memoria

Con Angelino Cherchi è scomparso il caposcuola della cardiologia in Sardegna. Il ricordo di Giuseppe Mercuro e Luigi Meloni, docenti del nostro Ateneo

15 ottobre 2018

UniCa, lo sguardo è verso il futuro

Mattinata intensa con Carlo Ratti per l’inaugurazione del 398mo Anno accademico: un viaggio indimenticabile alla scoperta del cambiamento già in atto nelle nostre città. L’invito del docente del MIT agli studenti, sulle orme di JFK: “Non chiedetevi cosa l’università può fare per voi. Domandatevi piuttosto cosa voi potete fare per l’università”. Il Rettore: “L’esito dell’accreditamento è ufficiale: siamo l’Ateneo italiano che migliora di più”. La rappresentante degli studenti, Sara Agus: “L’esperienza universitaria è palestra di vita che educa all’impegno sociale”. Il rappresentante del personale, Ernesto Batteta: “L’Ateneo può vantarsi di noi”. Resoconto, IMMAGINI e VIDEO

11 ottobre 2018

Inaugurazione dell'Anno accademico

Sarà inaugurato venerdì 12 ottobre l'Anno accademico 2018/19: la solenne cerimonia si svolgerà come di consueto nell'Aula magna di Palazzo Belgrano, sede del Rettorato, a partire dalle 10.30. Il programma prevede la relazione del Magnifico Rettore, gli interventi del rappresentante del personale Ernesto Batteta, della rappresentante del Consiglio degli studenti Sara Agus, e l'intervento del professor Carlo Ratti. L'INTERA CERIMONIA SARA' TRASMESSA IN DIRETTA STREAMING

10 ottobre 2018

Un Ateneo che migliora costantemente

Aumenta il numero degli studenti regolari, cresce il Fondo di Finanziamento Ordinario (+1.98%) per effetto dei comportamenti virtuosi dell’Ateneo, che investe sul diritto allo studio: prossimo all’apertura il Baby parking a Sa Duchessa, impegnati più di due milioni e mezzo per migliorare aule e laboratori. Venerdì l’inaugurazione del 398mo Anno accademico dell’Università degli Studi di Cagliari con il prof. Carlo Ratti, l’architetto italiano che progetta le “senseable cities”, le città del futuro

Questionario e social

Condividi su: