UniCa UniCa News Notizie La ricerca artistica contro la violenza di genere e le discriminazioni

La ricerca artistica contro la violenza di genere e le discriminazioni

Nell’Aula Coroneo della Cittadella dei Musei, l'intervento sul tema di Simona Campus e Pamela Ladogana, docenti di Storia dell’arte contemporanea, per l’iniziativa “25 novembre tutto l’anno”
16 aprile 2018
Le Guerrilla Girls, Marina Abramovic e la Woman House di Judy Chicago

di Valeria Aresu

Cagliari, 17 aprile 2018Dalle Guerrilla Girls a Yoko Ono, passando per Marina Abramovic, Ketty La Rocca e Judy Chicago: sono queste alcune delle artiste di cui Simona Campus e Pamela Ladogana hanno parlato nel corso dell’incontro per “25 novembre tutto l’anno”, l’iniziativa dedicata al contrasto della violenza di genere, nata su impulso del Comitato Unico di Garanzia e fortemente voluta dal Rettore Maria Del Zompo.

Il seminario non solo ha illustrato le manifestazioni artistiche che hanno denunciato e rappresentato il tema del femminicidio e della violenza, ma ha voluto mettere in luce il lavoro e l’impegno di quelle artiste che hanno dedicato la propria carriera a denunciare le discriminazioni di genere nel sistema dell’arte.

La campagna di sensibilizzazione contro la violenza di genere promossa dal Comitato Unico di Garanzia dell'Ateneo
La campagna di sensibilizzazione contro la violenza di genere promossa dal Comitato Unico di Garanzia dell'Ateneo

“Nonostante siano trascorsi decenni da una delle più celebri opere delle Guerrilla Girls, che ha smascherato il maschilismo insito nel mondo dell’arte, la discriminazione di genere è un problema che ancora oggi non ha trovato risoluzione. Il sistema dell’arte è ancora un universo al maschile, in cui pochissime donne riescono ad emergere”: lo ha spiegato Simona Campus, nel corso della lezione di ieri.

La sperimentazione artistica ha cercato così di decostruire lo stereotipo della middlleclass woman, vittima di un sistema maschilista. “In questa ricerca, il medium fotografico rappresenta  un’arena ideale. L’obiettivo fotografico, infatti, racconta il corpo femminile in un modo innovativo, liberandolo finalmente dall'oppressione dello sguardo maschile”, ha ribadito infine Pamela Ladogana.

Il manifesto delle Guerrilla Girls che nel 1985 invase i muri delle metropolitane, gli spazi pubblicitari e le vetrine dei negozi di New York
Il manifesto delle Guerrilla Girls che nel 1985 invase i muri delle metropolitane, gli spazi pubblicitari e le vetrine dei negozi di New York

Allegati

Link

Ultime notizie

11 agosto 2022

Dottorati di ricerca, boom delle borse di UniCa

Dalle 77 dell’anno precedente passano a 133 per il XXXVIII ciclo. Il rettore Francesco Mola: “Grande sforzo dell’Ateneo che punta decisamente sui propri giovani, dando loro una straordinaria opportunità di formazione avanzata e di crescita professionale, e sullo sviluppo del territorio, mirando a tematiche di grande urgenza e di alto impatto”

08 agosto 2022

Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Grazie all’accesso ai laboratori dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISPC) parte dell’infrastruttura di ricerca per l’Heritage Science (E-RIHS), gli archeologi dell’Università di Cagliari guidati da Riccardo Cicilloni hanno ottenuto importanti risultati nel sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde in provincia di Oristano

08 agosto 2022

Comunicazione, stasera in tv i cinque corsi di laurea presentati al Poetto

In onda stasera l’approfondimento sul successo della festosa, affascinante e inedita presentazione nel Lungomare. "La cultura va alla città e viceversa" dice Antioco Floris. "Siamo qui per catturare un pubblico sempre più vasto" aggiunge Ester Cois. "Lavoriamo per essere sempre più vicini e inclusivi" rimarca Elisabetta Gola. Alle 21 su "Panorama sardo - speciale estate"

05 agosto 2022

Nasce «The Hadron Academy»

Aperte le iscrizioni al primo dottorato in Italia dedicato allo sviluppo tecnologico e biomedico dell’adroterapia, forma avanzata di radioterapia che utilizza particelle pesanti come protoni e ioni carbonio per trattare i tumori più complessi. Coordinato da Annalisa Bonfiglio, e promosso dal CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, insieme all’Università degli Studi di Cagliari, è aperto a 5 studenti meritevoli a cui saranno assegnate altrettante borse di studio, una delle quali messa a disposizione dal nostro Ateneo. Iscrizioni aperte a medici, fisici medici, biologi, bioingegneri, ingegneri di processo, fisici, giuristi, economisti, filosofi

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie